Saggi, articoli su riviste. Krugman ed altri » Selezione della Settimana

Greg Palast rivela che i voti sottratti in Stati cruciali hanno contribuito a truccare le elezioni negli Stati Uniti a favore di Trump. (intervista di Ben Gelblum) (dal blog TLE)

 

ETHNIC VOTES STOLEN IN CRUCIAL STATES HELP FIX US ELECTION FOR TRUMP, REVEALS GREG PALAST

By Ben Gelblum

Palast in his New York City Office

zz-238


Throughout the US election campaign one of The Donald’s main refrains was “this election is rigged.”

Turns out this particular Trump election rallying cry wasn’t a lie… Well, not entirely.

Veteran election investigator Greg Palast has uncovered the sickening truth. I spoke to Palast about evidence of widespread systemic election rigging, robbing black, hispanic and asian American voters of their right to vote in crucial states. – Enough votes to swing the election away from the Hillary Clinton victory predicted in polls – explaining suspicious exit polls inconsistencies – and towards a shock result for Trump and Republican victory in the Senate.

“Before a single vote was even cast, the election was already fixed by Trump operatives,” explains Palast.

“This country is violently divided. There simply aren’t enough white guys to elect Trump nor a Republican Senate. The only way they could win was to eliminate the votes of non-white guys—and they did so by tossing black provisional ballots into the dumpster, new strict voter ID laws that saw students and low income voters turned away—the list goes on.”

Palast has spent the past decade and a half investigating and identifying several techniques used to suppress ethnic minority and young votes – the voters that statistically vote Democrat.

And this is surely the biggest and most unreported scandal of the most bizarre election any of us can recall.

According to The Guardian, Palast is the “most important investigative reporter of our time – up there with Woodward and Bernstein.” The fast-talking fedora-topped reporter has investigated election irregularities for publications such as The Guardian, Rolling Stone, and BBC’s Newsnight, ever since the controversial Bush v Gore election in 2000.

The 2000 election was too close to call without Florida, where votes were counted and recounted for weeks before George W Bush won the state by a margin of just 537 votes out of almost 6 million, and as a result the presidency. Palast uncovered the purge of 56,000 black voters in Florida – wrongly deleted from voter rolls as ex-felons.

Now Palast’s investigative team are certain that vote suppression techniques were instrumental in last week’s Republican presidential and Senate victory.

“For years I have been following the American election process which is nothing like in England,” says Palast. “Election manipulation is a very big factor in US elections. I found we had a massive problem in Florida in 2000, similarly in 2004 in Ohio with tens of thousands of invalidated votes. And now we are back at it again.”

So why were Trump and his acolytes constantly drawing attention to vote rigging during the campaign?

Trump was constantly banging on about debunked claims of large scale voter fraud, urging supporters to volunteer to monitor the polls, and creating an atmosphere where hysteria and conspiracy theories abounded.

Former New York Mayor Rudy Giuliani, talked about busloads of people voting numerous times in some big cities. He also quipped that “dead people generally vote for Democrats, rather than Republicans.”

Yet truly, you are more likely to be struck by lightning in the next year (a one in 1,042,000 chance, according to the National Oceanic and Atmospheric Administration) than to find a case of voter fraud by impersonation (31 in over a billion ballots cast from 2000 to 2014, according to Loyola law school’s research).

Trump allies often cited the fact that Mitt Romney failed to win a single vote in 59 out of 1,687 Philadelphia precincts that happened to be almost entirely black. But with their demographic make up it’s no surprise why and investigations by Philadelphia’s Republican Party and the Philadelphia Inquirer found nothing untoward. Nationwide, 93% of black voters voted for Barack Obama that year.

In 2012, an Arizona State University study concluded: “while fraud has occurred, the rate is infinitesimal, and in-person voter impersonation on Election Day, which prompted 37 state legislatures to enact or consider tough voter ID laws, is virtually non-existent.”

So despite the lack of evidence or convictions for the crime of multiple voting, certain Republican figures devised draconian systems to prevent it, which have also served to deny electorally significant sections of the population of their right to vote. – Disproportionately ethnic votes, which are way more likely to be Democrats.

And now the election is over, according to Palast, Trump’s increasing hysteria about vote rigging served as the ultimate smokescreen for a systematic denial of hundreds of thousands of crucial votes in the name of preventing fraud.

A ‘bigly’ enough scam to win Trump the Whitehouse.

Palast started investigating Donald Trump’s increasingly hysterical claims that the election was rigged by people voting many times for Rolling Stone Magazine, and made some shocking discoveries in his report last August: The GOP’s Stealth War Against Voters.

As a response to constant paranoia about voter fraud, 30 mainly Republican states have adopted a system called the Interstate Voter Registration Crosscheck Program (Crosscheck), according to the National Conference of State Legislatures.

This system was devised in 2005 by Kansas Secretary of State Kris Kobach, better known as the anti-immigration fanatic responsible for Trump’s idea of building a wall on the US / Mexico border and getting Mexico to pay for it. Kobach, like Trump, has given lip service to conspiracy theories, especially ones that bolster fears of the growing influence of racial and ethnic minorities in the U.S. And now, interestingly he has been rewarded by Trump with a job on his Transition Team as adviser on immigration.

Kobach convinced other states, including crucial swing states such as Michigan and North Carolina, to share their voter lists to look for the same name potentially registered to vote in more than one state. Crosscheck supposedly matches first, middle and last name, plus birth date, and provides the last four digits of a Social Security number for additional verification.

Seems like a sensible method to stop people voting more than once in separate states. Only it soon became clear that Crosschecking was neither accurate nor fair and was not being used as it should. Some states including Florida dropped out of the program due to doubts about the reliability of its data — though other states joined despite these concerns.

Palast’s team discovered Crosscheck had amassed a list of 7.2 million people registered to vote accused of being potential double registered voters. 

Yet despite such an enormous list of suspects, there has only been four arrests.

“It is a crime to deliberately register to vote twice,” says Palast. “You go to jail for five years. And to organise double voting on a significant scale is practically impossible. They are basically arresting no one – about four arrests out of a list which identified around seven million potential double voters, and I doubt these arrests are even due to the list.”

Palast’s team managed (legally) to get hold of over 2 million names identified as potential double registered voters and soon began to spot obvious mistakes. The failsafes of National Insurance number and date of birth meant to make the system foolproof were not attached and appeared to have been ignored.

“The most common name in the world is Mohamed Mohamed,” explains Palast, scanning through the list of names, “so for example under this Trump hit list, Mohamed Said Mohamed is supposed to be the same voter as Mohamed Osman Mohamed – in fact about one out of four middle names don’t match and Jr and Sr don’t match – so for example with James Brown a very common black name – they are matching James Brown Sr to James Brown Jr and saying it’s the same voter and then the middle names don’t even match.”

U.S. Census data shows that minorities are overrepresented in 85 of 100 of the most common last names. “If your name is Washington, there’s an 89 percent chance you’re African-American,” says Palast. “If your last name is Hernandez, there’s a 94 percent chance you’re Hispanic.”

zz-239

 

 

 

 

 

 

 

This inherent bias results in an astonishing one in six Hispanics, one in seven Asian-Americans and one in nine African-Americans in Crosscheck states landing on what Palast dubs “Trump’s hit list.” 

Potential double registrants were sent a postcard and asked to verify their address by mailing it back. “The junk mail experts we spoke to said this postcard is meant not to be returned. It’s inscrutable small print, doesn’t mean anything. It doesn’t even say you’re accused of voting twice. It just says, please confirm your voting address,” explains Palast, “and most people of colour, poor voters don’t respond to this sort of mailing and they know that.”

According to the Census Bureau, white voters are 21 percent more likely than blacks or Hispanics to respond to official requests; homeowners are 32 percent more likely to respond than renters; and the young are 74 percent less likely than the old to respond. Those on the move – students and the poor, who often shift apartments while hunting for work – might not get the mail in the first place.

So if a few older white people, more likely to vote Republican were caught up in the mainly ethnic hit list, they were more likely to return the card and retain their right to vote. If you do not reply to the missive, state officials have discretion over what to do next, and the process varies from state to state. What Palast’s investigation made clear is ethnic voters were disproportionately likely to be targeted and purged from voter lists.

All this despite other states choosing a more reliable system to prevent double voting: the Electronic Registration Information Center, (ERIC) – adopted by 20 member states plus the District of Columbia, according to its website. A 2013 report found ERIC actually boosted voter registration and turnout and eliminated errors in voter files.

Palast’s investigators calculated 1.1 million people, many spread over crucial swing states were deprived of their right to vote last Tuesday. 

According to the exit polls last Tuesday, 88% of black voters voted for Hillary Clinton, as well as  65% of hispanic and asian American voters.

“The list is loaded overwhelmingly with voters of colour and the poor,” says Palast. “Many didn’t discover that their vote was stolen until they turned up last Tuesday and found their name missing. In the US they are given something called a provisional ballot, but if your name is not on the voter roll, you can fill out all the provisional votes you like they’re not going to count your vote. – They can’t even if you’re wrongly removed.

“Trump’s victory margin in Michigan was 13,107 and the Michigan Crosscheck purge list was 449,922. Trump’s victory margin in Arizona- 85,257, Arizona Crosscheck purge list- 270,824;. Trump’s victory margin in North Carolina was 177,008 and the North Carolina Crosscheck purge list had 589,393 people on it.”

Crosscheck was by no means the only method that came to light to disenfranchise voters more likely to vote Democrat.

Palast also cites statistics on vote spoilage – “In the UK, glitches, spoiled or empty ballots are random,  but here, the US Civil Rights Commission found in Florida you are 900% more likely to lose your vote to spoilage if you are black than if you are white.” Statistician Philip Clinker author of the study, has said that this is typical nationwide, and according to Palast, if anything, the situation has got worse since the 2000 study.

In 2013, the Supreme Court overturned part of the Voting Rights Act enacted in 1965 at the heart of the Civil Right Movement to prohibit racial discrimination in voting. This allowed all kinds of shenanigans in the lead up to last week that previously could have been challenged by the Department of Justice.

In North Carolina, for example, Republicans even bragged: “African American Early Voting is Down.”

This after a federal court federal court found their voting restrictions “target African-Americans with almost surgical precision.”

zz-240

 

 

 

 

 

 

States, particularly those controlled by Republicans, made several changes this year, such as stricter voter ID laws and restricting polling booths, to make voting harder in a way that targeted generally Democrat-voting ethnic minority voters. There were reports of ridiculously long queues. As this is not the first election this has happened in, it appears to be a deliberate tactic.

Harvard’s Stephen Pettigrew who studies polling lines found that ethnic minority voters were six times more likely to have to stand in line for over an hour. And losing out on work from disproportionately long queues costs people in ethnic minority areas proportionately more in lost income, which also puts them off voting next time. Pettigrew estimated that 200,000 people did not vote in 2014 because of queues encountered in 2012.

“Election day was marred by long lines due to cuts in early voting and 868 fewer polling places,” adds Palast, “to say nothing of the untold millions who were unable to vote due to restrictive voter ID and felon disenfranchisement laws.”

During the election last week, Palast also made a shocking discovery about voting machines in Ohio – one of the states in which he found many black voters were disenfranchised by a mixture of the Crosscheck and other systems, and exit polls differed markedly from the counted votes.

“In the state of Ohio they have fancy new machines which can record an image of your vote and an anti-hacking function. They were turned off,” explains Palast. “I went to court with Bob Fitrakis a law professor in Ohio to have this overturned. I went into the judge’s chamber, and there the Republicans did not deny that it was turned off but they said to turn it back on would create havoc. – This after the FBI had issued a warning that they feared the machines would be hacked.

“If you get such a warning, why would you turn off the anti-hacking mechanism? All this means we will never know if the machines were hacked and how many votes were lost if there was a challenge as there was no image of the vote recorded.”

Greg Palast’s documentary and book last year The Best Democracy Money Can Buy  further details his warnings about voter suppression techniques we haven’t even mentioned in this article.

“I stuck my neck out last year, saying they would steal this election, and I really hoped I would be left looking like an idiot. 

“Turns out I was right though,” he adds. “The problem with the electoral college is a few thousand votes in tiny states can flip an election.”

(….)

Civil rights organisation NAACP, which nine times managed to see off voter suppression of hundreds of thousands of votes in the federal courts over the past few months, is now mounting a legal battle to reinstate fully the Voter Registration Act.

Palast and his team are certain that the chicanery they and others uncovered more than explains the difference between the outcome polls predicted and the result of the presidential and senate elections – especially when it comes to the exit polls taken as people had just voted.

“Crosscheck does not account for all the shoplifting, but if you put it together with the other nine methods to steal votes that I identified, there’s little question that the exit polls were correct and Hillary Clinton won, or at least more voters voted for her in the swing states. Obviously she won the popular vote, but we have an electoral college system. If they counted all the votes in all the swing states the traditionally highly accurate exit polls would have been accurate,” adds Palast.

Electoral Integrity blogger Theodore de Macedo Soares drew attention to the bizarre discrepancy between computer counted official vote counts and exit polls last week, writing: “According to the exit polls conducted by Edison Research, Clinton won four key battleground states (NC, PA, WI, and FL) in the 2016 Presidential Election that she went on to lose in the computerized vote counts.  With these states Clinton wins the Electoral College with a count of 302 versus 205 for Trump.  Clinton also won the national exit poll by 3.2% and holds a narrow lead in the national vote count still in progress. Exit polls were conducted in 28 states. In 23 states the discrepancies between the exit polls and the vote count favored Trump. In 13 of these states the discrepancies favoring Trump exceeded the margin of error of the state.”

zz-241

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palast believes such discrepancies, some far greater than any acceptable margin of error are indicative of systematic electoral rigging to steal Democrat votes:

“The bane of pre-election polling is that pollsters must adjust for the likelihood of a person voting.  Exit polls solve the problem. The US State Department uses exit polling to determine whether you accept the outcome of a foreign election. The Brexit exit polls were extremely accurate. Yet in the Ukraine the US does not accept the result of the 2004 election because of the exit poll mismatch with the final official count.

“And here for example in North Carolina we have the exit poll raw data at 2.1% favouring victory by Clinton, yet she loses by 3.8% in the final count. In Pennsylvania 4.4% victory suddenly became a 1.2 % loss; Wisconsin: 3.9% victory becomes a 1% loss; Florida: 1.1% victory becomes a 1% loss.

“In the swing States we have this massive red shift because when people come out of the votes, exit pollsters can only ask, “How did you vote?” What they don’t ask, and can’t, is, “Was your vote counted?””

Kris Kobach did not give us a comment, but a statement from Kris Kobach’s office on the Crosscheck program said it had been used for over a decade, and insisted “merely appearing as a potential match does not subject a voter to removal from a participating states’ voter registration roll/record.  Ineligible and/or unqualified persons who are registered voters are only removed from a states’ voter registration roll/record if the person is subject to removal pursuant to applicable state and federal elections provisions.”

Kobach’s Kansas Secretary of State office also added this regarding Kansas procedures: “First, the interstate crosscheck program is a program used by a bi-partisan group of Secretaries of State to enhance current list maintenance procedures used by each state. There are no racial characteristics attached to any record used within the system. Secondly, the program does not match only on first name and surname, the program requires an exact match of first name, last name and date of birth.  I have not seen any research that claims that black, Latino, and Asian Americans are more likely to match exactly on first name, last name, and date of birth compared to other groups of Americans. Third, before any voter registration record is removed in Kansas, the voter must confirm the information is correct. If the registered voter receives the postcard and does not respond, no action is taken…. If the confirmation notice is returned by the post office as undeliverable the election office will change the voter registration status to ‘inactive’ and wait for the registered voter to miss two consecutive general elections before cancelling the voter registration record. No person is removed for not responding to the mailing.”

 

Greg Palast rivela che i voti sottratti in Stati cruciali hanno contribuito a truccare le elezioni negli Stati Uniti a favore di Trump.

(intervista di Ben Gelblum)

Nel corso della campagna elettorale negli Stati Uniti, uno dei principali ritornelli di The Donald è stato: “queste elezioni sono truccate”.

Si scopre che questa particolare parola d’ordine della campagna di Trump non era una bugia … ebbene, non interamente.

L’investigatore veterano sugli andamenti elettorali Greg Palast ha portato alla luce la disgustosa verità. Ho parlato con Palast sulle prove di una manipolazione elettorale diffusa e sistemica, sottraendo agli elettori americani neri, ispanici e asiatici il loro diritto di voto in Stati cruciali.  Voti sufficienti per far oscillare l’elezione dalla vittoria della Clinton prevista nei sondaggi, verso un risultato impressionante per Trump e verso la vittoria repubblicana al Senato, così spiegando le sospette incongruenze con i sondaggi all’uscita dai seggi.

“Prima che non fosse neanche assegnato un singolo voto, le elezioni erano già state truccate dai funzionari di Trump”, spiega Palast.

“Questo paese è brutalmente spaccato in due. Semplicemente, non ci sono abbastanza persone bianche per eleggere Trump o un Senato repubblicano. L’unico modo in cui potevano vincere era eliminare i voti delle persone non-bianche – e l’hanno fatto tirando nella spazzatura le schede provvisorie delle comunità afroamericane, con le nuove rigide leggi sull’identità degli elettori che considerano esclusi gli studenti e gli elettori a basso reddito, e si potrebbe continuare.”

Palast ha passato l’ultimo quindicennio a indagare e a identificare svariate tecniche utilizzate per far scomparire i voti delle minoranze etniche e i voti giovanili – gli elettori che statisticamente votano democratico.

E questo è sicuramente il più grande e il meno documentato scandalo delle più strane elezioni che nessuno di noi ricordi.

Secondo The Guardian, Palast è “il più importante giornalista di indagine del nostro tempo – al livello in cui si collocano Woodford e Bernstein [1]”. Il giornalista dalla parola facile che indossa l’eterno cappello di feltro ha indagato su irregolarità elettorali in articoli per il The Guardian, Rolling Stone e il Newsnight della BBC, sin dalla elezione controversa del 2000 di Bush contro Gore.

Il risultato elettorale del 2000 era troppo ravvicinato per essere ammesso senza la Florida, dove i voti furono contati e ricontati per settimane prima che George W. Bush si aggiudicasse lo Stato con un margine di soli 537 voti su circa sei milioni, e di conseguenza la Presidenza. Palast scoprì la ‘pulizia’ di 56.000 votanti di colore – ingiustamente cancellati dai registri elettorali come pregiudicati.

Oggi la squadra investigativa di Palast è certa che le tecniche di eliminazione dei voti siano state strumentali nella vittoria repubblicana alle elezioni presidenziali e al Senato della scorsa settimana.

“Ho seguito per anni il processo elettorale americano, che è qualcosa di completamente diverso dall’Inghilterra”, dice Palast. “La manipolazione elettorale è un fattore assolutamente rilevante nelle elezioni negli Stati Uniti. Scoprii che avevamo avuto un massiccio problema in Florida nel 2000, in modo simile nell’Ohio nel 2004 con decine di migliaia di voti invalidati. Ed oggi ci risiamo.”

Perché dunque Trump e i suoi seguaci hanno costantemente portato l’attenzione sul tema della manipolazione del voto, durante la campagna elettorale?

Trump ha continuato a parlare in continuazione di false pretese di frodi elettorali su larga scala, facendo pressioni su sostenitori e volontari per monitorare le votazioni e creare un’atmosfera dominata dall’isteria e dalle teorie della cospirazione.

Il passato Sindaco di New York Rudy Giuliani parlava di camionate di persone che, in alcune grandi città, votavano numerose volte. È arrivato a fare la battuta secondo la quale “i morti generalmente votano per i democratici, piuttosto che per i repubblicani”.

Tuttavia, in verità, è più probabile che finiate colpiti da un fulmine nel prossimo anno (una possibilità su un milione e 42 mila, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration) piuttosto che scoprire un caso di frode elettorale per falsificazione di identità (dal 2000 al 2014, 31 casi su più di un miliardo di schede elettorali, secondo la ricerca della Scuola di legge Loyola).

Gli alleati di Trump citano spesso il fatto che Mitt Romney non riuscì ad ottenere un solo voto in 59 distretti di Filadelfia su 1.687, che erano composti quasi interamente da afroamericani. Ma data la loro composizione demografica la ragione non era sorprendente, e le indagini del Partito Repubblicano di Filadelfia e di Philadelphia Inquirer [2] non scoprirono niente di irregolare. Quell’anno, il 93% degli elettori di colore votarono per Barack Obama.

Nel 2012, uno studio dell’Università Statale dell’Arizona concludeva: “se ci sono state frodi, la percentuale è infinitesimale, e la falsificazione di identità di un elettore nell’Election Day, che ha suggerito a 37 legislazioni statali di approvare o di prendere in esame severe ‘leggi elettorali sulla identificazione dell’elettore’ [3], è praticamente inesistente”.

Dunque, nonostante l’assenza di prove o di condanne per il crimine di voto multiplo, certi personaggi repubblicani hanno ideato sistemi draconiani per impedirlo, che sono anche serviti a togliere a parti significative dell’elettorato il loro diritto al voto. Elettori che sono, senza proporzione alcuna, appartenenti a gruppi etnici, che è più probabile siano democratici.

E adesso che le elezioni sono passate, secondo Palast, la crescente isteria sulla manipolazione del voto da parte di Trump è servita come la definitiva cortina fumogena per un sistematico non voler ammettere le centinaia di migliaia di voti cruciali, in nome dell’impedimento di frodi elettorali.

Un inganno piuttosto ‘grosso’ [4], per far ottenere a Trump la Casa Bianca

Palast cominciò a indagare sulle pretese sempre più isteriche di Trump sul fatto che le elezioni venivano manipolate da persone che votavano più volte per la rivista Rolling Stone, e face alcune impressionanti scoperte nel suo resoconto dello scorso agosto: “La guerra segreta del Partito Repubblicano contro gli elettori”.

Come risposta alla continua nevrosi sulle frodi elettorali, 30 Stati prevalentemente repubblicani hanno adottato un sistema chiamato Programma di controlli incrociati sulla registrazione degli elettori (Crosscheck), sulla base delle legislazioni della Conferenza Nazionale dello Stato. Questo sistema venne ideato dal Segretario di Stato del Kansas Kris Kobach, più noto come il fanatico anti-immigrazione responsabile per conto di Trump dell’idea della costruzione di un muro al confine degli Stati Uniti e del Messico, da far pagare al Messico. Come Trump, Kobach ha dato la sua adesione formale alle teorie della cospirazione, in particolare a quelle che danno sostegno alle paure sulla crescente influenza delle minoranze razziali ed etniche negli Stati Uniti. E adesso, aspetto interessante, è stato premiato da Trump con un posto di lavoro nella sua ‘squadra di transizione’ come consulente sull’immigrazione.

Kobach convinse altri Stati, inclusi cruciali ‘Stati oscillanti’ come il Michigan ed il Nord Carolina, a condividere le loro liste elettorali per cercare gli stessi nomi potenzialmente registrati in più di uno Stato. Crosscheck si suppone che confronti il primo nome, quello intermedio e quello finale, in aggiunta alla data di nascita e fornisca le ultime quattro cifre di un numero del programma della Sicurezza Sociale per una verifica aggiuntiva.

Sembra un metodo sensato per impedire alle persone di votare in più di uno Stato. Solo che divenne subito chiaro che Crosscheck non era né accurato né onesto, e non veniva usato come doveva.  Alcuni Stati come la Florida scaricarono quel programma a seguito di subbi sulla affidabilità dei suoi dati – sebbene altri Stati aderissero nonostante quelle preoccupazioni.

La squadra di Palast ha scoperto che Crosscheck ha ammassato una lista di 7 milioni e 200 mila persone registrate per il voto, accusate di essere potenziali elettori con doppia registrazione.

Tuttavia, nonostante una tale enorme lista di sospetti, ci sono stati soltanto quattro arresti.

“È un crimine registrarsi deliberatamente per votare due volte”, dice Palast. “Si va in galera per cinque anni. E organizzare su vasta scala il voto doppio è praticamente impossibile. Fondamentalmente non stanno procedendo contro nessuno – circa quattro arresti da una lista che identificava attorno a sette milioni di potenziali doppi votanti, ed io dubito che questi arresti siano persino dovuti a quella lista”.

La squadra di Palast riuscì (legalmente) a entrare in possesso di più di due milioni di nomi identificati come elettori potenzialmente registrati due volte e cominciò subito a individuare evidenti errori. La sicurezza intrinseca dei numeri della Assicurazione Nazionale e delle date di nascita erano tali da fare in modo che il sistema a prova di bomba non fosse attaccato, e sembravano essere state ignorate.

Spiega Palast, scorrendo la lista dei nomi: “Il nome più comune nel mondo è Mohamed Mohamed. Dunque, ad esempio, secondo questa ‘lista bersaglio’, Mohamed Said Mohamed si suppone sia lo stesso elettore che Mohamed Osman Mohamed – di fatto circa uno su quattro nomi intermedi non combaciano e ‘Junior’ e ‘Senior’ non combaciano – lo stesso, ad esempio, per un nome molto comune tra gli afroamericani come James Brown – essi stanno equiparando James Brown Senior a James Brown Junior e stanno affermando che si tratta dello stesso elettore, e poi neanche i nomi intermedi combaciano”.

Il Censimento degli Stati Uniti dimostra che le minoranze sono sovra rappresentate in 85 su 100 degli ultimi nomi più comuni. “Se ti chiami Washington, c’è l’85 per cento delle possibilità che tu sia un afroamericano”, dice Palast. “Se ti chiami Hernandez, c’è un 94 per cento di possibilità che tu sia un ispanico”.

zz-239

 

 

 

 

 

 

Questa tendenza inevitabile risulta in un sorprendente caso su sei tra gli ispanici, uno su sette tra gli americani asiatici, e uno su nove tra gli afroamericani, negli Stati Crosscheck che ricadono in quella che Palast ha nominato “la lista bersaglio di Trump”.

Ai potenziali elettori con doppia registrazione è stata spedita una cartolina postale per chiedere di verificare il loro indirizzo rispedendola indietro. “Gli esperti di corrispondenza spazzatura con i quali abbiamo parlato hanno detto che questa cartolina postale è destinata a non avere risposte. Si tratta di una stampa quasi invisibile, che non significa niente. Dice soltanto di confermare il proprio indirizzo elettorale”, spiega Palast, “e la maggioranza delle persone di colore e degli elettori poveri non rispondono a questo genere di posta. E loro lo sanno.”

Secondo l’Ufficio del Censimento, gli elettori bianchi hanno un 21 per cento di maggiori possibilità di rispondere a richieste ufficiali, rispetto ai neri o agli ispanici; i possessori di abitazioni hanno il 32 per cento di maggiori possibilità di rispondere rispetto a coloro che sono in affitto; e i giovani hanno il 74 per cento di minori possibilità di rispondere rispetto agli anziani. Coloro che si spostano – gli studenti e i poveri, che spesso cambiano alloggio mentre sono in cerca di lavoro – possono non ricevere la posta nel loro luogo originario.

Dunque, se pochi elettori bianchi più anziani, con maggiori probabilità di votare per i repubblicani, fossero raggiunti nella lista principalmente a bersaglio etnico, sarà più probabile che essi rispediscano la cartolina e mantengano il loro diritto di voto. Se non c’è risposta alla missiva, i funzionari dello Stato hanno la discrezione di decidere il passo successivo, e il comportamento varia da Stato a Stato. Quello che l’indagine di Palast ha messo in chiaro è che per gli elettori dei gruppi etnici era sproporzionatamente più probabile essere presi di mira ed esclusi dalle liste dei votanti.

E tutto questo nonostante che altri Stati scelgano un sistema più affidabile per impedire il voto doppio: il Centro di Informazioni sulla Registrazione Elettronica (ERIC), secondo il suo sito web, è stato adottato dai 20 Stati membri più il Distretto di Columbia. Un rapporto del 2013 ha scoperto che ERIC ha effettivamente incoraggiato la registrazione e l’affluenza degli elettori, ed ha eliminato errori nelle liste elettorali.

Gli investigatori di Palast hanno calcolato che 1 milione e 100 mila persone, molte sparse nei cruciali Stati con andamenti elettorali oscillanti tra i due Partiti, lo scorso martedì sono state private del loro diritto di voto.

 Secondo i sondaggi all’uscita dai seggi martedì scorso l’88% degli elettori neri ha votato per Hillary Clinton, oltre ad un 65% degli elettori ispanici e asiatici.

“La lista è piena in modo schiacciante di elettori di colore e di poveri”, dice Palast. “Molti non hanno scoperto che il loro voto era stato escluso sinché non sono arrivati martedì scorso ed hanno scoperto che il loro nome mancava. Negli Stati Uniti viene fornito qualcosa chiamato voto provvisorio, ma se il vostro nome non è nel registro elettorale, potete compilare tutti i voti provvisori che volete, il vostro voto non sarà messo in conto. Non lo sarà nemmeno se siete stati rimossi erroneamente.”

“Il margine di vittoria di Trump in Michigan è stato di 13.107 voti e le eliminazioni di Crosscheck in Michigan sono state 449.922 votanti. Il margine di vittoria di Trump in Arizona è stato di 85.257 voti, le eliminazioni della lista di Crosscheck in Arizona sono state 270.824. Il margine di vittoria di Trump nel Nord Carolina è stato di 177.008 voti, la lista delle eliminazioni del Crosscheck del Nord Carolina conteneva 589.393 persone.”

Crosscheck non è stato in alcun modo l’unico sistema che è venuto alla luce per togliere il diritto di voto ad elettori che avevano maggiori probabilità di votare per i democratici.

Palast cita anche le statistiche sugli scarti nel voto. “Nel Regno Unito gli errori tecnici, le schede scartate o vuote sono casuali, ma qua, la Commissione sui Diritti Civili degli Stati Uniti ha scoperto che in Florida si ha il 900% delle possibilità in più di perdere il proprio voto per effetto degli scarti se siete neri anziché essere bianchi.” L’autore dello studio, lo statistico Philip Clinker, ha affermato che questo avviene normalmente su scala nazionale, e secondo Palast la situazione è semmai peggiorata a partire dallo studio del 2000.

Nel 2013, la Corte Suprema ha revocato parte della Legge sui Diritti Elettorali approvata nel 1965, che era il cuore del Movimento sui diritti civili, per impedire la discriminazione razziale nel voto. Questo ha consentito imbrogli di ogni genere alla vigilia della scorsa settimana che in precedenza sarebbero state impugnate dal Dipartimento di Giustizia.

Nel Nord Carolina i repubblicani si sono persino vantati con affermazioni di questo genere: “Il voto anticipato degli afro americani è sceso”.

 Questo dopo che un Tribunale federale aveva scoperto che le loro restrizioni sul voto “colpiscono gli afro americani con precisione quasi chirurgica”.

 

La coalizione di Obama nel Nord Carolina si disgrega
Il voto anticipato degli afro americani questa volta è scesa dell’8,5% dal 2012.
Il voto anticipato dei caucasici questa volta è sceso del 22,5% rispetto al 2012.
Gli afro americani, sul complesso dei voti anticipati, sono scesi del 6% (2012: 28,9%. 2016: 22,9%) ed i caucasici sono saliti del 4,2% (2012: 65,8%. 2016: 70,0%).

 

Gli Stati, in particolare quelli controllati dai repubblicani, hanno realizzato parecchi cambiamenti quest’anno, quali leggi più severe sul controllo identitario e riduzioni delle cabine elettorali, per rendere più difficile votare in un modo che generalmente aveva per obbiettivo le minoranze etniche che votano democratico. Ci sono stati resoconti su code assurdamente lunghe. Non è la prima volta che avviene una cosa del genere, sembra essere una tattica deliberata.

Stephen Pettigrew di Harvard che studia le fila elettorali ha scoperto che per gli elettori delle minoranze etniche era sei volte più probabile dover restare in fila per più di un’ora. E rimettendoci di lavoro in conseguenza di code sproporzionatamente lunghe costa, alle popolazioni nelle aree delle minoranze etniche, proporzionalmente una maggiore perdita di reddito, la qual cosa le induce a non votare la volta successiva. Pettigrew ha stimato che 200.000 persone non votarono nel 2014 a seguito delle code che avevano sperimentato nel 2012.

“Il giorno delle elezioni è stato guastato dalle lunghe fila conseguenti ai tagli alle votazioni anticipate ed a 868 seggi elettorali in meno”, aggiunge Palast, “per non dire dei milioni di persone delle quali non si parla, che sono state impossibilitate a votare a seguito delle leggi sulla identificazione elettorale restrittive e delle leggi sulla privazione dei diritti elettorali nei confronti di chi ha subito condanne”.  

Durante le elezioni della scorsa settimana, Palast ha anche fatto una impressionante scoperta sui congegni elettorali in Ohio – uno degli Stati nei quali ha scoperto molti elettori neri che avevano perso il diritto di voto a seguito di una combinazione del Crosscheck e di altri sistemi, e nel quale i sondaggi all’uscita dai seggi sono risultati marcatamente diversi dai voti conteggiati.

“Nello Stato dell’Ohio hanno nuovi fantastici congegni che possono documentare una immagine del vostro voto e possiedono una funzione contro la pirateria informatica. Essi sono stati disattivati”, spiega Palast. “Sono andato al Tribunale assieme a Bob Fitrakis, un professore di legge dell’Ohio, per aver conto di questo rovesciamento. Sono stato nell’ufficio del giudice, e lì i repubblicani non hanno negato che esse fossero state disattivate, ma hanno affermato che tornare indietro avrebbe creato caos. Questo dopo che l’FBI aveva diffuso un ammonimento sui loro timori che le macchine venissero fatte oggetto di attacchi informatici.”

“Se ricevete un tale ammonimento, perché dovreste disattivare i congegni contro la pirateria informatica?  Tutto questo comporta che non sapremo mai se le macchine sono state attaccate e quanti voti sono andati perduti se ci fosse una impugnazione, così come non restava alcuna immagine del voto registrato”.

Il documentario di Greg Palast ed il libro dell’anno passato “I soldi che possono comprare la migliore democrazia” dettagliano ulteriormente la sua messa in guardia sulle tecniche di eliminazione degli elettori che non abbiamo neppure menzionato nel presente articolo.

“L’anno scorso mi esposi alle critiche, dicendo che avrebbero rubato queste elezioni, e francamente speravo che avrei finito coll’apparire un idiota.”

 “Sembra però che avessi ragione”, aggiunge Palast. “Il problema con i collegi elettorali è che poche migliaia di voti in Stati minuscoli possono capovolgere un risultato elettorale.”

(….)

L’organizzazione per i diritti civili NAACP, che ha cercato per nove volte, nei mesi passati, di far eliminare la soppressione di centinaia di migliaia di voti nei Tribunali federali, sta adesso dando vita ad una battaglia legale per ripristinare per intero la Legge sulla Registrazione degli Elettori.

Palast e la sua squadra sono certi che l’imbroglio che assieme ad altri hanno scoperto, spieghi in abbondanza la differenza tra i risultati previsti nei sondaggi d il risultato delle elezioni presidenziali e del Senato – in particolare quando ci si riferisce ai sondaggi all’uscita dei seggi presi con persone che avevano appena votato.

“Crosscheck non dà conto di tutta la sottrazione truffaldina, ma se la mettete assieme agli altri nove metodi per rubare voti che ho identificato, ci sono pochi dubbi che gli esiti dei sondaggi all’uscita dai seggi fossero corretti e che Hillary Clinton avesse vinto, o almeno che un numero maggiore di elettori avessero dato a lei il loro voto negli ‘Stati oscillanti’. Ovviamente, ella aveva vinto nel voto popolare, ma noi abbiamo un sistema con i collegi elettorali.” Aggiunge Palast: “Se si contassero tutti i voti in tutti gli Stati in bilico, i tradizionalmente molto accurati exit polls sarebbero risultati puntuali”.

Il blogger Theodore de Macedo Soares, che si occupa di integrità delle condotte elettorali, ha attirato l’attenzione sulla curiosa discrepanza tra i conteggi ufficiali dei voti elaborati dai computer e i sondaggi all’uscita dei seggi della scorsa settimana, scrivendo: “Secondo i sondaggi all’uscita dai seggi condotti da Edison Research nelle elezioni presidenziali del 2016, la Clinton aveva vinto in quattro Stati che erano terreni di scontro cruciali (Carolina del Nord, Pennsylvania, Wisconsin e Florida), nei quali ha poi perso nel conteggio computerizzato dei voti. Con questi Stati la Clinton si sarebbe aggiudicata il Collegio Elettorale con un totale di 302 eletti contro 205 per Trump. La Clinton aveva anche vinto nei sondaggi nazionali all’uscita dai seggi per un 3,2% e mantiene uno stretto vantaggio nel conteggio nazionale dei voti ancora in corso. I sondaggi all’uscita dei seggi sono stati condotti in 28 Stati. In 23 Stati le discrepanze tra i sondaggi e il conteggio dei voti sono andate a favore di Trump. In 13 di questi Stati le discrepanze a favore di Trump hanno superato il margine di errore dello Stato”

zz-241

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Palast crede che tali discrepanze, di gran lunga maggiori di ogni accettabile margine di errore, siano indicative di una sistematica manipolazione elettorale per sottrarre voti ai democratici:

“L’assillo con i sondaggi preelettorali è che i sondaggisti devono operare correzioni sulla base della probabilità che una persona voti. I sondaggi all’uscita dei seggi risolvono il problema. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti utilizza i sondaggi all’uscita dei seggi per stabilire se accettare il risultato di una elezione straniera. I sondaggi all’uscita dei seggi per la Brexit furono estremamente accurati. Tuttavia, in Ucraina gli Stati Uniti non hanno accettato il risultato delle elezioni del 2004 perché i sondaggi all’uscita dai seggi non corrispondevano con iul conteggio ufficiale finale.

“E in questo caso, per esempio, nel Nord Carolina abbiamo i dati grezzi sui sondaggi all’uscita che sono per il 2,1% a favore della Clinton, ciononostante ella ha perso per il 3,8% nel conteggio finale. In Pennsylvania una vittoria del 4,4% all’improvviso è diventata una perdita dell’1,2%; nel Wisconsin una vittoria del 3,9% è diventata una perdita dell’1%; in Florida una vittoria dell’1,1% è diventata una perdita dell’1%.”

“Negli Stati in bilico abbiamo questo massiccio spostamento verso i repubblicani perché quando le persone escono dai seggi, i sondaggisti all’uscita possono solo chiedere ‘Come ha votato?’. Quello che non chiedono e non possono chiedere è: ‘Il suo voto è stato conteggiato?’”

 Kris Kobach non ci ha fornito un commento ma una dichiarazione da parte del suo ufficio nel programma Crosscheck ha affermato che esso è stato usato per circa un decennio ed ha ribadito che “il solo apparire come un potenziale abbinamento non sottopone un elettore alla rimozione dai registri delle liste elettorali degli Stati partecipanti. Persone che non hanno il diritto e/o la qualifica che sono registrate come elettori sono rimosse soltanto dai registri delle liste degli elettori se la persona è soggetta a rimozione a seguito di disposizioni applicabili alle elezioni dello Stato e federali.”

L’ufficio della Segreteria di Stato del Kansas ha anche aggiunto, riguardo alle procedure: “Anzitutto, il programma Crosscheck è un programma utilizzato da un gruppo bipartisan di Segreterie di Stato per migliorare le procedure di manutenzione delle liste vigenti utilizzate da ogni Stato. Non c’è alcuna caratteristica razziale connessa con qualsiasi documento utilizzato dentro il sistema. In secondo luogo, il programma non confronta soltanto il primo nome ed il cognome, il programma richiede una esatta comparazione del primo nome, del cognome e della data di nascita. Non abbiamo letto alcuna ricerca che sostenga che i neri, gli ispanici e gli americani asiatici abbiano maggiori probabilità di una esatta combinazione del primo nome, del cognome e della data di nascita, rispetto ad altri gruppi di americani. In terzo luogo, prima che ogni elettore venga rimosso da un registro elettorale, egli deve confermare che l’informazione sia corretta. Se l’elettore riceve la cartolina e non risponde, non si assume alcuna iniziativa …. Se la notizia di conferma è restituita dall’ufficio postale come non consegnabile, l’ufficio elettorale cambierà la condizione di registrazione dell’elettore in “inattivo” ed attenderà che l’elettore registrato manchi a due consecutive elezioni generali prima di cancellarlo dal registro elettorale. Nessuna persone viene rimossa per non aver risposto alla comunicazione postale.”

 

 

[1] Robert Upshur “Bob” Woodward, in collaborazione con Carl Bernstein, furono i due fantastici “investigative journalists” del caso Watergate. The Guardian, onoltre, è un importante quotidiano progressista britannico.

Queste notizie sono utili per una valutazione sulla serietà delle rivelazioni contenute in questa intervista a Greg Palast, pubblicata sul blog TheLondonEconomic. E’ il caso di segnalare a tale proposito le seguenti riflessioni aggiuntive:

1 – Già Krugman, il giorno prima del voto, nell’articolo qua tradotto “Come manipolare una elezione” segnalava le varie iniziative poste in essere per ostacolare il diritto di voto delle minoranze etniche come un tema fondamentale;

2 – Gli argomenti centrali nella indagine di Palast mi sembrano quelli relativi alla dimostrazione – con riferimenti a studi statistici in apparenza molto seri – della infondatezza delle misure tese a complicare l’esercizio del voto, dinanzi ad un fenomeno inconsistente come quello delle possibili frodi con votazioni multiple.

3 – Altrettanto fondamentali sembrano i dati relativi sia alla molto maggiore frequenza dei nominativi ‘sospetti’ tra la popolazione afroamericana o ispanica, ed alla comprensibile tendenza a trascurare la stranissima corrispondenza tra gli organi statali e gli elettori detentori di quei nominativi ‘sospetti’, nella popolazione dei gruppi etnici e nei giovani.

4 – Quello che alla fine è evidentissimo è che sollevare tali complicate procedure per ben più di sette milioni di elettori, obiettivamente e statisticamente costituisce di per sé un fenomeno destinato ad alterare l’esercizio del voto su scala nazionale. Se i voti di scarto tra i due competitori sono nell’ordine di poche migliaia, e le complicazioni procedurali sono nell’ordine dei milioni, è evidente che si produce un dubbio di dimensioni generali.

5 – Altrettanto rilevanti appaiono le considerazioni sulle forti discrepanze tra i risultati dei sondaggi all’uscita dai seggi e i conteggi finali dei voti. Difficile considerare un mistero le regioni per le quali tali discrepanze crescono in diretta relazione con la applicazione di nuove norme “ID” e sono nettamente favorevoli a Trump e sfavorevoli per la Clinton.

6 – In generale è assolutamente persuasiva l’idea che creare fattori di disturbo nel diritto di voto per milioni di persone, costituisca di per sé, per la logica dei grandi numeri, un fenomeno che una democrazia seria dovrebbe considerare nelle sue implicazioni oggettive e statistiche, e non solo per le sue implicazioni sui diritti dei singoli elettori.

7 – Infine,  il breve capitolo finale di questo articolo, che contiene la linea difensiva espressa da funzionari del Kansas – lo Stato del dirigente repubblicano Kobach che ha inventato il programma Crosscheck contro il diritto di voto delle minoranze etniche – evidentemente è piuttosto fragile ed è stato inserito per ragioni di mera correttezza giornalistica. Quando il lettore arriverà a quel capitolo finale, mi sembra, non potrà non tener conto di due elementi assai sospetti: a) I funzionari del Kansas ammettono di essersi basati sulla combinazione del primo nome e del cognome, il che ha fatto diventare la procedura di complicazione di dimensioni verosimilmente enormemente maggiori che non la combinazione, pure possibile, dei tre riferimenti anagrafici (nome, secondo nome e cognome); b) Soprattutto, si noterà che tale ‘linea difensiva’ viene significativamente espressa con il solo riferimento alla prassi del Kansas, il che non esclude affatto che negli altri Stati – e in particolare nei ‘”swing States” – si siano usate semplificazioni molto più gravi.

Certo, resta un po’ stupefacente che tutti questi argomenti, ai quali l’articolo suddetto di Krugman pure alludeva, non abbiano provocato un clamore molto maggiore, anzitutto negli Stati Uniti.

[2] Un giornale del mattino di Filadelfia.

[3] Le “voter ID laws” sono un aspetto che, per un lettore italiano, merita di essere approfondito, in particolare per la comprensione del presente intervista. Può però essere utile questo chiarimento che trovo sul blog di Federico Rampini:

“Per capire quanto accade, bisogna partire da due differenze fondamentali tra gli Stati Uniti e l’Italia (o tra gli Stati Uniti e la maggioranza dei paesi europei).

Differenza numero 1. In Italia se sono un cittadino sono automaticamente iscritto nei registri elettorali del mio comune di residenza, salvo errori (abbastanza rari). Quindi il giorno delle elezioni vado a votare punto e basta. In America non basta essere cittadino, devo anche “registrarmi” per le elezioni. Posso registrarmi come democratico, come repubblicano, come indipendente, non importa, ma questo passaggio è necessario.

Differenza numero 2. In Italia e in molti altri paesi del mondo è obbligatorio possedere una carta d’identità. In America no, anzi una carta d’identità vera e propria non esiste, il documento d’identità più diffuso è la patente di guida; o il passaporto per chi viaggia all’estero (meno del 20% degli americani). Qui possono chiederti un documento d’identità prima di servirti bevande alcoliche per avere la prova che sei maggiorenne; ma in certi Stati Usa e in certe circostanze (come le “fiere di vendita delle armi” o la vendita su Internet di munizioni) non ti chiedono un vero documento d’identità per venderti un’arma con cui puoi fare una strage.

Improvvisamente, i repubblicani in molti Stati Usa hanno introdotto proposte di legge perché un documento d’identità sia obbligatorio per registrarsi come elettori oppure per essere ammessi al seggio nel giorno delle elezioni. Questa richiesta, che può sembrare banale in Europa, diventa discriminatoria qui negli Stati Uniti. Serve a ridurre gli elettori tra i giovani, i poveri, le minoranze etniche: tutti quelli che tipicamente votano democratico. Perché discriminatoria? Anzitutto, se sei povero non leggi i giornali, non vieni a sapere che queste regole sono state introdotte, te ne accorgi il giorno dell’elezione quando improvvisamente ti chiedono un documento d’identità: ed è troppo tardi. Secondo, procurarsi un documento d’identità costa tempo e denaro (file agli sportelli ecc.) e se sei un disoccupato, un nero, un ispanico, sei meno attrezzato economicamente e culturalmente per affrontare questo percorso a ostacoli.

[4] Secondo UrbanDictionary “bigly” è un sostituto di “big”, usato frequentemente da Trump per effetto della sua ignoranza. L’invenzione ardita di avverbi non fa venire in mente il “Qualunquemente” di Antonio Albanese?

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"