Altri Economisti » Selezione della Settimana

Una prova della verità in materia di finanza pubblica per i repubblicani statunitensi, di Nouriel Roubini (da Project Syndicate, 10 aprile 2017)

 

A Fiscal Reality Test for US Republicans

NOURIEL ROUBINI

zz 327

NEW YORK – US President Donald Trump’s first major legislative goal – to “repeal and replace” the 2010 Affordable Care Act (“Obamacare”) – has already imploded, owing to Trump and congressional Republicans’ naiveté about the complexities of health-care reform. Their attempt to replace an imperfect but popular law with a pseudo-reform that would deprive more than 24 million Americans of basic health care was bound to fail – or sink Republican members of Congress in the 2018 mid-term elections if it had passed.

Now, Trump and congressional Republicans are pursuing tax reform – starting with corporate taxes and then moving on to personal income taxes – as if this will be any easier. It won’t be, not least because the Republicans’ initial proposals would add trillions of dollars to budget deficits, and funnel over 99% of the benefits to the top 1% of the income distribution.

A plan offered by Republicans in the US House of Representatives to reduce the corporate-tax rate from 35% to 15%, and to make up for the lost revenues with a border adjustment tax, is dead on arrival. The BAT does not have enough support even among Republicans, and it would violate World Trade Organization rules. The Republicans’ proposed tax cuts would create a $2 trillion revenue shortfall over the next decade, and they cannot plug that hole with revenue savings from their health-care reform plan or with the $1.2 trillion that could have been expected from a BAT.

The Republicans must now choose between passing their tax cuts (and adding $2 trillion to the public debt) and pursuing a much more modest reform. The first scenario is unlikely for three reasons. First, fiscally conservative congressional Republicans will object to a reckless increase in the public debt. Second, congressional budget rules require any tax cut that is not fully financed by other revenues or spending cuts to expire within ten years, so the Republicans’ plan would have only a limited positive impact on the economy.

And, third, if tax cuts and increased military and infrastructure spending push up deficits and the public debt, interest rates will have to rise. This would hinder interest-sensitive spending, such as on housing, and lead to a surge in the US dollar, which could destroy millions of jobs, hitting Trump’s key constituency – white working-class voters – the hardest.

Moreover, if Republicans blow up the debt, markets’ response could crash the US economy. Owing to this risk, Republicans will have to finance any tax cuts with new revenues, rather than with debt. As a result, their roaring tax-reform lion will most likely be reduced to a squeaking mouse.

Even cutting the corporate tax rate from 35% to 30% would be difficult. Republicans would have to broaden the tax base by forcing entire sectors – such as pharmaceuticals and technology – that currently pay little in taxes to start paying more. And to get the corporate-tax rate below 30%, Republicans would have to impose a large minimum tax on these firms’ foreign profits. This would mark a departure from the current system, in which trillions of dollars in foreign profits remain untaxed unless they are repatriated.

During the presidential campaign, Trump proposed a one-time 10% repatriation-tax “holiday” to encourage American companies to bring their foreign profits back to the United States. But this would deliver only $150-200 billion in new revenues – less than 10% of the $2 trillion fiscal shortfall implied by the Republicans’ plan. In any case, revenues from a repatriation tax should be used to finance infrastructure spending or the creation of an infrastructure bank.

Some congressional Republicans who already know that the BAT is a non-starter are now proposing that the corporate income tax be replaced with a value-added tax that is legal under WTO rules. But this option isn’t likely to go anywhere, either. Republicans themselves have always strongly opposed a VAT, and there is even an anti-VAT Republican caucus in Congress.

The traditional Republican view holds that such an “efficient” tax would be too easy to increase over time, making it harder to “starve the beast” of “wasteful” government spending. Republicans point to Europe and other parts of the world where a VAT rate started low and gradually increased to double-digit levels, exceeding 20% in many countries.

Democrats, too, have historically opposed a VAT, because it is a highly regressive form of taxation. And while it could be made less regressive by excluding or discounting food and other basic goods, that would only make it less appealing to Republicans. Given this bipartisan opposition, the VAT – like the BAT – is already dead in the water.

It will be even harder to reform personal income taxes. Initial proposals by Trump and the Republican leadership would have cost $5-9 trillion over the next decade, and 75% of the benefits would have gone to the top 1% – a politically suicidal idea. Now, after abandoning their initial plan, Republicans claim they want a revenue-neutral tax cut that includes no reductions for the top 1% of earners.

But that, too, looks like mission impossible. Implementing revenue-neutral tax cuts for almost all income brackets means that Republicans would have to phase out many exemptions and broaden the tax base in ways that are politically untenable. For example, if Republicans eliminated the mortgage-interest deduction for homeowners, the US housing market would crash.

Ultimately, the only sensible way to provide tax relief to middle- and lower-income workers is to raise taxes on the rich. This is a socially progressive populist idea that a pseudo-populist plutocrat like Trump will never accept. So, it looks like Republicans will continue to delude themselves that supply-side, trickle-down tax policies work, in spite of the overwhelming weight of evidence to the contrary.

 

Una prova della verità in materia di finanza pubblica per i repubblicani statunitensi,

di Nouriel Roubini

NEW YORK – Il primo importante obbiettivo legislativo del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump – “abrogare e sostituire” la Legge sulla Assistenza Sostenibile del 2010 (“Obamacare”) – è già imploso, a seguito del semplicismo di Trump e dei repubblicani del Congresso nel considerare le complessità della riforma della assistenza sanitaria. Il loro tentativo di rimpiazzare una legge imperfetta ma popolare con una pseudo-riforma che avrebbe privato più di 24 milioni di americani della assistenza sanitaria di base era destinato all’insuccesso – oppure, se fosse passata, a mandare a picco i membri repubblicani del Congresso nelle elezioni di medio termine del 2018.

Ora Trump e i repubblicani del Congresso sono alle prese con la riforma fiscale – a partire dalla tassa sulle società per poi passare alla tassa sui redditi delle persone – come se questo fosse in qualche modo più facile. Non sarà così, se non altro perché le proposte iniziali dei repubblicani aumenterebbero per migliaia di miliardi di dollari i deficit e incanalerebbero il 99% dei benefici verso l’1% dei più ricchi nella distribuzione del reddito.

Un piano offerto dai repubblicani alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti per ridurre l’aliquota della tassa sulle società dal 35% al 15%, e per mettere assieme le entrate perdute con una tassa sulla correzione al confine (BAT), è morto sul nascere. La BAT non ha sufficiente sostegno neppure tra i repubblicani, e violerebbe le regole della Organizzazione Mondiale del Commercio. Gli sgravi fiscali proposti dai repubblicani determinerebbero duemila miliardi di dollari di riduzione delle entrate nel prossimo decennio, ed essi non possono coprire quel buco con i risparmi delle entrate del loro piano di riforma sanitaria o con i mille e 200 miliardi di dollari che potrebbero essere attesi da una BAT.

I repubblicani debbono ora scegliere tra l’approvazione dei loro sgravi fiscali (e l’aumento del debito pubblico per 2.000 miliardi di dollari) o il perseguimento di una riforma molto più modesta. Il primo scenario è improbabile per tre ragioni. La prima, i repubblicani del Congresso, conservatori in materia di finanza pubblica, si opporrebbero ad un aumento spericolato del debito pubblico. La seconda, le regole congressuali sul bilancio prevedono che ogni sgravio fiscale che non è pienamente finanziato da altre entrate o da tagli alla spesa vada ad esaurimento in dieci anni, cosicché il piano dei repubblicani avrebbe un limitato impatto positivo sull’economia.

Infine, la terza ragione: se gli sgravi fiscali e l’accresciuta spesa pubblica sull’esercito e sulle infrastrutture spingessero in alto il deficit e il debito pubblico, i tassi di interesse dovrebbero crescere. Questo ostacolerebbe la spesa sensibile agli interessi, ad esempio nel settore immobiliare, e porterebbe ad una impennata del dollaro statunitense, che distruggerebbe milioni di posti di lavoro, colpendo nel modo più duro l’elettorato principale di Trump – gli elettori della classe lavoratrice bianca.

Sarebbe difficile anche tagliare l’aliquota della tassa sulle società dal 35% al 30%. I repubblicani dovrebbero ampliare la base fiscale costringendo interi settori – come il farmaceutico e quello delle nuove tecnologie – che attualmente pagano poche tasse, a cominciare a pagare di più. E per portare l’aliquota fiscale sulle società al di sotto del 30%, i repubblicani dovrebbero imporre una ampia “minimum tax” [1] sui profitti all’estero di queste imprese. Questo segnerebbe un distacco dal sistema attuale, nel quale miliardi di dollari di profitti all’estero restano non tassati, a meno che non siano rimpatriati.

Durante la campagna presidenziale, Trump propose una dispensa fiscale del 10% in caso di ‘rimpatrio’ dei profitti per incoraggiare le società americane a riportare tali profitti esteri negli Stati Uniti. Ma questa provocherebbe soltanto 150-200 miliardi di dollari di nuove entrate – meno del 10% dei 2.000 miliardi di ammanco fiscale imputabile al piano dei repubblicani. In ogni caso, le entrate da una tassa sul rimpatrio dovrebbero essere usate per finanziare la spesa in infrastrutture o per creare una banca per le infrastrutture.

Alcuni dei repubblicani del Congresso che sanno già che la BAT non ha possibilità di essere realizzata stanno adesso proponendo che la tassa sui redditi delle società venga sostituita da una tassa sul valore aggiunto, che è ammessa dalle regole della Organizzazione Mondiale del Commercio. Ma anche questa opzione è destinata all’insuccesso. Gli stessi repubblicani si sono sempre opposti ad una IVA, e c’è persino un raggruppamento repubblicano anti IVA nel Congresso.

Il tradizionale punto di vista repubblicano secondo il quale tale “vantaggiosa” tassa sarebbe troppo facile da incrementare nel tempo, rendendo più difficile la strategia di “affamare la bestia” [2] della spesa scialacquatrice del Governo. I repubblicani indicano l’Europa ed altre parti del mondo dove le aliquote IVA che sono partite basse, sono poi aumentate gradualmente sino a livelli a due cifre, in molti paesi superando il 20%.

Anche i democratici si sono storicamente opposti all’IVA, giacché è una forma di tassazione altamente regressiva. E mentre potrebbe essere meno regressiva con l’esclusione o con sconti sui cibi o su altri beni fondamentali, ciò la renderebbe ancora meno gradita ai repubblicani. Data questa opposizione bipartisan, l’IVA – come la BAT – è già impantanata in partenza.

Riformare la tassazione sui redditi individuali sarà persino più difficile. Le proposte iniziali di Trump e del gruppo dirigente repubblicano sarebbero costate da 5 a 9 mila miliardi di dollari nel prossimo decennio, e il 75% dei benefici sarebbero andati all’1% dei più ricchi – un’idea politicamente suicida. Ora, dopo aver abbandonato il loro piano iniziale, i repubblicani sostengono di volere un taglio delle tasse senza effetti sulle entrate, che non consenta alcuna riduzione sull’1% dei percettori di reddito più ricchi.

Ma anche quella sembra una missione impossibile.  Mettere in atto sgravi fiscali senza effetti sul gettito per quasi tutti gli scaglioni di reddito significa che i repubblicani dovrebbero eliminare molte esenzioni e ampliare la basa imponibile in modi che sono ingestibili politicamente. Se, ad esempio, i repubblicani eliminassero la deduzione degli interessi sui mutui per i proprietari di abitazioni, il mercato immobiliare statunitense crollerebbe.

In ultima analisi, il solo modo sensato di offrire una attenuazione fiscale ai lavoratori a medio e basso reddito, sarebbe elevare le tasse sui ricchi. Questa è un’idea populista socialmente progressiva che un plutocrate pseudo-populista come Trump non accetterà mai. Così, sembra che i repubblicani continueranno ad illudersi che le politiche fiscali dal lato dell’offerta, l’idea di una distribuzione a cascata dei benefici dai più ricchi a tutti gli altri, funzionino, nonostante il peso schiacciante delle prove contrarie.

 

 

[1] Forse si riferisce alla “alternative minimum tax”, che è una imposta addizionale per le società che hanno esenzioni o che in particolari circostanze hanno riduzioni dalle normali imposte sui redditi.

[2] Traduco alla lettera una espressione tipica del conservatorismo americano (“to starve” significa affamare e “the beast” è lo Stato assistenziale), del resto non soltanto ideologica. In vari passaggi politici e legislativi recenti i repubblicani hanno tentato di provocare politiche economiche che avevano l’effetto di provocare restrizioni obbligate della spesa pubblica al fine di provocare collassi in vari programmi pubblici dello Stato sociale. In fondo, la ricetta economica di fondo dei conservatori americani non è affatto diversa da quello che dicono: ridurre le tasse sui più ricchi e smantellare pezzi di Stato sociale. Sostituire la non-grande politica di redistribuzione di redditi con una generalizzazione ancora più spinta di una società basata esclusivamente sulla competizione economica.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"