Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Scambiando quattro chiacchiere con i nababbi del NAFTA (dal blog di Krugman, 15 maggio 2017)

 

MAY 15 4:15 PM 

Nattering Nabobs of NAFTA

Paul Krugman

This discussion with David Rennie of The Economist on Trump is pretty scary. To paraphrase an old Brad DeLong line, Trump is more ignorant and impulsive than you can imagine, even taking into account that he’s more ignorant and impulsive than you can imagine. How close we came to leaving NAFTA:

People inside the White House also called the new Agriculture Secretary Sonny Perdue. Perdue had only been confirmed, like, a day or two earlier. And they called him in, [saying], “You need to come over here now! You need to! He’s about to withdraw from NAFTA.”

So Sonny Perdue literally asked his staff to draw up a map of the bits of America that had voted for Donald Trump and the bits of America that do well from exporting grain and corn through NAFTA. [The map] showed how these two areas often overlap. So he went in, said to Donald Trump, “Actually, Trump America, your voters, they do pretty well out of NAFTA.” And the president said, “Oh. Then maybe I won’t withdraw from NAFTA.”

Which put me to work wasting some time. Who actually exports a lot to Mexico? The top 10, as % of state GDP in 2014:

zz 403

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trump states indeed. But I was more interested in the economic geography. What we see here mainly is the gravity equation: trade falls off with distance, with border and near-border states doing a lot of Mexico trade. The outliers are Michigan and to a lesser extent Indiana and Tennessee, which presumably reflects the especially close NAFTA integration of the auto industry.

Interesting stuff, at least for me. Also the kind of thing that should be taken into account in future trade negotiations, as the president takes expert advice into account and [hysterical laughing fit]

 

15 maggio 2017

Scambiando quattro chiacchiere con i nababbi del NAFTA

Paul Krugman

Questa discussione con David Rennie di The Times è piuttosto allarmante. Per parafrasare una vecchia frase di Brad DeLong, Trump è più ignorante ed impulsivo di quello che possiate immaginare, anche mettendo nel conto che egli è più ignorante e impulsivo di quello che potete immaginare. A proposito di quanto siamo vicini a lasciare il NAFTA:

“La gente all’interno della Casa Bianca ha anche chiamato il nuovo Segretario all’Agricoltura Sonny Perdue. Perdue doveva essere stato confermato soltanto, più o meno, un giorno o due prima. E l’hanno chiamato (dicendogli): ‘Devi passare di qua subito! È necessario! Si tratta di ritirarci dal NAFTA’.

Dunque Sonny Perdue ha semplicemente chiesto ai suoi collaboratori di disegnare una mappa delle zone dell’America che hanno votato per Donald Trump e di quelle che beneficiano delle esportazioni di cereali e granturco attraverso il NAFTA. [La mappa] mostrava come queste due aree spesso coincidono. Allora lui c’è andato ed ha detto a Donald Trump: ‘In effetti, l’America di Trump, i tuoi elettori, se la cavano abbastanza bene col NAFTA’. E il Presidente ha detto: ‘Ah. Allora forse non mi ritirerò dal NAFTA’.

Il che mi ha spinto a lavorare perdendoci un po’ di tempo. In realtà, chi esporta molto nel Messico? Ecco i primi dieci, in percentuale del PIL degli Stati americani nel 2014:

zz 403

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Stati che hanno votato per Trump, in effetti. Ma io ero più interessato alla geografia economica. Quello che in questo caso osserviamo è l’equazione della forza di gravità [1]: il commercio diminuisce con la distanza, con gli Stati al confine o vicini al confine che realizzano gran parte del commercio col Messico. Le eccezioni sono il Michigan e in minore misura l’Indiana e il Tennessee, che presumibilmente riflettono l’integrazione particolarmente stretta a livello del NAFTA dell’industria automobilistica.

Cose interessanti, almeno per me. Sono anche il tipo di cose che dovrebbero essere messe nel conto nei futuri negoziati commerciali, nella misura in cui il Presidente metterà nel conto i consigli degli esperti e …. convulsione da risata isterica.

 

 

 

[1] Il ‘modello gravitazionale nel commercio internazionale … similmente ad altri modelli gravitazionali nelle scienze sociali, prevede i flussi commerciali basandosi sulle dimensioni economiche (spesso basandosi sulle misurazioni dei PIL) e sulla distanza tra i due punti di riferimento. Il modello fu usato per la prima volta da Jan Tinbergen nel 1962. (Wikipedia)

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"