Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Gli autotrasporti e le pene dei colletti blu, (dal blog di Paul Krugman, 23 maggio 2017)

 

MAY 23 5:11 PM 

Trucking And Blue-Collar Woes

Paul Krugman

What with everything else going on, this Trip Gabriel essay on truckers hasn’t gotten as much attention as it should. But it’s awesome — and says a lot about what is and isn’t behind the decline of blue-collar wages.

Trucking used to be a well-paying occupation. Here are wages of transportation and warehousing workers in today’s dollars, which have fallen by a third since the early 1970s:

zz 406

 

 

 

 

 

 

 

 

Why? This is neither a trade nor a technology story. We’re not importing Chinese trucking services; robot truck drivers are a possible future, but not here yet. The article mentions workers displaced from manufacturing, but that’s a pretty thin reed. What it doesn’t mention is the obvious thing: unions.

Unfortunately the occupational categories covered by the BLS have changed a bit, so it will take someone with more time than I have right now to do this right. But using the data at unionstats we can see that a drastic fall in trucker unionization took place during the 1980s: 38 percent of “heavy truck” drivers covered by unions in 1983, already down to 25 percent by 1991. It’s not quite comparable, but only 13 percent of “drivers/sales workers and truck drivers” were covered last year.

In short, this looks very much like a non tradable industry where workers used to have a lot of bargaining power through collective action, and lost it in the great union-busting that took place under Reagan and after.

And the great majority of the people whose chance at a middle-class life was destroyed by those political changes probably voted for Trump. Oh well.

 

23 maggio 2017

Gli autotrasporti e le pene dei colletti blu,

di Paul Krugman

Con tutto quello che sta succedendo, questo saggio di Trip Gabriel sui camionisti non ha ricevuto l’attenzione che avrebbe meritato. Ma è splendido – e ci dice molto di quello che sta dietro il declino dei salari dei colletti blu.

L’autotrasporto un tempo era un lavoro ben pagato. Ecco i salari dei lavoratori dei trasporti e degli immagazzinamenti in dollari attuali, che sono caduti di un terzo dai primi anni ’70:

zz 406

 

 

 

 

 

 

 

 

[1]

Perché? Questa non è né una storia di commercio né una storia di tecnologie. Non stiamo importando servizi di autotrasporti cinesi; i robot alla guida di camion saranno possibili in futuro, ma non ancora. L’articolo ricorda i lavoratori espulsi dal settore manifatturiero, ma questa è una sottigliezza. Quello che non ricorda è una cosa evidente: i sindacati.

Sfortunatamente le categorie occupazionali coperte dall’Ufficio delle Statistiche del Lavoro sono un po’ cambiate, dunque mi ci vorrà molto più tempo di quello che ho in questo momento per fare la cosa in modo appropriato. Ma utilizzando i dati di fonte sindacale possiamo osservare che una drastica caduta nella sindacalizzazione dei camionisti ebbe luogo durante gli anni ’80: il 38 per cento dei guidatori di ‘camion pesanti’ erano rappresentati da sindacati nel 1983, ed erano già scesi al 25 per cento nel 1991. Non è del tutto confrontabile, ma soltanto il 13 per cento dei “lavoratori che conducono automezzi per vendite e dei conducenti di camion” erano rappresentati da sindacati nell’anno passato.

In breve, questo sembra assomigli molto ad un settore non commerciabile su scala internazionale, dove i lavoratori erano soliti avere molto potere contrattuale attraverso l’iniziativa collettiva, andato perduto nella grande offensiva contro i sindacati che ebbe luogo con Reagan e successivamente.

E la grande maggioranza delle persone le cui possibilità di una vita da classe media andarono distrutte per quei cambiamenti politici probabilmente hanno votato per Trump. Ma questo si sa.

 

 

 

[1] Guadagni medi orari degli occupati nella produzione e senza funzioni di controllo: trasporti e magazzinaggio, in rapporto all’indice dei prezzi al consumo per tutti i lavoratori urbani: tutti gli articoli.

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"