Altri Economisti » Selezione della Settimana

L’America ribalda di Trump, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 2 giugno 2017)

 

JUN 2, 2017

Trump’s Rogue America

JOSEPH E. STIGLITZ

zz 378

NEW YORK – Donald Trump has thrown a hand grenade into the global economic architecture that was so painstakingly constructed in the years after World War II’s end. The attempted destruction of this rules-based system of global governance – now manifested in Trump’s withdrawal of the United States from the 2015 Paris climate agreement – is just the latest aspect of the US president’s assault on our basic system of values and institutions.

The world is only slowly coming fully to terms with the malevolence of the Trump administration’s agenda. He and his cronies have attacked the US press – a vital institution for preserving Americans’ freedoms, rights, and democracy – as an “enemy of the people.” They have attempted to undermine the foundations of our knowledge and beliefs – our epistemology – by labeling as “fake” anything that challenges their aims and arguments, even rejecting science itself. Trump’s sham justifications for spurning the Paris climate agreement is only the most recent evidence of this.

For millennia before the middle of the eighteenth century, standards of living stagnated. It was the Enlightenment, with its embrace of reasoned discourse and scientific inquiry, that underpinned the enormous increases in standards of living in the subsequent two and a half centuries.

With the Enlightenment also came a commitment to discover and address our prejudices. As the idea of human equality – and its corollary, basic individual rights for all – quickly spread, societies began struggling to eliminate discrimination on the basis of race, gender, and, eventually, other aspects of human identity, including disability and sexual orientation.

Trump seeks to reverse all of that. His rejection of science, in particular climate science, threatens technological progress. And his bigotry toward women, Hispanics, and Muslims (except those, like the rulers of Gulf oil sheikhdoms, from whom he and his family can profit), threatens the functioning of American society and its economy, by undermining people’s trust that the system is fair to all.

As a populist, Trump has exploited the justifiable economic discontent that has become so widespread in recent years, as many Americans have become downwardly mobile amid soaring inequality. But his true objective – to enrich himself and other gilded rent-seekers at the expense of those who supported him – is revealed by his tax and health-care plans.

Trump’s proposed tax reforms, so far as one can see, outdo George W. Bush’s in their regressivity (the share of the benefits that go to those at the top of the income distribution). And, in a country where life expectancy is already declining, his health-care overhaul would leave 23 million more Americans without health insurance.

While Trump and his cabinet may know how to make business deals, they haven’t the slightest idea how the economic system as a whole works. If the administration’s macroeconomic policies are implemented, they will result in a larger trade deficit and a further decline in manufacturing.

America will suffer under Trump. Its global leadership role was being destroyed, even before Trump broke faith with over 190 countries by withdrawing from the Paris accord. At this point, rebuilding that leadership will demand a truly heroic effort. We share a common planet, and the world has learned the hard way that we have to get along and work together. We have learned, too, that cooperation can benefit all.

So what should the world do with a babyish bully in the sandbox, who wants everything for himself and won’t be reasoned with? How can the world manage a “rogue” US?

Germany’s Chancellor Angela Merkel gave the right answer when, after meeting with Trump and other G7 leaders last month, she said that Europe could no longer “fully count on others,” and would have to “fight for our own future ourselves.” This is the time for Europe to pull together, recommit itself to the values of the Enlightenment, and stand up to the US, as France’s new president, Emmanuel Macron, did so eloquently with a handshake that stymied Trump’s puerile alpha-male approach to asserting power.

Europe can’t rely on a Trump-led US for its defense. But, at the same time, it should recognize that the Cold War is over – however unwilling America’s industrial-military complex is to acknowledge it. While fighting terrorism is important and costly, building aircraft carriers and super fighter planes is not the answer. Europe needs to decide for itself how much to spend, rather than submit to the dictates of military interests that demand 2% of GDP. Political stability may be more surely gained by Europe’s recommitment to its social-democratic economic model.

We now also know that the world cannot count on the US in addressing the existential threat posed by climate change. Europe and China did the right thing in deepening their commitment to a green future – right for the planet, and right for the economy. Just as investment in technology and education gave Germany a distinct advantage in advanced manufacturing over a US hamstrung by Republican ideology, so, too, Europe and Asia will achieve an almost insurmountable advantage over the US in the green technologies of the future.

But the rest of the world cannot let a rogue US destroy the planet. Nor can it let a rogue US take advantage of it with unenlightened – indeed anti-Enlightenment – “America first” policies. If Trump wants to withdraw the US from the Paris climate agreement, the rest of the world should impose a carbon-adjustment tax on US exports that do not comply with global standards.

The good news is that the majority of Americans are not with Trump. Most Americans still believe in Enlightenment values, accept the reality of global warming, and are willing to take action. But, as far as Trump is concerned, it should already be clear that reasoned debate will not work. It is time for action.

 

L’America ribalda di Trump,

di Joseph E. Stiglitz

NEW YORK – Donald Trump ha gettato una bomba a mano nell’architettura economica globale che venne costruita in modo così coscienzioso negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale. Il tentativo di sovvertimento di quel sistema di governance globale basato sulle regole – ora espresso dal ritiro degli Stati Uniti dall’intesa sul clima del 2015 di Parigi da parte dei Trump – è solo l’ultimo aspetto dell’attacco del Presidente degli Stati Uniti al nostro fondamentale sistema di valori e di istituzioni.

Il mondo sta prendendo atto solo con lentezza dell’ostilità dei programmi della Amministrazione Trump. Lui e i suoi sodali hanno attaccato la stampa americana – una istituzione vitale per la tutela delle libertà, dei diritti e della democrazia degli americani – come un “nemico del popolo”. Hanno tentato di mettere a soqquadro i fondamenti della nostra conoscenza e delle nostre convinzioni – la nostra cultura – etichettando come “falsa” ogni cosa che sfida i loro obbiettivi e i loro argomenti, sino a rigettare la stessa scienza. Le false giustificazioni di Trump nel respingere l’accordo sul clima di Parigi sono soltanto la prova più recente di tutto questo.

Per millenni, prima della metà del diciottesimo secolo, gli standard di vita ristagnarono. Fu l’Illuminismo, con il suo far propri il dibattito razionale e l’indagine scientifica, che sorresse gli enormi incrementi degli standard di vita nei successivi due secoli e mezzo.

Con l’Illuminismo si impose anche un impegno a individuare e sfidare i nostri pregiudizi. Quando l’idea dell’uguaglianza tra gli uomini – e il suo corollario, dei fondamentali diritti individuali per tutti – si diffuse rapidamente, le società cominciarono a combattere per eliminare le discriminazioni basate sulla razza, sul genere, e, alla fine, sugli altri aspetti dell’identità umana, incluse le disabilità e gli orientamenti sessuali.

Trump sta cercando di invertire tutto questo. Il suo rigetto della scienza, in particolare della scienza del clima, minaccia il progresso tecnologico. E il suo fanatismo contro le donne, gli Ispanici ed i Musulmani (ad eccezione di quelli dai quali lui e la sua famiglia traggono profitti, come i governanti degli sceiccati del petrolio del Golfo) minaccia il funzionamento della società e dell’economia americana, mettendo a repentaglio la fiducia della gente che quel sistema sia disponibile per tutti.

Come populista, Trump ha sfruttato la comprensibile scontentezza economica che è diventata così generalizzata negli anni recenti, allorché molti americani hanno conosciuto una mobilità verso il basso assieme ad una ineguaglianza che è salita alle stelle. Ma il suo obbiettivo vero – arricchire sé stesso e gli altri procacciatori di rendite auree a danno di coloro che lo sostenevano – si è rivelato nei suoi programmi sul fisco e sulla assistenza sanitaria.

Le riforme fiscali proposte da Trump, a quanto è dato di comprendere, surclassano nella loro regressività quelle di George W. Bush (quanto alla quota di benefici che vanno a coloro che sono in cima alla scala della distribuzione del reddito). E in un paese nel quale l’aspettativa di vita sta già declinando, le sue revisioni alla assistenza sanitaria lascerebbero 23 milioni di altri americani senza assicurazione.

Se Trump e il suo gabinetto forse sanno come fare accordi affaristici, non hanno la minima idea di come un sistema economico funzioni nel suo complesso. Se le politiche economiche della Amministrazione verranno messe in atto, si risolveranno in un più ampio deficit commerciale e in un ulteriore declino nel settore manifatturiero.

Sotto Trump, l’America soffrirà. Il suo ruolo di leadership globale era in via di distruzione anche prima che Trump rompesse il rapporto di fiducia con 190 paesi ritirandosi dall’accordo di Parigi. A questo punto, per ricostruire quella leadership si richiederà uno sforzo davvero eroico. Condividiamo un pianeta comune, e il mondo ha appreso il lavoro difficile che ci compete per andare d’accordo e lavorare assieme. Abbiamo anche imparato che la cooperazione può essere un beneficio per tutti.

Cosa dovrebbe dunque fare il mondo con un infantile prepotente che è entrato nel recinto dei giochi e vuole tutto per sé stesso e non accetterà di essere messo in discussione? Come può il mondo gestire degli Stati Uniti “ribaldi”?

La Cancelliera tedesca Angela Merkel ha dato la risposta giusta quando, dopo essersi incontrata con Trump e gli altri leader del G7 il mese scorso, ha detto che l’Europa potrebbe non potere più “contare pienamente sugli altri” e dover “combattere per il proprio futuro da sola”. Questo è il momento per l’Europa di unirsi, di ricordare a sé stessa i valori dell’Illuminismo, e misurarsi con gli Stati Uniti, come ha fatto così eloquentemente il nuovo Presidente francese Emmanuel Macron con una stretta di mano che ha messo in imbarazzo il puerile approccio da maschio dominante che fa valere il suo potere da parte di Trump.

L’Europa non può basarsi sugli Stati Uniti guidati da Trump per la sua difesa. Ma, nello stesso tempo, dovrebbe riconoscere che la Guerra Fredda è finita – per quanto il complesso industriale-militare dell’America non sia disponibile a riconoscerlo. Per quanto il terrorismo sia importante e gravoso, costruire portaerei e super aerei da combattimento non è la risposta. L’Europa ha bisogno di decidere da sola quanto spendere, piuttosto che subire l’imposizione degli interessi delle forze armate che chiedono il 2 per cento del PIL. La stabilità politica può essere ottenuta con maggiore sicurezza da un rinnovato impegno europeo sul suo modello economico social-democratico.

Sappiamo anche che il mondo non può contare sugli Stati Uniti per affrontare la minaccia esistenziale costituita dal cambiamento climatico. L’Europa e la Cina hanno fatto la cosa giusta nell’approfondire il loro impegno per un futuro ambientalista – giusta per il pianeta e giusta per l’economia. Proprio come gli investimenti nella tecnologia e nell’istruzione hanno dato alla Germania un netto vantaggio nel settore manifatturiero avanzato rispetto agli Stati Uniti mutilati dall’ideologia repubblicana, così anche l’Europa e l’Asia otterranno un vantaggio quasi insormontabile sugli Stati Uniti nelle tecnologie verdi del futuro.

Ma il resto del mondo non può consentire che la prepotenza degli Stati Uniti distrugga il pianeta. Né possono consentire che Stati Uniti ‘ribaldi’ si avvantaggino sul resto del mondo con le politiche non illuminate – in effetti anti illuministiche – dell’America first. Se Trump vuole che gli Stati Uniti si ritirino dall’accordo di Parigi sul clima, il resto del mondo dovrebbe imporre una tassa sulle correzioni all’anidride carbonica alle esportazioni degli Stati Uniti che non ottemperano agli standard globali.

La buona notizia è che la maggioranza degli americani non sono con Trump. La maggioranza degli americani crede ancora nei valori dell’Illuminismo, accetta la realtà del riscaldamento globale ed è disponibile ed assumere iniziative. Ma, per quanto riguarda Trump, dovrebbe essere già chiaro che una discussione razionale non funzionerà. È tempo di agire.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"