Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie (dal blog di Krugman, 14 ottobre 2017)

 

Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies, Lies

OCTOBER 14, 2017 4:23 PM

Paul Krugman

Modern conservatives have been lying about taxes pretty much from the beginning of their movement. Made-up sob stories about family farms broken up to pay inheritance taxes, magical claims about self-financing tax cuts, and so on go all the way back to the 1970s. But the selling of tax cuts under Trump has taken things to a whole new level, both in terms of the brazenness of the lies and their sheer number. Both the depth and the breadth of the dishonesty make it hard even for those of us who do this for a living to keep track.

In fact, when I set out to make a list of the bigger lies, I thought there would be six or seven, and was surprised to come up with ten.

So I thought it might be useful, both for myself and for others, to put together a crib sheet: a fairly long-form description of ten big lies Trump and allies are telling, what they’ve said, and how we know that they are lies. I’m probably missing some stuff, and for all I know some new big lie will have been tweeted out by the time this is posted. But we do what we can. So here we go.

Lie #1: America is the most highly-taxed country in the world

This is a Trump special: he’s said it many, many times, most recently just this past week. Each time, fact-checkers have piled on to point out that it’s false. Here’s taxes as a percentage of GDP, from the OECD:

Taxes as % of GDPCredit OECD

zz 427

 

 

 

 

 

 

 

 

The blue bar is the US; the red bar the average for advanced countries.

Why does Trump keep repeating what even he has to know by now is a flat lie? I suspect it’s a power thing: he enjoys showing that he can lie repeatedly through his teeth, be caught red-handed in his lie again and again, and his followers will still believe him rather than the “fake news” media.

Lie #2: The estate tax is destroying farmers and truckers

Tales of struggling family farms disbanded because they can’t afford the taxes when the patriarch dies have flourished for decades, despite the absence of any examples. I don’t mean examples are rare: I mean that advocates of estate tax repeal haven’t been able to come up with a single example at least since the late 1970s, when exemption levels were raised to the equivalent of around $2 million in today’s dollars.

Lately Trump has added a new twist, portraying the estate tax as a terrible burden on hard-working truckers. For who among us doesn’t own an $11 million fleet of trucks?

The reality, as this graphic from the Center on Budget and Policy Priorities shows, is that only a small number of very large estates pay any tax at all, and only a tiny fraction of those tax-paying estates are small businesses or family farms:

zz 428

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In fact, since transportation and warehousing are only 3 percent of GDP and farming less than 1 percent, it seems quite possible that this year only 2 or 3 truckers and not a single farmer will pay any estate tax.

Lie #3: Taxation of pass-through entities is a burden on small business

Most businesses in the United States, at least for tax purposes, aren’t what we normally think of as corporations subject to profits taxes. Instead, they’re partnerships, sole proprietorships, and S corporations whose earnings are simply “passed through”: counted as part of their owners’ personal income and taxed accordingly.

Trump wants to change that, and let owners simply pay a  25 percent tax on the earnings of pass-through entities, with no further taxes owed. This is being billed as a reduction in the burden on hard-working small business owners.

But as the Tax Policy Center explains, many middle-income households who own pass-through entities aren’t running businesses; they generally derive only a small fraction of their income from these entities:

Rather, they may receive occasional income from the rental of a vacation home, or from the sale of odds and ends on eBay, that they report as business income.

High-income owners of such entities, by contrast, get a lot of money from them – but they’re not struggling small business people:

This high-income group is made up of doctors, lawyers, consultants, other professionals, and, at the very highest end, partners in hedge funds or other investment firms.

And these are, of course, the people who would gain massively from the Trump nelle loro socetà ‘pass-through’proposal. The vast majority of Americans are in a tax bracket of 15 percent or less, so even if they control a pass-through entity, the Trump tax break is worth nothing to them:

zz 429

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

High-income individuals, however, would gain a lot by paying 25 percent instead of the much higher rates they pay at the margin – 39.6 percent right now. And they’d also have a strong incentive to rearrange their affairs so that more of their income pops up in their pass-throughs. This wouldn’t be small-business creation; it wouldn’t add jobs; it would just be tax avoidance. That’s what happened when Kansas tried something similar, and played a big role in the state’s fiscal disaster.

So this isn’t a tax break for small business, it’s a tax break for, surprise, wealthy individuals.

Lie #4: Cutting profits taxes really benefits workers

Tax incidence is a headache-inducing subject at best, and my sense is that even the tax policy experts have gotten behind the curve in thinking through the implications of global capital markets for the subject. But I think there’s a way to cut through at least some of the confusion.

Think about what happens if you cut the taxes on corporate profits. The immediate impact is that (duh) corporations have more money. Why would they spend that extra money on hiring more workers or increasing their wages?

Not, surely, out of the goodness of their hearts – and not in response to worker demands, because these days nobody cares what workers think.

Now, they might be inclined to invest more, increasing the demand for labor and therefore raising wages indirectly while competing pre-tax profits down. But there are a couple of major slippages in this story.

First, a lot of corporate profits aren’t a return on physical capital and won’t be competed down if capital gets cheaper. Apple, Google, Microsoft, and others derive their profits from technological advantages, brand name, and market power; cutting the taxes on those profits just leaves their owners with more money.

Second, to raise wages a tax cut must raise the overall stock of capital, which means it must lead to higher total investment spending. Where does the money for that increase in investment come from? The tax cuts are unlikely to raise national saving.

The money might come from abroad, via capital inflows. But the flip side of those capital inflows would be a bigger trade deficit – hardly what the proponents of tax cuts are advertising – and in any case running trade deficits on the required scale is a much more problematic thing than people seem to realize. The dollar would have to rise sharply – and the strength of the dollar would itself deter foreign investment, very much slowing the process of wage rise.

So for an extended period – at least 5 years, probably much more — cutting profits taxes is good for owners of corporations. Workers, not so much.

Lie #5: Repatriating overseas profits will create jobs

For tax reasons, corporations hold a lot of money in overseas tax shelters. Tax cutters always claim that lower rates and/or an amnesty will bring that money home and create a lot of jobs.

So, first of all, there isn’t really a Scrooge McDuck-type pile of cash hidden overseas, ready to be put to work if the taxman will let it. Those overseas accounts are just an accounting device, which have very little real effect. Many of the companies with big overseas hoards also have plenty of idle cash at home; what’s holding them back is a lack of perceived opportunities, not cash flow. And even those who don’t have surplus cash can easily borrow at near-record low interest rates; remember, they can always use the overseas cash to secure their loans.

And we have solid empirical evidence here. In 2004 the U.S. enacted the Homeland Investment Act, which offered a tax holiday for repatriation of foreign earnings by U.S. multinationals. Careful study of its effects tells us that

Repatriations did not lead to an increase in domestic investment, employment or R&D — even for the firms that lobbied for the tax holiday stating these intentions and for firms that appeared to be financially constrained. Instead, a $1 increase in repatriations was associated with an increase of almost $1 in payouts to shareholders.

Lie #6: This is not a tax cut for the rich

Trump says it isn’t, so that’s that, right? Oh, wait.

Actually, if you look at the major provisions of the Unified Framework, the big items are (i) Cuts in corporate taxes (ii) Pass-through tax cut (iii) elimination of the estate tax (iv) cut in top marginal rate. All these strongly favor very high incomes – and everything else is small change. Hence the Tax Policy Center estimate:

zz 430

 

 

 

 

 

 

 

 

Administration flacks and defenders are accusing TPC of reaching conclusions without adequate information; but the administration is making lots of assertions about what its plan will do, with apparently no more information than the center. Furthermore, given the general shape of the plan there’s no way it can fail to be very much a gift to the already very rich.

Lie #7: It’s a big tax cut for the middle class

See Lie #6 above. All the big provisions benefit the rich, not the middle class. What’s left is mostly small change – and some of it, like ending deductibility of state and local taxes and other deductions, actually raises taxes on a substantial number of middle-class Americans.

In total, by 2027, according to TPC, 80 percent of the tax cut goes to the top 1 percent; only 12 percent to the middle three quintiles.

Lie #8: It won’t increase the deficit

OK, we’re looking at big cuts in corporate taxes, elimination of the estate tax, lower rates on high-income individuals, and a massive new tax-avoidance loophole. How can this not increase the budget deficit?

The only answer would be if the tax proposal eliminated vast swathes of the existing set of tax deductions, massively broadening the tax base. It doesn’t. The only even halfway biggish thing here is the state and local deductibility end – and that is already in very big political trouble. This is a multi-trillion-dollar budget buster, unless it summons up deep voodoo. But …

Lie #9: Cutting taxes will jump-start rapid growth

Insistence in the magical power of tax cuts is the ultimate zombie lie of U.S. policy discussion; nothing can kill it. And we know why: there’s a lot of money behind the proposition that great things will happen if you cut the donors’ taxes. It’s difficult to get a man to understand something when his salary depends on his not understanding it.

Still, for the record: Reagan cut taxes, and although his administration began with a terrible recession, there was a fast recovery thereafter. Some of us think Paul Volcker had more to do with both the recession and the recovery than anything coming from the White House; but in any case we have more evidence.

For Bill Clinton raised taxes, amid cries from the right that he would destroy the economy. Instead he presided over a boom that surpassed Reagan in every dimension. For what it’s worth, I don’t think this boom was Clinton’s doing. But it certainly refuted the proposition that cutting taxes is both necessary and sufficient for prosperity.

Then Bush the younger cut taxes, and there were many hosannahs about the “Bush boom.” What he actually got was a lackluster recovery, followed by an epic crash.

Finally, Obama inherited the aftermath of that crash, and despite scorched-earth opposition from Republicans the economy gradually clawed its way back. Then in 2013 Obama first raised taxes substantially, then implemented the Affordable Care Act, again amid cries of disaster from the right. The economy did fine.

Oh, and there were the recent state-level experiments. Sam Brownback slashed taxes in Kansas, promising an economic miracle; all he got was a fiscal crisis. Jerry Brown raised taxes in California, amid predictions of – you guessed it – disaster; the economy boomed, and the main problem is a housing shortage.

There is nothing, nothing at all, in this history that would make any open-minded person believe that the Trump tax plan will cause dramatically accelerated growth.

Lie #10: Tax cuts will pay for themselves

If tax cuts don’t generate an economic miracle, it’s hard for them to generate a revenue surge that makes up for lower rates. True, some hidden money may come out of the woodwork and show up as taxable income, even if GDP doesn’t rise. But this effect hasn’t historically been anywhere big enough to offset the direct losses from lower taxes. Reagan’s tax cuts led to deficits, Clinton’s tax hike to surpluses; Jerry Brown presided over California’s fiscal revitalization, Sam Brownback over a fiscal crisis that eventually prompted the legislature to overrule him and raise taxes again.

So there we are: ten big tax-cut lies. That was pretty exhausting, actually – and as I said, I’ve probably missed a few, and/or Trump will invent some new ones. But I hope this ends up being a useful reference.

 

Bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie, bugie.

 di Paul Krugman

I conservatori moderni hanno detto bugie sulle tasse praticamente dagli inizi del loro movimento. Inventando racconti strappalacrime sulle aziende agricole familiari rovinate dal pagamento delle tasse di successione, pretese magiche sugli sgravi fiscali che si autofinanziano, e via di seguito sin dai lontani anni ’70. Ma rivendere gli sgravi fiscali sotto Trump ha portato le cose ad un livello interamente nuovo, sia in termini di sfrontatezza delle bugie che nei numeri nudi e crudi. La profondità e l’ampiezza della disonestà la rende ardua persino per quelli tra noi che si guadagnano il pane da una vita per tenerne traccia.

Di fatto, quando ho stabilito di fare una lista delle bugie più grandi, pensavo ce ne fossero sei o sette, e sono rimasto sorpreso di arrivare a dieci.

Dunque ho pensato che poteva risultare utile, per me e per gli altri, metterle assieme in un fogliettino: una descrizione in forma abbastanza estesa delle dieci grandi bugie che Trump e soci vengono raccontando, e del perché sappiamo che si tratta di bugie. Probabilmente mi sto dimenticando qualcosa, e per quanto ne so alcune nuove grandi bugie saranno twittate nel tempo nel quale questo articolo viene pubblicato. Ma facciamo quello che si può. Dunque arriviamo sino a questo punto.

Bugia Numero 1: l’America è il paese maggiormente tassato al mondo.

Questa è una specialità di Trump: l’ha detta moltissime volte, più recentemente soltanto nella settimana scorsa. Ogni volta, coloro che controllano la veridicità delle affermazioni hanno accumulato le loro obiezioni che mettevano in evidenza la sua falsità. Ecco, da fonte OCSE, le tasse come percentuale dei PIL:

zz 427

 

 

 

 

 

 

 

 

Tasse come percentuale dei PIL

La riga blu è quella degli Stati Uniti; quella rossa è la media dei paesi avanzati.

Perché Trump continua a ripetere quello che persino lui a questo punto sa essere una completa menzogna? Io sospetto che sia una questione di potere: trae godimento dal dimostrare che può mentire a ripetizione sapendo di mentire, che può essere colto in flagrante in continuazione, e che i suoi seguaci continueranno a credere a lui anziché ai media delle “false notizie”.

Bugia Numero 2: la tassa sugli immobili sta distruggendo agricoltori e camionisti.

Racconti di aziende agricole familiari in difficoltà che vengono smembrate perché non possono permettersi di pagare le tasse quando muore il capofamiglia sono prosperati per decenni, nonostante l’assenza di qualsiasi esempio. Non voglio dire che gli esempi sono rari: voglio dire che i sostenitori della abrogazione della tassa di successione non sono stati capaci di venirsene fuori con un solo esempio almeno dagli ultimi anni ’70, quando i livelli di esenzione vennero portati all’equivalente di circa 2 milioni di dollari nel loro valore odierno.

Ultimamente Trump ha aggiunto un nuovo colpo di scena, dipingendo la tassa di successione come un peso terribile a carico dei camionisti che lavorano duramente. Perché chi tra di noi non possiede un parco di automezzi del valore di 11 milioni di dollari?

La realtà, come mostra questo grafico del Centro sulle Priorità del Bilancio e della Politica, è che soltanto un piccolo numero di molto grandi patrimoni immobiliari paga una qualche tassa, e soltanto una minuscola frazione di coloro che pagano le tasse sui patrimoni immobiliari sono piccole imprese o aziende agricole familiari:

zz 428

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[1]

Di fatto, dal momento che i trasporti e gli stoccaggi costituiscono soltanto il 3 per cento del PIL e l’agricoltura meno dell’1 per cento, sembra del tutto possibile che quest’anno soltanto 2 o 3 camionisti e neppure un singolo agricoltore pagheranno alcuna tassa patrimoniale.

Bugia Numero 3: la tassazione delle persone giuridiche che si trasferisce sulle persone fisiche [2] è un peso per le piccole imprese.

Gran parte delle imprese negli Stati Uniti, almeno per gli scopi fiscali, non sono quello che normalmente si intende per una società soggetta al pagamento delle tasse sui profitti. Sono piuttosto forme di collaborazione, possibili soltanto per le proprietà, e società di tipo S [3] i cui profitti sono semplicemente “trasferiti”: contabilizzati come parte del reddito personale dei loro proprietari e tassate di conseguenza.

Trump vuole cambiare, e consentire che i proprietari paghino semplicemente una tassa una tassa del 15/25 per cento sui profitti delle società “pass-through”, senza tasse ulteriori dovute. Questa viene pubblicizzata come una riduzione dell’onere sui proprietari delle piccole imprese che lavorano duramente.

Ma come spiega Tax Policy Center, molte famiglie di medio reddito che possiedono società “pass through” non gestiscono imprese; esse derivano generalmente soltanto una piccola quota del loro reddito da tali società giuridiche: piuttosto possono ricevere redditi occasionali dall’affitto di una casa per vacanze, o dalla vendita di piccole cose su eBay, che essi certificano come redditi di impresa.

I possessori di redditi elevati di tali società giuridiche, all’opposto, possono ricevere da esse grandi quantità di denaro, ma essi non sono persone di piccole imprese che fanno sacrifici: il gruppo degli alti redditi è composto da dottori, avvocati, consulenti, altri professionisti, e, alle estremità più elevate, da collaboratori degli ‘hedge fund’ o di altre imprese di investimenti.

E queste sono, naturalmente, le persone che guadagnerebbero massicciamente dalla proposta di Trump. La grande maggioranza degli americani sono in fasce di reddito fiscali del 15 per cento o meno, dunque, anche se controllano una società giuridica ‘pass-through’, gli sgravi fiscali di Trump per loro non hanno alcun valore:

zz 429

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli individui con alti redditi, tuttavia, guadagnerebbero molto pagando un 15/25 per cento, anziché le aliquote molto più alte che pagano al margine – in questo momento il 39,6 per cento. Ed essi avrebbero anche un forte incentivo a riorganizzare i loro affari in modo tale che una parte maggiore del loro reddito appaia nelle loro società ‘pass-through’. Non ci sarebbe creazione di piccole imprese e non si aggiungerebbero posti di lavoro: sarebbe soltanto elusione del fisco. È quello che è successo quando il Kansas ha provato qualcosa di simile, e ha giocato una grande ruolo nel disastro finanziario di quello Stato.

Dunque, non si tratta di uno sgravio fiscale sulle piccole imprese, è uno sgravio fiscale, sorpresa!, per le persone ricche.

Bugia Numero 4: il taglio alle tasse sui profitti è davvero un vantaggio per i lavoratori.

Nel migliore dei casi l’incidenza del fisco è un tema che provoca mal di testa, e la mia sensazione è che persino gli esperti di politica fiscale siano rimasti indietro nel riflettere su quel tema nei termini dei mercati globali dei capitali. Ma penso ci sia un modo per eliminare almeno in parte la confusione.

Si pensi a quello che accade quando si tagliano le tasse sui profitti delle società. L’impatto immediato è che quelle (diciamo così) società hanno più soldi. Perché dovrebbero spendere quei soldi aggiuntivi per assumere più lavoratori o aumentare i loro salari?

Certamente, non per la loro bontà – e non in risposta alle richieste dei lavoratori, perché di questi tempi nessuno si cura di cosa pensano i lavoratori.

Ora, esse potrebbero essere tentate di investire maggiormente, aumentando la domanda di lavoro e quindi elevando indirettamente i salari mentre competono per abbassare i profitti prima delle tasse. Ma in questo racconto ci sono un paio di importanti inconvenienti.

Il primo, molti dei profitti delle società non sono un rendimento del capitale fisico e non ci sarà competizione al ribasso se il capitale diventa più conveniente. Apple, Google, Microsoft ed altri derivano i loro profitti dai vantaggi della tecnologia, dal nome del marchio e dal potere sul mercato; tagliare le tasse su quei profitti lascia soltanto più soldi in mano ai proprietari.

In secondo luogo, per elevare i salari un taglio delle tasse deve elevare lo stock complessivo di capitale, il che significa che deve condurre ad una spesa più alta di investimenti. Da dove vengono quei soldi per tale aumento degli investimenti? Gli sgravi fiscali è improbabile che innalzino il risparmio nazionale.

Il denaro potrebbe venire dall’estero, attraverso i flussi dei capitali. Ma l’altra faccia di quei flussi di capitali sarebbe un deficit commerciale maggiore – e in ogni caso gestire deficit commerciali della dimensione richiesta è una cosa molto più problematica di quanto la gente sembra comprendere. Il dollaro si rivaluterebbe bruscamente – e la forza del dollaro di per sé scoraggerebbe investimenti stranieri, rallentando di molto il processo degli aumenti di salario.

Per un periodo prolungato – almeno cinque anni, forse molto di più – tagliare le tasse sui profitti è una buona soluzione per i proprietari delle società. Non altrettanto per i lavoratori.

Bugia Numero 5: rimpatriar i profitti dall’estero creerà posti di lavoro.

Per ragioni fiscali, le società detengono grandi quantità di denaro nei rifugi fiscali all’estero. Coloro che si propongono di tagliare le tasse argomentano sempre che aliquote più basse e/o un’amnistia riporterebbero in patria denaro e creerebbero grandi quantità di posti di lavoro.

Dunque, prima di tutto, in realtà non ci sono pile di contanti del genere di quelle di Scrooge o di Paperone nascoste all’estero, pronte ad essere messe al lavoro se gli uomini del fisco lo consentiranno. Queste contabilità estere sono solo degli espedienti, che hanno effetti reali molto modesti. Molte delle società con grandi scorte di denaro all’estero hanno anche grandi quantità di contante inutilizzato all’interno; quello che li trattiene dal portarli indietro è una mancanza di opportunità percepite, non flussi di cassa. E persino coloro che non hanno avanzo di contante possono facilmente prenderli a prestito a tassi di interesse ai minimi storici; si ricordi che essi possono sempre utilizzare il contante all’estero per assicurare i loro prestiti.

E in questo caso abbiamo solide prove empiriche. Nel 2004 gli Stati Uniti approvarono la Legge sugli Investimenti in Patria, che offriva una sospensione fiscale per il rimpatrio di profitti all’estero da parte delle multinazionali statunitensi. Uno studio scrupoloso dei suoi effetti ci dice che i rimpatri non portarono ad un aumento di investimenti nazionali, in occupazione e in Ricerca&Sviluppo – persino le imprese che fecero attività lobbistica per la sospensione del fisco che dichiararono queste intenzioni e le imprese che sembravano essere costrette da ragioni finanziarie. Invece, ad un dollaro di rimpatri corrispose un aumento di quasi un dollaro di pagamenti agli azionisti.

Bugia Numero 6: questi non sono tagli fiscali per i ricchi.

Trump dice che non è così, dunque punto e basta. Ma aspettate.

Per la verità, se si guarda ai dati forniti della Schema Unificato, le voci principali sono: (i) tagli nelle tasse delle società, (ii) sgravi fiscali nel settore delle ‘pass-through’; (iii) eliminazione delle tasse sul patrimonio; (iv) tagli sull’aliquota marginale più alta. Tutte queste favoriscono fortemente i redditi molto elevati – e tutto il resto sono piccoli cambiamenti. Da ciò la stima di Tax Policy Center:

zz 430

 

 

 

 

 

 

 

 

[4]

Gli addetti stampa e coloro che sostengono l’Amministrazione stanno accusando Tax Policy Center di pervenire a conclusioni senza adeguate informazioni; ma l’Amministrazione sta avanzando una gran quantità di giudizi su quello che provocherà il suo piano, in apparenza senza nessuna informazione in più di quelle del Centro. Inoltre, data l’impostazione generale del piano, non c’è alcuna possibilità che esso non si risolva in modo preponderante in un regalo per coloro che sono già ricchissimi.

Bugia Numero 7: è un grande sgravio fiscale per le classi medie.

Si torni alla Bugia Numero 6. Tutte le grandi misure vanno a beneficio dei ricchi, non delle classi medie. Quello che resta sono soprattutto modifiche minime – e alcune di esse, come la fine della deducibilità delle tasse degli Stati e locali ed altre deduzioni, effettivamente aumenta le tasse su una quota sostanziale di americani delle classi medie.

In totale, secondo il TPC, con il 2027 l’80 per cento degli sgravi fiscali va all’1 per cento dei più ricchi; soltanto il 12 per cento ai tre quintili intermedi.

Bugia Numero 8: non aumenterà il deficit.

Siamo seri: stiamo osservando grandi tagli nelle tasse sulle società, l’eliminazione delle tasse sui patrimoni, aliquote più basse sugli individui con redditi elevati, e una scappatoia per nuove elusioni del fisco. Come è possibile che tutto questo non aumenti il deficit del bilancio?

L’unica risposta sarebbe se la proposta fiscale eliminasse vasti varchi del complesso in essere di deduzioni fiscali, aumentando massicciamente la base dell’imponibile fiscale. Non è così. In questo caso, la sola cosa peraltro mediocremente piuttosto rilevante è la fine della deducibilità delle tasse degli Stati e delle comunità locali – e quella è già in guai politici assai grandi. Questo è un colpo al bilancio di molte migliaia di miliardi di dollari, a meno che non si voglia riportare a galla l’economa magica del profondo voodoo. Ma …

Bugia Numero 9: tagliare le tasse darà un nuovo impulso ad una crescita rapida.

L’insistenza sul potere magico degli sgravi fiscali è la bugia zombie decisiva del dibattito politico statunitense: nessuno può sopprimerla. E sappiamo perché: c’è una grande quantità di soldi dietro l’idea che accadranno grandi cose se si tagliano le tasse ai finanziatori della politica. È difficile ottenere che un uomo capisca una qualunque cosa, quando il suo salario dipende dal non capirla.

Eppure, per memoria: Reagan tagliò le tasse, e sebbene la sua Amministrazione cominciò con una terribile recessione, ci fu successivamente una rapida ripresa. Alcuni di noi pensano che Paul Volcker abbia avuto a che fare sia con la recessione che con la ripresa molto di più di tutto quello che proveniva dalla Casa Bianca; ma in ogni caso abbiamo maggiori testimonianze.

Perché Bill Clinton alzò le tasse, in mezzo agli strepiti della destra secondo i quali avrebbe distrutto l’economia. Invece egli fu Presidente nel corso di una espansione che superò Reagan da ogni punto di vista. Per quello che può valere, io non penso che quella espansione fosse opera di Clinton. Ma egli certamente confutò l’idea che tagliare le tasse sia necessario e sufficiente per la prosperità. Poi Bush figlio tagliò le tasse, e ci fu molta esaltazione per il “boom di Bush”. Quello che effettivamente avemmo fu una ripresa fiacca, seguita da un tracollo epico.

Infine, Obama ereditò le conseguenze di quel tracollo, e nonostante l’opposizione da terra bruciata dei repubblicani, l’economia gradualmente recuperò il suo passo. Poi nel 2013 Obama anzitutto alzò le tasse in modo sostanziale, poi mese in pratica la Legge sulla Assistenza Sostenibile, ancora nel mezzo di strepiti sul disastro da parte della destra. L’economia reagì bene.

Infine, ci sono stati i recenti esperimenti al livello degli Stati. Sam Brownback ha tagliato le tasse nel Kansas, promettendo un miracolo economico; tutto quello che ha ottenuto è stata una crisi delle finanze pubbliche. Jerry Brown ha elevato le tasse in California, in mezzo – come vi potete immaginare – a previsioni di disastro; l’economia ha fatto un salto, e il principale problema è una mancanza di alloggi [5].

In questa storia non c’è niente, assolutamente niente, che porterebbe una persona non dogmatica a credere che il piano fiscale di Trump possa provocare una crescita spettacolarmente accelerata.

Bugia Numero 10: gli sgravi fiscali si ripagheranno da soli.

Se gli sgravi fiscali non generano un miracolo economico, è difficile che essi generino una crescita delle entrate che rimedi ad aliquote più basse. È vero, un po’ di soldi nascosti possono saltar fuori e mettere in evidenza un reddito tassabile, anche se il PIL non cresce. Ma storicamente questo effetto non è stato da nessuna parte abbastanza grande da bilanciare le perdite dirette derivanti da tasse più basse. Gli sgravi fiscali di Reagan portarono ai deficit, i rialzi delle tasse di Clinton ai surplus; Jerry Brown ha governato una rivitalizzazione della finanza pubblica della California, Sam Brownback una crisi della finanza pubblica che alla fine ha indotto i legislatori a decidere contro di lui e ad alzare nuovamente le tasse.

Dunque siamo a questo punto: dieci grandi bugie sugli sgravi fiscali. Effettivamente, un quadro abbastanza esauriente – e come ho detto, probabilmente ne ho dimenticati alcuni, e/o Trump ne inventerà di nuovi. Ma spero che alla fine questo diventi un riferimento utile.

 

 

 

[1] La Tabella spiega che quest’anno soltanto 50 piccole imprese pagheranno una tassa patrimoniale. Si tratterà di 5.200 patrimoni sui 2 milioni e 700 mila patrimoni della nazione, pari allo 0,2 per cento del totale. La ragione di tale percentuale minuscola è che con il tempo i patrimoni di valore piccolo e medio sono stati esentati.

[2] Una “pass-through entity” (oppure “flow-through entity”) è una persona giuridica nella quale il reddito fluisce agli investitori o ai proprietari, che dunque pagano le tasse in una unica soluzione e non distintamente come persone fisiche e come società.

[3] È una categoria della legislazione fiscale americana.

[4] La tabella mostra le previsioni del Tax Policy Center sugli effetti del piano di Trump per il prossimo anno e per la fine del prossimo decennio. Come si vede per i redditi bassi e medi (i primi sei quintili) le differenze saranno minime, inferiori all’1 per cento (quando non saranno negative, nel corso del decennio), mentre per i redditi più elevati – in particolare per l’1 per cento dei più ricchi – ci saranno modifiche favorevoli dell’ordine del 10 per cento.

[5] Sam Brownback è il Governatore repubblicano del Kansas: convintissimo sostenitore dell’idea del cosiddetto “trickle-down” – ovvero degli effetti a cascata degli sgravi fiscali sui più ricchi – alla fine è stato contraddetto da parte dei suoi stessi colleghi di Partito, quando lo Stato è finito in una aperta crisi finanziaria. Jerry Brown è invece Governatore democratico della California; partita da condizioni molto problematiche, la California è poi entrata in una tendenza assai positiva.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"