Altri Economisti » Selezione della Settimana

Déjà Voodoo, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 4 ottobre 2017)

 

Oct 4, 2017

 

Déjà Voodoo

JOSEPH E. STIGLITZ

zz 378

NEW YORK – Having failed to “repeal and replace” the 2010 Affordable Care Act (“Obamacare”), US President Donald Trump’s administration and the Republican congressional majority have now moved on to tax reform. Eight months after assuming office, the administration has been able to offer only an outline of what it has in mind. But what we know is enough to feel a deep sense of alarm.

Tax policy should reflect a country’s values and address its problems. And today, the United States – and much of the world – confronts four central problems: widening income inequality, growing job insecurity, climate change, and anemic productivity growth. America faces, in addition, the need to rebuild its decaying infrastructure and strengthen its underperforming primary and secondary education system.

But what Trump and the Republicans are offering in response to these challenges is a tax plan that provides the overwhelming share of benefits not to the middle class – a large proportion of which may actually pay more taxes – but to America’s millionaires and billionaires. If inequality was a problem before, enacting the Republicans’ proposed tax reform will make it much worse.

Corporations and businesses will be among the big beneficiaries, a bias justified on the grounds that this will stimulate the economy. But Republicans, of all people, should understand that incentives matter: it would be far better to reduce taxes for those companies that invest in America and create jobs, and increase taxes for those that don’t.1

After all, it is not as if America’s large corporations were starved for cash; they are sitting on a couple of trillion dollars. And the lack of investment is not because profits, either before or after tax, are too low; after-tax corporate profits as a share of GDP have almost tripled in the last 30 years.

Indeed, with incremental investment largely financed by debt, and interest payments being tax-deductible, the corporate tax lowers the cost of capital and the returns to investment commensurately. Thus, neither theory nor evidence suggests that the Republicans’ proposed corporate tax giveaway will increase investment or employment.

The Republicans also dream of a territorial tax system, whereby American corporations are taxed only on the income they generate in the US. But this would only reduce revenue and further encourage American companies to shift production to low-tax jurisdictions. A race to the bottom on corporate taxation can be prevented only by imposing a minimum rate on any corporation that engages in business in the US.

America’s states and municipalities are responsible for education and large parts of the country’s health and welfare system. And state income taxes are the best way to introduce a modicum of progressivity at the subnational level: states without an income tax typically rely on regressive sales taxes, which impose a heavy burden on the poor and working people. It is thus perhaps no surprise that the Trump administration, staffed by plutocrats who are indifferent to inequality, should want to eliminate the deductibility of state income taxes from federal taxation, encouraging states to shift toward sales taxes.

Addressing the panoply of other problems confronting the US will require more federal revenues, not less. Increases in standards of living, for example, are the result of technological innovation, which in turn depends on basic research. But federal government support of research as a percentage of GDP is now at a level comparable to what it was 60 years ago.

While Trump the candidate criticized the growth of US national debt, he now proposes tax cuts that would add trillions to the debt in just the next ten years – not the “only” $1.5 trillion that Republicans claim would be added, thanks to some growth miracle that leads to more tax revenues. Yet the key lesson of Ronald Reagan’s “voodoo” supply-side economics has not changed: tax cuts like these do not lead to faster growth, but only to lower revenues.

This is especially so now, when the unemployment rate is just over 4%. Any significant increase to aggregate demand would be met by a corresponding increase in interest rates. The “economic mix” of the economy would thus shift away from investment; and growth, already anemic, would slow.

An alternative framework would increase revenues and boost growth. It would include real corporate-tax reform, eliminating the tricks that allow some of the world’s largest companies to pay miniscule taxes, in some cases far less than 5% of their profits, giving them an unfair advantage over small local businesses. It would establish a minimum tax and eliminate the special treatment of capital gains and dividends, compelling the very rich to pay at least the same percentage of their income in taxes as other citizens. And it would introduce a carbon tax, to help accelerate the transition to a green economy.1

Tax policy can also be used to shape the economy. In addition to offering benefits to those who invest, carry out research, and create jobs, higher taxes on land and real-estate speculation would redirect capital toward productivity-enhancing spending – the key to long-term improvement in living standards.

An administration of plutocrats – most of whom gained their wealth from rent-seeking activities, rather than from productive entrepreneurship – could be expected to reward themselves. But the Republicans’ proposed tax reform is a bigger gift to corporations and the ultra-rich than most had anticipated. It avoids necessary reforms and would leave the country with a mountain of debt; the consequences – low investment, stalled productivity growth, and yawning inequality – would take decades to undo.

Trump assumed office promising to “drain the swamp” in Washington, DC. Instead, the swamp has grown wider and deeper. With the Republicans’ proposed tax reform, it threatens to engulf the US economy.

 

Déjà Voodoo

 

JOSEPH E. STIGLITZ

NEW YORK – Non essendo riuscito ad “abrogare e sostituire” la Legge sulla Assistenza Sostenibile del 2010 (“Obamacare”), la Amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la maggioranza repubblicana al Congresso si sono adesso spostate sulla riforma fiscale. Otto mesi dopo essere entrata in carica, la Amministrazione è stata capace soltanto di offrire un abbozzo di quello che ha in mente. Ma ne sappiamo abbastanza per provare una profonda sensazione di allarme.

La politica fiscale dovrebbe riflettere i valori di un paese ed affrontare i suoi problemi. E al giorno d’oggi, gli Stati Uniti – e gran parte del mondo – si misurano con quattro problemi centrali: l’ampliamento delle ineguaglianze nei redditi, la crescente insicurezza dei posti di lavoro, il cambiamento climatico e l’anemica crescita della produttività. In aggiunta, l’America si misura col bisogno di ricostruire le sue decadenti infrastrutture e di rafforzare il suo scadente sistema della istruzione primaria e secondaria.

Ma quello che Trump ed i repubblicani stanno offrendo in risposta a queste sfide è un progetto fiscale che consegna una quota schiacciante dei benefici non alla classe media – un’ampia quota della quale paga effettivamente maggiori tasse – ma ai milionari ed ai miliardari d’America. Se l’ineguaglianza era un problema in precedenza, mettere in atto la riforma fiscale proposta renderà le cose molto peggiori.

Le società e le imprese saranno tra i grandi beneficiari, un favore giustificato dall’assunto che questo stimolerà l’economia. Ma i repubblicani, più degli altri dovrebbero capire che gli incentivi sono importanti: sarebbe assai meglio ridurre le tasse per quelle società che investono in America e creano posti di lavoro, e aumentarle per quelle che non lo fanno.

Dopo tutto, le grandi società americane non sono alla fame di contante; se ne stanno comode sopra un paio di migliaia di miliardi di dollari. E la mancanza di investimenti non dipende dal fatto che i profitti, sia prima che dopo le tasse, sono troppo bassi; i profitti dopo le tasse come quota del PIL sono quasi triplicati negli ultimi trent’anni.

Infatti, con investimenti marginali ampiamenti finanziati dal debito, e con i pagamenti degli interessi che sono deducibili dalle tasse, la tassazione delle società abbassa il costo del capitale e, in modo proporzionale, i rendimenti degli investimenti. Quindi, nessuna teoria né prova indica che il regalo sulle tasse di impresa proposto dai repubblicani aumenterà gli investimenti o l’occupazione.

I repubblicani fantasticano anche di un sistema fiscale territoriale, per mezzo del quale le società americane sono tassate solo sul reddito che producono negli Stati Uniti. Ma questo soltanto ridurrebbe le entrate e incoraggerebbe ulteriormente le società americane a spostare la produzione verso le giurisdizioni con basse tasse. Una corsa al ribasso sulle tasse societarie può essere impedita soltanto imponendo una aliquota minima su ogni società che si impegna nelle imprese negli Stati Uniti.

Gli Stati e le municipalità americane sono responsabili dell’istruzione e per una buona parte del sistema sanitario e assistenziale del paese. E le tasse sui redditi degli Stati sono il modo migliore per introdurre un minimo di progressività al livello subnazionale: gli Stati senza una tassa sui redditi tipicamente si basano su una tassazione sulle vendite regressiva, che impone un onere pesante sui poveri e sulle persone che lavorano. Quindi forse non è una sorpresa che l’Amministrazione Trump, riempita di plutocrati che sono indifferenti all’ineguaglianza, pare intenda eliminare la deducibilità delle tasse statali sui redditi dalla tassazione federale, incoraggiando gli Stati a spostarsi verso le tasse sulle vendite.

Affrontare l’assortimento completo degli altri problemi che impegnano gli Stati Uniti, richiederà maggiori entrate federali, non certo minori. I miglioramenti nei livelli di vita, ad esempio, sono il risultato dell’innovazione tecnologica, che a sua volta dipende dalla ricerca di base. Ma il sostegno federale alla ricerca come percentuale del PIL è oggi a un livello paragonabile a quello di 60 anni fa.

Mentre il candidato Trump aveva criticato la crescita del debito nazionale statunitense, ora propone sgravi fiscali che aggiungerebbero migliaia di miliardi al debito solo nei prossimi dieci anni – non i “soli” 1.500 miliardi di dollari che i repubblicani sostengono che sarebbero aumentati, grazie ad una sorta di crescita miracolosa che comporterà maggiori entrate dal fisco. Tuttavia la lezione principale dell’economia “voodoo” dal lato dell’offerta di Ronald Reagan non è cambiata: tagli al fisco come questi non portano ad una crescita più veloce, ma soltanto a entrate più basse.

È particolarmente così oggi, quando il tasso di disoccupazione è appena sopra il 4%. Ogni aumento significativo della domanda aggregata sarebbe corrisposto da un pari incremento dei tassi di interesse. Il “mix economico” dell’economia si allontanerebbe quindi dagli investimenti e la crescita, già anemica, rallenterebbe.

Un modello alternativo aumenterebbe le entrate e incoraggerebbe la crescita. Esso comprenderebbe una vera riforma della tassazione sulle società, eliminando i trucchi che permettono ad alcune delle più grandi società al mondo di pagare tasse minuscole, in alcuni casi assai meno del 5% dei loro profitti, dando ad esse un ingiusto vantaggio rispetto alle piccole imprese locali. In tal modo si stabilirebbe una tassazione minima e si eliminerebbe lo speciale trattamento dei guadagni da capitale e dei dividendi, costringendo coloro che sono molto ricchi almeno a pagare sui loro redditi la stessa percentuale in tasse degli altri cittadini. E si introdurrebbe una tassa sul carbone, per contribuire ad accelerare l’economia verde.

La politica fiscale può anche essere utilizzata per dare forma all’economia. Oltre ad offrire benefici a coloro che investono, che effettuano ricerche e creano posti di lavoro, tasse più elevate sui terreni e sulla speculazione sui patrimoni immobiliari reindirizzerebbero il capitale verso una spesa che aumenta la produttività – la chiave per un miglioramento nel lungo termine di livelli di vita.

Ci si poteva aspettare che una Amministrazione di plutocrati – molti dei quali hanno guadagnato le loro ricchezze da attività di ricerca di rendite, piuttosto che da imprenditorialità produttiva – premiasse sé stessa. Ma la riforma fiscale proposta dai repubblicani è una regalo alle società e ai super ricchi più grande di quello che la maggioranza aveva previsto. Esso evita le riforme necessarie e lascerebbe il paese con una montagna di debiti; ci vorrebbero decenni per smontarne le conseguenze, in termini di bassi investimenti, di crescita stagnante della produttività e di aperta ineguaglianza.

Trump assunse la carica promettendo di “prosciugare la palude” a Washington, DC. Invece la palude sta aumentando in ampiezza e profondità. Con la riforma fiscale proposta dai repubblicani, essa minaccia di inghiottire l’economia degli Stati Uniti.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"