Altri Economisti » Selezione della Settimana

Cosa ci dice della nostra classe dirigente di governo il fatto di ignorare l’Irlanda, di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Macro, 12 novembre 2017)

 

Sunday, 12 November 2017

What ignoring Ireland tells you about our governing elite

Simon Wren-Lewis

zz-228

The hapless progress of the Brexit negotiations continues. I do not mean the almost childish nonsense of May’s new wheeze. Instead I’m talking about the Irish border. It seems, if you read most of the UK press, that out of the blue this new obstacle has been sprung on the UK at the last minute. Some of the press talk about surprise, while the Guardian talks about it ‘emerging’. Some have even decided to cover up their ignorance by inventing conspiracy theories. With political commentary in the UK largely reflecting the beliefs of the UK side, then this also means that this surprise extends to our negotiating team.

In reality there is nothing to be surprised about. The Irish border was one of the three issues to be dealt with in the first stage. As the UK government has consistently said they are leaving the Customs Union and Single Market (CU/SM), and have failed to convince even themselves that they can invent a new magically invisible border that can police countries that have different customs and regulatory regimes, it was only natural that an EU paper would suggest that Northern Ireland stay in the CU/SM to avoid a hard land border.

So why did the UK, and its media, seem to forget about this third issue, when even I had flagged it up as the critical issue a couple of months ago. What I think happened is that the Brexit side convinced itself that, because a hard border would only arise as a result of different trade regimes, then the border was really a trade issue and so should be in stage 2. In other words the EU had simply made a mistake in putting it in Stage 1, and would therefore quietly forget about it.

That reasoning was part wishful thinking and part delusion. Wishful thinking because, as I wrote back in September, it is a problem with no obvious solution that Brexiteers would accept. And delusion because the UK side continues to imagine that the EU is governed by Franco/German interests, and why would these countries be concerned about what happens in Ireland. What it completely failed to understand, and what the EU had understood, was the importance of the border issue to the people on both sides of it. It was an important reason why Northern Ireland voted to Remain.

But I wonder if there is something deeper behind the UK attitude. For too many people in England, the ‘troubles’ in Ireland were a quarrel in a strange country between people of whom we know little, to paraphrase Neville Chamberlain. As a result, there is little comprehension of why a hard border should be such a big deal. You would think memories of bombs going off in England’s cities would change that, but I’m not sure it did, anymore than more recent terrorism has led to a better understanding among English people of tensions within Islam. In contrast, most people in Northern Ireland would move heaven and earth not to go back to those times.

Even while all this might be true, it is no excuse for the same attitudes to be held by our political leaders. John Major knew better than this, as did Tony Blair. Only the arrogant disdain for different realities displayed by Brexiteers can explain a mistake of the magnitude of ignoring the border issue. I suspect any politician that lied the way the Brexiteers lie, or lived in the alternative reality they appear to live in, would not have survived long in UK politics two decades ago, whereas now it has become a criteria for holding high office.

At the end of the day there is little difference between Brexiteers who tell people that new trade deals with countries outside the EU can make up for trade lost with the EU, and Republicans who say scrapping Obamacare will extend coverage and their tax bill reduces taxes for most people. In both countries when the ability to gain office is determined by how well you can fire up or charm a base, because a large part of the media will then assure you have a good chance of winning elections, is it any wonder the political system fails to select for competence, understanding or respect for wisdom and knowledge.

There is a simple solution to the problem of the border. It is for the UK side to commit to only negotiate new trade arrangements that would be consistent with a soft border. [1] That would mean staying in the Customs Union and parts of the Single Market, but it could leave open the possibility of negotiating over the remaining parts of the Single market and perhaps free movement. Anyone who tells you that this concession by the UK side does not respect the referendum result is once again lying: Leave won precisely because they ruled no arrangement out. Any red lines erected after the referendum carry as much weight as the Prime Minister currently has authority.

Already we have many people in the UK saying why should we adapt our policies to keep the people of Ireland happy. This is the Chamberlain type attitude that I talked about earlier. The Irish border is at least as much our creation and our concern as it is of anyone else. Maintaining peace within the UK should be any government’s top priority. The fact that it has failed to make it onto Brexiteers to do list tells you as much about their outlook and competence as you need to know.

 

[1] Whether the UK will be forced to take this position I do not know. I stand by what I wrote recently that there will almost certainly be a deal, one element of which will be a transition where we stay in the EU/SM. Indeed I understated my case there. First, there can be no such thing as no deal. As Davis has explained, there are things that have to be sorted to keep planes flying and the like. He hasdescribed this as “some sort of basic deal without the bits we really want”. What that remark shows is that the ‘no deal is better than a bad deal’ line is simply a bluff and he knows it. The bad deal is no deal. And finally there is parliament. I know it has been pathetic until now, but that does not mean it would sign off on the worst possible kind of Brexit. But what the border issue will most likely show is that it is unlikely we will get to a deal involving transition without cabinet resignations.

 

Cosa ci dice della nostra classe dirigente di governo il fatto di ignorare l’Irlanda,

di Simon Wren-Lewis

L’improvvido avanzamento dei negoziati della Brexit continua. Non intendo la quasi infantile insensatezza della nuova trovata della May. Sto piuttosto parlando del confine irlandese. Sembra, se si legge gran parte della stampa del Regno Unito, che di punto in bianco, all’ultimo momento, sia saltato fuori questo nuovo ostacolo. Una parte della stampa parla di sorpresa, mentre il Guardian lo definisce “emergente”. Alcuni hanno persino deciso di coprire la loro ignoranza inventandosi teorie cospirative. Poi, con i commenti politici nel Regno Unito che riflettono ampiamente i convincimenti della parte britannica, questo significa anche che questa sorpresa si estende alla nostra squadra di negoziatori.

In realtà non c’è niente di cui essere sorpresi. Il confine irlandese era uno dei tre temi con i quali misurarsi sin dall’inizio. Dato che il Governo del Regno Unito ha coerentemente affermato che stanno lasciando l’Unione Doganale e il Mercato Unico (CU/SM), e non sono stati capaci di convincere neppure se stessi che possano inventarsi un nuovo confine magicamente invisibile che possa sorvegliare paesi che hanno differenti dogane e regimi regolamentari, è stato solo naturale che un documento dell’Unione Europea suggerisse che l’Irlanda del Nord resti nel CU/SM, allo scopo di evitare un confine territoriale gestito rigidamente [1].

Perché dunque il Regno Unito, e i suoi media, sembrano aver dimanticato questo terzo tema, quando persino io l’avevo evidenziato come una questione critica un paio di mesi orsono? Quello che penso sia successo è che lo schieramento della Brexit si era convinto che, poiché un confine a gestione rigida sarebbe solo comparso come conseguenza di diversi regimi commerciali, allora il confine era realmente un problema del commercio e sarebbe rientrato nella seconda fase.

Questo ragionamento in parte era un pensiero ottimistico e in parte una illusione. Ottimismo, come scrissi nel settembre scorso, perché è un problema senza alcuna soluzione evidente accettabile dai sostenitori della Brexit. E illusorio, perché la parte del Regno Unito continua a immaginarsi che l’Unione Europea sia governata dagli interessi franco-tedeschi, e perché mai questi paesi dovrebbero proccuparsi di quello che accade in Irlanda? Quello che non sono riusciti assolutamente a capire, e che la UE ha capito, è stata l’importanza del tema del confine per la gente che vive in tutti e due i versanti. Era stata una importante ragione per la quale l’Irlanda del Nord aveva votato per restare.

Ma suppongo ci sia qualcosa di più profondo dietro l’atteggiamento del Regnop Unito. Per parafrasare Neville Chamberlain, per troppe persone in Inghilterra i ‘guai’ con l’Irlanda erano un bisticcio in uno strano paese, tra persone delle quali noi sappiamo poco. Di conseguenza, c’è poca comprensione delle ragioni per le quali un confine gestito rigidamente dovrebbe essere una faccenda così seria. Pensereste che i ricordi delle bombe esplose nelle città inglesi avrebbero modificato quel giudizio, ma io non ne sono sicuro, non più di quanto il più recente terrorismo abbia portato ad una migliore comprensione tra gli inglesi delle tensioni all’interno dell’Islam. All’opposto, la maggioranza delle persone nell’Irlanda del Nord smuoverebbero mari e monti per non tornare a quei tempi.

Anche se tutto questo potrebbe essere vero, non è una giustificazione perché lo stesso atteggiamento sia tenuto dai nostri leader politici. John Major era più consapevole, al pari di Tony Blair. Soltanto il disprezzo arrogante per le diversità mostrato dai sostenitori della Brexit può spiegare un errore di dimensioni tali da ignorare il tema del confine. Sospetto che ogni politico che abbia mentito come mentono i sostenitori della Brexit, o sia vissuto nella realtà alternativa nella quale loro sembrano vivere, non sarebbe sopravvissuto a lungo nella politica del Regno Unito di due decenni orsono, mentre adesso è diventato un criterio per detenere elevati incarichi.

Alla fin fine c’è poca differenza tra i sostenitori della Brexit che dicono alla gente che nuovi accordi commerciali con paesi al di fuori dell’Unione Europea possono compensare i commerci perduti con l’Unione Europea, e i repubblicani che dicono che rottamare la riforma sanitaria di Obama allargherà la copertura assistenziale e che la loro proposta di legge sul fisco riduce le tasse per la maggioranza delle persone. In ambedue i paesi, quando l’abilità nell’ottenere cariche è determinata da quanto si può infiammare o accattivare la base, perché a quel punto una larga parte di media vi garantisce di avere buone possibilità di vincere le elezioni, non c’è alcuna meraviglia che il sistema politico non riesca a selezionare sulla base della competenza, della comprensione o del rispetto per la saggezza e la conoscenza.

C’è una soluzione semplice al problema del confine. Da parte del Regno Unito ci si dovrebbe impegnare soltanto a negoziare nuove intese commerciali che siano coerenti con un confine gestito in forma attenuata (1). Questo comporterebbe restare nell’Unione Doganale e in aspetti del Mercato Unico, ma lascerebbe aperta la possibilità di negoziare sulle parti rimanenti del Mercato Unico e forse dei liberi movimenti. Chiunque vi dica che questa concessione da parte del Regno Unito non rispetta il risultato del referendum sta ancora una volta mentendo: i sostenitori dell’uscita hanno vinto precisamente perché non hanno regolamentato alcuna soluzione. Ogni linea rossa eretta dopo il referendum ha lo stesso peso della attuale autorità del Primo Ministro.

Abbiamo già molte persone nel Regno Unito che dicono che dovremmo adattare le nostre politiche per far contento il popolo irlandese. È questa la tendenza del genere di quella di Chamberlain della quale parlavo in precedenza. Il confine irlandese è almeno una nostra creazione e una nostra preoccupazione di quanto non lo sia per chiunque altro. Mantenere la pace all’interno del Regno Unito dovrebbe essere la massima priorità di ogni governo. Il fatto che non si sia riusciti a inserirlo nella lista delle cose da fare dei sostenitori della Brexit ci dice quanto basta della loro mentalità e della loro competenza.

 

1 – Io non so se il Regno Unito sarà costretto a prendere questa soluzione. Mi riferisco a quanto ho scritto di recente che quasi certamente ci sarà un accordo, un elemento del quale sarà una transizione per la quale resteremo nell’Unione Doganale/Mercato Unico. In effetti, in quel caso sminuivo la mia tesi. Prima di tutto, ci potrebbe essere qualcosa come nessun accordo. Come ha spiegato Davis, ci sono cose che si devono fare come continuare a far volare gli aerei e simili. Egli ha descritto questo come “una specie di accordo di base senza gli aspetti minori che vogliamo davvero”. Quello che tale osservazione dimostra è che la posizione secondo la quale ‘nessun accordo è meglio di un cattivo accordo’ è un bluff e lui lo sa. Il cattivo accordo è nessun accordo. E infine c’è il Parlamento. So che sinora è stato patetico, ma non significa che esso approverebbe una Brexit la peggiore possibile. Ma quello che il tema del confine più probabilmente dimostrerà è che è improbabile che si abbia un accordo che include una transizione senza le dimissioni del Gabinetto.

 

 

 

 

[/ezcol_1half_end]

[1] La questione mi pare la seguente: l’Irlanda è un paese autonomo che come è noto non dipende dagli esiti del referendum della Brexit, che non lo ha riguardato. Tra l’Irlanda e l’Irlanda del Nord – che è invece una nazione/regione del Regno Unito, pari ad un sesto del complessivo territorio irlandese – esiste un confine definito “porous”, ovvero facilmente attraversabile senza particolari procedure, gestito senza eccessive formalità e regole. Ma questo è stato possibile sinora, perché le due componenti dell’isola irlandese erano entrambe parte dell’Unione Doganale e del Mercato unico europeo. Separandosi per effetto della Brexit, l’Irlanda del Nord entrerebbe in una diversa situazione, appartenendo al regime doganale e di mercato del Regno Unito; non si potrebbe dunque mantenere un confine con l’Irlanda gestito ‘leggermente’, occorrerebbe un confine vero e proprio.

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"