Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il complotto contro il 99 per cento degli americani, di Nouriel Roubini (da Economonitor, 6 novembre 2017)

 

Nov 6, 2017

 

The plot against America’s 99% 

NOURIEL ROUBINI

 

zz 442

NEW YORK – After multiple failed attempts to “repeal and replace” the 2010 Affordable Care Act (Obamacare), US President Donald Trump’s administration now hopes to achieve its first legislative victory with a massive tax giveaway that it has wrapped in the language of “tax reform.” To that end, Republicans in the US Congress have just unveiled a bill that, if enacted, could vastly widen the deficit and increase the public debt by as much as $4 trillion over the next decade.

 

Worse still, the Republican plan is designed to funnel most of the benefits to the rich. It would lower the corporate tax rate from 35% to 20%, reduce the tax on capital gains (investment profits), eliminate the estate tax, and introduce other changes that benefit the wealthy.

Like the Republicans’ health-care proposals, their tax plan offers little to struggling middle- and working-class households. Trump continues to govern as a pluto-populist – a plutocrat pretending to be a populist – who has not hesitated to betray the people he conned into voting for him.

Before releasing the current plan, congressional Republicans passed resolutions to reduce taxes by $1.5 trillion over the next decade. But the actual tax cut will likely be much larger. The proposal to lower the corporate tax rate to 20%, for example, implies a $2.5 trillion tax cut, once other tax cuts in the plan are considered. To keep the tax cuts below $1.5 trillion, one would have to keep the corporate rate at or above 28% and broaden the tax base.

To make up for this difference, the bill proposes a cap on the mortgage-interest deduction for homeowners, and on the deductibility of property tax, as well as eliminating other tax benefits for the middle class. It would eliminate or cap the income-tax deduction for state and local taxes – again, squeezing the middle class to cover tax cuts for the rich.

The problem is that eliminating the state and local tax deduction would provide just $1.3 trillion in revenue over the next decade. And because this change would hurt middle-income families, many Republicans in high-tax states such as New York, New Jersey, and California will oppose it. If congressional Republicans and the Trump administration end up keeping the state and local tax deduction, their tax cuts will add $3.8 trillion to the public debt over the next decade.

Moreover, Republicans want their tax cuts to be permanent. Yet they are trying to enact their bill through the congressional budget reconciliation process, which requires any tax cuts that add to the deficit after ten years to be temporary. Even if the Republican plan really did keep the cuts at $1.5 trillion, it still would not comply with this rule.

Trump and congressional Republicans argue that tax cuts will boost economic growth, and thus revenues. But standard dynamic scoring models show that increased growth would offset the cost by only one third, at most: the US would face $1 trillion, rather than $1.5 trillion, in lost revenues.

So, how will the Republicans fudge these fiscal rules? For starters, like President George W. Bush’s administration, they will set the personal income tax cuts to expire after ten years. This will give them plenty of time to enjoy the political gains of tax cuts – starting with the midterm elections in 2018 – long before the bill comes due.

But corporate tax cuts are another matter, because making them temporary would defeat the purpose. Companies operate with a much longer time horizon than households, and are unlikely to boost investment in response to cuts that last only ten years.

To get around this problem, Trump and the Republicans might decide to bend or manipulate congressional rules. Or they might rely on unorthodox and untested economic models to claim that their cuts actually are revenue-neutral, and will have a much larger impact on growth than what standard models project.

Most mainstream economists would estimate that a tax cut of the size being proposed would increase US potential growth by 20 basis points, at most, taking the growth rate from around 2% to 2.2% over time. Yet Trump and his advisers have clung to the false claim that growth will increase to 3% or even 4%.

If this far-fetched projection sounds like voodoo economics all over again, that’s because it is. Voodoo economics came into parlance in the 1980 presidential election, when George H. W. Bush criticized Ronald Reagan for claiming that his planned tax cuts would pay for themselves. Bush was vindicated just a few years later, when the Reagan administration’s tax cuts blew a huge hole in US public finances.

And yet Republican administrations have persisted in pursuing unsustainable and undesirable tax cuts benefiting primarily the rich, leading to ever-larger deficits and trillions of dollars of additional public debt. The Republicans’ eagerness to pass reckless tax cuts once in power gives the lie to their claims of fiscal rectitude.

Making matters worse, America’s pluto-populist president is peddling a tax plan that will further increase economic inequality at a time when income and wealth gaps are already widening, owing to the effects of globalization, trade, migration, new labor-saving technologies, and market consolidation in many sectors.

Given that the rich tend to save more than middle- and working-class people, who must spend a larger proportion of their incomes on basic necessities, the Trump tax plan will do little for economic growth; it may even decrease it. And it will add far more to the US’s excessively high public-debt burden. It is fake reform, brought to us by an alt-fact administration and a party that has lost its economic bearings.

 

Il complotto contro il 99 per cento degli americani,

di Nouriel Roubini

NEW YORK – Dopo molteplici tentativi falliti di “abrogare e sostituire” la Legge sulla Assistenza Sostenibile del 2010 (Obamacare), la Amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump adesso spera di realizzare la sua prima vittoria legislativa con un massiccio regalo fiscale che è stato confezionato nella espressione “riforma delle tasse”. A questo fine, i repubblicani degli Stati Uniti hanno appena reso nota una proposta di legge che, se venisse approvata, potrebbe enormemente ampliare il deficit e aumentare il debito pubblico di una somma pari a 4 mila miliardi di dollari nel prossimo decennio.

Peggio ancora, il piano repubblicano è indirizzato a incanalare gran parte dei benefici ai ricchi. Abbasserebbe l’aliquota fiscale sulle società dal 35% al 20%, ridurrebbe le tasse sui profitti del capitale (profitti sugli investimenti), eliminerebbe la tassazione sul patrimonio e introdurrebbe altre modifiche a vantaggio dei ricchi.

Come le proposte in materia di assistenza sanitaria dei repubblicani, il loro piano fiscale darebbe una miseria alle famiglie della classe media e dei lavoratori in difficoltà. Trump continua a governare come un pluto-populista – un plutocrate che finge di essere un populista – che non ha esitazioni nel tradire la gente che ha ingannato a votarlo.

Prima di rendere pubblico il piano attuale, i repubblicani del Congresso hanno approvato risoluzioni per ridurre le tasse di 1.500 miliardi di dollari nel prossimo decennio. Ma l’attuale taglio fiscale sarà probabilmente molto più ampio. La proposta di abbassare l’aliquota fiscale sulle società al 20 per cento, ad esempio, comporta un taglio fiscale di 2.500 miliardi di dollari, una volta che si considerano altri sgravi fiscali del piano. Per mantenere gli sgravi fiscali al di sotto dei 1.500 miliardi di dollari, si dovrebbe mantenere l’aliquota fiscale a oppure al di sopra il 28 per cento, e allargare la base fiscale.

Per realizzare questa differenza, la proposta di legge propone un tetto sulla deducibilità degli interessi sui mutui per i proprietari di case nonché sulla deducibilità della tassa sui patrimoni, così come l’eliminazione di altri benefici fiscali per le classi medie. Essa eliminerebbe o metterebbe un tetto alla deducibilità delle tasse su reddito a favore degli Stati e delle comunità locali – di nuovo, strizzando le classi medie per dare copertura agli sgravi fiscali per i ricchi.

Il problema è che l’eliminazione della deducibilità delle tasse degli Stati e delle comunità locali fornirebbe soltanto 1.300 miliardi di entrate nel prossimo decennio. E poiché questa modifica colpirebbe le famiglie di medio reddito, molti repubblicani che vengono da Stati a tassazione elevata come New York, il New Jersey e la California si opporranno. Se i repubblicani del Congresso e la Amministrazione Trump finiranno col mantenere la deducibilità delle tasse degli Stati e delle comunità locali, i loro sgravi fiscali aggiungeranno 3.800 miliardi al debito pubblico del prossimo decennio.

Inoltre, i repubblicani vogliono che i loro sgravi fiscali siano permanenti. Tuttavia stanno cercando di far approvare la loro proposta di legge attraverso la cosiddetta procedura di ‘riconciliazione’ sul Bilancio del Congresso, il che richiede che ogni taglio alle tasse che aumenta il deficit per un periodo superiore ai dieci anni sia temporaneo. Persino se il piano repubblicano realmente mantenesse gli sgravi a 1.500 miliardi di dollari, esso non rispetterebbe ancora questa regola.

Trump e i repubblicani del Congresso sostengono che gli sgravi fiscali rafforzerebbero la crescita dell’economia, e di conseguenza le entrate. Ma i comuni modelli di assegnazione dinamica dei punteggi mostrano che l’incremento della crescita bilancerebbe i costi al massimo soltanto per un terzo: gli Stati Uniti si ritroverebbero con mille miliardi, anziché 1.500 miliardi, di entrate perdute.

Dunque, in che modo i repubblicani potrebbero stravolgere queste regole fiscali? Per cominciare, come la Amministrazione del Presidente George W. Bush, essi stabilirebbero che i tagli delle tasse sui redditi delle persone vadano ad esaurimento dopo dieci anni. Questo darebbe loro tutto il tempo per godersi i vantaggi politici dei tagli delle tasse – a cominciare dalle elezioni di medio termine del 2018 – molto prima di dover pagare il conto.

Ma i tagli alle tasse sulle società sono un’altra faccenda, perché renderli temporanei sarebbe in contrasto con il loro scopo. Le società operano su orizzonti temporanei molto più lunghi delle famiglie, ed è improbabile che si promuovano investimenti in risposta a tagli fiscali che durano soltanto dieci anni.

Per aggirare questo problema, Trump e i repubblicani potrebbero decidere di rendere più elastiche o di manipolare le regole congressuali. Oppure potrebbero basarsi su modelli economici non ortodossi e non sperimentati per sostenere che i loro tagli in realtà lasciano inalterate le entrate, e avranno un impatto molto più grande sulla crescita di quello che prevedono i modelli standard.

La maggioranza degli economisti convenzionali stimerebbero che un taglio fiscale delle dimensioni che sono proposte accrescerebbe il potenziale di crescita degli Stati Uniti di 20 punti base, portando con il tempo il tasso di crescita da circa il 2 al 2,2% Tuttavia Trump e i suoi consiglieri si sono aggrappati alla falsa pretesa che la crescita aumenterà sino al 3 o persino al 4 per cento.

Se questa inverosimile previsione fa venire alla mente nuovamente cose come l’economia voodoo, è perché è proprio così. L’economia voodoo entrò nel linguaggio nelle elezioni presidenziali del 1980 quando George H. W. Bush [1] criticò Ronald Reagan per aver sostenuto che i pianificati tagli del fisco si sarebbero ripagati da soli. Solo pochi anni dopo Bush ebbe la conferma, quando i tagli fiscali della Amministrazione Reagan fecero esplodere un grande buco nelle finanze pubbliche degli Stati Uniti.

E ciononostante le Amministrazioni repubblicane hanno persistito nel perseguire insostenibili e indesiderabili tagli fiscali a beneficio principalmente dei ricchi, portando a deficit sempre maggiori e a migliaia di miliardi di dollari di maggiore debito pubblico. L’entusiasmo con il quale i repubblicani, una volta al potere, approvano spericolati tagli fiscali sbugiarda le loro pretese di correttezza nella gestione delle finanze pubbliche.

A rendere le cose peggiori, il Presidente pluto-populista dell’America mette in circolazione un progetto fiscale che aumenterà ulteriormente l’ineguaglianza economica in un’epoca nella quale i dislivelli di ricchezza si stanno già allargando, a seguito degli effetti della globalizzazione, del commercio, delle migrazioni, delle nuove tecnologie che risparmiano sul lavoro e del consolidamento del mercato in molti settori.

Dato che i ricchi tendono a risparmiare di più delle classi medie e lavoratrici, che possono spendere una proporzione più ampia dei loro redditi per necessità fondamentali, il piano fiscale di Trump avrà effetti modesti sulla crescita economica; potrebbe persino diminuirla. E aumenterà assai di più il peso del debito pubblico eccessivamente alto degli Stati Uniti. È una falsa riforma, che ci viene consegnata da una Amministrazione che si basa su politiche immaginarie e da un partito che ha perso i suoi orientamenti economici.

.

 

 

 

[1] Ovvero, il padre di George Bush, che lo precedette alla Presidenza

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"