Altri Economisti » Selezione della Settimana

Trump ha preso possesso della Fed? Di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 3 novembre 2017)

 

Nov 3, 2017

Has Trump captured the Fed?

JOSEPH E. STIGLITZ

zz 378

NEW YORK – One of the important powers of any US president is to appoint members and heads of the many agencies that are responsible for implementing the country’s laws and regulations and, in many cases, governing the economy. Perhaps no institution is more important in that regard than the Federal Reserve.

In exercising that power, Donald Trump has broken a long-standing pattern, going back almost a half-century, whereby the president reappoints (on a non-partisan basis) the incumbent Fed chair, if he or she has been seen to be doing a good job. Probably no chair has done a better job, in a particularly difficult moment, than Janet Yellen.

Whereas her two immediate predecessors greatly tarnished the Fed’s reputation by looking the other way as massive risk was accumulating – and massive fraud occurring – within the financial sector, Yellen restored the Fed’s reputation. Her calm and balanced hand nurtured broad consensus among a Federal Reserve Board characterized by divergent economic philosophies, and she navigated the economy through a slow recovery in a period when fiscal policy was unnecessarily constrained, as duplicitous Republicans hyped the dangers of deficits. The Republicans’ shallow commitment to fiscal rectitude is now being exposed as they advocate massive tax cuts for corporations and billionaires that will add one and half trillion dollars to the deficit over the next decade.

To be fair, Trump chose a moderate, when many in his party were pushing for an extremist. Trump, never shy about conflicts of interest, has an uncanny ability to embrace economic policies, such as the proposed tax cuts, that benefit him personally. He realized that an extremist would raise interest rates – any real-estate developer’s worst nightmare.

Trump broke with precedent in another way: he chose a non-economist. The Fed will face great challenges in the next five years, as it reverts to more normal policies. Higher interest rates could give rise to market turmoil, as asset prices undergo a significant “correction.” And many are expecting a major downturn in the next five years; otherwise, the economy would have experienced an almost unheard-of decade-and-a-half expansion. While the Fed’s tool kit has been greatly expanded in the last decade, the Fed’s low interest rates and huge balance sheet – and the possibly massive increase in debt, should Trump get his tax cuts – would challenge even the best-trained economist.

Most importantly, there has been a bipartisan (and global) effort to depoliticize monetary policy. The Fed, through its control of the money supply, has enormous economic power, and such power can easily be abused for political purposes – say, to generate more jobs in the short run. But lack of confidence in central banks in a world of fiat money (where central banks can create money at will) weakens long-term economic performance, owing partly to fears of inflation.

Even in the absence of direct politicization, the Fed always faces a problem of “cognitive capture” by Wall Street. That’s what happened when Alan Greenspan and Ben Bernanke were in charge. We all know the consequences: the greatest crisis in three quarters of a century, mitigated only by massive government intervention.

Yet, somehow, the Trump administration seems to have forgotten what happened less than a decade ago. How else to explain its efforts to rescind the 2010 Dodd-Frank regulatory reforms, designed to prevent a recurrence? The consensus beyond Wall Street is that Dodd-Frank didn’t go far enough. Excessive risk taking and predatory behavior are still real problems, as we are frequently reminded (for example, by reports about the growing volume of subprime auto loans). In one of the more insidious recent instances of malfeasance, bankers at Wells Fargo simply opened accounts on behalf of customers, unbeknownst to them, so that it could collect additional fees.

None of this bothers Trump, of course, who as a businessman has been no stranger to nefarious practices. Fortunately, it appears that Powell recognizes the importance of well-designed financial regulations.

But politicization of the Fed should be viewed as just another part of Trump’s battle against what his former chief strategist, Steve Bannon, has referred to as the “administrative state.” That battle, in turn, should be viewed as part of a larger war against the Enlightenment legacy of science, democratic governance, and the rule of law. Upholding that legacy entails employing expertise as needed, and creating, as Edward Stiglitz of Cornell Law School has emphasized, trust in public institutions. A large body of research now supports the idea that societies perform more poorly without such trust.

Every few days, Trump does something to rend the fabric of US society and inflame its already-deep social and partisan divisions. The clear and present danger is that the country is growing so accustomed to Trump’s outrages that they now appear “normal.” For more than seven decades, America has fought – often fitfully, to be sure – to redeem its stated values, taking on bigotry, fascism, and nativism in all their forms. Now, America’s president is a misogynist, racist xenophobe whose policies embody profound contempt for the cause of human rights.

One may approve or disapprove of the Republicans’ tax proposals, efforts to “reform” health care (oblivious to the tens of millions who might lose insurance coverage), and commitment to financial deregulation (ignoring the consequences of the 2008 crisis). But, while the Fed may be safe for now, whatever possible economic benefits this agenda could bring pale in comparison to the magnitude of the political and social risks posed by Trump’s assaults on America’s most cherished institutions and values.

 

Trump ha preso possesso della Fed?

Di Joseph E. Stiglitz

NEW YORK – Uno degli importanti poteri di ogni Presidente degli Stati Uniti è nominare componenti e capi delle molte agenzie che sono responsabili della attuazione delle leggi e dei regolamenti del paese e, in molti casi, del governo dell’economia. Sotto questo punto di vista, nessuna istituzione è più importante della Federal Reserve.

Nell’esercitare quel potere, Donald Trump ha rotto uno schema di vecchia data, tornando indietro di quasi mezzo secolo, secondo il quale il Presidente rinomina (con un comportamento non di parte) il Presidente in carica della Fed, se sta facendo un buon lavoro. In un momento particolarmente difficile, probabilmente nessun Presidente ha fatto un miglior lavoro di Janet Yellen.

Mentre due suoi diretti predecessori [1] avevano seriamente appannato la reputazione della Fed facendo finta di non vedere mentre grandi rischi si accumulavano – e il grande imbroglio che si stava verificando – all’interno del settore finanziario, la Yellen ha ripristinato la reputazione della Fed. La sua gestione calma ed equilibrata ha promosso un consenso generale nel Comitato della Federal Reserve, caratterizzato da filosofie economiche divergenti, ed ha pilotato l’economia attraverso una lenta ripresa in un periodo nel quale la politica della finanza pubblica era non necessariamente condizionata, dal momento che i repubblicani ipocritamente facevano un gran battage sui pericoli dei deficit. La superficialità dell’impegno dei repubblicani alla rettitudine nella finanza pubblica viene oggi resa evidente, nel momento in cui sostengono massicci tagli alle tasse sulle società e sui miliardari, che aumenteranno di 1.500 miliardi di dollari il deficit del prossimo decennio.

Ad esser giusti, Trump ha scelto un moderato, quando molti nel suo partito spingevano per un estremista. Trump, che non ha alcuna timidezza sui conflitti di interesse, ha una capacità prodigiosa di far proprie politiche economiche, quali il proposto taglio alle tasse, che lo beneficiano personalmente. Egli ha compreso che un estremista eleverebbe i tassi di interesse – il peggior incubo per qualsiasi immobiliarista.

Trump ha rotto con il passato in un altro modo: ha scelto un non economista. La Fed affronterà grandi sfide nei prossimi cinque anni, quando ritornerà a politiche più normali. Tassi di interesse più elevati potrebbero far crescere disordini sui mercati, mentre i prezzi degli asset saranno sottoposti ad una significativa “correzione”. E in molti si aspettano un calo importante nei prossimi cinque anni; diversamente, l’economia farebbe esperienza di una espansione senza precedenti di una quindicina d’anni. Mentre l’armamentario della Fed ha avuto una grande espansione nel passato decennio, i bassi tassi di interesse della Fed e l’enorme stato patrimoniale – e il probabile massiccio aumento del debito, ove Trump ottenga i suoi tagli alle tasse – sarebbero un problema persino per un economista di ottima formazione.

La cosa più importante, c’è stato uno sforzo bipartisan (e globale) di depoliticizzare la politica monetaria. La Fed, attraverso il suo controllo dell’offerta di moneta, ha un potere economico enorme, e di tale potere si può facilmente abusare per finalità politiche – ad esempio, per generare più posti di lavoro nel breve periodo. Ma la mancanza di fiducia nelle banche centrali, in un mondo di valute cartacee (dove le banche centrali possono creare moneta a volontà) indebolisce le prestazioni economiche a lungo termine, in parte per i timori di inflazione.

Persino in assenza di una diretta politicizzazione, la Fed è sempre stata di fronte ad un problema di “cattura concettuale” da parte di Wall Street, a causa dei timori di inflazione.  È quello che accadde quando Alan Greenspan e Ben Bernanke erano in carica. Conosciamo tutti le conseguenze: la più grande crisi in tre quarti di secolo, mitigata soltanto da massicci interventi del Governo.

Tuttavia, in qualche modo, l’Amministrazione Trump sembra essersi dimenticata di cosa accadde meno di dieci anni fa. Come spiegare altrimenti i suoi sforzi per abrogare le riforme regolamentari Dodd-Frank del 2010? Al di là di Wall Street, c’è consenso sul fatto che la Dodd-Frank non sia andata sufficientemente lontano. L’eccessiva assunzione di rischi e i comportamenti predatori sono ancora problemi reali, come ci viene frequentemente ricordato (ad esempio, dai resoconti sul crescente volume di mutui subprime per le automobili). In uno dei più insidiosi recenti casi di malaffare, i banchieri presso la Wells Fargo hanno semplicemente aperto conti per conto dei clienti, all’insaputa degli stessi, in modo tale da poter raccogliere commissioni aggiuntive.

Naturalmente, tutto questo non fa impressione a Trump, che come affarista non è stato estraneo a pratiche nefaste. Per fortuna, sembra che Powell riconosca l’importanza di regole finanziarie ben concepite.

Ma la politicizzazione della Fed dovrebbe essere considerata semplicemente come un’altra parte della battaglia di Trump contro quello che il suo precedente principale stratega, Steve Bannon, ha definito come lo “Stato amministrativo”. Quella battaglia, a sua volta, dovrebbe essere considerata come parte di una più ampia guerra contro l’eredità illuministica della scienza, contro la governance democratica e lo Stato di diritto. Confermare quell’eredità comporta utilizzare l’esperienza che è necessaria, e creare, come ha ribadito Edward Stiglitz della Cornell Law School, fiducia nelle istituzioni pubbliche. Oggi un ampio corpo di ricerche supporta l’idea che le società, senza tale fiducia, hanno prestazioni più povere.

Ogni qualche giorno, Trump fa qualcosa per lacerare il tessuto della società americana e per infiammare le già profonde divisioni sociali e di parte. Il chiaro e attuale pericolo è che il paese si stia abituando agli strappi di Trump, al punto che essi adesso paiono “normali”.  Per più di settant’anni l’America ha combattuto – sia pure in modo intermittente, non c’è dubbio – per tener fede ai suoi valori costitutivi, sfidare l’intolleranza, il fascismo e il ‘nativismo’ in tutte le loro forme. Oggi il Presidente dell’America è uno xenofobo razzista e misogino, le cui politiche incarnano un disprezzo profondo per la causa dei dirittti umani.

Si possono approvare o disapprovare le proposte fiscali dei repubblicani, gli sforzi per “riformare” l’assistenza sanitaria (incuranti delle decine di milioni di persone che potrebbero perdere la copertura assicurativa) e l’impegno alla dergolamentazione finanziaria (ignorando le conseguenze della crisi del 2008). Ma, se la Fed per il momento può stare al sicuro, qualsiasi vantaggio economico potrebbe essere portato da questa aggenda impallidisce al confronto dei rischi politici e sociali costituiti dagli attacchi di Trump alle più preziose istituzioni e valori dell’America.

 

 

 

 

[1] Non mi pare chiaro se il riferimento, oltre a includere sicuramente Alan Greenspan, riguardi genericamente anche Presidenti precedenti – ad esempio Volcker – oppure se l’espressione riguardi anche il più diretto predecessore, Ben Bernanke. In questo caso, si tratterebbe di un giudizio piuttosto sorprendente da parte di Stiglitz.

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"