Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Che succede se la legge fiscale è un disastro per le entrate? (dal blog di Krugman, 12 dicembre 2017)

 

What Happens if the Tax Bill Is a Revenue Disaster?

Paul Krugman DEC. 12, 2017

zz 437

Jonathan Chait raises a good point, which many of us were already thinking about: for all the debate about whether the tax bill will partially pay for itself, it’s actually more likely that it will end up worsening the deficit by far more than most estimates suggest. The reason is simple: the bill is junk, hastily drafted and full of exploitable loopholes. Once the tax lawyers and accountants get to work, they will probably find ways for their clients to avoid hundreds of billions in taxes that even the JCT estimates still assume will be paid.

Suppose this is indeed what happens. I’ve been trying to think through the next step: What effect will a ballooning deficit have on markets and the political climate?

When it comes to markets, my conclusion is, not much. The tax bill might lead to somewhat higher interest rates, but probably not to an interest rate spike. Why not?

You might think that I’m making the same argument I was making during the aftermath of the financial crisis, when I argued repeatedly – and correctly – against predictions that budget deficits would lead to soaring rates. But my reasoning now is different, because both the underlying economic situation and the source of the deficits is different.

Back in 2009-10, we had a deeply depressed economy with monetary policy at the zero lower bound, which meant basically that desired saving exceeded desired investment. So government borrowing wasn’t competing with the private sector for a limited supply of funds, it was giving idle potential saving a place to go.

These days we’re much closer to full employment, and the Fed is gradually raising rates, so it’s an entirely different situation. But if you want to claim that deficits will drastically raise rates, you need to spell out the channel; and I think that channel would be largely blocked.

First of all, the U.S. isn’t going to go bankrupt; it can’t run out of money to pay its bills (except for political holdups), because it can print money. And we’re a long way from the kind of situation in which America would become so dependent on the printing press that we’re looking at potential hyperinflation.

What this means is that monetary policy – basically, short-term interest rates — will be set by the Fed based on economic conditions. And long-term interest rates will, to a first approximation, be the average of expected future short rates, so they too will reflect expected economic conditions.

So the only way big deficits could drive up rates would be if they gave a big boost to demand, threatening to overheat the economy, and causing the Fed to raise rates to avert that overheating.

Which means that the market impact of deficits depends on how much we think these deficits will raise demand. And the answer is, probably not all that much – if you think of the tax bill as a form of demand stimulus, it’s a very ineffective one, and the piece of the deficit that comes from gaming incompetent legislation will be especially ineffective.

For one thing, the bulk of the gains will go to the rich, who probably spend less of a marginal dollar. And this will be especially true for rich people receiving what they suspect will be transient income gains.

So, imagine yourself as a wealthy, liquid taxpayer experiencing a surge in after-tax income because your accountant has found clever ways to exploit the idiocy of new legislation. It will be fun and lucrative, but you’d have to suspect that the fun will end eventually – that even this GOP, with this leadership, will eventually close the most outrageous loopholes. So we might see big deficits that have relatively little real effect, because the winners from system-gaming save most of their gains.

Notice, by the way, that this isn’t the conclusion I’d like to reach on political grounds. Given how terrible this bill is, I’d like to claim that it will lead to immediate market disaster. But I try not to engage in motivated reasoning (although sometimes I give in to temptation, then apologize); and I just don’t see a market disaster even if we see the expected epidemic of tax avoidance.

What about the politics? OK, here I don’t have a clear model, so this is much more speculative. Still, what happens if the deficit balloons, and it’s clear that gaming of the tax bill is a major factor?

We know what Ryan and McConnell will try to do: they’ll try to use deficits as an excuse to cut safety-net programs. But will they be able to get away with this with the memory of the tax scam still fresh in everyone’s memory? I’m pretty cynical about centrists and the propensity of the media to be taken in by charlatans, but I think this would probably be a bait and switch too far.

Put it this way: Republicans would surely use big deficits as an excuse to propose big cuts in social programs, but they’d face a barrage of hostile media coverage, plus lots of public demonstrations as in the case of health care, all reminding everyone that these deficits were created by their own dishonest promises just a few months earlier.

And imagine, as we should, that all of this would go along with many front-page stories about dubious business types abusing the new loopholes. Doesn’t this sound like a political disaster for the GOP?

They could, of course, simply ignore the deficit and leave Medicare alone. But my guess is that they won’t be able to help themselves, that they’ll be prisoners of their own rhetoric even as the most unpopular legislation in history becomes pure political poison.

So that’s my prediction: minor market impact, but quite probably a political disaster for the GOP as it becomes even clearer that their tax policies reward scammers.

Of course, all this may be overshadowed by constitutional crisis. But that’s for another essay.

 

Che succede se la legge fiscale è un disastro per le entrate, di Paul Krugman?

Johnathan Chait pone una bella questione, alla quale molti di noi stavano già pensando: perché tutto il dibattito è relativo alla ipotesi che la legge sulle tasse si ripaghi in parte da sola, mentre è effettivamente più probabile che essa finisca col peggiorare il deficit molto di più di quanto la maggioranza delle stime indichi. La ragione è semplice: la legge è una paccottiglia, confezionata avventatamente e piena di scappatoie che si possono sfruttare. Una volta che i legali del fisco e i commercialisti si metteranno al lavoro, probabilmente troveranno per i loro clienti modi per eludere centinaia di miliardi di tasse che persino la stima del Comitato Congiunto del Congresso sulla Tassazione ancora considera verranno ripagate.

Supponiamo in effetti che accada questo. Ho cercato di ragionare sul passo successivo: quali effetti avrà una crescita a vista d’occhio del deficit sui mercati e sul clima politico?

Per quello che riguarda i mercati, la mia conclusione è che non accadrà molto. La legge sulle tasse può portare a tassi di interesse un po’ più alti, ma probabilmente non ad un picco dei tassi di interesse. Perché no?

Potreste pensare che sto avanzando lo stesso argomento che avanzai nel periodo successivo alla crisi finanziaria, quando usai ripetutamente – e correttamente – l’argomento opposto alle previsioni che i deficit finanziari avrebbero portato i tassi alle stelle. Ma il mio ragionamento ora è diverso, perché sia la sottostante situazione economica che l’origine dei deficit è diversa.

Nel passato 2009-2010 avevamo un’economia profondamente depressa con una politica monetaria al limite inferiore di tassi di interesse, il che comportava che i risparmi attesi eccedevano gli investimenti attesi. Dunque l’indebitamento del Governo non era in competizione con il settore privato per una offerta limitata di finanziamenti, esso dava ad un potenziale risparmio inerte un posto dove andare.

Di questi tempi siamo molto più vicini alla piena occupazione, e la Fed sta gradualmente elevando i tassi, cosicché si tratta di una situazione interamente diversa. Ma se volete sostenere che i deficit alzeranno drasticamente i tassi, avete bisogno di individuare chiaramente il canale; e io penso che quel canale sarebbe largamente bloccato.

Prima di tutto, gli Stati Uniti non sono destinati a finire in bancarotta; non possono esaurire i soldi per pagare i loro conti (se non per contrattempi politici), perché possono stampare soldi. E noi siamo molto lontani da un genere di situazione nella quale l’America potrebbe divenire così dipendente dallo stampare soldi da farci immaginare una potenziale iperinflazione.

Quello che questo comporta è che la politica monetaria – fondamentalmente, i tassi di interesse a breve termine – sarebbe stabilita dalla Fed basandosi sulle condizioni dell’economia. E i tassi di interesse a lungo termine saranno, ad una prima approssimazione, la media dei futuri tassi a breve termine attesi, in tal modo riflettendo le condizioni economiche attese.

Dunque l’unico modo nel quale grandi deficit potrebbero spingere in alto i tassi sarebbe se essi dessero una grande spinta alla domanda, minacciando di surriscaldare l’economia e spingendo la Fed ad innalzare i tassi per evitare quel surriscaldamento.

Il che significa che l’impatto dei deficit sul mercato dipende da quanto pensiamo che questi deficit aumenteranno la domanda. E la risposta è, probabilmente non molto – se pensate che la proposta di legge sul fisco sia una forma di stimolazione della domanda, essa sarebbe tale in modi molto inefficaci e la parte di deficit derivante dall’azzardo di una legislazione incompetente sarebbe particolarmente inefficace.

Prima di tutto, il grosso dei vantaggi andrebbe ai ricchi, che probabilmente spendono il meno di un dollaro marginale. E questo sarebbe particolarmente vero per le persone ricche che riceverebbero quelli che sospetteranno essere provvisori vantaggi di reddito.

Immaginatevi dunque di essere un ricco, un contribuente liquido che sperimenta una crescita del reddito dopo le tasse perché il vostro commercialista ha trovato modi intelligenti per sfruttare l’idiozia della nuova legislazione. Potrebbe essere divertente e lucrativo, ma avete il sospetto che alla fine il divertimento finirà – che persino questo Partito Repubblicano, con la sua dirigenza, alla fine interromperà le elusioni più scandalose. Potremmo dunque assistere a grandi deficit che hanno effetti reali relativamente modesti, perché i vincitori del gioco d’azzardo di sistema risparmiano la maggioranza dei loro guadagni.

Si noti, per inciso, che non è questa la conclusione alla quale mi piacerebbe arrivare, in termini politici. Considerato quanto è sconcia questa proposta di legge, mi piacerebbe sostenere che essa porterà ad un disastro immediato sul mercato. Ma cerco di non indulgere in ragionamenti interessati (sebbene qualche volta cada in tentazione, nel qual caso chiedo scusa); ed io proprio non mi immagino un disastro sul mercato neanche se ci troveremo di fronte ad una attesa epidemia di elusione del fisco.

Cosa dire degli aspetti politici? È vero, in questo caso non possiedo un modello chiaro, dunque questa è soprattutto una speculazione. Eppure, cosa accade se il deficit esplode, ed è chiaro che giocare d’azzardo sulla legge fiscale è un fattore importante?

Sappiamo cosa cercheranno di fare Ryan e McConnell: cercheranno di usare i deficit come un pretesto per tagliare i programmi della sicurezza sociale. Ma saranno capaci di cavarsela in questo modo, con il ricordo dell’imbroglio sulle tasse ancora fresco nella memoria di ognuno? Io sono abbastanza pessimista sui centristi e sulla propensione dei media ad essere imbrogliati dai ciarlatani, ma penso che questo sarebbe un gioco delle tre carte eccessivo.

Diciamo così: i repubblicani certamente userebbero i grandi deficit come un pretesto per proporre grandi tagli sui programmi sociali, ma si troverebbero di fronte ad uno sbarramento di copertura ostile da parte dei media, in aggiunta a tante manifestazioni pubbliche come nel caso della assistenza sanitaria, che rammenterebbero a tutti che questi grandi deficit sono stati creati dalle loro stesse disoneste promesse di pochi mesi prima.

E si immagini, come dovremmo fare, che tutto questo vada di pari passo con molti racconti sulle prime pagine su affari di dubbio genere che abusano delle nuove scappatoie. Tutto questo non assomiglia ad un disastro politico per il Partito Repubblicano?

Potrebbero, naturalmente, semplicemente ignorare i deficit e lasciare in pace Medicare. Ma la mia impressione è che non sarebbero capaci di aiutarsi da soli, che sarebbero prigionieri della loro stessa propaganda, anche se, nella storia, la maggioranza delle leggi impopolari diventa veleno politico puro.

Dunque, la mia previsione è questa: un impatto sui mercati modesto, ma un disastro politico abbastanza probabile per il Partito Repubblicano quando diventerà ancora più chiaro che le loro politiche sulle tasse premiano gli imbroglioni.

Naturalmente, tutto questo potrebbe essere messo in ombra da una crisi costituzionale. Ma quella lo lascio ad un altro saggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"