Altri Economisti » Selezione della Settimana

La legge del 2017: un conforto ai finanziatori della politica americana, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 2 gennaio 2018)

 

Jan 2, 2018

The US donor relief act of 2017

JOSEPH E. STIGLITZ

zz 378

NEW YORK – Never has a piece of legislation labeled as both a tax cut and a reform been received with as much disapproval and derision as the bill passed by the US Congress and signed into law by President Donald Trump just before Christmas. The Republicans who voted for the bill (no Democrats did) claim that their gift will come to be appreciated later, as Americans see their take-home pay go up. They are almost certainly wrong. Rather, the bill wraps into one package all that is wrong with the Republican Party, and to some extent, the debased state of American democracy.

The legislation is not “tax reform” by even the most elastic reading. Reform entails closing distortionary loopholes and increasing the fairness of the tax code. Central to fairness is the ability to pay. But this tax legislation reduces taxes by tens of thousands of dollars, on average, for those most able to pay (the top quintile). And, when fully implemented (in 2027), it will increase taxes on a majority of Americans in the middle (the second, third, and fourth quintiles).

The US tax code was already regressive long before Trump’s presidency. Indeed, the billionaire investor Warren Buffett, one of the wealthiest men in the world, famously complained that it was wrong that he paid a lower tax rate than his secretary. The new legislation makes America’s tax system even more regressive.

It is now universally recognized that growing inequality is a key economic problem in the United States, with those at the top capturing almost all the gains in GDP over the past quarter-century. The new legislation adds insult to injury: rather than offsetting this disturbing trend, the Republicans’ “reform” gives even more to the top.

A more distorted economy is not a healthy economy. The International Monetary Fund has emphasized that a more unequal society worsens economic performance – and the new tax legislation will lead inexorably to a more unequal society.

Much of the complexity and distortion in the US tax code arises from different types of income being taxed at different rates. Such differential treatment leads not only to the (correct) perception that the tax code is unfair, but also to inefficiencies: resources move to favored sectors, and are wasted as firms try to convert their incomes and activities into the more favored forms. The worst provisions of the old tax code – such as the carried-interest loophole, which allows job-destroying private-equity firms to pay taxes at low rates – have been retained, and new categories of favored income (earned by so-called pass-through entities) have been created.

The hoped-for spur to economic growth is unlikely to materialize, for several reasons. First, the economy is already at or near full employment. If the US Federal Reserve comes to view that to be the case, it will raise interest rates at the first sign of a significant increase in aggregate demand. And higher interest rates mean that investment, and thus growth, will slow, even if the consumption of the very rich increases.

Moreover, squeezing the “blue” (Democratic) states, including California and New York, by including provisions in the tax bill aimed specifically at them, not only further widens America’s political divide; it’s also bad economics. No sane government would undermine the most dynamic parts of its economy, and yet that is what the Trump administration is doing. Special tax breaks for the real-estate sector may help Trump and his son-in-law, Jared Kushner, but it does not make America great or competitive. And limiting the deductibility of state income tax and property tax will almost surely reduce investment in education and infrastructure – again, not a sound strategy for increasing American competitiveness. Other new provisions will also hurt the US economy.

Because the fiscal deficit will increase – the only question is by how much, with my bet being that it will be far larger than current estimates of $1-1.5 trillion – the trade deficit will increase as well, regardless of whether Trump pursues more nativist/protectionist policies. Lower exports and higher imports will further undermine US manufacturing. Once again (as he has done with health care and the tax cuts), Trump is betraying his core supporters.

But the Republican Party is cynical. Its leaders are stuffing themselves at the trough – Trump, Kushner, and many others in his administration are among the biggest winners – thinking that this may be their last chance at such a feast. And no Republican believes the party can get away with it more firmly than Trump does.

That is why the legislation is structured to give individuals temporary tax cuts, with corporations getting a permanent reduction in their tax rate. The Republicans seem confident that voters will not see beyond the next paycheck. But voters are not so easily manipulated: they have seen through the trick, and are rightly convinced by the numerous studies, from sources in and out of government, showing that the lion’s share of the tax cut goes to corporations and the very rich.

Trump’s tax legislation also attests to many Republicans’ belief that dollars are more important than voters. All that matters is pleasing their corporate sponsors, who will reward the party with contributions, which will be used to buy votes, thereby ensuring the perpetuation of a corporate-driven political agenda.

Let’s hope that Americans really are smarter than the greedy corporate CEOs and their cynical Republican servants believe. With midterm congressional elections coming in November, they will have ample opportunity to prove it.

 

La legge del 2017: un conforto ai finanziatori della politica americana,

di Joseph E. Stiglitz

NEW YORK – Un pezzo di legislazione contrabbandata sia come un taglio alle tasse che come una riforma non è mai stata accolta con altrettanta disapprovazione e derisione, quanto la proposta approvata dal Congresso degli Stati Uniti e convertita in legge dal Presidente Donald Trump proprio alla vigilia del Natale. I repubblicani che hanno votato per la proposta (nessun democratico l’ha votata) sostengono che il loro regalo verrà apprezzato in un secondo tempo, quando gli americani vedranno le loro retribuzioni nette salire. Quasi certamente si sbagliano. Piuttosto, la proposta confeziona tutto quello che è sbagliato nel Partito Repubblicano e, in qualche misura, lo stato di degrado della democrazia americana.

La legge non è una “riforma del fisco” persino ad una lettura la meno rigida. Una riforma comporta il blocco di scappatoie fiscali distorsive e la maggiore giustizia del codice fiscale. È decisiva l’imparzialità rispetto alla possibilità materiale di contribuire. Ma questa legislazione fiscale riduce le tasse per decine di migliaia di dollari, in media, per coloro che hanno le migliori possibilità di contribuzione (il quintile più elevato). E, quando sarà pienamente in funzione (nel 2027), accrescerà le tasse su una maggioranza di americani di redditi medi (il secondo, il terzo e il quarto quintile).

Il codice fiscale statunitense era già regressivo molto prima della Presidenza Trump. Infatti, il miliardario investitore Warren Buffet, uno degli uomini più ricchi al mondo, notoriamente si lamentò che non poteva che essere sbagliato che egli pagasse una aliquota fiscale più bassa della sua segretaria. La nuova legislazione rende il sistema fiscale americano persino più regressivo.

Oggi riconoscono tutti che la crescente ineguaglianza è un problema economico centrale negli Stati Uniti, con quelli che stanno più in alto che nell’ultimo quarto di secolo si sono appropriati di quasi tutti i progressi nel PIL. La nuova legislazione aggiunge un insulto alla ferita: anziché bilanciare quella tendenza offensiva, la “riforma” dei repubblicani offre persino di più ai più ricchi.

Un’economia più distorta non è un’economia più sana. Il Fondo Monetario Internazionale ha messo l’accento sul fatto che una società più ineguale peggiora le prestazioni economiche – e la nuova legislazione porterà inesorabilmente ad una società più ineguale.

Molta della farraginosità e distorsione del codice fiscale degl Stati Uniti deriva dal fatto che diverse tipologie di reddito vengono tassate con aliquote differenti. Tale trattamento differenziale non solo porta alla (corretta) percezione che il codice fiscale sia ingiusto, ma anche a inefficienze: le risorse si spostano verso i settori favoriti e sono sprecate quando le imprese cercano di convertire i loro redditi e le loro attività nelle forme più agevolate. Le peggiori disposizioni del vecchio codice fiscale – quale la scappatoia del carried interest [1], che permette alle equity firms private di pagare tasse con aliquote basse – sono state mantenute, e sono state create nuove categorie di redditi favoriti (profitti realizzati dalle cosiddette pass-through entities [2]).

È improbabile che si materializzi il tanto atteso effetto di incitamento alla crescita economica, per varie ragioni. La prima, l’economia è già nelle condizioni di piena occupazione, o è prossima ad esse. Se la Federal Reserve degli Stati Uniti giunge a ritenere che sia il caso, essa alzerà i tassi di interesse al primo segno di crescita significativa della domanda aggregata. E più elevati tassi di interesse significano che gli investimenti, e quindi la crescita, rallenteranno, anche se i consumi dei molto ricchi crescono.

Inoltre, lo “strizzare” gli Stati blu (democratici), compresi la California e New York, includendo nella proposta di legge fiscale disposizioni rivolte specificamente a loro, non solo allarga ulteriormente la divisione politica dell’America; è anche pessima economia. Nessun Governo sano di mente metterebbe a repentaglio le parti più dinamiche della sua economia, e tuttavia è quello che l’Amministrazione Trump sta facendo. Speciali sgravi fiscali per il settore immobiliare possono aiutare Trump e il suo genero, Jared Kushner, ma non rendone l’America grande o competitiva. E limitare la deducibilità delle tasse statali sui redditi e delle tasse sulle proprietà quasi certamente ridurrà gli investimenti sull’istruzione e sulle infrastrutture – ancora una volta una strategia insana per accrescere la competitività americana. Anche altre nuove disposizioni danneggeranno l’economia degli Stati Uniti.

Poiché il deficit delle finanze pubbliche aumenterà – la sola domanda è di quanto, laddove la mia scommessa è che sarà assai di più delle attuali stime di mille, mille e cinquecento miliardi di dollari – anche il deficit commerciale aumenterà, a prescindere se Trump perseguirà politiche più protezioniste o più a favore dei ‘nativi’. Esportazioni più basse e importazioni più elevate metteranno a rischio il settore manifatturiero statunitense. Ancora una volta (come ha fatto con l’assistenza sanitaria e con i tagli alle tasse) Trump sta tradendo il suo elettorato di riferimento.

Ma il Partito Repubblicano è dotato di cinismo. I suoi leader si stanno abbuffando alla mangiatoia – Trump, Kushner e molti altri nella sua Amministrazione sono tra i principali vincitori – pensando che questa potrebbe essere la loro ultima possibilità di partecipare a tale festino. E nessun repubblicano crede che il Partito possa cavarsela meglio di Trump.

Questa è la ragione per la quale la legge è strutturata per dare alle persone sgravi fiscali temporanei, mentre le grandi società ottengono riduzioni permanenti nelle loro aliquote fiscali. I repubblicani sembrano fiduciosi che gli elettori non vedranno oltre il prossimo stipendio. Ma gli elettori non sono manipolabili così facilmente: si sono accorti dell’imbroglio, e sono giustamente persuasi da numerosi studi, da fonti interne ed esterne al Governo, che mostrano che la parte del leone dei tagli alle tasse andrà alle società ed ai super ricchi.

La legge fiscale di Trump è anche una prova del convincimento di molti repubblicani che i soldi sono più importanti degli elettori. Tutto quello che conta è favorire i loro sponsor nelle società, che premieranno il Partito con donazioni, che saranno utilizzate per comprare voti, di conseguenza perpetuando una agenda politica guidata dalle società.

Speriamo che gli americani siano per davvero più intelligenti di quello che credono gli avidi amministratori delegati delle società e i loro cinici servitori repubblicani. Con le elezioni congressuali di medio termine a novembre, avranno un’ampia opportunità per dimostrarlo.

 

 

 

 

[1] Il diritto patrimoniale rafforzato, definito nella prassi “carried interest”, rappresenta una forma di incentivo riconosciuto al realizzarsi di determinati risultati ai manager e amministratori della Sgr e di società operanti nel settore del private equity, i quali sottoscrivono quote, azioni o strumenti finanziari (www.fiscoggi.it)

[2] Una “pass-through entity” (oppure “flow-through entity”) è una persona giuridica nella quale il reddito fluisce agli investitori o ai proprietari, che dunque pagano le tasse in una unica soluzione e non distintamente come persone fisiche e come società.

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"