Altri Economisti » Selezione della Settimana

Donald Trump gioca a perdere, di J. Bradford DeLong (da Project Syndicate, 6 febbraio 2018)

 

Feb 6, 2018

Donald Trump is playing to lose,

J. BRADFORD DELONG

zz 17

BERKELY – America certainly has a different kind of president than what it is used to. What distinguishes Donald Trump from his predecessors is not just his temperament and generalized ignorance, but also his approach to policymaking.

First, consider Bill Clinton, who in 1992 was, like Trump, elected without a majority of voters. Once in office, Clinton appealed to the left with fiscal-stimulus and health-care bills (both unsuccessful), but also tacked center with a pro-growth deficit-reduction bill. He appealed to the center right by concluding the North American Free Trade Agreement (NAFTA), which had been conceived under his Republican predecessors; and by signing a major crime bill. And he reappointed the conservative stalwart Alan Greenspan to chair the US Federal Reserve.

Clinton hoped to achieve three things with this “triangulation” strategy: to enact policies that would effectively address the country’s problems; to convince voters who hadn’t supported him that he was looking out for their interests, too; and to keep his own base intact.

In 2008, former President Barack Obama was elected with a popular majority. But, like Clinton, he moderated many of his positions once in office. He tacked to the center with technocratic financial-rescue and fiscal-stimulus plans. And he pushed through a market-oriented health-care bill modeled after legislation that Mitt Romney had enacted while serving as the Republican governor of Massachusetts.

Obama also appealed directly to the right with an (unsuccessful) attempt at a “grand bargain” to cut deficits and social spending. His market-oriented cap-and-trade plan to regulate greenhouse-gas emissions was almost indistinguishable from that of his Republican opponent in the 2008 presidential election, Arizona Senator John McCain. And he reappointed Ben Bernanke, originally nominated by Republican President George W. Bush, to chair the Fed.

Obama strove to represent not “red” or “blue” America, but “purple” America. He pursued cautious and technocratic policies that he hoped would attract Republican support. And when his own supporters objected, he reminded them that national unity and mutual respect, not narrow partisanship, would eventually bend the moral arc of the universe toward justice.

Trump, by contrast, won the presidency while losing the popular vote by a wide margin. Yet, once in office, he promptly appealed to right-wing white nativists by issuing his promised travel ban against Muslims. He tried to destroy the 2010 Affordable Care Act (Obamacare) without having a plan for what would replace it. He again appealed to the nativist right by dismissing police brutality against African-Americans, and by describing white supremacists as “very fine people.” And he finished his first year by signing legislation that cuts taxes for the rich, but does little to win over anyone else.

This is not normal politics. Trump clearly has no interest in unifying the country or enacting policies that will actually work. He has not given the majority of Americans who oppose him any reason to change their minds, nor has he counseled his base on the need for durable policies rather than evanescent legislative victories. Most importantly, he has done nothing to help himself get re-elected.

Of course, the same now applies to many Republicans. Here in California last year, we were treated to a remarkable spectacle in which the state’s Republican delegation in the US House of Representatives did not even bother to argue for a tax package that would benefit their constituents. It was as if they had already given up on winning re-election, and were all looking forward to leaving Congress to take high-paying jobs as lobbyists.

According to the Trump administration, its next legislative priority is infrastructure. That sounds like an issue where Trump could tack left, by devising a plan with egalitarian distributional effects and evidenced-based provisions to boost economic growth.

But we shouldn’t count on that outcome. The Trump administration doesn’t seem to have any coherent policy-design process. There have been no hearings or white papers to assess the costs and benefits of various infrastructure proposals. Nor have there been any discussions with lawmakers to establish a rough consensus upon which to base legislation. As with the travel ban and the attempt to repeal Obamacare, there has been no public deliberation whatsoever. All we have are the president’s tweets.

Back in 1776, Adam Smith argued that, in a system founded on “natural liberty,” the government’s three tasks are to provide national defense, ensure public safety and the enforcement of property rights and contracts, and supply infrastructure. According to Smith, the government has the duty to “[erect and maintain] certain public works and certain public institutions, which it can never be for the interest of any individual, or small number of individuals, to erect and maintain.”

To Smith, the reason why governments must take up the task of building infrastructure was clear: “the profit could never repay the expense to any individual or small number of individuals, though it may frequently do much more than repay it to a great society.” Today, we know that public goods actually can be made profitable, but only by granting monopolies, which comes at a high cost to society.

Unfortunately, Trump’s staff does not seem to have gotten Smith’s memo about good government. The administration will most likely propose an infrastructure program based on public subsidies for private investors, who will then select projects from which they can profit by charging monopoly prices. The plan will be well-received at Fox News, and possibly even by pundits at The New York Times, who might stroke their chins and lament that the Democrats are rejecting Trump’s open hand on infrastructure.

But, unlike Clinton and Obama, Trump will have shown yet again that he does not intend to be the president of most, let alone all, Americans. Rather than use the opportunity provided by a debate over infrastructure to advance the cause of national unity, he will instead push the US further toward kleptocracy.

 

Donald Trump gioca a perdere,

di J. Bradford DeLong

BERKELEY – L’America si trova dinanzi certamente un tipo di Presidente diverso da quelli che aveva nel passato. Quello che distingue Donald Trump dai suoi predecessori non è soltanto il suo temperamento e la sua generalizzata ignoranza, ma anche il suo approccio al fare politica.

Si consideri anzitutto Bill Clinton, che nel 1992 venne, come Trump, eletto senza una maggioranza di voti degli elettori. Una volta in carica, Clinton fece appello alla sinistra con lo stimolo della spesa pubblica e con le proposte di legge di riforma sanitaria (entrambi non ebbero successo), ma virò anche verso il centro, con una proposta di legge di riduzione del deficit favorevole alla crescita. Egli fece appello al centro-destra per concludere l’Accordo Nord Americano di Libero Commercio (NAFTA), che era stato concepito durante le Presidenze dei suoi predecessori repubblicani; nonché sottoscrivendo una importante proposta di legge sul crimine. Inoltre rinominò il convinto conservatore Alan Greenspan alla Presidenza della Federal Reserve degli Stati Uniti.

Con questa strategia di ‘triangolazione’ Clinton sperava di raggiungere tre risultati: varare politiche che si sarebbero efficacemente rivolte ai problemi del paese; convincere gli elettori che non l’avevano votato che egli aveva di mira i loro interessi; mantenere intatta la propria base elettorale.

Nel 2008 il passato Presidente Barack Obama fu eletto con la maggioranza del voto popolare. Ma una volta in carica, come Clinton, attenuò molte delle sue posizioni. Egli si spostò al centro con progetti tecnocratici di salvataggio finanziario e di stimolo della spesa pubblica. E fece approvare una proposta di legge sulla assistenza sanitaria orientata al mercato, modellata su una legislazione che Mitt Romney aveva varato mentre era in carica come Governatore del Massachusetts.

Obama fece anche appello direttamente all destra con un tentativo (infruttuoso) di “grande intesa” per tagliare il deficit e la spesa sociale. Il suo piano orientato al mercato, sul modello del ‘porre limiti e consentire gli scambi’, per regolare le emissioni di gas serra era quasi indistinguibile da quello del suo avversario repubblicano nelle elezioni presidenziali del 2008, il Senatore dell’Arizona John McCain. E rinominò Ben Bernanke, originariamente nominato dal Presidente repubblicano George W. Bush, alla presidenza della Fed.

Obama si sforzò di rappresentare non l’America ‘rossa’ o ‘blu’, ma un’America ‘viola’ [1]. Perseguì politiche caute e tecnocratiche che sperava avrebbero attratto il sostegno repubblicano. E quando ebbe obiezioni dai suoi stessi sostenitori, ricordò loro che l’unità nazionale e il reciproco rispetto, non un ristretto spirito di parte, alla fine avrebbero piegato l’arco morale dell’universo verso la giustizia.

Trump, invece, ha ottenuto la Presidenza pur perdendo con ampio margine il voto popolare. Eppure, una volta in carica, ha immediatamente fatto appello all destra dei ‘nativisti’ bianchi promettendo la messa al bando degli ingressi ai musulmani. Ha cercato di distruggere la Legge sulla Assistenza Sostenibile del 2010 (Obamacare) senza avere un programma per sostituirla. Ha nuovamente fatto appello alla destra dei ‘nativisti’ ignorando la violenza della polizia confro gli afro-americani e descrivendo i supramatisti bianchi come “persone ineccepibili”. E ha terminato il suo primo anno firmando la legge che taglia le tasse sui ricchi, ma fa poco per convincere tutti gli altri.

Questa non è politica normale. Chiaramente Trump non ha alcun interesse ad unificare il paese o a promulgare politiche che funzionino effettivamente. Non ha dato alla maggioranza degli americani che sono all’opposizione una qualsiasi ragione per cambiare il loro punto di vista, né ha raccomandato alla sua base la necessità di politiche durature, anziché di evanescenti vittorie legislative. Particolarmente significativo, non ha fatto niente che lo aiuti ad essere riletto.

Ovviamente, lo stesso giudizio vale oggi per molti repubblicani. L’anno scorso, qua in California, siamo stati sottoposti allo spettacolo davvero unico per il quale la delegazione repubblicana dello Stato alla Camera dei Rappresentanti non si è neppure degnata di sostenere un pacchetto fiscale dal quale avrebbero tratto vantaggio i loro elettori. È stato come se avessero già rinunciato a guadagnarsi la rielezione, e non vedessero l’ora di lasciare il Congresso per essere assunti come lobbisti in posizioni ben retribuite.

Secondo la Amministrazione Trump, la loro prossima priorità legislativa saranno le infrastrutture. Parrebbe un tema sul quale Trump potrebbe spostarsi a sinistra, concependo un programma con effetti distributivi egualitari e con misure basate su esperienze comprovate per sostenere la crescita economica.

Ma non dovremmo contare su un risultato del genere. L’Amministrazione Trump non sembra avere in mente alcun coerente processo di ideazione di una politica. Non ci sono state audizioni o libri bianchi per stabilire costi e benefici delle varie proposte infrastrutturali. Neppure ci sono stati confronti con i congressisti per stabilire un generico consenso sul quale fondare la legislazione. Come per il bando agli ingressi e il tentativo di abrogare l’Obamacare, non c’è stata alcuna deliberazione pubblica di qualsiasi genere. Tutto quello che abbiamo sono i tweet del Presidente.

Nel lontano 1776, Adam Smith sostenne che, in un sistema basato sulla “libertà naturale”, i tre compiti di un Governo sono provvedere alla difesa nazionale, garantire la sicurezza pubblica e l’applicazione die dirittti di proprietà e dei contratti, e fornire infrastrutture. Secondo Smith, il Governo ha il dovere “[di erigere e mantenere] determinati lavori pubblici e determinate istituzioni pubbliche, che non possono mai essere erette e mantenute nell’interesse di singole persone o di un piccolo numero di persone”.

Per Smith, la ragione per la quale i Governi devono farsi carico di costruire le infrastrutture era chiara: “il profitto non potrebbe mai restituire le spese a nessun individuo singolo o piccolo gruppo di individui, sebbene esso possa frequentemente fare molto di più che restituirle ad una grande organizzazione sociale”. Oggi sappiamo che i beni pubblici possono effettivamente essere resi proficui, ma solo garantendo i monopoli, la qual cosa comporta un alto costo per la società.

Sfortunatamente, la squadra di Trump non sembra aver compreso quel promemoria di Smith sul buon governo. L’Amministrazione proporrà probabilmente un programma di infrastrutture basato su sussidi pubblici per investitori privati, che poi selezioneranno progetti dai quali possano trarre guadagni caricandoli sui prezzi di monopolio. Il programma sarà bene accolto da Fox News, e probabilmente persino da commentatori del New York Times, che potrebbero carezzarsi pensosamente il mento e lamentarsi perché i democratici intendono respingere la mano aperta di Trump sulle infrastrutture.

Ma, diversamente da Clinton e da Obama, Trump avrà mostrato ancora una volta che non intende essere il Presidente della maggioranza, per non dire di tutti gli americani. Piuttosto intende utilizzare l’opportunità fornita da un dibattito sulle infrastrutture per promuovere la causa dell’unità nazionale, egli spingere ulteriormente gli Stati Uniti verso la cleptocrazia.

 

 

 

 

 

[1] “Red” e “blu” sono i colori del Partito Repubblicano e di quello Democratico; “viola” viene immaginato come il colore misto di una soluzione bipartizan.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"