Altri Economisti » Selezione della Settimana

La distruzione del Partito Repubblicano, di J. Bradford DeLong (da Project Syndicate, 7 maggio 2018)

 

May 7, 2018

The destruction of the Republican Party

 BRADFORD DELONG

zz 17

BERKELEY – It has been one and a half years since Donald Trump was elected to the US presidency, so now is as good a time as any for Americans to take a deep breath and contemplate their broken political system.

To be sure, the United States has not experienced any major catastrophes, even though massive policy mistakes always seem to be looming on the horizon. But the country has been suffering a death by a thousand cuts, leaving it weaker and poorer the longer Trump is in office.

Much of the blame for this belongs to the Republicans, who have fallen into line behind Trump for reasons that are still difficult to understand. Trump was elected with over 60 million votes – some three million fewer than his opponent, Hillary Clinton. But he gained public backing from a wide array of Republican mandarins, policy advisers, and activists, all of whom knew that a President Clinton would pose less of a risk to the country.

Why did they do it? The most persuasive hypothesis is that – like former FBI Director James Comey and Dean Baquet, the executive editor of The New York Times – they ignored polling that did not underestimate the risk of a Trump victory. Mainstream Republicans assumed that they had little to lose, and perhaps something to gain, by opposing Clinton, because that is the lesson they took from the experiences of both Richard Nixon and Ronald Reagan.

It is worth remembering that in 1964, Nixon backed the Republican presidential candidate Barry Goldwater, while other Republicans, such as then-Governor of Michigan George Romney, did not. Nixon then went on to become the party’s presidential nominee in 1968, winning out over Republicans who had alienated the party’s activist base by opposing Goldwater.

Likewise, Ronald Reagan backed Nixon until the very end, even as Nixon’s impeachment was imminent, while Republicans such as Senator Howard Baker of Tennessee concluded that Nixon would have to go. Reagan went on to become the party’s presidential nominee in 1980, winning out over Republicans who had stepped out of line with the party’s activist base.

In 2016, the Republicans who backed Trump most likely saw it as a cheap way to advance their future in the party. What they did not count on was that he would actually become president, and that they would still have to look at themselves in the mirror every morning. Now that Republican rank-and-file voters have come to regard themselves more as Trump supporters than as Republicans, the party’s leading lights must decide what to do next.

Some have already made their choice. Speaker of the House Paul Ryan is retiring at the end of this term. Barring the unlikely possibility that he will mount a presidential run sometime in the future, he is effectively abdicating one of the most powerful positions in the US government, and abandoning his country to the leadership of an unhinged and unqualified kleptocrat. And Ryan is hardly alone: at last count, 43 Republican House members have decided not to seek reelection in November.

Whatever becomes of the Republican Party, it is within the American people’s power to mitigate some of the damage from Trump’s domestic policies at the local level. That is precisely what California and other Democratic (“blue”) states have been doing – and with a great deal of success so far.

But in Kentucky, Alabama, Mississippi, Nebraska, and other red states, the Republican voter base continues to be easily grifted. Farmers in Iowa and other heartland states turned out heavily for Trump in 2016, only to find that he regards them as acceptable casualties in the trade war he wants to launch against China, and perhaps Mexico, too. One should feel sorry for these voters, but not for the Republican politicians who have continued to swindle them by supporting Trump.

What can be done? For starters, we have to educate voters, and keep the spotlight on policies that are against their interests. Normalization is not an option. Pointing out the stupidity and destructiveness of Trump’s policies, and making the case for their immediate reversal, should be an everyday occurrence.1

Beyond that, Americans should try to persuade Vice President Mike Pence that it’s time to invoke Section 4 of the 25th Amendment, which provides for the removal of a president who has been deemed unfit to serve by a majority of his or her cabinet.

Public pressure should also be brought to bear on Rupert and Lachlan Murdoch, the co-chairmen of 21st Century Fox, which owns Fox News. Many of Trump’s policy decisions and tweets track whatever his favorite Fox News commentators say on any given day. In the long run, though, kleptocrats tend to make prey of plutocrats. If the Murdochs care about their long-term fortunes, their best move may be to have their network tell the president: “You gave it a good try, but you’re tired and clearly unhappy in the job, so why not just quit and go play golf, for the sake of your health?”

Finally, Republicans should be made to understand that this is their party’s “Pete Wilson” moment. Pete Wilson is a former Republican governor of California who in the 1990s consigned his party to permanent minority status in the state by smearing Latinos as a menace. Today, California’s large Latino population – which includes many dedicated, socially conservative churchgoers – have no truck with the Republicans. (Nor do many elderly white men in California, because even they are capable of embarrassment.)

Trump could do to the Republican Party nationally what Wilson did to it in California. Party leaders – already facing the likely loss of the House, and possibly the Senate, in November – need to act before it’s too late.

 

La distruzione del Partito Repubblicano,

di J. Bradford DeLong

BERKELEY – È passato un anno e mezzo da quando Donald Trump è stato eletto alla Presidenza degli Stati Uniti, dunque adesso è il momento adatto per gli americani per fare un respiro profondo e contemplare il loro sistema politico distrutto.

Certamente gli Stati Uniti non hanno conosciuto qualche importante catastrofe, anche se colossali errori politici sembrano sembre incombere all’orizzonte. Ma il paese sta sperimentando una morte provocata da un migliaio di ferite, che, più che Trump resta in carica, lo lasciano più debole e più povero.

Gran parte della responsabilità di questo appartiene ai repubblicani, che si sono allineati dietro Trump per ragioni che è ancora difficile comprendere. Trump è stato eletto con più di 60 milioni di voti – qualcosa come tre milioni di voti in meno della sua avversaria, Hillary Clinton. Ma ha conquistato un seguito nell’opinione pubblica a partire da un’ampia varietà di mandarini repubblicani, consiglieri politici e attivisti, tutti i quali sapevano che una Presidenza della Clinton avrebbe costituito un rischio minore per il paese.

Perché l’hanno fatto? L’ipotesi più persuasiva è che – come nel caso del passato Direttore dell’FBI James Comey e di Dean Baquet, l’editore operativo del New York Times – essi ignorassero i sondaggi che non sottostimavano il rischio di una vittoria di Trump. I repubblicani tradizionali considerevano che avevano poco da perdere, e forse qualcosa da guadagnare, opponendosi alla Clinton, perché era questa la lezione che avevano tratto dalle esperienze sia di Richard Nixon che di Ronald Reagan.

È il caso di ricordare che nel 1964, Nixon appoggiò il candidato presidenziale Barry Goldwater, mentre altri repubblicani, come l’allora Governatore del Michigan George Romney, non lo fecero. Poi Nixon proseguì sino a diventare il candidato presidenziale del partito nel 1968, battendo i repubblicani che si erano alienati la base degli attiviti del partito opponendosi a Goldwater.

In modo simile, Ronald Reagan sostenne Nixon proprio sino alla fine, anche quando l’impeachment di Nixon era imminente, mentre repubblicani come il Senatore Howard Baker del Tennesse erano arrivati alla conclusione che Nixon se ne doveva andare. Reagan proseguì sino a diventare il candidato presidenziale del partito nel 1980, battendo i repubblicani che si erano differenziati dalla base degli attivisti del partito.

Nel 2016, i repubblicani che sostennero Trump probabilmente lo considerarono come un modo conveniente per costruire un loro futuro nel partito. Quello che non considerarono era che sarebbe effettivamente diventato Presidente, e che avrebbero ancora dovuto guardarsi allo specchio ogni mattina. Ora che gli elettori repubblicani della base sono giunti a considerarsi più come sostenitori di Trump che come repubblicani, le muse ispiratrici del partito devono decidere quale sarà la prossima mossa.

Alcuni hanno già fatto la propria scelta. Lo speaker della Camera Paul Ryan si ritirerà alla fine di questo mandato. Escludendo la possibilità improbabile che si lanci in una competizione presidenziale in qualche occasione futura, effettivamente sta abdicando da una delle posizioni più potenti nel Governo degli Stati Uniti, nonché abbandonando il suo paese alla guida di un instabile e squalificato cleptocrate. Ed è difficile che Ryan resti solo: secondo le ultime stime, 43 membri repubblicani della Camera hanno deciso di non cercare la rielezione a novembre.

Qualsiasi cosa accada del Partito Repubblicano, è nel potere del popolo americano attenuare il danno delle politiche interne di Trump al livello locale. Questo è precisamente quello che stanno facendo la California e altri Stati democratici (“blu”) – e sino a questo punto, con un bel po’ di successo.

Ma nel Kentucky, nell’Alabama, nel Mississippi, nel Nebraska e in altri Stati ‘rossi’, la base degli elettori repubblicani continua ad essere facilmente ingannabile. Gli agricoltori dell’Iowa e degli altri Stati delle regioni centrali, nel 2016, si volsero nettamente a favore di Trump, solo per scoprire che lui li considera vittime accettabili nella guerra commerciale che vuole scatenare contro la Cina, e forse anche il Messico. Si dovrebbe essere dispiaciuti per questi elettori, ma non per gli uomini politici repubblicani che hanno continuato a ingannarli sostenendo Trump.

Che cosa si può fare? Per cominciare, si devono educare gli elettori e tenere i riflettori accesi sulle politiche che sono contrarie ai loro interessi. La normalizzazione non è un’opzione. Far notare la stupidità e la distruttività delle politiche di Trump, e presentare gli argomenti per una loro immediata inversione, dovrebbe essere un impegno quotidiano.

Oltre a ciò, gli americani dovrebbero cercare di persuadere il Vice Presidente Mike Pence che è il momento di di invocare la quarta Sezione del 25° Emendamento [1], che contempla la rimozione di un Presidente che sia stato giudicato inadeguato alla sua funzione dalla maggioranza del suo Gabinetto. La pressione dell’opinione publica dovrebbe anche essere messa a frutto nel comportamento su Rupert e Lachlan Murdoch, i copresidenti della 21° Century Fox, che sono proprietari di Fox News. Molte delle decisioni politiche e dei tweet di Trump seguono qualsiasi cosa i suoi commentatori favoriti di Fox News dicano in un giorno qualsiasi. Nel lungo periodo, tuttavia, i cleptocrati tendono a divenire preda dei plutocrati. Se i Murdoch si preoccupano delle loro fortune a lungo termine, la loro mossa migliore potrebbe essere di far dire al Presidente dalla loro rete: “Hai fatto un buon tentativo, ma ora sei stanco e chiaramente infelice in questa carica, dunque perché davvero non la smetti e vai a giocare a golf, per il tuo bene?”

Infine, i repubblicani dovrebbero essere pronti a capire che questa è il momento “Pete Wilson” del loro partito. Pete Wilson è un passato Governatore della California che negli anni ’90 condannò il suo partito ad una condizione di permanente minoranza in quello Stato diffamando i Latinos come una minaccia. Oggi la popolazione dei Latinos della California – che comprende molti zelanti, socialmente conservatori che vanno regolarmente in Chiesa – non vogliono avere niente a che fare con i repubblicani (come molte persone bianche anziane della California, dato che persino loro sono capaci di imbarazzo).

Trump potrebbe fare al Partito Repubblicano su scala nazionale quello che Wilson gli fece in California. I dirigenti del Partito – che già sono di fronte alla probabile perdita della Camera dei Rappresentanti, e forse a quella del Senato, a novembre – hanno bisogno di agire prima che sia troppo tardi.

 

 

 

 

 

[1] Che recita: “Qualora il Vice Presidente e la maggioranza dei principali responsabili dei Dipartimenti esecutivi, o di qualsiasi altro organismo che il Congresso possa istituire per legge, trasmettano al Presidente pro tempore del Senato e allo Speaker della Camera dei Rappresentanti la loro dichiarazione scritta che il Presidente non è in grado di esercitare i poteri e i doveri del suo ufficio, il Vice Presidente assume immediatamente poteri e doveri di  Presidente facente funzione”.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"