Blog di Krugman » Selezione della Settimana

La grande illusione di centro-destra, (dal blog di Paul Krugman, 31 ottobre 2018)

 

oct. 31, 2018

The Great Center-Right Delusion

By Paul Krugman

zz 516

What’s driving American politics off a cliff? Racial hatred and the cynicism of politicians willing to exploit it play a central role. But there are other factors. And an opinion piece by Hertel-Fernandez, Mildenberger, and Stokes in today’s Times (which is actually social science, not opinion!) seems to confirm something I already suspected: misunderstanding of what voters want is distorting both political positioning and public policy.

What the authors of the piece show is that congressional aides grossly misperceive the views of their bosses’ constituents; this is true in both parties, but more so of Republicans. What they don’t point out explicitly is that with the exception of A.C.A. repeal, Democrats err in the same direction as Republicans, just less so. Specifically, both parties believe that the public is to the right of where it really is.

An aside on A.C.A. repeal: I wonder what’s really going on here. Lots of polling suggests that voters overwhelmingly want protection for pre-existing conditions and subsidies to help lower-income Americans afford insurance — that is, they want the substance of the A.C.A., even if they say they disapprove of the law. So I’d take this result with a grain of salt: Democrats may not be as wrong here as it appears.

Anyway, what I’d really like to see are comparable surveys of other groups — say, political analysts for major media organizations. Why? Because I suspect we’d see a similar result: people who opine on politics also imagine that voters are farther to the right than they really are. What I’m suggesting, in other words, is that there’s a shared inside-the-Beltway delusion: that America is a conservative, or at most center-right nation, a view that isn’t grounded in reality.

It’s true that Republicans, who are increasingly a far-right party, have been more than competitive politically, controlling the White House, the House of Representatives, or both for all but four of the past 24 years. But this owes a lot to a tilted playing field — they only won the popular vote for president once over that stretch, and can hold the House even when Democrats get a lot more votes.

And it also reflects a political strategy in which Republicans run on anything but their policies. Trump’s frantic attempt to make next week’s election about scary brown people rather than health care or tax cuts is cruder and uglier than anything we’ve seen for a long time, but it’s not fundamentally out of character. Bush the elder ran against Willie Horton. Bush the younger ran on national security. Their actual policies, not so much.

In fact, we got an object lesson in the dissonance between G.O.P. electioneering and public preferences in 2004-5. Bush made it a national security election, with a tinge of culture war; as I used to joke, he ran as the enemy of gay married terrorists. Then, with victory under his belt, he proclaimed that he had a mandate to privatize Social Security. He didn’t.

But many pundits thought he did. For several months after the 2004 election it was conventional wisdom in the commentariat that of course Bush would get his way on Social Security, and that people like Nancy Pelosi who were trying to stop his push were on the wrong side of history. The overwhelming backlash from voters, who really, really like Social Security (and Medicare, and Medicaid) completely surprised many self-proclaimed political experts.

So what are the effects of this delusion of America as a center-right nation? It has clearly inhibited Democrats from taking bold policy positions, out of fear that they’ll be too far left for voters — a fear fed by journalists who keep insisting that the public wants centrists who are somewhere between the parties. Remember the Bloomberg for president bandwagon, which consisted of a number of prominent pundits and maybe three non-journalist voters.

But Republicans are even further out of touch. Hertel-Fernandez et al note correctly that the Trump tax cut has proved consistently unpopular; they don’t point out that at first Republicans were sure that it would be a big political winner: “If we can’t sell this to the American people, we ought to go into another line of work,” declared Mitch McConnell. But they couldn’t sell it, and the tax cut has virtually disappeared from G.O.P. messaging.

And Republicans appear to have been completely blindsided by the public backlash against their attempts to remove protection for pre-existing conditions, which is amazing if you think about it. How could they not realize that this is a sore spot?

Which brings me to something David Roberts wrote yesterday, which complements something I’ve been thinking for a while. He notes, in regard to the frame-Mueller debacle, that we’re dealing with the “second generation of Fox News conservatives,” who grew up entirely inside the right-wing bubble and don’t understand how people outside that bubble talk, think, and behave.

I’d say that this goes even more for professional G.O.P. politicos, who are all apparatchiks. That is, they grew up inside the apparatus of movement conservatism, and really imagine that everyone except a few leftist losers shares their ideology. They don’t even realize that their party’s success has been based on racial antagonism, that most people want to raise taxes on the rich and maintain social benefits.

And this, by the way, is where Trump has an advantage. He didn’t grow up in the conservative hothouse; his very crudity means that he understands that his electoral chances depend not on repeating conservative pieties but on maximum ugliness.

 

La grande illusione di centro-destra,

di Paul Krugman

Cosa sta spingendo la politica americana giù da un precipizio? L’odio razziale e il cinismo dei politici che lo vogliono sfruttare giocano un ruolo centrale. Ma ci sono altri fattori. E un articolo sulla pagina delle opinioni del Times di oggi di Hertel-Fernandez-Mildenberger e Stokes (in realtà è una scienza sociale, non un’opinione!) sembra confermare qualcosa che già sospettavo: l’incomprensione di quello che vogliono gli elettori sta distorcendo sia le collocazioni politiche che i programmi della politica trasmessi all’opinione pubblica.

Quello che gli autori dell’articolo mostrano è che i collaboratori del Congresso fraintendono grossolanamente i punti di vista delle basi elettorali dei loro capi; questo è vero in entrambi i partiti, ma maggiormente nel caso dei repubblicani. Quello che essi non mettono in luce esplicitamente è che, con l’eccezione della abrogazione della riforma sanitaria di Obama, i democratici sbagliano nella stessa direzione dei repubblicani, solo un po’ meno. In particolare, entrambi i partiti credono che la gente sia più a destra rispetto a dove è effettivamente collocata.

Un inciso sulla Legge sulla Assistenza Sostenibile: mi chiedo cosa stia effettivamente accadendo in quel caso. Una grande quantità di sondaggi indica che in modo schiacciante gli elettori vogliono la protezione per le preesistenti patologie e i sussidi per aiutare gli americani con redditi più bassi a permettersi l’assicurazione sanitaria – ovvero che vogliono la sostanza della legge di riforma, anche se dicono di disapprovare la legge. Dunque, considererei questo caso cum grano salis: può darsi che in quel caso i Democratici non sbaglino così tanto come appare.

In ogni modo, quello che mi piacerebbe davvero vedere sono analoghi sondaggi su altri gruppi – ad esempio, gli analisti politici per le principali organizzazioni dei media. Perché? Perché ho il sospetto che ci troveremmo di fronte a risultati simili: anche le persone che esprimono opinioni sulla politica si immaginano che la gente sia più a destra di quanto è realmente. Quello che, in altre parole, sto suggerendo è che c’è una illusione diffusa a Washington: che l’America sia una nazione conservatrice, o al massimo di centro-destra, è un punto di vista che non è fondato sulla realtà.

È vero che i repubblicani, che sono sempre più un partito di estrema destra, sono stati sul piano politico più che competitivi, controllando la Casa Bianca o la Camera dei Rappresentanti, oppure entrambe, per non meno di quattro volte nei 24 anni passati. Ma questo dipende in gran parte da regole di gioco truccate – si sono aggiudicati lungo quel periodo il voto popolare per il Presidente una volta, e possono mantenere la Camera anche quando i democratici ottengono molti voti in più.

E riflette anche una strategia politica sulla base della quale i repubblicani rielaborano ogni cosa, tranne le loro politiche. Il tentativo frenetico di Trump di spostare le elezioni della prossima settimana sul tema della spaventosa gente di colore, anziché sulla assistenza sanitaria e sui tagli alle tasse, è più rozza e più minacciosa di quello a cui assistiamo da tanto tempo, ma fondamentalmente non è di altra natura. Bush padre cavalcò il tema di Willie Horton. Bush figlio quello della sicurezza nazionale. Le loro effettive politiche, non altrettanto.

Di fatto, ne avemmo una dimostrazione pratica nella divaricazione tra le posizioni elettorali del Partito Repubblicano e le preferenze dell’opinione pubblica nel 2004-5. Bush le fece diventare elezioni sulla sicurezza nazionale, con una sfumatura di guerra culturale; come dissi più volte scherzando, adoprò i terroristi come nemici del matrimonio gay. Poi, quando ebbe la vittoria in tasca, proclamò che aveva avuto il mandato a privatizzare la Previdenza Sociale. Il che non era vero.

Ma molti commentatori pensavano che lo fosse.  Per vari mesi dopo le elezioni era opinione diffusa tra molti commentatori che ovviamente Bush avrebbe realizzato la sua idea di Previdenza Sociale e che persone come Nancy Pelosi, che cercavano di opporsi alla sua spinta, erano sul versante sbagliato della storia. L’impressionante contraccolpo tra gli elettori, ai quali la Previdenza Sociale (e Medicare, e Medicaid) piaceva davvero tanto, sorpresero completamente molti sedicenti esperti di politica.

Quali sono, dunque, gli effetti di questo abbaglio di un’America come una nazione di centro-destra? Chiaramente esso ha inibito i democratici dal prendere posizioni programmatiche coraggiose, nel timore che si sarebbero spostati troppo a sinistra per gli elettori – un timore alimentato dai giornalisti che continuano a insistere che l’opinione pubblica vuole centristi che in qualche modo stiano tra i due partiti. Vi ricordate la moda di Bloomberg alla Presidenza, che consisteva in un certo numero di eminenti commentatori e forse di tre elettori non-giornalisti?

Ma i repubblicani hanno perso i contatti anche maggiormente. Hertel-Fernandez e gli altri osservano correttamente che i tagli alle tasse di Trump si sono dimostrati sistematicamente impopolari; non hanno messo in evidenza che agli inizi i repubblicani erano certi che sarebbero stati una grande carta vincente politica: “Se non possiamo persuadere con questo il popolo americano, dovremmo passare ad un altro mestiere”, dichiarò Mitch McConnell. Ma non sono riusciti ad essere convincenti e il taglio delle tasse è sostanzialmente scomparso dalla propaganda del Partito Repubblicano.

E sembra che i repubblicani siano stati completamente presi alla sprovvista dalla reazione pubblica ostile ai loro tentativi di rimuovere la protezione per le patologie sanitarie preesistenti [1] il che se ci si pensa è stupefacente. Come hanno potuto non capire che questo è un punto dolente?

Il che mi porta a qualcosa che David Roberts ha scritto ieri, che integra qualcosa a cui stavo pensando da un po’. Egli osserva, a proposito della debacle dello schema-Mueller, [2] che stiamo discutendo della “seconda generazione dei conservatori di Fox News”, cresciuta per intero dentro la bolla della destra e che non capisce come la gente fuori da quella bolla parla, pensa e si comporta.

Direi che le cose vanno così anche maggiormente per i politici di professione del Partito Repubblicano, che sono tutte persone di apparato. Ovvero, sono cresciuti dentro l’apparato del conservatorismo movimentista e si immaginano per davvero che tutti, eccetto pochi perdenti della sinistra, condividano la loro ideologia. Neanche comprendono che il successo del loro partito si sia basato su un antagonismo razziale, che la maggioranza delle persone vogliano alzare le tasse sui ricchi e mantenere i sussidi sociali.

E questo, per inciso, è dove Trump ha un vantaggio. Lui non è cresciuto nella serra conservatrice: la sua effettiva rozzezza significa che egli capisce che le sue possibilità elettorali non dipendono dal ripetere gli atti di fede dei conservatori, ma da una cattiveria spinta al massimo.

 

 

 

 

 

 

 

[1] Forse è il caso di spiegare perché queste patologie vengono definite “preesistenti”. Il punto è che può capitare di frequente di cambiare assicurazione. La precedente assicurazione non penalizzava particolari patologie sanitarie – sia che fosse a carico del paziente sia che fosse pagata dal datore di lavoro – ma in tutti quei casi nei quali si cambia lavoro, o si perde la condizione contrattuale che metteva l’assistenza a carico del datore di lavoro, occorre una nuova assicurazione. Sennonché il nuovo assicuratore, prima della riforma di Obama, era libero di imporre costi assai più elevati a tutti coloro che avevano bisogno di assicurazione per serie patologie che esistevano in precedenza. Se si soffriva di cardiopatie o di diabete o di cancro, ad esempio, quelle malattie non erano più coperte dalla nuova assicurazione, se non pagando molto di più. La riforma di Obama ha proibito tali penalizzazioni, stabilendo il diritto di ognuno ad una assistenza di base sostenibile. Ovviamente, questo ha comportato un cambiamento radicale nell’economia assicurativa, che la riforma obamiana ottiene in questo modo: stabilendo un obbligo alla assicurazione per tutti, anche per le persone in salute; proibendo alle assicurazioni trattamenti discriminanti; dando sussidi pubblici alle famiglie più povere perché posano pagare l’assicurazione; mettendo delle tasse a carico dei più ricchi per compensare i maggiori costi pubblici.

[2] Ex Direttore dell’FBI, poi nominato supervisore dell’indagine sugli interventi russi nella campagna elettorale americana del 2016 e lì preso di mira da Trump. Ma non saprei dire perché la sua attività nell’indagine viene considerata già una debacle.

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"