Altri Economisti » Selezione della Settimana

I “giacchetti gialli” e la giustizia fiscale, di Thomas Piketty (dal blog di Piketty, 11 dicembre 2018)

 

11 décembre 2018

« Yellow vests » and tax justice

Thomas Piketty

 

zz 625The crisis of the ‘yellow vests’ raises a key issue both in France and in Europe, namely that of fiscal justice. Since his election, Emmanuel Macron has spent considerable time in explaining to the country that the « premiers de cordée », i.e. the leading fortunes and industrialists, should be treated with care; the top priority was to grant tax cuts to the wealthiest, and as a start, the wealth tax abolished. All this was done at top speed, in a spirit of invincibility and without the slightest qualm of conscience. Even Nicolas Sarkozy had been wiser in 2007 with his ‘tax shield’ which he did nevertheless have to cancel in 2012. Inevitably all those who do not consider themselves to be ‘leading lights’ have felt abandoned and humiliated by the Macron discourse, and this is how we now find ourselves in the present situation. The current leadership has committed a series of factual, historical and political errors which it is urgent and possible to correct today.

In the first instance, Macron attempted to justify the abolition of the wealth tax by stating that this tax was instrumental in wealth leaving France. The problem is that this statement is totally unfounded from a factual point of view. Since 1990 we have witnessed a spectacular and continuous rise in the number of estates and amounts of wealth declared to the wealth tax. This development has taken place in all bands of the wealth tax, in particular in the highest bands, where the number and amount of financial assets has risen even faster than the holdings in real estate, which in turn have risen more rapidly than the GDP and the total payroll. The falls in the stock exchange in 2001 and 2008 meant a temporary calm in this evolution but, as soon as the crises ended, the long-term trends picked up again.

In total, the income from the wealth tax (ISF) more than quadrupled between 1990 and 2017, rising from 1 billion to over 4 billions, whereas the nominal GDP was only multiplied by two. All this despite the numerous reductions, exemptions and capping granted over the years to the wealth tax payers and despite the fact that the threshold for inclusion in the wealth tax (ISF) has gradually been raised from 0.6 million Euros of net wealth in 1990 to 1.3 million Euros since 2012 (after deduction of 30% on the value of the main residence of the household). Furthermore, the fiscal control of this tax has always been inadequate.

We just have to consider, for example, that the pre-filled returns have been in place for 10 years for income tax, but they have never been applied for the wealth tax, whereas the banks could easily transmit all the information required to the tax authorities. In 2012, the detailed tax declaration above 3 million Euros was even abolished (since then all that is required is a global amount of wealth with no possibility of systematic control). With improved administration, the wealth tax (ISF) could today yield over 10 billion Euros. Moreover this is in no way surprising, bearing in mind the fact that the property tax yields over 40 billion Euros and that the wealth tax is extremely concentrated (especially the financial assets, exempted from property tax).

The fact remains that in the present state of the law and the administration of the wealth tax (ISF), both of which are defective, the revenue from this tax has nevertheless risen from 1 to 4 billion between 1990 and 2017. Given the evolution in wealth, it should have risen to almost 6 billion in 2022.  With the abolition of the wealth tax (ISF) and the implementation of the IFI (Ipôt sur le fortune immobilière, i.e. tax on real estate wealth, excluding all financial assets), the revenue has fallen to just over 1 billion in 2018. Between now and 2022 we will have lost 5 billion Euros per year and find ourselves back at the level we were at thirty years ago.

The government’s second mistake is historical: they are in the wrong time-period. It is undeniable that the United States and the United Kingdom launched a process of dismantling fiscal progressivity in the 1980s and that this movement was partly followed in Europe in the 1990s and at the beginning of the years 2000 – for example with the suspension of the wealth tax in Germany and Sweden (and as a bonus that of the inheritance tax in the latter case).

But are we really so sure that these policies produced the effects expected? Since the crisis in 2008, and even more so since Trump, Brexit and the explosion of the xenophobe vote all over Europe, there is a better appreciation of the dangers posed by the rise in inequality and the sense of abandonment in the working classes, so that many now understand the need for a new social regulation of capitalism. In these conditions, adding a further measure in favour of the richest in 2018 was not really very clever. If Macron wants to be the president of the 2020s and not the 1990s, he is going to have to adapt quickly.

The saddest thing is the appalling wastage and mess concerning global warming. If a carbon tax is to succeed, it is imperative that the totality of the net proceeds be allocated to the social measures associated with the ecological transition. The government has done just the opposite: only 10% of the 4 billion Euros rise in fuel duty in 2018, and the extra 4 billion expected in 2019, were earmarked for social measures, while the remainder financed, de facto, the abolition of the wealth tax (ISF) and the flat tax on income from capital.

If Macron wants to save his five-year period in power, he must immediately re-instate the wealth tax and allocate the revenue to compensate those who are the most affected by the rises in carbon tax, which must continue.

If he does not do so, that will mean that he will have opted for an outdated pro-rich ideology at the expense of the campaign against global warming.

 

I “giacchetti gialli” e la giustizia fiscale,

di Thomas Piketty

zz 625[1]

La crisi dei “giacchetti gialli” solleva un tema centrale sia in Francia che in Europa, precisamente quello della giustizia fiscale. Dal momento della sua elezione, Emmanuel Macron ha speso un tempo considerevole nello spiegare al suo paese che “i primi della cordata”, ovvero i massimi capitali e imprenditori, dovevano essere trattati con attenzione; la priorità principale era garantire tagli fiscali ai più ricchi e, per cominciare, la tassa sulle ricchezze è stata abolita. Tutto questo è stato fatto con la massima velocità, in uno spirito di ineluttabilità e senza il minimo scrupolo di coscienza. Persino Nicolas Sarkozy era stato più saggio nel 2007 con il suo “scudo fiscale”, che ciononostante dovette cancellare nel 2012. Inevitabilmente, tutti coloro che non si ritengono “esponenti di spicco” si sono sentiti abbandonati e umiliati dal discorso di Macron, e questa è la ragione per la quale siamo ora in questa situazione. L’attuale dirigenza ha commesso una serie di errori pratici, storici e politici che a questo punto è urgente e possibile correggere.

Anzitutto, Macron ha tentato di giustificare l’abolizione della tassa sulla ricchezza dichiarando che questa tassa era determinante nell’abbandono della Francia da parte delle grandi ricchezze. Il problema è che tale dichiarazione, stando ai fatti, è totalmente infondata. Dal 1990 abbiamo assistito ad una crescita spettacolare e continua nel numero dei patrimoni e delle quantità di ricchezza dichiarate al fisco. Questi sviluppi si sono determinati in tutte le fasce della tassa sulla ricchezza, in particolare nelle fasce più elevate, dove il numero e la quantità di asset finanziari sono cresciuti persino più velocemente dei possedimenti immobiliari, che a loro volta sono cresciuti più rapidamente del PIL e degli stipendi totali. La caduta delle borse azionarie nel 2001 e nel 2008 hanno comportato un rallentamento provvisorio in questa evoluzione ma, appena le crisi sono terminate, le tendenze di lungo termine sono nuovamente risalite.

In totale, il reddito proveniente dalla tassa sula ricchezza (in francese “Imposta di solidarietà sulla fortuna”, ISF) [2] è più che quadruplicato dal 1990 al 2017, crescendo da un miliardo a circa 4 miliardi, laddove il PIL nominale era soltanto raddoppiato. Tutto questo nonostante le numerose riduzioni, esenzioni e fissazioni di tetti garantite nel corso degli anni ai contribuenti della tassa sulla ricchezza e nonostante il fatto che la soglia per l’inclusione in quella tassa sia gradualmente salita dagli 0,6 milioni di euro di ricchezza netta nel 1990 agli 1,3 milioni di euro a partire dal 2012 (dopo la deduzione del 30% del valore della principale residenza della famiglia). Inoltre, il controllo fiscale su questa tassa è sempre stato inadeguato.

Ad esempio, dobbiamo solo considerare che i rendimenti pre-compilati sono stati messi in atto da dieci anni per la tassa sui redditi, ma non sono mai stati applicati alla tassa sulle ricchezze, mentre le banche potrebbero facilmente trasmettere alle autorità tutte le informazioni richieste per tale tassa. Nel 2012, la dettagliata dichiarazione fiscale sopra i 3 milioni di euro venne perfino abolita (da allora quello che è richiesto è la quantità globale di ricchezza, senza alcuna possibilità di controllo sistematico). Con una migliore amministrazione, la tassa sulla ricchezza (ISF) potrebbe al giorno d’oggi generare più di 10 miliardi di euro. Inoltre questo non è in alcun modo sorprendente, se si tiene a mente il fatto che la tassa sulla proprietà [3] ha un gettito superiore ai 40 miliardi di euro e che la tassa sulla ricchezza è estremamente concentrata (specialmente per gli asset finanziari, che sono esenti dalla tassa sulle proprietà).

Resta il fatto che nella condizione legislativa ed amministrativa della tassa sulla ricchezza (ISF), che sono entrambe difettose, le entrate da questa imposta sono ciononostante cresciute da 1 a 4 miliardi tra il 1990 e il 2017. Considerata l’evoluzione della ricchezza, esse dovrebbero raggiungere quasi i 6 miliardi nel 2020. Con l’abolizione dell’imposta sulla ricchezza (ISF) e con la messa in atto dell’IFI (in francese, imposta sulla fortuna immobiliare, ovvero tassa sulla ricchezza immobiliare, con l’esclusione degli asset finanziari) il reddito è caduto a solo 1 miliardo nel 2018. Tra ora e il 2022 avremo perso 5 miliardi all’anno, per ritrovarci al punto in cui eravamo trenta anni fa.

Il secondo errore del Governo è di natura storica: sono nel momento sbagliato. È innegabile che gli Stati Uniti e il Regno Unito abbiano lanciato negli anni ’80 un processo di smantellamento della progressività fiscale e che questo movimento sia in parte stato seguito in Europa negli anni ’90 e agli inizi degli anni 2000 – ad esempio con la sospensione della tassa sulla ricchezza in Germania e in Svezia (e con un bonus sulla tassa di successione nel secondo caso).

Ma siamo davvero certi che queste politiche abbiano prodotto gli effetti attesi? Dalla crisi del 2008, e ancora maggiormente a partire da Trump, dalla Brexit e dall’esplosione del voto xenofobo in tutta l’Europa, c’è un migliore apprezzamento dei pericoli costituiti dalla crescita dell’ineguaglianza e dal senso di abbandono nella classe lavoratrice, cosicché molti adesso riconoscono il bisogno di una nuova regolamentazione sociale del capitalismo. In queste condizioni, aggiungere una ulteriore misura a favore dei più ricchi nel 2018 non è stato davvero intelligente. Se Macron vuole essere il Presidente dei futuri anni ’20 di questo secolo e non degli anni ’90, è destinato a doversi correggere rapidamente.

La cosa più triste è lo spreco spaventoso e il disastro a riguardo del riscaldamento globale. Se una tassa sul carbone deve avere successo, è imperativo che la totalità dei ricavi netti sia allocata nelle misure connesse con la transizione ecologica. Il Governo ha appena fatto proprio l’opposto: soltanto il 10% dei 4 miliardi di euro di aumento delle imposte sui carburanti nel 2018, e i 4 miliardi aggiuntivi attesi nel 2019, sono stati destinati a misure sociali, mentre il rimanente ha finanziato, di fatto, l’abolizione della tassa sulla ricchezza (ISF) e la flat tax sui redditi da capitale.

Se Macron vuole salvare il suo quinquennio al potere, egli deve immediatamente ristabilire la tassa sulla ricchezza ed allocare il ricavato per compensare coloro che sono maggiormente colpiti dagli aumenti della tassazione sul carbone, che deve proseguire.

Se non lo fa, vuol dire che avrà optato per una ideologia a favore dei ricchi fuori del tempo, a spese della campagna contro il riscaldamento globale.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] La tabella mostra i diversi scenari previsti nel periodo sino al 2022 a seguito di diverse scelte sulla Tassa sulla Ricchezza. La linea verde corrisponde allo scenario più elevato, coerente con le tendenze dal 1990 al 2007, ovvero al mentenimento di tale imposta secondo le prospettive migliori di incremento. Quello rosso è ancora nella ipotesi di un mentenimento, sulla base della tendenza realizzata dal 1990 al 2017. Quello celeste è anch’esso nell’ipotesi di un mantenimento, questa volta secondo la tendenza più ridotta all’incremento nel periodo 2005/2017. Quello giallo, infine, consiste nella prosecuzione di una politica di abbandono della tassa sulla ricchezza, ridotta si soli patrimoni immobiliari.

[2] Da quello che capisco, ciò che distingue la “tassa di solidarietà sulla ricchezza” è il fatto che essa si applica soltanto a contribuenti con redditi elevati (in passato 800 mila euro, oggi 1.300 mila euro). Essa è esattamente una “tassa sulla fortuna”, ovvero su particolari ricchezze mobiliari e immobiliari, e – se non sbaglio – si somma alle tasse ordinarie sul reddito e sul patrimonio immobiliare, nella forma di una imposta straordinaria di solidarietà sui più ricchi. Insomma, anche se adesso è sotto accusa la sua riduzione o eliminazione voluta da Macron, corrispondeva ad una tassa sui patrimoni elevati che in Italia è sempre solo vociferata.

[3] Si dovrebbe intendere su tutte le proprietà, a prescindere dalle “fortune” complessive dei loro possessori.

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"