Altri Economisti » Selezione della Settimana

Un ritorno per il partito del Congresso, di Shashi Tharoor (da Project Syndicate, 20 dicembre 2018)

 

Dec 20, 2018

A comeback for Congress

SHASHI THAROOR

zz 627

NEW DELHI – The stunning victory this month of the opposition Indian National Congress in three elections to state assemblies – the local “parliaments” that decide who governs federal India’s 29 provincial units – is a major blow to Prime Minister Narendra Modi’s ruling Bharatiya Janata Party (BJP). The elections’ outcome has dramatically upended Modi supporters’ complacent prediction that he would be easily re-elected to a second five-year term in the next general election, due before May 2019.

The defeat of BJP governments in the Hindi states of Madhya Pradesh, Rajasthan, and Chhattisgarh is all the more significant because the region is a bastion of support for the party. The results reflect mounting disillusionment with the performance of the BJP both in New Delhi and in the states they rule, as well as the emergence of a previously enfeebled Congress party as a credible alternative.

A major reason for the BJP’s poor showing is its neglect of the agriculture sector, on which over 60% of Indians still depend for their livelihood. With harvest failures, failed crop-insurance schemes that benefited insurers rather than indebted farmers, and inadequate attention to irrigation, credit, price-support, and other needed inputs, farmer suicides have risen to record levels. Rural distress has been a common factor across most of India, and much of the blame for it inevitably focuses on the failure of the central and state governments to deal with it. Just before the state elections, tens of thousands of farmers from around the country marched on the national capital, New Delhi, demanding that their grievances be addressed.

Other BJP policy mistakes also weakened support for the incumbent administrations. The Modi government’s irresponsible, thoughtless, and badly implemented demonetization scheme in 2016 was a disaster for the economy, shaving 1.5% off GDP growth and devastating the rural poor and wage workers, whose subsistence depends on daily flows of cash. Poor farm workers have never quite recovered from this unnecessary government-inflicted wound. Nor have small and micro enterprises, the backbone of India’s economy, many of which closed because of demonetization and never reopened, throwing millions out of work.

That makes unemployment the third major reason for the BJP’s election debacle. Modi rashly promised that he would create 20 million jobs per year, implying that almost 100 million jobs should have been created by now. That was always a pipe dream, but his government has not managed to create even 1.5 million in the last four years. With large numbers of India’s young unable to find paying jobs, no issue looms larger in the minds of the 65% of the population that is under 35.

Add to this the disillusionment with the BJP of the “Scheduled Castes” and “Scheduled Tribes” (so called because they are enumerated in the Constitution) and the ruling party’s electoral weaknesses become clear. The BJP’s upper-caste leadership has poured scorn on those they deem to be their social inferiors, including the Dalits (the former “untouchables”) and the Adivasis, or aboriginals. Tribal voters in Chhattisgarh abandoned the BJP in droves as reports spread of their traditional lands being acquired for “development,” while Dalits in Rajasthan suffered numerous public indignities and revolted at the ballot box.

In all three states, disaffected voters turned to the party they had repudiated in the previous elections: Congress, now led by 48-year-old Rahul Gandhi. For years, it had been suggested that Gandhi – a son, grandson, and great-grandson of Indian prime ministers – was a “dynast” who was not up to the job of leading the country, and that even voters unhappy with the BJP would not necessarily vote for Congress. Gandhi shook off such criticisms and led an energetic campaign, addressed 82 rallies, and successfully dispelled the claim that he was ineffectual or entitled. His party’s victory in all three states (which no political pundit or polling organization had predicted) was a personal triumph and consolidated Congress as the lynchpin of the opposition’s drive to defeat the BJP in the coming general election.

The BJP, licking its wounds after such a rout, must now decide what sort of election campaign it will conduct to retain power in New Delhi. The economic appeal to voters that worked so well in 2014 will lack credibility this time around, given the government’s spectacular failure to fulfill any of its promises. That leaves two most likely tactics.

One is to run a presidential-style campaign that portrays the larger-than-life image of Modi as the only choice against what the BJP will portray as a motley crew of opposition wannabes. The other is to double down on the incendiary politics of anti-Muslim animus that has worked for the party in the past, relying on the dangerous doctrine of Hindutva, according to which India is a land of Hindus and should declare itself a Hindu state.

The latter approach is reflected in rabble-rousing speeches by BJP leaders and a concerted campaign to give Muslim-sounding towns and cities new, supposedly more authentic Hindu names. But while the BJP’s demonization of India’s Muslims and Christians might serve its short-term political interests, it implies long-term dangers in a plural society. India’s future will face grave risks if its leaders drive these communities to overt hostility toward their own country.

The challenge of governing a fractious democracy is never easy. But Indians are clearly yearning for a government that cares about all citizens, heals the divisions that the BJP has created, and delivers economic results. It is a tall order, but the recent elections suggest that Congress is readier than the BJP to fill it.

 

Un ritorno per il partito del Congresso,

di Shashi Tharoor

NUOVA DELHI – La smagliante vittoria di questo mese della opposizione dell’Indian National Congress in tre elezioni per le assemblee degli Stati – i “parlamenti” locali che decidono chi governa le 29 unità provinciali dell’India federale – è un colpo importante al partito Bharatiya Janata (BJP) del Primo Ministro Narendra Modi. Il risultato delle elezioni ha capovolto le previsioni compiacenti dei sostenitori di Modi secondo le quali egli sarebbe facilmente rieletto per un secondo mandato di 5 anni nelle prossime elezioni generali, attese entro il maggio del 2019.

La sconfitta dei governi del BJP negli Stati hindi di Madhya Pradesh, Rajasthan e Chhattisgarh è ancor più significativa perché quell’area è un bastione del sostegno al partito. I risultati riflettono una crescente delusione per le prestazioni del BJP sia a Nuova Delhi che negli Stati che esso governa, assieme all’emergere di una credibile alternativa del Partito del Congresso, in precedenza indebolito.

Una importante ragione per la modesta prestazione del BJP deriva dalla sua trascuratezza verso il settore dell’agricoltura, dal quale ancora dipendono per il loro sostentamento più del 60% degli indiani. Con il cattivo andamento dei raccolti, il fallimento degli schemi di assicurazione delle colture dai quali hanno tratto beneficio gli assicuratori anziché gli agricoltori indebitati e l’inadeguata attenzione all’irrigazione, al credito, al sostegno dei prezzi e ad altri necessari contributi, i suicidi degli agricoltori sono cresciuti a livelli record [1]. La sofferenza delle zone rurali è stato un fattore comune in gran parte dell’India, e buona parte delle responsabilità inevitabilmente si concentra sulla incapacità del governo centrale e di quelli statali a misurarsi con essa. Proprio prima delle elezioni negli Stati, decine di migliaia di agricoltori provenienti da tutto il paese hanno marciato sulla capitale della nazione, Nuova Delhi, chiedendo che le loro rimostranze vengano affrontate.

Anche altri errori politici del BJP hanno indebolito il sostegno alle amministrazioni in carica. L’irresponsabile, sconsiderato e malamente realizzato schema di demonetizzazione del 2016 è stato un disastro per l’economia, riducendo dell’1,5% la crescita del PIL e devastando i lavoratori salariati poveri dell’agricoltura, la cui sussistenza dipende dalla corresponsione mensile di contanti. I lavoratori poveri dell’agricoltura non si sono mai ripresi da questa non necessaria ferita inferta dal Governo. Né si sono riprese le imprese piccole e piccolissime, la spina dorsale dell’economia indiana, molte delle quali hanno chiuso a causa della demonetizzazione e non hanno mai riaperto, con milioni di persone espulse dalla attività lavorativa.

In questo modo, la disoccupazione è stata la terza importante ragione della debacle elettorale del BJP. Modi aveva promesso imprudentemente che avrebbe creato 20 milioni di posti di lavoro all’anno, con il che ad oggi si sarebbero dovuti creare 100 milioni di posti di lavoro. Questo è sempre stato un sogno irraggiungibile, ma il Governo non è stato capace di creare neppure 1,5 milioni di posti di lavoro negli ultimi quattro anni. Con grandi numeri di giovani indiani incapaci di trovare posti di lavoro retribuiti, non c’è altra questione che si profila in modo altrettanto minacciose nelle menti del 65% della popolazione che è al di sotto dei 35 anni.

Si aggiunga a questo la disillusione per le “Caste programmate” e le “Tribù programmate” (così denominate in quanto sono elencate nella Costituzione) e la debolezza elettorale del partito al Governo appare chiara. Il gruppo dirigente del BJP, appartenente alla casta superiore, ha rovesciato disprezzo su coloro che giudicano inferiori a loro stessi, inclusi i Dalits (gli “intoccabili” del passato) e gli Adivasis, o aborigeni. Gli elettori tribali nel Chhatisgarh hanno abbandonato in massa il BJP alla diffusione delle notizie sui loro tradizionali terreni che venivano acquistati per lo “sviluppo”, mentre i Dalits nel Rajasthan hanno subito numerosi oltraggi pubblici e si sono rivoltati ai seggi elettorali.

In tutti e tre gli Stati gli elettori delusi si sono rivolti al Partito che avevano ripudiato nelle elezioni precedenti: il Partito del Congresso [2], oggi guidato dal 48enne Rahul Gandhi. Per anni è stato suggerito che i Gandhi – figlio, nipote e pronipote di Primi Ministri indiani [3] – erano una “dinastia” che non era all’altezza del compito di dirigere il paese, e che persino gli elettori scontenti del BJP non avrebbero necessariamente votato per il Partito del Congresso. Gandhi si è scrollato di dosso queste critiche e ha guidato una energica campagna elettorale, ha parlato in 82 manifestazioni, dissipando con successo la pretesa che fosse inefficace o che non avesse i requisiti. La vittoria del suo partito in tutti e tre gli Stati (che nessun partito politico o organizzazione di sondaggi aveva prevista) è stata un trionfo personale ed ha consolidato il Partito del Congresso come il fulcro dell’impulso dell’opposizione a sconfiggere il BJP nelle prossime elezioni generali.

Il BJP, mentre si lecca le ferite dopo una tale disfatta, deve adesso decidere che tipo di campagna elettorale condurrà per mantenere il potere a Nuova Dehli. La attrazione economica degli elettori che funzionò così bene nel 2014, questa volta mancherà di credibilità, dato lo spettacolare fallimento del Governo nel mantenere le sue promesse. Restano due tattiche più probabili.

Una è promuovere una campagna di tipo presidenziale che ritragga la straordinaria immagine di un Modi alla stregua della scelta senza alternative, contro la quale il BJP raffigurerà una variegata folla di pallide imitazioni dell’opposizione. L’altra è ripetere la politica incendiaria della animosità anti musulmana che nel passato funzionò a vantaggio del partito, basandosi sulla pericolosa dottrina della Hindutva, secondo la quale l’India è la terra degli Indù e dovrebbe dichiararsi uno Stato indù.

Quest’ultimo approccio si manifesta in discorsi populisti da parte dei dirigenti del BJP e in una campagna ben organizzata per dare alle cittadine e alle città che evocano una terminologia musulmana, denominazioni indù che si presumono più autentiche. Ma mentre la demonizzazione dei musulmani e dei cristiani dell’India da parte del BJP potrebbe servire i suoi interessi politici nel breve termine, essa implicherebbe pericoli e lungo termine in una società plurale. Il futuro dell’India fronteggerà seri pericoli se i suoi dirigenti guideranno queste comunità ad una aperta ostilità verso il loro stesso paese.

La sfida del governare una democrazia insofferente non è mai facile. Ma gli indiani ambiscono chiaramente ad un Governo che si prenda cura di tutti i cittadini, rimargini le divisioni che il BJP ha creato e porti a termine risultati economici. È un compito arduo, ma le recenti elezioni indicano che il Partito del Congresso è più pronto del BJP a conseguirlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Secondo un articolo che appare nella connessione nel testo inglse, nei tre Stati del Madhya Pradesh, Rajasthan e Chhattisgarh – tra il 2004 e il 2016 – ci sono stati oltre 35.000 suicidi, un livello tra i più alti mai registrati.

[2] Il nome del Partito è Indian National Congress, normalmente chiamato ‘Partito del Congresso’ o più semplicemente ‘Congresso’.

[3] Rahul Gandhi non è imparentato con la famiglia del Mahatma Gandhi, ma discende dalla potente famiglia indiana dei Nehru-Gandhi, che ebbe effettivamente tre Primi Ministri: Paṇḍit Jawaharlal Nehru,  sua figlia Indira Gandhi e il figlio di quest’ultima Rajiv Gandhi. Quindi, Rahul è figlio di Rajiv, nipote di Indira e pronipote di Jawarial Nehru. Il cognome Gandhi, nella genealogia della famiglia Nehru-Gandhi, subentra a partire da Indira, che era sposa di Feroze Gandhi, che non aveva alcun rapporto di parentela con il Mahatma.

Questo, dunque, è Rahul:

zz 634

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"