Altri Economisti » Selezione della Settimana

Come la povertà americana è diventata “fake news”, di Angus Deaton (da Project Syndicate, 8 gennaio 2019)

 

Jan 8, 2019

How American poverty became “Fake News”

ANGUS DEATON

zz 659

PRINCETON – Under the administration of the incontinently mendacious President Donald J. Trump, everyone should worry about the integrity of America’s official statistics. They should worry about much more under Trump, particularly the fate of democracy in the United States. But without credible official data, there can be no genuine accountability – and thus no democracy.

Consider the Trump administration’s reporting on poverty in the US. It seems that the baseline numbers produced by the US Census Bureau are (so far) intact, but there has been a flurry of misinterpretations that go beyond the usual partisan spin.

Commentators on the right like to quote Ronald Reagan’s 1988 claim that in the War on Poverty, declared by Lyndon B. Johnson in 1964, poverty won. That claim, perennially used as a cudgel to beat the social safety net that was expanded under Johnson’s “Great Society” reforms, is consistent with official poverty estimates, the methodology of which has not been updated since the 1960s.

Because that methodology ignores taxes (including the earned income tax credit) and programs like food stamps (now called the Supplemental Nutrition Assistance Program, or SNAP), their effects are not counted, no matter how successful they are in reducing want. Such a widely acknowledged statistical flaw invites commentators to fill the hole with their prejudices, as Reagan did.

More recently, Trump’s Council of Economic Advisers, in a July report arguing for work requirements to be attached to social benefits, claimed that, thanks to the American safety net, the War on Poverty “is largely over and is a success.” This argument hinges on abandoning traditional metrics, which measure income, and switching to consumption.

Consumption is arguably (but only arguably) superior to income as a welfare measure, but it is unclear how many of the very poor participate in a burdensome and intrusive survey that has a 40% non-response rate. More worrying still is the essentially arbitrary “correction” to the consumer price index (CPI) that reduces the poverty line so that there are fewer people beneath it.

Perhaps the official CPI does not adequately capture quality improvements in goods and services. The consequences of this have been addressed in the scholarly literature, notably by a National Academy of Sciences panel that argued against a mechanical correction. But debating that issue is very different from abandoning the official CPI in favor of a more politically advantageous one that comes close to eliminating poverty.

A more egregious case of data manipulation concerns a report by the United Nations Special Rapporteur on extreme poverty and human rights. At the invitation of the US government, the Special Rapporteur, Philip Alston, examined extreme poverty in the US. He reported his findings to the UN Human Rights Council in June 2018.

The result makes for dreadful reading. Documenting the extraordinary depths of poverty in parts of the US, the report includes tent camps on the streets of Los Angeles, yards awash in untreated sewage because local authorities refuse to supply services, and the widespread use of fines and confiscations levied on poor people that many towns and cities are using to finance themselves. Whereas Johnson declared a war on poverty, parts of America are now waging a war on the poor.

Many of us believe that, because the US social safety net is so imperfect, extreme poverty is more prevalent there than elsewhere – and certainly among developed countries. Welfare reform that encouraged work has been good for some of the poor, but bad for the poorest, expanding inequality within the poor population and hurting the worst off.

Books by Kathryn J. Edin and H. Luke Shaefer and by Matthew Desmond have documented in detail the miseries of life at the bottom in America, and Shaefer and Edin argue that several million children in the US are living on less than two dollars a day. In a New York Times commentary published in January 2018, I noted that the World Bank now publishes estimates of global poverty that include the rich countries, and that those estimates show 5.3 million people in the US living on less than the equivalent of the world’s global poverty line.

In my argument, I used $4 per person per day for rich countries as roughly equivalent to the global poverty line of $2 used for poor countries. There are more “globally poor” people in the US than in Sierra Leone or Nepal, and the poverty rates in the US and China are similar, despite the more than threefold difference in per capita income.

The World Bank’s calculations that I reported were widely denounced – by both the right and the left. The Heritage Foundation argues that if one uses consumption, not income, there are only 250,000 globally poor people in the US. Never mind whether the parents selling their children’s social security numbers to survive, or risking their children’s safety to find a place to live, have time to participate in the consumption survey. Many on the left, meanwhile, refuse to believe that any American is as poor as the poorest in Africa or Asia. Whereas the right wants to decrease domestic transfers, the left wants to increase foreign transfers.

The story then turns surreal. Alston’s report drew an angry rebuke from the US ambassador to the UN, Nikki Haley, who claimed that “it is patently ridiculous for the United Nations to examine poverty in America,” and an official US response saying that Alston’s numbers were wrong. Yet the only numbers Alston used came from the US Census Bureau, an estimate described in the response as “the exaggerated figure cited by the Special Rapporteur.” The response then approvingly cited the Heritage calculations, which are based on my $4-per-day poverty line.

And then, perhaps only coincidentally, the Trump administration pulled the US out of the Human Rights Council, with the result that Haley did not attend the report’s presentation. She, like the Council of Economic Advisers, noted that the Trump administration knows how to tackle deep poverty, which is to force people to work.

That may or may not be true, but denouncing the Census Bureau’s estimates in favor of those from the Heritage Foundation (there is evidence that agency officials objected) or conveniently tampering with the CPI, and then treating the alternative numbers as superior to the official statistics, is surely well beyond the pale. Trump’s administration showed in 2018 that it will admit no blemishes, whether extreme poverty or the unconscionable death toll following Hurricane Maria in Puerto Rico. And there is no reason to believe that further distortions of the truth, and the threat to democracy that such behavior implies, will not appear in the coming year.

 

 

Come la povertà americana è diventata “fake news”,

di Angus Deaton

PRINCETON – Tutti dovrebbero preoccuparsi per l’integrità delle statistiche ufficiali americane sotto la amministrazione del Presidente Donald J. Trump, bugiardo incontinente. Con Trump, dovrebbero preoccuparsi di molto altro, in particolare del destino della democrazia negli Stati Uniti. Ma senza dati ufficiali credibili, non ci può essere alcuna genuina affidabilità – e quindi alcuna democrazia.

Si consideri il rapporto della Amministrazione Trump sulla povertà negli Stati Uniti. Sembra che i dati di riferimento prodotti dall’Ufficio del Censimento statunitense siano (sino a questo punto) rimasti intatti, ma c’è stato un turbinio di deformazioni che vanno oltre la consueta manipolazione faziosa.

I commentatori della destra amano citare l’argomento di Ronald Reagan del 1988 secondo il quale nella Guerra alla Povertà, dichiarata da Lyndon B. Johnson nel 1964, a vincere fu la povertà. Quell’argomento, usato in continuazione come un randello per bastonare la rete della sicurezza sociale che si era ampliata con le riforme della “Great Society” di Johnson, è coerente con le stime ufficiali sulla povertà, la metodologia delle quali non è stata aggiornata dagli anni ’60.

Dato che la metodologia ignora le tasse (incluso il credito di imposta sui redditi da lavoro) e i programmi come le tessere alimentari (ora chiamate Programma di Assistenza Nutritiva Aggiuntiva, o SNAP), i loro effetti non sono contabilizzati, a prescindere da quanto successo abbiano avuto nel ridurre la miseria. Un tale generalmente riconosciuto difetto statistico sollecita i commentatori a riempire il vuoto con i loro pregiudizi, come fece Reagan.

Più di recente, il Comitato dei Consulenti Economici di Trump, in un rapporto di luglio che si esprimeva a favore di una connessione tra i requisiti lavorativi e i sussidi sociali, ha sostenuto che, grazie alla rete della sicurezza sociale americana, la Guerra alla Povertà “è in gran parte superata con successo”. Qusta tesi si incentra sull’abbandono dei tradizionali metodi di misura, che stimano il reddito, e sullo spostarsi sui consumi.

I consumi sono probabilmente (ma solo probabilmente) superiori al reddito come misura del benessere, ma non è chiaro quante persone molto povere partecipino ad un pesante e intrusivo sondaggio che ha una percentuale di non-risposte del 40%. Ancora più preoccupante è la “correzione” sostanzialmente arbitraria dell’Indice dei prezzi al consumo (CPI), che riduce la linea della povertà al punto che solo una minoranza di persone si collocano sotto di essa.

Forse l’Indice dei prezzi al consumo non registra adeguatamente i miglioramenti della qualità dei beni e dei servizi. Le conseguenze di tutto ciò sono state affrontate nella letteratura degli studiosi, in particolare da un comitato della Accademia Nazionale delle Scienze che ha espresso un parere contrario ad una correzione maccanica. Ma dibattere questo tema è altra cosa rispetto ad abbandonare l’Indice ufficiale dei Prezzi al Consumo a favore di una stima politicamente vantaggiosa che arriva vicina alla eliminazione della povertà.

Un caso più cospicuo di manipolazione dei dati riguarda un rapporto del Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla povertà estrema e sui diritti umani. Su invito del Governo degli Stati Uniti, il Relatore Speciale Philip Alston ha esaminato la povertà estrema negli Stati Uniti. Nel giugno del 2018 egli svolse una relazione sulle sue scoperte al Comitato dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.

Il risultato provoca una lettura terrificante. Documentando la straordinaria gravità della povertà in alcuni luoghi degli Stati Uniti, il rapporto include i campi di tende nelle strade di Los Angeles, i piazzali inondati di acque nere non trattate dato che le autorità rifiutano di fornire i servizi e l’uso generalizzato di multe e confische imposte alla povera gente che molte cittadine e città stanno utilizzando per finanziarsi. Mentre Johnson aveva dichiarato guerra alla povertà, parti dell’America stanno oggi lanciandosi in una guerra ai poveri.

Molti di noi credono che, dato che le reti della sicurezza sociale statunitense sono così imperfette, la povertà estrema sia lì più diffusa che altrove – e certamente più diffusa che nei paesi sviluppati. La riforma della assistenza che ha incoraggiato il lavoro è stata certamente positiva per alcuni poveri, ma negativa per i più poveri, ampiando le ineguaglianze tra la popolazione povera e danneggiando coloro che sono nelle condizioni peggiori.

I libri di Kathryn J. Edin e H. Luke Shaefer e di  Matthew Desmond hanno documentato nel dettaglio le miserie della vita degli americani che sono più in basso nella scala sociale, e Shaefer ed Edin sostengono che vari milioni di bambini negli Stati Uniti stanno vivendo con meno di due dollari al giorno. In un commento sul New York Times pubblicato nel gennaio del 2018, osservai che World Bank pubblica le stime internazionali della povertà che includono i paesi ricchi, e che quelle stime mostrano che 5,3 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con meno dell’equivalente della linea internazionale di povertà del mondo [1].

Nella mia argomentazione, utilizzavo 4 dollari a persona al giorno per i paesi ricchi come grosso modo equivalenti alla linea internazionale della povertà di 2 dollari utilizzata per i paesi poveri. Ci sono più persone “povere secondo i criteri internazionali” negli Stati Uniti che in Sierra Leone o in Nepal, e i tassi di povertà negli Stati Uniti e in Cina sono simili, nonostante una differenza di quasi tre volte nel reddito pro capite [2].

I calcoli della World Bank che ho riferito, vennero ampiamente contestati – sia a destra che a sinistra. La Fondazione Heritage sostiene che se si usano i consumi, anziché il reddito, negli Stati Uniti ci sono solo 250.000 persone povere, secondo i criteri internazionali. Non è importante che i genitori che vendono i numeri [3] della previdenza sociale dei loro figli per sopravvivere, o che rischiano la sicurezza dei loro figli per trovare un posto dove vivere, abbiano il tempo di partecipare al sondaggio sui consumi. Molti a sinistra, di contro, rifiutano di credere che qualche americano sia povero come i più poveri in Africa o in Asia. Mentre la destra vuole ridurre gli spostamenti interni, la sinistra vuole aumentare quelli dall’estero.

A quel punto la storia è diventata surreale. Il rapporto di Alston attirò una irata strigliata da parte dell’Ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Nikki Aley, che sostenne che era “palesemente ridicolo che le Nazioni Unite esaminassero la povertà in America”, e provocò anche una risposta ufficiale degli Stati Uniti secondo la quale i dati erano sbagliati. Sennonché gli unici dati che Alston utilizzava provenivano dall’Ufficio del Censimento degli Stati Uniti, stime definite nella risposta come “i dati esagerati citati dal Relatore Speciale”. Dopodiché la risposta citava, approvandoli, i calcoli di Heritage, che erano basati sulla mia linea della povertà basata su 4 dollari giornalieri.

E a quel punto, forse fu solo una coincidenza, l’Amministrazione Trump spinse gli Stati Uniti fuori dal Comitato per i Diritti Umani, con il risultato che Haley non partecipò alla presentazione del rapporto. Ella, come il Comitato dei Consiglieri Economici, osservò che la Amministrazione Trump sa come affrontare la povertà profonda, ovvero costringendo le persone a lavorare.

Questo può esser vero oppure no, ma contestare le cifre dell’Ufficio del Censimento a favore di quelle della Fondazione Heritage (ci sono prove che i dirigenti dell’agenzia hanno sollevato obiezioni) oppure manomettendo per le proprie finalità quelli dell’Indice dei prezzi al consumo, e poi trattando i dati alternativi come superiori rispetto alle statistiche ufficiali, supera ogni limite. L’Amministrazione Trump ha dimostrato nel 2008 che non intende tollerare alcuna macchia, che si tratti dell’estrema povertà oppure dell’immorale numero di vittime che è seguito all’uragano Maria a Porto Rico. E non c’è ragione di credere che ulteriori distorsioni della verità, e la minaccia alla democrazia che tale comportamento comporta, non si ripresenteranno nell’anno in arrivo.

 

 

 

 

 

 

[1] Ovvero, della linea di povertà calcolata con criteri globali. Ma, nei calcoli di Deaton, quei criteri vengono modificati per i paesi ricchi, portando la linea della povertà dai 2 dollari ai 4 dollari. I paesi ricchi hanno in generale costi superiori per il riscaldamento, per le abitazioni, per i trasporti e per il vestiario rispetto ai paesi più poveri.

[2] Da notare che in quell’articolo, Deaton pubblicava una tabella nella quale si indicavano le percentuali della povertà sulle popolazioni di vari paesi più ricchi, secondo i suoi criteri di calcolo. Gli Stati Uniti erano al diciassettesimo posto, con una percentuale dell’1,7%, sopra la Spagna, l’Italia, il Portogallo e la Grecia, con percentuali del 2,0 – 2,3 – 2,5 – 3,7%.

[3] Suppongo che esista una specie di mercato dei codici della sicurezza sociale e che l’espressione “vendere i numeri” si riferisca al commercio di quei codici.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"