Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il nuovo movimento americano per la democrazia, di Laura Tyson e Lenny Mendonca (da Project Syndicate, 3 gennaio 2019)

 

Jan 3, 2019

America’s new democracy movement

LAURA TYSON LENNY MENDONCA

zz 619   zz 620

 

 

 

 

 

 

BERKELEY – In last November’s US midterm elections, voters sent a clear message about the concerns weighing on their minds and the values they hold most dear. Not only was this midterm cycle the most expensive on record – owing to unprecedented fundraising gains by Democratic candidates – but voter turnout was the highest in at least 50 years, rivaling the turnout for presidential elections.

Propelled by fundraising and turnout, Democrats won 40 seats and reclaimed control of the House of Representatives, hitting Republicans with the biggest midterm losses since 1974, three months after President Richard Nixon resigned. Notably, Latino turnout was up significantly, and there will now be a record-high 42 Latino members of Congress. It was also an historic year for female candidates; the next Congress will include 126 female lawmakers – the largest cohort ever.

Clearly, President Donald Trump’s behavior in office helped energize female and Latino Democratic candidacies last year. But Trump also amplified voter turnout on the Republican side, by actively campaigning for the party’s candidates. The Republicans’ losses in the House have thus been widely interpreted as a repudiation of Trump and his policies.

Since the election, the media’s attention has largely been focused on what the outcome means for the 2020 presidential election cycle, which is already underway. But the story of the 2018 midterms is about more than Trump and the future of his presidency. It is about an American electorate yearning for democratic reforms. Like in the Progressive era of the early twentieth century, when citizens and states spearheaded a wave of measures to improve democratic governance, voters from both parties used the election to signal their support for democracy.

More than two-thirds of US voters live in states that allow ballot initiatives, a reform tool that was introduced by the Progressive movement more than 100 years ago. And in 2018, voters in 17 states voted on more than two dozen ballot measures that were designed to make government more representative and responsive. In fact, the number of democratic reform measures on the ballot last year reached a new record.

One important type of democratic reform focuses on the problem of partisan gerrymandering. In 2018, large majorities supported redistricting reforms in Colorado, Michigan, Missouri, Ohio (in a ballot initiative this past May), and Utah (by a slim margin). With the exception of Colorado, Trump won all of these states in 2016.

Moreover, reforms to expand and protect voting rights also won popular support in four states last year. For example, in Florida, which had some of the closest statewide races in the country, an historic measure to restore voting rights to citizens with past felony convictions passed by a two-to-one margin. In Michigan, where voters were evenly divided on gubernatorial and US Senate candidates, 65% of the electorate supported an initiative to introduce same-day voter registration and other pro-democracy measures. And a similar initiative passed handily in Nevada, too.

Meanwhile, eight states and the District of Columbia already allowed for automatic registration in last year’s election, resulting in big voter-registration gains overall. And Maine became the first state to use ranked-choice voting in congressional elections.

Voters in several states also made clear that they want more ethical and accountable governance. Missouri voters, for example, passed a package of ethics reforms tightening campaign-finance restrictions for state lawmakers. New Mexico established an ethics commission to investigate allegations of misconduct by state officials, candidates, and lobbyists. North Dakota did likewise, and also approved a ban on foreign political contributions and a new requirement that campaign-finance information be made publicly available. And New York City strengthened its public election-financing program.

With the federal government mired in dysfunction and now in its third shutdown since January 2018, voters are taking charge. Come 2020, there is every reason to expect that “progressive federalism” will usher in democratic reforms on a scale not seen since the heyday of the original Progressive movement. As James and Deborah Fallows write in their recent bestselling book, Our Towns, “All across the country, in smaller towns outside the media spotlight, a new America is being built … working toward practical solutions to the problems of this age.”

The New York Times columnist David Brooks is telling a similar story from the right, and spearheading a new Aspen Institute initiative to build on the lessons of strong local communities. And the media company NationSwell is producing a daily feed of stories about successful government innovations from around the country.

Progressive federalists are also building the infrastructure and amassing the resources to compete in 2020. Groups such as the National Association of Nonpartisan Reformers, the Democracy Initiative, and Democracy Works are mobilizing new talent, technology, and resources to scale up solutions that are already working. California Forward is pushing for state-based reform through the “50 State Solution” pilot program, and New America is fostering an exchange of ideas through its Laboratories of Democracy project. Finally, the Unrig Summit in Nashville, Tennessee, in March will showcase major new efforts to expand the movement.

Like the 2018 midterm elections, these stories and institutions reflect the electorate’s growing desire for democratic reforms, and that message is finally gaining attention at the national level. Along with health-care reform, a commitment to make government “more responsive, effective, and transparent” was the centerpiece of the Democrats’ message in the midterms. And now, the party is planning an early vote in the House of Representatives on a bill to establish nationwide automatic voter registration, restore key provisions to the federal Voting Rights Act, shift redistricting from state legislatures to independent commissions, and strengthen disclosure rules for campaign financing.

These are all essential steps to revitalizing American democracy. Though the bill is unlikely to pass the Republican-controlled Senate, it will be a harbinger of the mounting power of progressive federalism in the years to come.

 

Il nuovo movimento americano per la democrazia,

di Laura Tyson e Lenny Mendonca

BERKELEY – Nelle elezioni di medio termine dello scorso novembre negli Stati Uniti, gli elettori hanno mandato un messaggio chiaro sulle preoccupazioni che incombono nella loro mente e sui valori che hanno più a cuore. QQuesto ciclo di medio termine non è stato soltanto il più ricco che si ricordi – a seguito di una raccolta di finanziamenti senza precedenti ottenuti dai candidati democratici – ma gli spostamenti elettorali sono stati i più alti negli ultimi 50 anni, con una partecipazione al voto che ha toccato i livelli delle elezioni presidenziali.

Spinti dalla raccolta di finanziamenti e dalla affluenza, i democratici hanno conquistato 40 seggi e affermato il controllo della Camera dei Rappresentanti, dando ai repubblicani uno scossone, con le più grandi perdite nel medio termine dal 1974, dopo tre mesi dalle dimissioni di Richard Nixon. In particolare, l’affluenza degli ispanici è cresciuta in modo significativo, al punto che ci sarà un record di 42 membri ispanici del Congresso. È stato anche un anno storico per le candidature femminili; il prossimo Congresso comprenderà 126 parlamentari femmine – il gruppo più ampio di sempre.

Chiaramente, nell’anno che è passato il comportamento di Donald Trump ha contribuito a dare energia alle candidature femminili ed ispaniche dei democratici. Ma Trump ha anche rafforzato l’affluenza elettorale sul versante dei repubblicani, con una partecipazione attiva alle campagne elettorali dei candidati del partito. Le perdite dei repubblicani alla Camera sono state quindi generalmente interpretate come un rigetto di Trump e delle sue politiche.

A partire dalle elezioni, l’attenzione dei media si è ampiamente concentrata su quello che quel risultato comporta per il ciclo elettorale presidenziale del 2020, che è già partito. Ma la storia delle elezioni di medio termine del 2018 riguarda qualcosa di più che non Trump e il futuro della sua Presidenza. Riguarda l’elettorato americano che ambisce a riforme democratiche. Come nell’epoca progressista agli inizi del ventesimo secolo, quando i cittadini e gli Stati si misero alla testa di un’ondata di misure per migliorare la governance democratica, gli elettori di entrambi i partiti hanno usato le elezioni per segnalare il loro sostegno alla democrazia.

Più di due terzi degli elettori statunitensi vivono in Stati che consentono di sottoporre a referendum proposte di legge, uno strumento di riforma che venne introdotto dal movimento progressista più di un secolo fa. E nel 2018, gli elettori in 17 Stati hanno votato su più di due dozzine di proposte elettorali che sono state concepite per rendere i governi più rappresentativi e responsabili. Di fatto, il numero delle proposte di riforma democratica al voto l’anno passato ha raggiunto un nuovo record.

Un aspetto importante della riforma democratica si concentra sul problema della delimitazione faziosa dei distretti elettorali. Nel 2018, ampie maggioranze hanno sostenuto riforme di ridefinizione dei distretti in Colorado, Michigan, Missouri, Ohio (in una proposta elettorale dello scorso maggio) e Utah (in questo caso, di misura). Con l’eccezione del Colorado, Trump aveva vinto nel 2016 in tutti questi Stati.

Inoltre, l’anno passato hanno ottenuto il sostegno elettorale in quattro Stati riforme per espandere e proteggere i diritti di voto. Ad esempio, in Florida, che ha conosciuto alcune delle competizioni elettorali di livello statale con gli esiti più di misura del paese, una proposta storica per ripristinare i diritti di voto a cittadini con passate condanne per crimini è stata approvata con un margine di due a uno. In Michigan, dove gli elettori si sono divisi in parti uguali per i candidati a Governatore e al Senato degli Stati Uniti, il 65% dell’elettorato ha sostenuto una iniziativa per introdurre nello stesso giorno del voto la registrazione dell’elettore [1] e altre misure di tipo democratico. E una iniziativa simile è stata agevolmente approvata anche in Nevada.

Nel frattempo, otto Stati e il Distretto della Colombia hanno consentito la registrazione automatica alle elezioni dell’anno passato, con la conseguenza di grandi complessivi vantaggi nella registrazione degli elettori. E il Maine è diventato il primo Stato a utilizzare il ‘voto con una graduatoria di scelte’ [2] nelle elezioni congressuali.

Gli elettori in vari Stati hanno anche reso chiaro che sono a favore di modalità di governo più etiche e affidabili. Gli elettori del Missouri, ad esempio, hanno approvato un pacchetto di riforme etiche che restringe i limiti dei finanziamenti elettorali per i legislatori dello Stato. Il Nuovo Messico ha istituito una commissione etica per indagare sulle accuse di mala condotta da parte di funzionari dello Stato, di candidati e di lobbisti. Il Nord Dakota ha fatto una cosa simile, ed ha anche approvato una messa al bando di contribuzioni straniere e un nuovo requisito secondo il quale le informazioni sui finanziamenti elettorali debbono essere rese pubblicamente disponibili. E New York City ha rafforzato il suo programma pubblico di finanziamenti elettorali.

Con il Governo federale impantanato nel mal funzionamento e adesso al suo terzo shutdown dal gennaio del 2018, gli elettori stanno prendendo il sopravvento. Con l’arrivo del 2020, ci sono tutte le ragioni per aspettarsi che il “federalismo progressista” darà inizio a riforme democratiche su una scala mai vista dal culmine dell’originario movimento progressista. Come James e Deborah Fallows scrivono nel loro recente libro di grande successo, Le nostre città: “In tutto il paese, nelle piccole città fuori dai riflettori dei media, una nuova America viene costruita … lavorando per soluzioni pratiche ai problemi di quest’epoca”.

L’editorialista del New York Times David Brooks sta raccontando una storia simile sul versante della destra, e si è messo alla testa di una nuova iniziativa dell’Istituto Aspen per lavorare sulle lezioni di forti comunità locali. E l’agenzia dei media NationSwell sta producendo un collegamento diretto quotidiano su innovazioni di governo che hanno successo in tutto il paese.

I federalisti progressisti stanno anche costruendo le infrastrutture e accumulando le risorse per competere nel 2020. Gruppi come l’Associazione Nazionale di Riformatori Indipendenti, la Iniziativa di democrazia e la Democrazia all’opera stanno mobilitando nuovi talenti, tecnologie e risorse per estendere soluzioni che sono già all’opera. California Avanti sta spingendo per riforme basate sugli Stati attraverso il programma pilota ’La soluzione di 50 Stati’, e Nuova America sta promuovendo uno scambio di idee attraverso il suo progetto Laboratori per la democrazia. Infine, il Unrig Summit a Nashville, Tennessee, in marzo presenterà nuovi sforzi per espandere il movimento.

Come le elezioni di mediotermine del 2018, queste storie e queste associazioni riflettono il desiderio crescente nell’elettorato di riforme democratiche, e quel messaggio sta finalmente ottenendo attenzione al livello nazionale. Assieme ad una riforma della assistenza sanitaria, un impegno a rendere il Governo “più sensibile, efficace e trasparente” era l’aspetto centrale del messaggio dei democratici nelle elezioni di medio termine. E adesso, il partito sta programmando di anticipare il voto alla Camera dei Rappresentanti su una proposta di legge che stabilisce la registrazione automatica degli elettori su scala nazionale, che ripristina le previsioni fondamentali della legge federale sui diritti di voto, che sposta il potere della redistrettualizzazione dalle assemblee degli Stati a commissioni indipendenti, e rafforza le regole di informazione per i finanziamenti elettorali.

Sono tutti passi essenziali per rivitalizzare la democrazia americana. Sebbene la proposta di legge sia improbabile che venga approvata dal Senato controllato dai repubblicani, essa sarà un segnale del potere crescente del federalismo progressista negli anni a venire.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Si tratta di misure già in vigore anche in altri Stati che dovrebbero avere lo scopo di facilitare l’accesso al voto, liberando gli elettori da una doppia incombenza. Peraltro, in vari Stati la procedura di registrazione è particolarmente cavillosa e costituisce un sostanziale impedimento al diritto di voto.

[2] Da quanto capisco, si tratta di un voto con il quale l’elettore mette i candidati in una graduatoria di preferenze; se i voti ottenuti con i primi posti in graduatoria non sono sufficienti a vincere, si aggiungono i risultati della seconda scelta.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"