Altri Economisti » Selezione della Settimana

Un anno molto trumpiano, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 3 gennaio 2019)

 

Jan 3, 2019

A very trumpian year

JOSEPH E. STIGLITZ

zz 378

NEW YORK – At the end of 2017, US President Donald Trump’s administration and congressional Republicans rammed through a $1 trillion cut in corporate taxes, partly offset by tax increases for the majority of Americans in the middle of the income distribution. But in 2018, the US business community’s jubilation over this handout started giving way to anxiety over Trump and his policies.

A year ago, US business and financial leaders’ unbridled greed allowed them to look past their aversion to large deficits. But they are now seeing that the 2017 tax package was the most regressive and poorly timed tax bill in history. In the most unequal of all advanced economies, millions of struggling American families and future generations are paying for tax cuts for billionaires. The United States has the lowest life expectancy among all advanced economies, and yet the tax bill was designed so that 13 million more of its people will go without health insurance.

As a result of the legislation, the US Department of the Treasury is now forecasting a $1 trillion deficit for 2018 – the largest single-year non-recessionary peacetime deficit in any country ever. And if that were not bad enough, the promised increase in investment has not materialized. After giving a few pittances to workers, corporations have funneled most of the money into stock buybacks and dividends. But this isn’t particularly surprising. Whereas investment benefits from certainty, Trump thrives on chaos.

Moreover, because the tax bill was rushed through, it is filled with mistakes, inconsistencies, and special-interest loopholes that were smuggled in when no one was looking. The legislation’s lack of broad popular support all but ensures that much of it will be reversed when the political winds change, and this has not been lost on business owners.

As many of us noted at the time, the tax bill, along with a temporary increase in military spending, was not designed to give a sustained boost to the economy, but rather to provide the equivalent of a short-lived sugar high. Accelerated capital depreciation allows for higher after-tax profits now, but lower after-tax profits later. And because the legislation actually cut back on the deductibility of interest payments, it will ultimately increase the after-tax cost of capital, thus discouraging investment, much of which is financed by debt.

Meanwhile, the US’s massive deficit will have to be financed somehow. Given the country’s low saving rate, most of the money will inevitably come from foreign lenders, which means that the US will be sending large payments abroad to service its debt. A decade from now, total US income will most likely be lower than it would have been without the tax bill.

In addition to the disastrous tax legislation, the Trump administration’s trade policies are also unsettling markets and disrupting supply chains. Many US export businesses that rely on Chinese inputs now have a good reason to move their operations out of the US. It is too soon to tally the costs of Trump’s trade war, but it is safe to assume that everyone will be poorer as a result.

Likewise, Trump’s anti-immigrant policies are encouraging companies that depend on engineers and other high-skilled workers to move their research labs and production facilities abroad. It is only a matter of time before we start seeing worker shortages elsewhere in the US.

Trump came to power by exploiting the broken promises of globalization, financialization, and trickle-down economics. After a global financial crisis and a decade of tepid growth, elites were discredited, and Trump emerged to assign blame. But, of course, neither immigration nor foreign imports has caused most of the economic problems that he has exploited for political gain. The loss of industrial jobs, for example, is largely due to technological change. In a sense, we have been the victims of our own success.

Still, policymakers certainly could have managed these changes better to ensure that the growth of national income accrued to the many, rather than the few. Business leaders and financiers have been blinded by their own greed, and the Republican Party, in particular, has been happy to give them whatever they want. As a result, real (inflation-adjusted) wages have stagnated, and those displaced by automation and globalization have been abandoned.

As if the economics of Trump’s policies weren’t bad enough, his politics are even worse. And, sadly, Trump’s brand of racism, misogyny, and nationalist incitement has established franchises in Brazil, Hungary, Italy, Turkey, and elsewhere. All of these countries will experience similar – or worse – economic problems, just as all are facing the real-world consequences of the incivility on which their populist leaders thrive. In the US, Trump’s rhetoric and actions have unleashed dark and violent forces that have already begun to spin out of control.

Society can function only when citizens have trust in their government, institutions, and one another. And yet, Trump’s political formula is based on eroding trust and maximizing discord. One can only wonder where this will end. Is the murder of 11 Jews in a Pittsburgh synagogue the harbinger of an American Kristallnacht?

There is no way to know the answer to such questions. Much will depend on how the current political moment unfolds. If the supporters of today’s populist leaders grow disillusioned with the inevitable failure of their economic policies, they could veer even further toward the neo-fascist right. More optimistically, they could be brought back into the liberal-democratic fold, or at least become demobilized by their disappointment.

This much we do know: economic and political outcomes are intertwined and mutually reinforcing. In 2019, the consequences of the bad policies and worse politics of the last two years will come more fully into view.

 

Un anno molto trumpiano,

di Joseph E. Stiglitz

NEW YORK – Alla fine del 2017, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i repubblicani nel Congresso imposero l’approvazione di un taglio alle tasse delle società per mille miliardi di dollari, in parte bilanciato da aumenti delle tasse per la maggioranza degli americani con redditi medi. Ma nel 2018, l’esultanza per questo omaggio da parte della comunità delle imprese statunitensi ha cominciato a lasciare il passo alla ansietà su Trump e le sue politiche.

Un anno fa, l’avidità sfrenata dei dirigenti delle imprese e del settore finanziario degli Stati Uniti permise loro di trascurare la loro ostilità a grandi deficit. Ma adesso si rendono conto che il pacchetto fiscale del 2017 è stato il provvedimento legislativo in materia di fisco più regressivo e peggio programmato della storia. Nella economia più segnata dalle ineguaglianze tra tutte quelle avanzate, milioni di famiglie americane in difficoltà e le generazioni future stanno pagando gli sgravi fiscali per i miliardari. Gli Stati Uniti hanno la più bassa aspettativa di vita di tutte le economie avanzate, e tuttavia la legge fiscale è stata congegnata in modo tale che altri 13 milioni della loro popolazione saranno privati della assicurazione sanitaria [1].

In conseguenza della legislazione, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti adesso prevede un deficit di mille miliardi di dollari nel 2018 – il più vasto deficit in un unico anno di un periodo di pace mai registrato in nessun paese. Dopo aver dato alcune briciole ai lavoratori, le società hanno incanalato la maggioranza dei soldi nel riacquisto di azioni e nei dividendi. Ma questo non desta particolare sorpresa. Se gli investimenti traggono vantaggio dalla certezza, Trump prospera sul caos.

Inoltre, per il modo in cui la legge fiscale è stata approvata in fretta e furia, essa è piena di sbagli, di incoerenze e di scappatoie per gli interessi particolari che sono state introdotte di nascosto dove nessuno stava facendo attenzione. La mancanza di ampio sostegno popolare alla legge è tutto meno che una garanzia che buona parte di essa non verrà rovesciata quando cambieranno i venti della politica, e questo non è sfuggito ai proprietari di impresa.

Come molti di noi osservarono in quel momento, la proposta di legge sule tasse, assieme ad un aumento temporaneo della spesa militare, non è stata concepita per fornire un sostegno prolungato all’economia, ma piuttosto per fornire l’equivalente di una overdose di zuccheri di breve durata. Una accelerata svalutazione del capitale consente sul momento profitti dopo le tasse più elevati, ma in seguito comporta profitti dopo le tasse più bassi. E poiché la legislazione in realtà riduce la deducibilità dei pagamenti sugli interessi, in ultima analisi essa aumenterà il costo del capitale dopo le tasse, di conseguenza scoraggiando l’investimento, gran parte del quale è finanziato col debito.

Nel frattempo, in qualche modo si dovrà finanziarie il massiccio deficit degli Stati Uniti. Dato il tasso di risparmio basso del paese, gran parte dei soldi verranno inevitabilmente da prestiti stranieri, il che comporta che gli Stati Uniti spediranno all’estero ampi pagamenti per il servizio del debito. Tra un decennio, il reddito complessivo degli Stati Uniti sarà probabilmente più basso di quello che sarebbe stato senza la legge fiscale.

In aggiunta alla disastrosa legislazione fiscale, le politiche commerciali della Amministrazione Trump stanno anch’esse scombussolando i mercati e provocando turbamenti alle catene dell’offerta. Molte imprese di esportazione statunitensi che si basano su apporti cinesi hanno adesso una buona ragione per spostare le loro operazioni fuori dagli Stati Uniti. È troppo presto per fare il conto dei costi della guerra commerciale di Trump, ma si può stimare con certezza che come risultato tutti saranno più poveri.

In modo analogo, le politiche antiimmigrazione di Trump stanno incoraggiando le società che dipendono dagli ingegneri e da altri lavoratori con alte qualifiche a spostare i loro laboratori di ricerca e le loro strutture produttive all’estero. È solo una questione di tempo prima che cominceremo a constatare scarsità di lavoratori in qualche altro posto degli Stati Uniti.

Trump è andato al potere sfruttando le promesse tradite della globalizzazione, della finanziarizzazione e dell’economia del trikle-down [2]. Dopo la crisi finanziaria globale e un decennio di crescita modesta, le classi dirigenti erano screditate e Trump ebbe successo nel distribuire le responsabilità. Ma, ovviamente, né l’immigrazione né le importazioni dall’estero hanno provocato la maggior parte dei problemi economici che egli ha sfruttato per il suo vantaggio politico. La perdita dei posti di lavoro industriali, ad esempio, è in gran parte dovuta ai mutamenti tecnologici. In un certo senso, siamo le vittime del nostro stesso successo.

Eppure, non c’è dubbio che le autorità avrebbero potuto gestire questi cambiamenti in modo migliore per assicurare che la crescita del reddito nazionale maturasse a favore dei molti, anziché dei pochi. I dirigenti di impresa e i finanzieri sono stati accecati dalla loro stessa avidità, e il Partito Repubblicano, in particolare, è stato ben contento di dar loro tutto quello che volevano. Come risultato, i salari reali (corretti per l’inflazione) sono rimasti stagnanti, e coloro che sono stati rimossi dalla automazione e dalla globalizzazione sono stati abbandonati.

Come se l’economia degli atti di governo di Trump non fosse stata abbastanza negativa, le sue scelte politiche sono state anche peggiori. E, tristemente, il marchio di Trump del razzismo, della misoginia e dell’eccitazione nazionalistica ha generato succursali in Brasile, Ungheria, Italia, Turchia e altrove. Tutti questi paesi faranno esperienza di problemi economici simili – o peggiori – appena dovranno far fronte alle conseguenze sulla realtà della inciviltà sulla quale prosperano i loro leader populisti. Negli Stati Uniti, la retorica e le iniziative di Trump hanno scatenato forze oscure e violente che hanno già cominciato a sbandare fuori controllo.

La società può funzionare solo quando i cittadini hanno fiducia nei loro Governi, nelle loro istituzioni, e l’uno nell’altro. E tuttavia, la formula politica di Trump si basa sulla erosione della fiducia e sulla massimizzazione della discordia. Ci si può solo chiedere dove andrà a finire tutto questo. L’assassinio di 11 ebrei nella sinagoga di Pittsburgh è il presagio di una “Notte dei cristalli” americana?

Non c’è modo di conoscere le risposte a tali domande. Molto dipenderà dallo svolgimento dell’attuale stagione politica.  Se i sostenitori dei leader populisti di oggi verranno disillusi dall’inevitabile fallimento delle loro politiche economiche, potrebbero spostarsi ulteriormente verso la destra neo-fascista. Più ottimisticamente, potrebbero tornare all’ovile liberal-democratico, o almeno diventare demotivati per effetto della loro delusione.

C’è una cosa che ben sappiamo: i risultati economici e politici sono interconnessi e si rafforzano reciprocamente. Nel 2019, le conseguenze delle cattive scelte di governo e delle ancora peggiori motivazioni politiche degli ultimi due anni diverranno più pienamente visibili.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Nella connessione nel testo inglese un articolo del 15 novembre del Washington Post che spiega come la misura della abrogazione del cosiddetto “mandato individuale” della riforma sanitaria di Obama – ovvero l’obbligo della assicurazione sanitaria per tutti, per i più poveri reso possibile da sussidi pubblici – avrebbe l’effetto di ridurre la spesa sanitaria e di togliere l’assicurazione a 13 milioni di persone.

[2] Letteralmente, “sgocciolare verso il basso”. Ovvero la ricetta economica conservatrice che consiste nel promettere che i vantaggi nella distribuzione dei redditi verso i ricchi comporteranno in seguito una distribuzione verso i settori più poveri.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"