Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Sui costi di un programma progressista, di Paul Krugman dal blog di Krugman, 19 febbraio 2019)

 

Feb.19, 2019

On Paying for a Progressive Agenda

By Paul Krugman

zz 516

Whoever gets the Democratic nomination, she or he will run in part on proposals to increase government spending. And you know what that will mean: There will be demands that the candidate explain how all this will be paid for. Many of those demands will be made in bad faith, from people who never ask the same questions about tax cuts. But there are some real questions about the fiscal side of a progressive agenda.

Well, I have some thoughts about that, inspired in part by looking at Elizabeth Warren’s proposals on both the tax and spending side. By the way, I don’t know whether Warren will or even should get the nomination. But she’s a major intellectual figure, and is pushing her party toward serious policy discussion in a way that will have huge influence whatever her personal trajectory.

In particular, Warren’s latest proposal on child care – and the instant pushback from the usual suspects – has me thinking that we could use a rough typology of spending proposals, classified by how they might be paid for. Specifically, let me suggest that there are three broad categories of progressive expenditure: investment, benefits enhancement, and major system overhaul, which need to be thought about differently from a fiscal point of view.

So, first off, investment – typically spending on infrastructure or research, but there may be some room at the margin for including spending on things like childhood development in the same category. The defining characteristic here is that it’s spending that will enhance society’s future productivity. How should we pay for that kind of outlay?

The answer is, we shouldn’t. Think of all the people who say that the government should be run like a business. Actually it shouldn’t, but the two kinds of institution do have this in common: if you can raise funds cheaply and apply them to high-return projects, you should go ahead and borrow. And Federal borrowing costs are very low – less than 1 percent, adjusted for inflation – while we are desperately in need of public investment, i.e., it has a high social return. So we should just do it, without looking for pay-fors.

Much of what seems to be in the Green New Deal falls into that category. To the extent that it’s a public investment program, demands that its supporters show how they’ll pay for it show more about the critics’ bad economics than about the GND’s logic.

My second category is a bit harder to define, but what I’m thinking of are initiatives that either expand an existing public program or use subsidies to create incentives for expanding some kind of socially desirable private activity – in each case involving sums that are significant but not huge, say a fraction of a percent of GDP.

The Affordable Care Act falls into that category. It expanded Medicaid while using a combination of regulation and subsidies to make private insurance more available to families above the new Medicaid line. Warren’s childcare proposal, which reportedly will come in at around 1/3 of a percent of GDP, also fits. So would a “Medicare for All” proposal that involves allowing people to buy in to government insurance, rather than offering that insurance free of charge.

It’s harder to justify borrowing for this kind of initiative than borrowing for investment. True, with interest rates low and demand weak it makes some sense to run persistent deficits, but there are surely enough investment needs to use up that allowance. So you want some kind of pay-for. But the sums are small enough that the revenue involved could be raised by fairly narrow-gauge taxes – in particular, taxes that hit only high-income Americans.

That is, in fact, how Obamacare was financed: the revenue component came almost entirely from taxes on high incomes (there were some small items like the tax on tanning parlors.) And Warren has in fact proposed additional taxes on the wealthy – her proposed tax on fortunes over $50 million would yield something like four times the cost of her child care proposal.

So benefit enhancement can, I’d argue, be paid for with taxes on high incomes and large fortunes. It doesn’t have to impose on the middle class.

Finally, my third category is major system overhaul, of which the archetype would be replacing employer-based private health insurance with a tax-financed public program – the purist version of Medicare for all. A really major expansion of Social Security might fall into that category too, although smaller enhancements might not.

Proposals in this category are literally an order of magnitude more expensive than benefit enhancements: private health insurance currently amounts to 6 percent of GDP. To implement these proposals, then, we’d need a lot more revenue, which would have to come from things like payroll taxes and/or a value-added tax that hit the middle class.

You can argue that most middle-class families would be better off in the end, that the extra benefits would more than compensate for the higher taxes. And you’d probably be right. But this would be a much heavier political lift. You don’t have to be a neoliberal tool to wonder whether major system overhaul should be part of the Democratic platform right now, even if it’s something many progressives aspire to.

My main point now, however, is that when people ridicule progressive proposals as silly and unaffordable, they’re basically revealing their own biases and ignorance. Investment can and should be debt-financed; benefit enhancements can be largely paid for with high-end taxes. Howard Schultz won’t like it, but that’s his problem.

 

Sui costi di un programma progressista,

di Paul Krugman

Chiunque ottenga la candidatura dei democratici, lei o lui saranno in corsa in parte su proposte di aumento della spesa pubblica. E si sa cosa questo comporterà: ci saranno domande perché il candidato spieghi come tutto ciò sarà finanziato. Molte di quelle domande saranno avanzate in mala fede, da persone che non hanno mai posto le stesse domande sui tagli alle tasse. Eppure ci sono alcune questioni reali sugli aspetti finanziari di un programma progressista.

Ebbene, io ho qualche idea su questo, in parte ispirata dalla osservazione delle proposte di Elizabeth Warren sia sulle tasse che sul lato della spesa. Per inciso, io non so se la Warren sarà candidata, e neppure se dovrebbe esserlo. Ma ella è una importante figura di intellettuale, e sta spingendo il suo partito ad un serio dibattito politico in un modo che avrà una vasta influenza, a prescindere dalla sua traiettoria personale.

In particolare, l’ultima proposta della Warren sulla assistenza all’infanzia – e il subitaneo rigetto da parte dei soliti noti – mi fa riflettere su fatto che potremmo utilizzare una rozza tipologia delle proposte di spesa, classificandole per come potrebbero essere finanziate. In particolare, intendo suggerire che ci sono tre categorie generali della spesa dei progressisti: gli investimenti, il miglioramento dei sussidi e importanti riforme di sistema, che devono essere pensate, da un punto di vista finanziario, in modi diversi.

Dunque, prima di tutto gli investimenti – tipicamente spese sulle infrastrutture o sulla ricerca, ma ci può essere qualche spazio per includere nella stessa categoria cose come lo sviluppo dell’ìnfanzia. In questo caso, la caratteristica distintiva di queste spese è che esse miglioreranno la produttività futura della società. In che modo dovremmo pagare spese di quel genere?

La risposta è: non dovremmo. Si pensi a tutta la gente che sostiene che il Governo dovrebbe essere gestito come un’impresa. In realtà, non dovrebbe essere gestito in tal modo, ma i due tipi di istituzione hanno in comune proprio questo: se potete aumentare i finanziamenti in modo conveniente e adoperarli per progetti a elevati rendimenti, dovreste andare avanti e indebitarvi. E i costi dell’indebitamento federale sono molto bassi – meno dell’1 per cento, corretti per l’inflazione – mentre abbiamo un bisogno disperato di investimenti pubblici, vale a dire che essi avrebbero un elevato rendimento sociale. Dunque dovremmo proprio farli, senza cercare forme dirette di pagamento.

Gran parte di quello che sembra ricompreso nel New Deal Verde ricade in questa categoria. Nella misura in cui si tratta di un programma di investimenti pubblici, le richieste che i suoi sostenitori mostrino come pagheranno sono più indicative della pessima economia dei critici che non della logica del New Deal Verde.

La mia seconda categoria è più difficile da definire, ma quello a cui sto pensando sono iniziative che amplino esistenti programmi pubblici o che usino i sussidi per creare incentivi che amplino attività private di qualche genere socialmente auspicabili – in entrambi i casi impegnando finanziamenti che sono significativi ma non grandissimi, diciamo una frazione di un punto percentuale di PIL.

La Legge sulla Assistenza Sostenibile si colloca in questa categoria. Ha ampliato Medicaid mentre ha utilizzato una combinazione di regole e di sussidi per rendere più fruibile l’assicurazione privata alle famiglie che sono sopra il livello richiesto per Medicaid. La proposta della Warren per l’assistenza all’infanzia, che da quanto si apprende arriverà a costare circa un terzo di punto percentuale del PIL, si colloca anch’essa in tale categoria. Lo stesso farebbe una proposta di Medicare-per-tutti che comprende il permettere alle persone di acquistare una assicurazione pubblica, anziché offrir loro quella assicurazione gratis.

È più difficile giustificare l’indebitamento per questo genere di iniziative che non l’indebitamento per gli investimenti. È vero, con i tassi di interesse bassi e la domanda debole è sensato gestire deficit persistenti, ma ci sono certamente abbastanza investimenti per assorbire le disponibilità di tale procedura. Dunque c’è bisogno di una qualche forma di pagamento diretto. Ma le somme sono abbastanza modeste da consentire di raccogliere le entrate corrispondenti raccogliendo tasse di dimensioni abbastanza piccole – in particolare, tasse che colpiscano soltanto gli americani con redditi elevati.

Di fatto, questo fu il modo nel quale venne finanziata la riforma di Obama: le entrate che la componevano venivano quasi interamente da tasse sugli alti redditi (ci furono alcune piccole voci come la tassa sui saloni di bellezza). E la Warren di fatto ha proposto tasse aggiuntive sui ricchi – la sua tassa proposta sulle fortune che eccedono i 50 milioni di dollari avrebbe un gettito di qualcosa come quattro volte la sua proposta di assistenza all’infanzia.

Dunque, direi che il miglioramento dei sussidi può essere pagato con tasse sui redditi elevati e sulle grandi fortune. Non c’è necessità che sia posto a carico della classe media.

Infine, la mia terza categoria riguarda importanti riforme di sistema, il prototipo delle quali sarebbe la sostituzione delle assicurazioni sanitarie basate sui datori di lavoro con un programma pubblico finanziato con le tasse – la versione ‘purista’ di Medicare-per-tutti. Anche un ampliamento realmente importante del programma di Previdenza Sociale potrebbe ricadere in quella categoria, sebbene miglioramenti minori potrebbero non ricadervi.

Proposte di questa categoria sono di un ordine di grandezza più costoso dei miglioramenti ai sussidi: l’assicurazione sanitaria privata attualmente corrisponde al 6 per cento del PIL. Per realizzare queste proposte, allora, avremmo bisogno di maggiori entrate, che dovrebbero venire da oggetti come le tasse sugli stipendi e/o le tasse sul valore aggiunto che colpiscono la classe media.

Potete sostenere che la maggioranza delle famiglie di classe media alla fine andrebbero a star meglio, che i sussidi aggiuntivi sarebbero un risarcimento superiore alle tasse più elevate. Ed avreste probabilmente ragione. Ma questo avrebbe una portata politica assai più ardua. Non si deve essere per forza uno sciocco neoliberista per chiedersi se importanti riforme di sistema dovrebbero in questo momento far parte della piattaforma democratica, anche se è qualcosa a cui aspirano molti progressisti.

Tuttavia, il mio argomento principale a questo punto, è che quando le persone ridicolizzano le proposte progressiste come sciocche e insostenibili, fondamentalmente rivelano le loro inclinazioni e la loro ignoranza. Gli investimenti possono e debbono essere pagati con il debito; i miglioramenti nei sussidi possono in gran parte essere pagati con tasse sulle fasce alte. Ad Howard Schultz non piacerà, ma questo è un suo problema.

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"