Altri Economisti » Selezione della Settimana

Denaro verde senza inflazione, di Paul De Grauwe (da Social Europe, 19 marzo 2019)

 

Green money without inflation

by Paul De Grauwe on 19th March 2019 

zz 526

To what extent can the money created by the central bank be used to finance investments in the environment? This is a question often asked today. The green activists respond with enthusiasm that the central bank—and, in particular, the European Central Bank (ECB)—should stimulate the financing of environmental investments through the printing of money.

The ECB has created €2,600 billion of new money since 2015 in the context of its quantitative easing (QE) programme. All that money has gone to financial institutions which have done very little with it. Why can’t the ECB inject the money into environmental investments instead of pouring it into the financial sector?

Most traditional economists react with horror. The ECB should not interfere with the environment, they say. The government should do that. If the ECB jumps on the environmental bandwagon, it will be obliged to print too much money. This will fuel inflation in the long run, with terrible consequences. Ultimately, the environment will not be served.

Creating money

Who is right? It is good to recall the basics of money creation by the ECB (or any modern central bank). Money is created when that institution buys financial assets in the market. The suppliers of these assets are financial institutions. These then obtain a deposit in euro at the ECB, in exchange for relinquishing these financial assets. That is the moment when money is created. This money (deposits) can then be used as their reserve base by the financial institutions to extend loans to companies and households.

There is no limit to the amount of financial assets the ECB can buy. In principle, it could purchase all existing financial assets (all bonds and shares, for example), but that would increase the money supply in such a way that inflation would increase dramatically. In other words, the value of the money issued by the ECB would fall sharply. To avoid this, the bank has set a limit: it promises not to let inflation rise above 2 per cent. That imposes a constraint on the amount of money which the ECB can create. So far, it has been successful in remaining within the 2 per cent inflation target.

There is also no restriction on what types of assets the ECB can buy. Since 2015, when it started its QE programme, it has mainly bought government bonds, but also corporate bonds from financial institutions. The ECB could, however, also purchase bonds issued to finance environmental investments. The only restriction on these purchases (again) is that they do not endanger meeting the inflation target.

ECB options

What are the options for the bank? The €2,600 billion of government and corporate bonds it has bought since 2015 have not fuelled inflation, which has remained below 2 per cent in the eurozone. The ECB has now stopped making new purchases. It has announced, though, that when these government and corporate bonds come to maturity new bonds will be bought in the market, so as to keep the money stock (money base) unchanged. This creates a window of opportunity for the ECB. It could replace the old bonds with new ‘environmental bonds’, issued to finance environmental projects.

In doing so, the ECB would not create new money. It would only reorient money flows towards environmental projects. As the total amount of money would remain the same there would be no risk of additional inflation.

A possible objection is that if the ECB buys these ‘environmental bonds’ it will be involved in the decision-making process about which environmental investments should have a priority. How much public and how much private investment must be made? Should it be in renewable energy or nuclear energy? Should the priority rather be public transport? These are all questions which have to be settled by political authorities, not by the central bank.

One way out would be for the European authorities to give a mandate to the European Investment Bank (EIB) to finance, say, €1,000 billion of environmental investments. These political authorities could add guidelines for the EIB about environmental priorities. The EIB would issue bonds to obtain the resources necessary to fund these investments.

This is the moment when the ECB could step in, buying the EIB bonds at a pace dictated by the expiry of the old bonds on its balance sheet. This way the ECB would create ‘green money’ without fuelling inflation. And as the ECB bought EIB bonds, it would create the possibility for the EIB to increase its borrowing in the capital markets without endangering its AAA status.

Perfectly possible

The bottom line is that it is perfectly possible for the ECB to use the instrument of money creation to favour environmental investments without endangering price stability. Of course, one could also argue that the ECB could use its monetary instrument to favour other worthwhile projects, such as poverty reduction. If a majority of the population were to desire this it should be done. But it would create the risk that the ECB was loaded with too many social responsibilities which it could not handle properly.

Given the existential threat of the degradation of the environment, including climate change, the priority should be to use the ECB’s money-creation capacity towards the support of environmental projects. This can be done without creating inflation.

 

Denaro verde senza inflazione,

di Paul De Grauwe

In quale misura il denaro creato dalla Banca Centrale può essere usato per finanziarie investimenti sull’ambiente? Questa è una domanda spesso avanzata in questi giorni. Gli attivisti verdi rispondono con entusiasmo che la Banca Centrale – e in particolare la Banca Centrale Europea (BCE) – dovrebbe stimolare il finanziamento degli investimenti sull’ambiente attraverso la stampa di valuta.

La BCE ha creato, a partire dal 2015, 2.600 miliardi di euro di nuova valuta nel contesto del suo programma di ‘facilitazione quantitativa’ (QE). Tutto quel denaro è andato a istituzioni finanziarie che ci hanno fatto molto poco. Perché la BCE non può iniettare il denaro in investimenti sull’ambiente invece di riversarlo nel settore finanziario?

Gli economisti più tradizionalisti reagiscono con orrore. Dicono che la BCE non dovrebbe interferire con l’ambiente. Il Governo dovrebbe farlo. Se la BCE monta sul caravanserraglio ambientalista, sarà costretta a stampare troppa valuta. Nel lungo periodo, questo alimenterà l’inflazione, con conseguenze terribili. In ultima analisi, non sarà utile all’ambiente.

Creare valuta

Chi ha ragione? È bene ricordare le regole di base della creazione di valuta da parte della BCE (o di ogni moderna banca centrale). Il denaro è creato quando quella istituzione acquista asset finanziari sul mercato. Coloro che offrono tali asset sono istituzioni finanziarie. A quel punto queste ottengono un deposito in euro presso la BCE, in cambio della rinuncia a questi asset finanziari. È quello il momento nel quale si crea denaro. Questa valuta (depositi) può in seguito essere usata dalle istituzioni finanziarie come loro base di riserva per ampliare i mutui alle società e alle famiglie.

Non c’è alcun limite alla quantità di asset finanziari che la BCE può acquistare. In linea di principio, essa potrebbe acquistare tutti gli asset finanziari esistenti (tutti i bond e le azioni, ad esempio), ma ciò aumenterebbe talmente l’offerta di moneta che l’inflazione si accrescerebbe in modo spettacolare. In altre parole, il valore della moneta emessa dalla BCE cadrebbe bruscamente. Per evitarlo, la banca ha stabilito un limite: essa si impegna a non consentire che l’inflazione cresca sopra il 2 per cento. Questo impone un limite alla quantità di valuta che la BCE può creare. Sinora, si è riusciti a restare entro l’obbiettivo di inflazione del 2 per cento.

Inoltre, non c’è alcuna restrizione sul genere di asset che possono essere acquistati. A partire dal 2015, quando ebbe inizio il programma di ‘facilitazione quantitativa’ della BCE, essa ha principalmente acquistato obbligazioni dei Governi, ma anche bond delle società da parte di istituti finanziari. La BCE potrebbe, tuttavia, acquistare anche bond emessi per finanziare investimenti ambientali. La sola restrizione su questi acquisti (di nuovo) è che essi non mettano a rischio il raggungimento dell’obbiettivo di inflazione.

Opzioni della BCE

Quali sono le possibilità per la Banca? I 2.600 miliardi di obbligazioni governative e di bond societari che ha acquistato dal 2015 non hanno alimentato inflazione, che nell’eurozona è rimasta sotto il 2 per cento. La BCE ha ora interrotto nuovi acquisti. Essa ha tuttavia annunciato che quando questi bond governativi e societari arriveranno a scadenza si potranno acquistare nuovi bond sul mercato, in modo tale da mantenere immutato lo stock di moneta (basa monetaria). Questo determina una finestra di opportunità per la BCE. Essa potrebbe sostituire le vacchie obbligazioni con nuovi “bond ambientali”, emessi per finanziare progetti sull’ambiente.

Nel farlo, la BCE non creerebbe nuova moneta. Si limiterebbe a riorientare i flussi di moneta verso i progetti sull’ambiente. Dato che la quantità totale di moneta resterebbe la stessa non ci sarebbe alcun rischio di inflazione aggiuntiva.

Una possibile obiezione è che se la BCE acquistasse questi “bond ambientali” essa sarà coinvolta nel processo decisionale relativo a quali investimenti ambientali dovrebbero avere la priorità. Quanto investimento pubblico e quanto investimento privato dovrebbe essere realizzato? Dovrebbe riguardare le energie rinnovabili o l’energia nucleare? La priorità dovrebbe piuttosto essere il trasporto pubblico? Sono tutte domande che dovrebbero essere risolte dalle autorità politiche, non dalla banca centrale.

Una via d’uscita per le autorità europee sarebbe dare un mandato alla Banca Europea degli Investimenti (BEI) per finanziare, ad esempio, 1.000 miliardi di euro di investimenti ambientali. Queste autorità politiche potrebbero aggiungere linee guida per la BEI sulle priorità ambientali. La BEI emetterebbe obbligazioni per ottenere le risorse necessarie a finanziare questi investimenti.

È in quel momento che la BCE farebbe il suo ingresso, acquistando i bond della BEI ad un ritmo dettato dalla scadenza dei vecchi bond nel suo stato patrimoniale. In questo modo la BCE creerebbe “moneta verde” senza alimentare inflazione. E quando la BCE acquistasse i bond della BEI, si determinerebbe la possibilità per la BEI di aumentare il suo indebitamento sul mercato dei capitali senza mettere in pericolo il suo status AAA.

Perfettamente possibile

La morale della favola è che è perfettamente possibile per la BCE utilizzare lo strumento della creazione di valuta per favorire investimenti ambientali senza mettere in pericolo la stabilità dei prezzi. Naturalmente, si potrebbe anche sostenere che la BCE potrebbe usare il suo strumento monetario per favorire altri progetti meritevoli, quali quelli relativi ad una riduzione della povertà. Se una maggioranza della popolazione lo desiderasse, dovrebbe essere fatto. Ma si creerebbe il rischio di caricare la BCE con troppe responsabilità sociali che essa potrebbe non gestire appropriatamente.

Considerata la minaccia esistenziale della degradazione dell’ambiente, incluso il cambiamento climatico, la priorità dovrebbe essere utilizzare la possibilità di creare moneta da parte della BCE verso il sostegno a progetti ambientali. Questo può essere fatto senza creare inflazione.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"