Altri Economisti » Selezione della Settimana

La concentrazione del mercato sta minacciando l’economia degli Stati Uniti, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 11 marzo 2019)

 

Mar 11, 2019

Market Concentration Is Threatening the US Economy

JOSEPH E. STIGLITZ

z 899

NEW YORK – The world’s advanced economies are suffering from a number of deep-seated problems. In the United States, in particular, inequality is at its highest since 1928, and GDP growth remains woefully tepid compared to the decades after World War II.

After promising annual growth of “4, 5, and even 6%,” US President Donald Trump and his congressional Republican enablers have delivered only unprecedented deficits. According to the Congressional Budget Office’s latest projections, the federal budget deficit will reach $900 billion this year, and will surpass the $1 trillion mark every year after 2021. And yet, the sugar high induced by the latest deficit increase is already fading, with the International Monetary Fund forecasting US growth of 2.5% in 2019 and 1.8% in 2020, down from 2.9% in 2018.

Many factors are contributing to the US economy’s low-growth/high-inequality problem. Trump and the Republicans’ poorly designed tax “reform” has exacerbated existing deficiencies in the tax code, funneling even more income to the highest earners. At the same time, globalization continues to be poorly managed, and financial markets continue to be geared toward extracting profits (rent-seeking, in economists’ parlance), rather than providing useful services.

But an even deeper and more fundamental problem is the growing concentration of market power, which allows dominant firms to exploit their customers and squeeze their employees, whose own bargaining power and legal protections are being weakened. CEOs and senior executives are increasingly extracting higher pay for themselves at the expense of workers and investment.

For example, US corporate executives made sure that the vast majority of the benefits from the tax cut went into dividends and stock buybacks, which exceeded a record-breaking $1.1 trillion in 2018. Buybacks raised share prices and boosted the earnings-per-share ratio, on which many executives’ compensation is based. Meanwhile, at 13.7% of GDP, annual investment remained weak, while many corporate pensions went underfunded.

Evidence of rising market power can be found almost anywhere one looks. Large markups are contributing to high corporate profits. In sector after sector, from little things like cat food to big things like telecoms, cable providers, airlines, and technology platforms, a few firms now dominate 75-90% of the market, if not more; and the problem is even more pronounced at the level of local markets.

As corporate behemoths’ market power has increased, so, too, has their ability to influence America’s money-driven politics. And as the system has become more rigged in business’s favor, it has become much harder for ordinary citizens to seek redress for mistreatment or abuse. A perfect example of this is the spread of arbitration clauses in labor contracts and user agreements, which allow corporations to settle disputes with employees and customers through a sympathetic mediator, rather than in court.

Multiple forces are driving the increase in market power. One is the growth of sectors with large network effects, where a single firm – like Google or Facebook – can easily dominate. Another is the prevailing attitude among business leaders, who have come to assume that market power is the only way to ensure durable profits. As the venture capitalist Peter Thiel famously put it, “competition is for losers.”

Some US business leaders have shown real ingenuity in creating market barriers to prevent any kind of meaningful competition, aided by lax enforcement of existing competition laws and the failure to update those laws for the twenty-first-century economy. As a result, the share of new firms in the US is declining.

None of this bodes well for the US economy. Rising inequality implies falling aggregate demand, because those at the top of the wealth distribution tend to consume a smaller share of their income than those of more modest means.

Moreover, on the supply side, market power weakens incentives to invest and innovate. Firms know that if they produce more, they will have to lower their prices. This is why investment remains weak, despite corporate America’s record profits and trillions of dollars of cash reserves. And besides, why bother producing anything of value when you can use your political power to extract more rents through market exploitation? Political investments in getting lower taxes yield far higher returns than real investments in plant and equipment.

Making matters worse, America’s low tax-to-GDP ratio – just 27.1% even before the Trump tax cut – means a dearth of money for investment in the infrastructure, education, health care, and basic research needed to ensure future growth. These are the supply-side measures that actually do “trickle down” to everyone.

The policies for combating economically damaging power imbalances are straightforward. Over the past half-century, Chicago School economists, acting on the assumption that markets are generally competitive, narrowed the focus of competition policy solely to economic efficiency, rather than broader concerns about power and inequality. The irony is that this assumption became dominant in policymaking circles just when economists were beginning to reveal its flaws. The development of game theory and new models of imperfect and asymmetric information laid bare the profound limitations of the competition model.

The law needs to catch up. Anti-competitive practices should be illegal, period. And beyond that, there are a host of other changes needed to modernize US antitrust legislation. Americans’ need the same resolve in fighting for competition that their corporations have shown in fighting against it.

The challenge, as always, is political. But with US corporations having amassed so much power, there is reason to doubt that the American political system is up to the task of reform. Add to that the globalization of corporate power and the orgy of deregulation and crony capitalism under Trump, and it is clear that Europe will have to take the lead.

 

La concentrazione del mercato sta minacciando l’economia degli Stati Uniti,

di Joseph E. Stiglitz

NEW YORK – Le economie avanzate del mondo stanno soffrendo di un certo numero di problemi che hanno radici profonde. In particolare, negli Stati Uniti, l’ineguaglianza è ai suoi livelli più alti dal 1928, e la crescita del PIL resta tristemente tiepida a confronto con i decenni successivi alla Seconda Guerra Mondiale.

Dopo aver promesso una crescita annuale del “4,5, persino del 6%”, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i suoi sostenitori al Congresso hanno generato soltanto deficit senza precedenti. Secondo le ultime previsioni dell’Ufficio Congressuale del Bilancio, il deficit del bilancio federale raggiungerà quest’anno 900 miliardi di dollari, e supererà il limite dei mille miliardi ogni anno successivo al 2021. E tuttavia, la dose di ricostituente indotta dall’ultimo aumento del deficit sta già svanendo, con il Fondo Monetario Internazionale che prevede per gli Stati Uniti una crescita del 2,5% nel 2019 e dell’1,8% nel 2020, in calo rispetto al 2,9% del 2018.

Molti fattori stanno contribuendo al problema della bassa crescita/alta ineguaglianza negli Stati Uniti. La riforma delle tasse malamente concepita di Trump e dei repubblicani ha esacerbato i difetti esistenti nella legislazione fiscale, convogliando redditi persino superiori ai più ricchi. Nello stesso tempo, la globalizzazione continua ad essere mal gestita e i mercati finanziari continuano ad essere orientati verso l’estorsione dei profitti (ricerca di rendite, nel linguaggio degli economisti), anziché nella fornitura di servizi utili.

Ma un problema persino più profondo e fondamentale è la crescente concentrazione del potere di mercato, che consente alle imprese dominanti di sfruttare la propria clientela e spremere i propri addetti, il potere contrattuale e le protezioni legali dei quali vengono indebolite. Gli amministratori delegati e i dirigenti superiori stanno ritagliando compensi sempre più alti per sé stessi a spese dei lavoratori e degli investimenti.

Ad esempio, i dirigenti esecutivi delle società statunitensi si sono assicurati che la grande maggioranza dei benefici provenienti dagli sgravi fiscali finissero nei dividendi e nel riacquisto di azioni, che hanno superato il livello record di 1.100 miliardi di dollari del 2018. I riacquisti hanno elevato i prezzi delle azioni e promosso il rapporto profitti per azione, su quale è basato il compenso di molti dirigenti esecutivi. Nel frattempo gli investimenti annuali sono rimasti deboli, al 13,7% del PIL, mentre molte pensioni delle società hanno finito coll’essere sotto finanziate.

Le prove di un crescente potere di mercato possono essere trovate dovunque si guardi. Ampi aumenti dei prezzi stanno contribuendo agli elevati profitti delle società.  Settore dopo settore, da piccole cose come il cibo per i gatti a grandi cose come le telecomunicazioni, i fornitori di cavi, le linee aeree e le piattaforme tecnologiche, adesso poche imprese dominano il 75-90% del mercato, se non di più; e il problema è persino più pronunciato al livello dei mercati locali.

Così, dal momento in cui il potere di mercato dei colossi societari è cresciuto,  lo stesso è successo per la loro capacità di influenzare la politica americana guidata dal denaro. E come il sistema è diventato più manipolato a favore delle imprese, è diventato molto più difficile per i cittadini comuni cercare di porre rimedio ai maltrattamenti e agli abusi. Un esempio perfetto di questo è la diffusione delle clausole di arbitraggio nei contratti di lavoro e nei consensi dell’utente, che consentono alle società di risolvere i contenziosi con i dipendenti e la clientela attraverso mediatori comprensivi, anziché nei tribunali.

Forze molteplici stanno guidando la crescita del potere di mercato. Una di esse è la crescita di settori con ampi effetti di rete, dove una singola impresa – come Google o Facebook – possono facilmente avere una posizione di dominio. Un’altra è la tendenza prevalente tra i dirigenti di impresa, che sono arrivati a considerare che il potere di mercato è il solo modo per assicurarsi profitti duraturi. Come notoriamente si espresse il gestore di capitali di rischio Peter Thiel: “la competizione è per i perdenti”.

Alcuni dirigenti di impresa statunitensi hanno dimostrato una vera ingegnosità nel creare barriere di mercato per impedire ogni tipo di significativa competizione, aiutati da una applicazione permissiva delle leggi esistenti sulla competizione e dall’incapacità di adattare quelle leggi all’economia del ventunesimo secolo. Il risultato è che negli Stati Uniti la quota di nuove imprese sta calando.

Tutto questo non è un buon presagio per l’economia degli Stati Uniti. La crescente ineguaglianza implica una caduta della domanda aggregata, perché coloro che sono al vertice dell distribuzione della ricchezza tendono a consumare una quota minore del loro reddito rispetto a quelli che hanno mezzi più modesti.

Inoltre, dal lato dell’offerta, il potere di mercato indebolisce gli incentivi a investire e ad innovare. Le imprese sanno che se producono di più, dovranno abbassare i loro prezzi. Questa è la ragione per la quale gli investimenti restano deboli, nonostante i profitti record dell’America e le migliaia di miliardi di dollari di riserve in contanti. E oltre a ciò, perché osare produrre qualcosa di valore quando potete usare il vostro potere politico di estorcere rendite attraverso lo sfruttamento del mercato? Gli investimenti politici nel procurarsi tasse più basse producono rendimenti di gran lunga più elevati degli investimenti in impianti e in attrezzature.

A rendere le cose peggiori, il basso rapporto tra tasse e PIL dell’America – solo il 27,1% anche prima del taglio delle tasse di Trump – comporta scarsità di denaro per gli investimenti nelle infrastrutture, nell’istruzione, nella assistenza sanitaria e nella ricerca di base necessaria per assicurare la crescita futura. Sono queste le misure dal lato dell’offerta che effettivamente hanno un effetto “a cascata” verso tutti.

Le politiche per combattere gli squilibri di potere economicamente dannosi sono chiare. Nel corso del mezzo secolo passato, gli economisti della Scuola di Chicago, operando sull’assunto che i mercati sono generalmente competitivi, hanno ristretto l’attenzione per le politiche competitive unicamente all’efficienza economica, anziché alla più generali preoccupazioni sul potere e sull’ineguaglianza. L’ironia è che questo pregiudizio è diventato dominante nei circoli della politica proprio quando gli economisti stavano cominciando a rivelare i suoi difetti. Lo sviluppo della teoria dei giochi e i nuovi modelli della informazione imperfetta e asimmetrica hanno messo a nudo i limiti profondi del modello di competizione.

La legge ha bisogno di rimettersi al passo. Le pratiche anti competitive dovrebbero essere illegali, punto. E oltre a ciò, ci sono un mucchio di altri cambiamenti necessari al fine di modernizzazre la legislazione antitrust statunitense. Gli americani hanno bisogno della stessa risolutezza nel combattere per la competitività che le loro società hanno mostrato nel combattere contro di essa.

La sfida, come sempre, è politica. Ma con le società statunitensi che hanno accumulato tale potere, ci sono motivi di dubitare che il sistema politico americano sia pronto al compito di una riforma. Si aggiunga a ciò la globalizzazione del potere societario e l’orgia di deregolamentazione e di capitalismo clientelare sotto Trump, ed è chiaro che l’Europa dovrà prendere la guida.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"