Blog di Krugman » Selezione della Settimana

La sopravvivenza di quelli che sbagliano tutto, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 24 aprile 2019)

 

April 24, 2019

Survival of the Wrongest

By Paul Krugman

zz 516

Evidence has a well-known liberal bias. And that, presumably, is why conservatives prefer “experts” who not only consistently get things wrong, but refuse to admit or learn from their mistakes.

There has been a lot of commentary about Stephen Moore, the man Donald Trump wants to put on the Fed’s Board of Governors. It turns out that he has a lot of personal baggage: He was held in contempt of court for failing to pay alimony and child support, and his past writings show an extraordinary degree of misogyny. He misstates facts so much that one newspaper editor vowed never to publish him again, and he has been caught outright lying about his past support for a gold standard. Oh, and he has described the cities of the U.S. heartland as “armpits of America.”

But it’s also important to put Moore in context. Until he decided that the Fed should roll those printing presses to help Trump, he was part of a fairly broad group that advocated tight money in the aftermath of the global financial crisis. This group bitterly criticized both the Fed’s low interest rates and its efforts to boost the economy by buying bonds, so-called “quantitative easing.” Its members warned that these policies would lead to runaway inflation, and seized on a rise in commodity prices in 2011-12 as the harbinger of an inflationary surge.

Meanwhile, economists at the Fed and elsewhere argued that there was no inflationary risk given the depressed state of the economy, and that “core” inflation, which excludes volatile food and energy prices, was a much better indicator of inflationary pressure than commodity prices.

We now know what happened: The Fed was right and its hard-money critics were wrong. In fact, it’s hard to think of other events in economic history in which rival doctrines received such a clear test, and in which one of them emerged so decisively as the winner.

We can summarize how events went down with two charts. Figure 1 shows two numbers, both expressed as indexes with Dec. 2007 – the start of the Great Recession – set to 100.

zz 712

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 1 Federal Reserve of St. Louis

The blue line shows the monetary base, the sum of currency in circulation and bank reserves; when we say that the Fed “prints money,” we mean that it increases the monetary base. As you can see, that base soared as the Fed fought the slump; critics warned, most famously in a 2010 open letter to Ben Bernanke, that this would lead to an inflationary explosion. But the red line shows what happened to consumer prices: basically nothing.

Figure 2 shows two more numbers. The blue line shows the rate of change in the prices of commodities – raw materials like copper and soybeans. Commodity prices surged in 2007-8, and right-wingers like Moore called for interest rate hikes to head off what they saw as looming inflation. In reality, the Great Recession was already underway. After plunging in the face of crisis, commodity prices rose again in 2010-12, and people like Paul Ryan berated Bernanke for policies that would “debase” the dollar.

zz 713

 

 

 

 

 

 

 

 

Figure 2 Federal Reserve of St. Louis

But the red line shows the number the Fed focused on, core inflation, which stayed low. Sure enough, the commodity price surge was a temporary blip, and runaway inflation never happened.

As I said, the Fed’s critics were decisively proved wrong. When it comes to evidence settling an economic dispute, the monetary events of 2009-2014 or so were as good as it gets.

But two funny things happened once the verdict of the evidence was in. First, aside from a vague mea culpa from Larry Kudlow, none – and I mean none – of the Fed’s critics were willing to admit that they were wrong. In 2014 Bloomberg contacted as many of the signatories of that open letter to Bernanke as it could, to ask what they thought given subdued inflation and a solid economic recovery. Not one was willing to admit that the letter’s warnings had proved incorrect.

Second, the people who got it wrong were if anything rewarded for their errors. Moore was wrong about everything during the financial crisis; he remained a fixture on the right-wing conference circuit, and in 2014 the Heritage Foundation appointed him as its chief economist. Kudlow, who dismissed those warning about the housing bubble as “bubbleheads,” and warned about looming inflation in the depths of recession, also remained a right-wing favorite – and is now the Trump administration’s chief economist.

So the attempt to install Moore at the Fed is right in character. And let’s be clear: The issue is not simply one of having made some bad forecasts. Everyone does that now and then. It’s about being consistently wrong about everything, and refusing to learn from error.

Recently Moore declared that the Fed is “filled with hundreds of economists who are worthless, who have the wrong model in their mind. They should all be, they should all be fired and they should be replaced by good economists.” Given the respective track records of the Moore and the Fed over the past decade and more, what he apparently means by the “wrong model” is a view of inflation that has repeatedly been proved right, as opposed to his own analysis, which has always been wrong.

But so far not a single Republican senator has questioned Moore’s qualifications. When it comes to right-wing economists, what we see is a clear pattern of survival of the wrongest.

 

La sopravvivenza di quelli che sbagliano tutto,

di Paul Krugman

 

I fatti hanno una ben nota tendenza progressista. E quella è la ragione per la quale, presumibilmente, i conservatori preferiscono “esperti” che non solo stabilmente intendono le cose in modo sbagliato, ma rifiutano di riconoscere o di imparare dai loro errori.

Ci sono stati molti commenti su Staphen Moore, l’uomo che Donald Trump vuole nominare nel Comitato dei Governatori della Fed. Si scopre che egli ha un bel po’ di bagaglio personale: è stato accusato per oltraggio ad un tribunale per non aver pagato gli alimenti e il sostegno ad un figlio, e i suoi scritti passati mostrano un livello straordinario di misoginia. Travisa i fatti a tal punto che un editore di un giornale ha giurato di non pubblicare più suoi scritti ed è stato sorpreso a mentire completamente a proposito del suo passato sostegno al gold standard. Inoltre ha descritto le città del cuore degli Stati Uniti come “fogne dell’America” [1].

Ma è anche importante collocare Moore nel suo contesto. Finchè non decise che la Fed doveva far girare le presse per stampare soldi per aiutare Trump, faceva parte di un ampio gruppo che sostenne una politica monetaria severa all’indomani della crisi finanziaria globale. Questo gruppo criticava aspramente sia i bassi tassi di interesse della Fed che i suoi sforzi per incoraggiare l’economia acquistando obbligazioni, la cosiddetta “facilitazione quantitativa”. I suoi componenti misero in guardia che queste politiche avrebbero portato ad un’inflazione fuori controllo, e classificarono la crescita nei prezzi delle materie prime nel 2011-2012 come il presagio di un picco di inflazione.

Nello stesso periodo, gli economisti alla Fed e dappertutto sostenevano che non c’era alcun rischio inflazionistico date le condizioni depresse dell’economia e che l’inflazione “sostanziale”, che esclude i prezzi volatili degli alimenti e dell’energia, fosse un indicatore molto migliore della pressione inflazionistica che non i prezzi delle materie prime.

Adesso sappiamo cosa accadde: la Fed aveva ragione e i suoi critici favorevoli ad una politica monetaria restrittiva avevano torto. Di fatto, è difficile pensare ad altri eventi nella storia economica nei quali dottrine rivali abbiano ricevuto un test così chiaro, e nei quali una di esse sia emersa così chiaramente come vincirice.

Possiamo sintetizzare come gli eventi passarono alla storia con due diagrammi. La Figura 1 mostra due dati, entrambi espressi come indici, con il dicembre del 2007 – l’inizio della Grande Recessione – fissato per entrambi a 100.

zz 712

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1. Federal Reserve di St. Louis

La linea blu mostra la base monetaria, la somma delle valute incircolazione e delle reserve bancarie; quando si dice che la Fed “stampa moneta” si intende che essa aumenta la base monetaria. Come si può notare tale base schizzò in alto quando la Fed si battè contro la recessione; i critici misero in guardia, resta nella storia una lettera aperta del 2010 a Ben Bernanke, che ciò avrebbe portato ad una esplosione inflazionistica. Ma la linea rossa mostra cosa accadde ai prezzi al consumo: fondamentalmente niente.

La Figura 2 mostra due altri dati. La linea blu mostra il tasso di cambo nei prezzi delle materie prime – materiali greggi come il rame e la soia. I prezzi delle materie prime salirono nel 2007-8, e personaggi della destra come Moore chiesero rialzi nei tassi di interesse per evitare quella che consideravano una inflazione incombente. Dopo esser crollati di fronte alla crisi, i prezzi delle materie prime salirono ancora nel 2010-12, e persone come Paul Ryan rimproverarono Bernanke per politiche che avrebbero “svalutato” il dollaro.

zz 713

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 2. Federal Reserve di St. Louis

Ma la linea rossa mostra il dato su cui si concentrò la Fed, l’inflazione sostanziale, che rimase bassa. Di certo, la crescita del prezzo delle materie prime fu una deviazione temporanea, e di inflazione fuori controllo non ci fu alcuna traccia.

Come ho detto, i critici della Fed dimostrarono in modo definitivo di sbagliare. Quando, nella definizione di un dibattito economico, si arriva alle prove, gli eventi monetari del 2009-2014 si confermarono altrettanto positivi di quanto essa aveva compreso.

Ma accaddero due cose curiose una volta che intervenne il verdetto dei fatti. La prima, a parte una vaga mea culpa da parte di Larry Kudlow, nessuno tra i critici della Fed – e intendo nessuno – furono disponibili ad ammettere di aver avuto torto. Nel 2014 Bloomberg contattò quanti firmatari di quella lettera aperta a Bernanke riuscì a trovare, per chiedere cosa pensassero considerata la tenue inflazione e una solida ripresa economica. Nessuno fu disponibile ad ammettere che gli ammonimenti della lettera si fossero dimostrati scorretti.

La seconda fu che le persone che avevano sbagliato furono semmai premiate per i loro errori. Moore sbagliò tutto durante la crisi finanziaria: rimase un ospite fisso nel circuito delle conferenze della destra e nel 2014 la Fondazione Heritage lo nominò capoeconomista. Anche Kudlow, che aveva liquidato la bolla immobiliare alla stregua di un “pupazzetto” [2] e aveva messo in guardia dall’incombente inflazione nel pieno dellla recessione, rimase un favorito della destra – e adesso è il capoeconomista della Amministrazione Trump.

Dunque il tentativo di nominare Moore alla Fed è esattamente un classico. E siamo chiari: la questione non è semplicemente quella di aver fatto alcune previsioni sbagliate.  Prima o poi le fanno tutti. Riguarda lo sbagliare costantemente su tutto e il rifiutare di imparare dagli errori.

Di recente Moore ha dichiarato che la Fed è “zeppa di centinaia di economisti immeritevoli, che hanno in testa il modello sbagliato. Dovrebbero essere tutti, proprio tutti, licenziati e sostituiti da buoni economisti”. Considerati i rispettivi surricula di Moore e della Fed nel corso del decennio passato e più ancora, quello che egli sembra intendere per “modello sbagliato” è un punto di vista sull’inflazione che si è ripetutamente mostrato giusto, a fronte della sua stessa analisi, che è sempre stata sbagliata.

Ma sinora nessun singolo Senatore repubblicano ha messo in dubbio le competenze di Moore. Quando si arriva agli economisti della destra, quello che constatiamo è un chiaro modello di sopravvivenza di quelli che sbagliano tutto.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] “Armpit” significa propriamente “ascella”, ma colloquialmente anche “fogna” o “postaccio”.

[2] In inglese c’è un gioco di parole tra “bubble” (bolla) e “bobblehead” (pupazzo con la testa svitata).

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"