Blog di Krugman » Selezione della Settimana

L’incredibile boom di Trump all’esaurimento, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 30 marzo 2019)

 

March 30, 2019

The Incredible Shrinking Trump Boom

By Paul Krugman

zz 516

So far, Donald Trump has passed only one significant piece of legislation: the 2017 tax cut. It was, to be fair, a pretty big deal: corporations, the principal beneficiaries, have already saved more than $150 billion, and over the course of a decade the tax cut will probably increase the budget deficit by more than $2 trillion.

But the tax cut was supposed to do more than just give stockholders more money — or at least that’s what its proponents claimed. It was also supposed to lead to many years of high economic growth, 3 percent or more at an annual rate.

Independent observers were skeptical, to say the least. They conceded that the tax cut might lead to a brief sugar high, because that’s what big deficits do. But any favorable effects on growth, they argued, would soon fade out. And they always insisted that it would take some time to assess the tax cut’s actual effects.

Nonetheless, when the economy grew pretty fast in the second quarter of last year, Trump and his supporters cried vindication, and ridiculed the critics.

But a bit of time has passed since then. The chart shows the U.S. economy’s growth rate by quarter since the beginning of 2018. The last number isn’t official; but there are a number of independent observers, including both Federal Reserve banks and private financial institutions, who produce “nowcasts” that estimate growth based on early data. At this point all of these nowcasts show slowing growth, and most put the first quarter at around 1.5 percent.

zz 709

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sugar high fading Paul Krugman

So do the results so far look like the huge, sustained boom the Trump camp promised, or the brief sugar high predicted by the critics?

But Donald Trump is a special kind of leader. When things don’t go his way, when events fail to turn out as he planned and promised, he always knows exactly what to do: Blame someone else. Sure enough, he’s now asserting that we’d be having a yuge economic boom, 3 percent growth, all that, if only the Federal Reserve hadn’t raised interest rates.

  1. K., this is where you need to be able to hold two ideas in your head at the same time. Was the Fed wrong to raise rates? Probably yes. Does this account for the failure of the Trump tax cut? No.

The Fed was clearly overoptimistic about the economy’s prospects, as it has pretty consistently been for the past decade. It’s worth noting that throughout that whole period conservative critics of the Fed — the same people now backing Trump — attacked the institution for keeping interest rates too low, not too high. Still, it’s now clear that the attempt to normalize monetary policy was premature.

But the Fed’s premature rate hikes aren’t why the Trump tax cut is failing. How do we know that? Because all those boasts about why the tax cut would work miracles were based on a specific story about what is holding the U.S. economy back. And that story was and is all wrong.

The Trumpist theory — which was, I’m sorry to say, endorsed by conservative economists who should have known better — was that there was a huge pile of money sitting outside the U.S. that companies would bring back and invest productively if given the incentive of lower tax rates. But that pile of money was an accounting fiction. And the tax cut didn’t give corporations an incentive to build new factories and so on; all it did was induce them to shift their tax-avoidance strategies.

As Brad Setser of the Council on Foreign Relations points out, a casual glance at the data seems to suggest that American companies earn a lot of their profits at their overseas subsidiaries. But a closer look shows that the bulk of these reported profits are in a handful of small countries with low or zero tax rates, like Bermuda, Luxembourg and Ireland. The companies obviously aren’t earning huge profits in these tiny economies; they’re just using accounting gimmicks to assign profits earned elsewhere to subsidiaries that may have a few factories, but sometimes consist of little more than a small office, or even just a post-office box.

These basically phony profits then accumulate on the books of the overseas subsidiaries, rather than the home company. But this doesn’t affect their ability to invest in America: if Apple wants to spend a billion dollars here, it can always borrow the money using the assets of its Irish subsidiary as collateral. In other words, U.S. taxes weren’t having any significant effect in deterring real investment in the U.S. economy.

When Trump cut the tax rate, some companies “brought money home.” But for the most part this had no economic significance. Here’s how it works: Apple Ireland transfers some of its assets to Apple U.S.A. Officially, Apple Ireland has reduced its investment spending, while paying a dividend to U.S. investors. In reality, Apple as an entity has the same total profits and the same total assets it did before; it hasn’t devoted a single additional dollar to purchases of equipment, R&D, or anything else for its U.S. operations.

Not surprisingly, then, the investment boom Trump economists promised has never materialized. Companies didn’t use their tax breaks to invest more; mainly they used them to buy back their own stock. This in turn, put more money in the hands of investors, which gave the economy a temporary boost — although for 2018 as a whole, one of the biggest drivers of faster growth was, believe it or not, higher government spending.

So the theory supposedly behind the Trump tax cut has turned out to be a complete bust. Corporate accountants got to have some fun exploring new frontiers in tax avoidance; the rest of us just ended up saddled with an extra $2 trillion or so in debt.

Now, I’m not deeply worried about that debt. Given low borrowing costs, the costs and risks of federal debt are far less than the usual suspects — again, the same people who cheered on the Trump tax cut — have claimed. But think of all the other things we could have done with $2 trillion — all the infrastructure we could have built and repaired, all the people who could have been given essential health care.

What a colossal, corrupt waste.

 

 

L’incredibile boom di Trump all’esaurimento,

di Paul Krugman

Sinora, Donald Trump ha fatto approvare soltanto una legge significativa: il taglio delle tasse del 2017. È stata, per esser giusti, una faccenda assai cospicua: le società, i principali beneficiari, hanno già risparmiato più di 150 miliardi di dollari, e nel corso di un decennio il taglio delle tasse aumenterà probabilmente il deficit del bilancio per più di 2.000 miliardi di dollari.

Ma si presumeva che il taglio delle tasse facesse di più che soltanto consegnare più soldi agli azionisti – o almeno quello era quanto i suoi proponenti sostenevano. Si ipotizzava anche che portasse a molti anni di crescita economica, con un 3 per cento o più di tasso annuale.

Osservatori indipendenti erano, a dire il minimo, scettici. Ammettevano che il taglio delle tasse potesse comportare una breve euforia di zuccheri, dato che è quello che fanno i grandi deficit. Ma, sostenevano, ogni effetto favorevole sulla crescita sarebbe presto svanito. E ribadivano sempre che ci sarebbe voluto un po’ di tempo per valutare gli effetti veri dello sgravio fiscale.

Ciononostante, quando nel secondo trimestre dell’anno passato l’economia conobbe una crescita abbastanza rapida, Trump e i suoi sostenitori vantarono un risarcimento e ridicolizzarono i critici.

Ma da allora è passato un po’ di tempo. Il diagramma mostra il tasso di crescita dell’economia degli Stati Uniti per trimestre a partire dagli inizi del 2018. L’ultimo dato non è ufficiale; ma ci sono un certo numero di osservatori indipendeenti, incluse sia banche della Federal Reserve che istituti finanziari privati, che producono stime di crescita “in tempo reale” basate sui primi dati. A questo punto tutte queste stime mostrano una crescita che rallenta, e a maggioranza collocano il primo trimestre a circa l’1,5 per cento.

zz 709

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Euforia da zuccheri che svanisce. Paul Krugman

Dunque, i risultati sino a questo punto suggeriscono l’ampio, sostenuto boom che il fronte di Trump aveva promesso, o la breve euforia da zuccheri prevista dai critici?

Ma Donald Trump è una specie particolare di leader. Quando le cose non vanno per il loro verso, quando i fatti non risultano come egli aveva programmato e promesso, lui sa sempre cosa fare: dare la colpa a qualcun altro. Come previsto, egli sta ora sostenendo che avremmo avuto un vasto boom economico, il 3 per cento di crescita, non di meno, se la Federal Reserve non avesse aumentato i tassi di interesse.

Va bene, questo è il momento nel quale dovete essere capaci di mettervi in testa due idee contemporaneamente. Ha sbagliato la Fed ad aumentare i tassi? Probabilmente sì. Questo ha pesato nel fallimento del taglio delle tasse di Trump? No.

La Fed è stata chiaramente più che ottimistica sulle prospettive dell’economia, come lo è stata costantemente nel decennio passato. È il caso di notare che in tutto quel periodo i critici conservatori della Fed – le stesse persone che adesso sostengono Trump – hanno attaccato l’istituto per tenere i tassi di interesse troppo bassi, non troppo alti. Eppure, adesso è chiaro che quel tentativo di normalizzare la politica monetaria era prematuro.

Ma i rialzi prematuri dei tassi da parte della Fed non sono la ragione per la quale il taglio delle tasse di Trump ha fallito. Come lo sappiamo? Perché tutte quelle vanterie per le quali il taglio delle tasse avrebbe fatto miracoli erano basate su un particolare racconto che sta trattenendo indietro l’economia statunitense. E quel racconto era ed è tutto sbagliato.

La teoria trumpiana – che è stata appoggiata, spiacevole a dirsi, da economisti conservatori che avrebbero dovuto saperne di più – era che ci sarebbe stata una gran quantità di denaro in attesa fuori dagli Stati Uniti che le società avrebbero riportato indietro ed investito produttivamente, considerato l’incentivo delle aliquote fiscali più basse. Ma quella gran quantità era una finzione contabile. E il taglio delle tasse non ha fornito alle società alcun incentivo a costruire nuovi stabilimenti e tutto il resto; tutto quello che ha fatto è stato indurli a spostare le loro strategie di elusione fiscale.

Come Brad Setser del Council on Foreign Relations mette in evidenza, un’occhiata casuale ai dati sembra suggerire che le società americane guadagnino molti dei loro profitti presso le loro sussidiarie all’estero. Ma un’occhiata più attenta mostra che il grosso di questi presunti profitti sono in una manciata di piccoli paesi con aliquote fiscali basse o pari a zero, come Bermuda, Lussemburgo e Irlanda. È evidente che queste società non stanno guadagnando grandi profitti in queste minuscole economie; stanno solo giustificando trucchi per indirizzare altrove i profitti realizzati, verso sussidiarie che possono avere pochi stabilimenti, ma talora si tratta di poco più di un piccolo ufficio, o persino solo di una casella postale.

Questi profitti fondamentalmente fasulli poi si accumulano sui libri contabili delle sussidierie estere, anziché su quelli della società madre. Ma questo non influisce sulla loro capacità di investire in America: se Apple vuople spendere un miliardo di dollari qua, essa può sempre prendere a prestito il denaro utilizzando gli asset della sussidiaria irlandese come garanzia. In altre parole, le tasse degli Stati Uniti non avevano alcun effetto significativo nell’impedire investimenti reali nell’economia degli Stati Uniti.

Quando Trump tagliò l’aliquota fiscale, alcune società “riportarono i soldi a casa”. Ma in massima parte questo non ebbe alcun significato economico. Ecco come funziona: la Apple irlandese trasferisce alcuni dei suoi asset alla Apple in USA. Ufficialmente, la Apple irlandese ha ridotto la sua spesa per investimenti, di fatto sta pagando un dividendo agli investitori statunitensi. In realtà, Apple nel suo complesso ha gli stessi profitti totali e gli stessi asset totali che aveva prima; non ha dedicato un solo dollaro aggiuntivo ad acquisti per attrezzature, per ricerca e sviluppo o per niente altro delle sue operazioni negli Stati Uniti.

Non è sorprendente, dunque, che il boom degli investimenti che gli economisti di Trump avevano promesso non si sia mai materializzato. Le società non hanno utilizzato i loro sgravi fiscali per investire di più; principalmente li hanno utilizzati per riacquistare le loro azioni. Questo a sua volta ha messo più soldi nelle mani degli investitori, il che ha dato all’economia una spinta temporanea – sebbene per il 2018 nel suo complesso, uno dei maggiori fattori della crescita più veloce sia stato, ci crediate o meno, la più elevata spesa pubblica [1].

Dunque, la teoria che si supponeva reggesse il taglio delle tasse di Trump si è rivelata un fallimento completo. I commercialisti delle società si sono divertiti un po’ nell’esplorare nuove frontiere dell’elusione fiscale; a tutti gli altri sono stati rifilati circa 2.000 miliardi aggiuntivi di dollari di debito.

Ora, non sono profondamente preoccupato per quel debito. Dati i bassi costi dell’indebitamento, i costi e i rischi del debito federale sono molto minori di quelli che i soliti noti – ancora, le stesse persone che hanno elogiato il taglio delle tasse di Trump – hanno sostenuto. Ma pensate alle altre cose che avremmo potuto fare con 2.000 miliardi di dollari – a tutte le infrastrutture che avremmo potuto costruire e riparare, a tutta la gente alla quale si sarebbe potuto dare una assistenza sanitaria essenziale.

Che spreco colossale e immorale.    

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] La connessione è con un articolo di Katy Davidson sul Wall Street Journal, che spiega come la spesa pubblica nell’anno e mezzo passato sia stata, particolarmente nel settore delle spese miltari, più cospicua e più rapida, ed abbia da sola sostenuto una parte notevole della crescita del PIL.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"