Blog di Krugman » Selezione della Settimana

Gli anni del sabotaggio, di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 4 maggio 2019)

 

May 4, 2019

The Sabotage Years

By Paul Krugman

zz 516

Do you remember the great inflation scare of 2010-2011? The U.S. economy remained deeply depressed from the aftereffects of the burst housing bubble and the 2008 financial crisis. Unemployment was still above 9 percent; wage growth had slowed to a crawl, and measures of underlying inflation were well below the Federal Reserve’s targets. So the Fed was doing what it could to boost the economy — keeping short-term interest rates as low as possible, and buying long-term bonds in the hope of getting some extra traction.

But Republicans were up in arms, warning that the Fed’s policies would lead to runaway inflation. A Congressman named Mike Pence introduced a bill that would prohibit the Fed from even considering the state of the labor market in its actions. A who’s who of Republicans signed an open letter to Ben Bernanke demanding that he stop his monetary efforts, which they claimed would “risk currency debasement and inflation.”

And supposedly respectable Republicans engaged in conspiracy theorizing, suggesting that the Fed was secretly in league with the Obama administration. Paul Ryan and the economist John Taylor declared that the Fed’s policy “looks an awful lot like an attempt to bail out fiscal policy, and such attempts call the Fed’s independence into question.”

Of course, all these warnings were totally wrong. Inflation never took off. Although almost none of the people who waxed hysterical over inflation have so much as acknowledged having been wrong, Bernanke, Fed economists, and Keynesians in general were proved right: printing money isn’t inflationary in a depressed economy.

But what lay behind all these dire warnings about inflation? Well, they came at the same time that Republicans were warning about the terrible, horrible, no-good consequences of deficit spending.

And it was obvious even at the time that G.O.P. deficit posturing was hypocritical – obvious, that it, to everyone except the entire Beltway establishment. All you had to do was look at what was actually in Ryan’s budget proposals to realize that he wasn’t sincere, that he was using deficits as an excuse to bash social programs and hobble Obama. It was utterly predictable that Republicans would decide that deficits don’t matter as soon as they recaptured the White House.

But I thought that monetary policy was a bit different. Republicans have been the party of fiscal irresponsibility since Reagan, and there was no reason to believe that they had changed. But goldbuggery, hatred of fiat money, and abhorrence for the printing press did seem to be long-standing attitudes on the right. I imagined that Ryan, who once asserted that he had learned all he needed to know about monetary policy from Atlas Shrugged, might actually believe what he was saying about the Fed.

In light of recent events, however, it appears that I was wrong. Republican posturing on monetary policy was as insincere as the party’s posturing on fiscal policy. We now have to see the party’s 2010-2011 demands for tight monetary policy, like its demands for tight fiscal policy, as reflecting not economic principles, but rather a desire to sabotage Barack Obama.

You see, Donald Trump’s attempt to install Stephen Moore at the Fed failed for the wrong reason. Moore fell short because he turns out to be a loathsome individual. But he should have been rejected out of hand simply on the basis of his economic views. Not only was he wrong, again and again, during the financial crisis and its aftermath; not only did he refuse to admit error, or learn anything from his mistakes; but he turned on a dime as soon as Trump was in office, showing himself to be a purely political animal. He demanded higher interest rates when unemployment was above 9 percent; now he’s demanding lower rates with unemployment below 4 percent.

But as I said, that’s not why Moore fell short — because his whole party has followed the same path. Mike Pence, who demanded higher rates in the deeply depressed economy of 2010, wants lower rates now. No Republicans in Congress seem to have criticized Moore for his policy views, as opposed to his misogyny. Aside from Harvard’s Greg Mankiw, not one prominent Republican economist stepped up to oppose Moore, even though he clearly was engaged precisely in the kind of politicization of monetary policy Taylor and Ryan claimed to see in 2010.

I made a little chart to summarize the evolution of Republican positioning on monetary policy. It shows the employment rate of prime-age adults, widely seen as a better indicator of the state of the labor market than the unemployment rate, and the rate at which wages are increasing. Both measures hit low points in 2010-2011, making a strong case for expansionary monetary policy. That’s precisely when the G.O.P. was pressuring the Fed to stop trying to help the economy. Both measures are at post-crisis highs now, and sure enough, Republicans are advocating now the policies they opposed when they were most needed.

zz 714

 

 

 

 

 

 

 

 

Funny how this works. Federal Reserve of St. Louis

As Matt O’Brien points out, you don’t see the same thing on the Democratic side: center-left economists who have argued for years that the Fed was being too conservative are still saying the same thing with Trump in office.

What all this tells us is that Republican positioning on economic policy has been in bad faith all these years. They didn’t really believe that a debt crisis and hyperinflation were looming. They were just against anything that might help the economy while a Democrat was president.

 

Gli anni del sabotaggio,

di Paul Krugman

 

Vi ricordate il grande spavento per l’inflazione del 2010-2011? L’economia degli Stati Uniti rimase profondamente depressa per le conseguenze dello scoppio della bolla immobiliare e della crisi finanziaria del 2008. La disoccupazione era ancora sopra il 9 per cento; la crescita dei salari era ridotta al minimo e le misurazioni della inflazione di base erano ben al di sotto degli obbiettivi della Federal Reserve. Di conseguenza la Fed stava facendo quello che poteva per incoraggiare l’economia – manteneva i tassi di interesse a breve termine il più possibile bassi e acquistava obbligazioni a lungo termine nella speranza di ottenere una qualche spinta aggiuntiva.

Ma i repubblicani erano in rivolta, ammonivano che le politiche della Fed avrebbero portato ad una inflazione fuori controllo. Un congressista di nome Mike Spence presentò una proposta di legge che avrebbe impedito alla Fed persino di considerare nelle sue iniziative le condizioni del mercato del lavoro. Il Gotha dei repubblicani sottoscrisse una lettera aperta a Ben Bernanke chiedendo che fermasse i suoi sforzi monetari, che sostenevano avrebbero “rischiato la svalutazione del dollaro e l’inflazione”.

E i presunti rispettabili repubblicani si impegnarono nelle teorie della cospirazione, suggerendo che la Fed fosse segretamente in combutta con l’Amministrazione Obama. Paul Ryan e l’economista John Taylor dichiararono che la politica della Fed “assomiglia molto ad un salvataggio della politica deella finanza pubblica, e tali tentativi aprono un interrogativo sull’indipendenza della Fed”.

Ovviamente, tutti questi ammonimenti erano sbagliati. L’inflazione non decollò mai. Sebbene quasi nessuna delle persone che divennero isteriche con l’inflazione abbiano mai nemmeno riconosciuto di aver avuto torto, Bernanke, gli economisti della Fed e in generale i keynesiani si dimostrarono nel giusto: in una economia depressa, stampare denaro non è inflazionistico.

Ma che cosa c’era dietro questi terribili ammonimenti sull’inflazione? Ebbene, essi vennero nello stesso periodo nel quale i repubblicani mettevano in guardia sulle terribili, tremende conseguenze negative della spesa in deficit.

Ed era evidente in quel momento che l’atteggiamento del Partito Repubblicano era ipocrita – evidente, voglio dire, per tutti meno che per l’intero gruppo dirigente della Capitale. Tutto quello che si doveva fare per comprendere quanto egli fosse sincero, era osservare quello che c’era effettivamente nelle proposte di bilancio di Ryan, ovvero che stava utilizzando i deficit come una scusa per colpire i programmi sociali e azzoppare Obama. Era del tutto prevedibile che i repubblicani avrebbero deciso che i deficit non sono importanti appena avessero riconquistato la Casa Bianca.

Eppure, pensavo che la politica monetaria fosse un po’ diversa. I repubblicani sono stati il partito della irresponsabilità nelle finanze pubbliche sin dall’epoca di Reagan, e non c’era alcuna ragione per credere che fossero cambiati. Ma la fissazione aurea, l’odio per il denaro cartaceo e l’avversione per lo stampare i soldi sembravano essere inclinazioni di lunga data a destra. Mi immaginavo che Ryan, una volta che aveva dichiarato di aver appreso tutto quello che c’era da sapere sulla politica monetaria dalla favola Atlante alzò le spalle, potesse effettivamente credere in quello he diceva sulla Fed.

Alla luce degli eventi recenti, tuttavia, sembra che avessi torto. L’atteggiamento dei repubblicani sulla politica monetaria era altrettanto insincero del loro atteggiamento sulla politica della spesa pubblica. Adesso dobbiamo constatare che le richieste del partito negli anni 2010-2011 per una restrizione della politica monetaria, come le loro richieste per una restrizione della politica della spesa pubblica, non riflettevano principi economici, ma piuttosto il desiderio di sabotare Obama.

Vedete, il tentativo di Donald Trump di nominare Stephen Moore alla Fed è fallito per la ragione sbagliata. Moore non ce l’ha fatta perché si è scoperto che era un individuo disgustoso. Ma avrebbe dovuto essere respinto su due piedi semplicemente sulla base dei suoi punti di vista economici. Non solo aveva avuto torto a ripetizione durante la crisi finanziaria e le sue conseguenze; non solo aveva rifiutato di ammettere i suoi errori o di imparare alcunché da essi; ma appena Trump è entrato in carica, ha cambiato in un attimo indirizzo, mostrando di essere un semplice animale politico. Aveva richiesto tassi di interesse più elevati quando la disoccupazione era sopra il 9 per cento; ora sta chiedendo tassi più bassi con una disoccupazione al di sotto del 4 per cento.

Ma, come ho detto, non è questa la ragione per la quale Moore non ce l’ha fatta – giacchè l’intero partito aveva seguito il medesimo indirizzo. Mike Pence, che aveva richiesto tassi più alti nel contesto dell’economia profondamente depressa del 2010, adesso vuole tassi più bassi. Nessun repubblicano in Congresso sembra aver criticato Moore per i suoi punti di vista politici, anziché per la sua misoginia. Con l’eccezione di Greg Mankiw dell’Università di Harvard, nessun eminente economista repubblicano si è fatto avanti per opporsi a Moore, anche se si era precisamente impegnato in quella specie di politicizzazione della politica monetaria che Taylor e Ryan sostenevano di vedere nel 2010.

Ho fatto un piccolo diagramma per sintetizzare l’evoluzione delle posizioni repubblicane in materia di politica monetaria. Esso mostra il tasso di occupazione degli adulti nella principale età lavorativa, considerato generalmente un indicatore migliore delle condizioni del mercato del lavoro rispetto al tasso di disoccupazione, e il tasso al quale sono cresciuti i salari. Entrambe le misure toccano i punti più bassi nel 2010-2011, quando erano un forte argomento per una politica monetaria espansiva. Era precisamente il momento nel quale il Partito Repubblicano faceva pressioni perché la Fed smettesse di cercare di aiutare l’economia. Entrambi i valori si collocano adesso ai valori più alti successivi alla crisi, e, come era prevedibile, adesso i repubblicani stanno sostenendo le politiche alle quali si opponevano quando erano massimamente necessarie.

zz 714

 

 

 

 

 

 

 

 

Curioso come funziona. Dalla Federal Reserve di St. Louis

Come mette in evidenza Matt O’Brien, non si osserva la stessa cosa dalla parte dei democratici: gli economisti di centro-sinistra che avevano sostenuto per anni che la Fed si comportava in modo troppo conservatore, stanno ancora dicendo lo stesso con Trump in carica.

Quello che deriva da tutto ciò è che le posizioni repubblicane nella politica economica in tutti questi anni sono state in malafede. Non credevano sul serio che una crisi da debito ed una iperinflazione fossero incombenti. Erano solo contrari a tutto quello che poteva aiutare l’economia durante la Presidenza di un democratico.

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"