Altri Economisti » Selezione della Settimana

Perché il reddito universale di base è una cattiva idea, di Daron Acemoglu (da Project Syndicate, 7 giugno 2019)

 

Jun 7, 2019

Why Universal Basic Income Is a Bad Idea

DARON ACEMOGLU

zz 721

BOSTON – Owing to the inadequacy of the social safety net in the United States and other developed countries, proposals for a universal basic income (UBI) are gaining in popularity. The gap between the rich and everyone else has expanded significantly in recent years, and many fear that automation and globalization will widen it further.

To be sure, if the only choice is between mass impoverishment and a UBI, a UBI is preferable. Such a program would allow people to spend their money on whatever they value most. It would create a broad sense of ownership and a new constituency to shake up the system of big-money politics. Studies of conditional cash-transfer programs in developing economies have found that such policies can empower women and other marginalized groups.

But UBI is a flawed idea, not least because it would be prohibitively expensive unless accompanied by deep cuts to the rest of the safety net. In the US (population: 327 million), a UBI of just $1,000 per month would cost around $4 trillion per year, which is close to the entire federal budget in 2018. Without major cost savings, US federal tax revenue would have to be doubled, which would impose massive distortionary costs on the economy. And, no, a permanent UBI could not be financed with government debt or newly printed currency.

Sacrificing all other social programs for the sake of a UBI is a terrible idea. Such programs exist to address specific problems, such as the vulnerability of the elderly, children, and disabled people. Imagine living in a society where children still go hungry, and where those with severe health conditions are deprived of adequate care, because all the tax revenue has gone to sending monthly checks to every citizen, millionaires and billionaires included.

Though UBI makes for a good slogan, it is a poorly designed policy. Basic economic theory implies that taxes on income are distortionary inasmuch as they discourage work and investment. Moreover, governments should avoid transfers to the same people from whom they collect revenue, but that is precisely what a UBI would do. In the US, for example, around three-quartersof households pay at least some federal income or payroll taxes, and an even greater share pays state taxes.

Besides, a more sensible policy is already on offer: a negative income tax, or what is sometimes called “guaranteed basic income.” Rather than giving everyone $1,000 per month, a guaranteed-income program would offer transfers only to individuals whose monthly income is below $1,000, thereby coming in at a mere fraction of a UBI’s cost.

UBI advocates would argue that non-universal transfer programs are less attractive because voters will not embrace them as enthusiastically. But this criticism is unfounded. Guaranteed basic income is just as universal as national health insurance, which does not dispense monthly payments to everyone, but rather benefits anyone who has incurred medical costs. The same is true of programs that unconditionally guarantee support for basic needs, such as food for the hungry and unemployment insurance for the jobless. Such policies are widely popular in the countries that have them.

Finally, much of the enthusiasm for UBI is based on a misreading of employment trends in advanced economies. Contrary to popular belief, there is no evidence that work as we know it will disappear anytime soon. Automation and globalization are indeed restructuring work, eliminating certain types of jobs and increasing inequality. But rather than build a system where a large fraction of the population receives handouts, we should be adopting measures to encourage the creation of “middle-class” jobs with good pay, while strengthening our ailing social safety net. UBI does none of this.

In the US, the top policy goals should be universal health care, more generous unemployment benefits, better-designed retraining programs, and an expanded earned income tax credit (EITC). The EITC already functions like a guaranteed basic income for low-wage workers, costs far less than a UBI, and directly encourages work. On the business side, reducing the indirect costs and payroll taxes that employers pay for hiring workers would spur job creation, also at a pittance of the cost of a UBI. With higher minimum wages to prevent employers from free riding on workers’ tax credits, an expanded EITC and reduced payroll taxes would go a long way toward creating worthwhile jobs at all levels of the income distribution.

Equally important, these solutions leverage democratic politics. The same cannot be said for a UBI, which is parachuted from above as a way of placating the discontented masses. It neither empowers nor even consults the people it aims to help. (Do workers who have lost their middle-class jobs want government transfers or an opportunity to get another job?) As such, UBI proposals have all the hallmarks of the “bread and circuses” used by the Roman and Byzantine Empires – handouts to defuse discontent and mollify the masses, rather than providing them with economic opportunities and political agency.

By contrast, the modern social welfare state that has served developed countries so well was not handed down by tycoons and politicians. It aimed to provide both social insurance and opportunities to people. And it was the result of democratic politics. Ordinary people made demands, complained, protested, and got involved in policymaking, and the political system responded. The founding document of the British welfare state, the World War II-era Beveridge Report, was as much a response to political demands as to economic hardship. It sought to protect the disadvantaged and create opportunities, while encouraging civic engagement.

Many current social problems are rooted in our neglect of the democratic process. The solution isn’t to dribble out enough crumbs to keep people at home, distracted, and otherwise pacified. Rather, we need to rejuvenate democratic politics, boost civic involvement, and seek collective solutions. Only with a mobilized, politically active society can we build the institutions we need for shared prosperity in the future, while protecting the most disadvantaged among us.

 

Perchè il reddito universale di base è una cattiva idea,

di Daron Acemoglu

 

BOSTON – A seguito dell’inadeguatezza della rete di sicurezza sociale negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati, la popolarità delle proposte per un reddito universale di base (UBI) sta crescendo. Il divario tra i ricchi e tutti gli altri si è ampliato in modo significativo negli anni recenti, e molti temono che l’automazione e la globalizzazione lo allargheranno ulteriormente.

Di sicuro, se l’unica scelta fosse tra l’impoverimento di massa e l’UBI, l’UBI sarebbe preferibile. Un programma simile consentirebbe alle persone di spendere il loro denaro per qualunque cosa essi apprezzino maggiormente. Si creerebbe una sensazione generale di possesso e una nuova base di consenso per scuotere il sistema della politica del grande capitale. Studi sui programmi di trasferimento condizionato di denaro contante nei paesi in via di sviluppo hanno scoperto che tali politiche possono rafforzare le donne e altri gruppi marginalizzati.

Ma l’UBI è una cattiva idea, non da ultimo perché sarebbe proibitivamente costosa se non fosse accompagnata da profondi tagli sul resto dell rete della sicurezza sociale. Negli Stati Uniti (con una popolazione di 327 milioni), un UBI di soli 1000 dollari al mese costerebbe attorno a 4 mila miliardi di dollari all’anno, una cifra prossima all’intero bilancio federale del 2018. Senza importanti risparmi nei costi, le entrate fiscali federali degli Stati Uniti raddoppierebbero, il che costringerebbe a massicci costi con effetti distorcenti sull’economia. E un UBI permanente non potrebbe essere finanziaro con il debito pubblico o con nuove emissioni di valuta.

Sacrificare tutti gli altri programmi sociali a vantaggio dell’UBI sarebbe un’idea terribile. Tali programmi esistono per affrontare problemi specifici, come la vulnerabilità dei più anziani, dei bambini e delle persone disabili. Si immagini di vivere in una società dove i bambini patiscono la fame e dove le persone con gravi problemi sanitari vengono private di adeguata assistenza, perché tutte le entrate fiscali sono utilizzate per spedire assegni mensili a tutti i cittadini, milionari e miliardari compresi.

Sebbene l’UBI consenta slogan efficaci, è una politica modestamente congegnata. La teoria economica di base prevede che le tasse sul reddito sono distorsive nella misura in cui scoraggiano lavoro e investimenti. Inoltre, i Governi dovrebbero evitare trasferimenti sulle stesse persone dalle quali raccolgono entrate, ma quello è precisamente ciò che farebbe l’UBI. Negli Stati uniti, ad esempio, circa tre quarti delle famiglie pagano almeno alcune tasse federali sul reddito e sulle retribuzioni, ed una quota anche maggiore paga le tasse al livello degli Stati.

Inoltre, una politica più sensata è già disponibile: una tassa negativa sul reddito, o quello che talvolta è chiamato “Reddito di base garantito”. Piuttosto che dare a tutti mille dollari al mese, un programma di reddito garantito offrirebbe trasferimenti soltanto alle persone il cui reddito mensile è inferiore ai mille dollari, di conseguenza raggiungendo una semplice frazione del costo dell’UBI.

I sostenitori dell’UBI sosterrebbero che i programmi di trasferimenti non universali sono meno attraenti giacché gli elettori non li accoglierebbero con entusiasmo. Ma questa critica è infondata. Un reddito di base garantito è universale come l’assicurazione sanitaria nazionale, che non dispensa contributi mensili a tutti, ma piuttosto sussidi a chiunque sia incorso in spese sanitarie. Lo stesso è vero per i programmi che garantiscono un sostegno incondizionato per i bisogni di base, come il cibo per i bisognosi e l’assicurazione della disoccupazione per i senza lavoro. Tali politiche sono assai popolari nei paesi che ne dispongono.

Infine, gran parte dell’entusiasmo per l’UBI è basata su una incomprensione sulle tendenze dell’occupazione nelle economie avanzate. Contrariamente alla convinzione diffusa, non c’è alcuna prova che il lavoro come lo conosciamo scomparirà in breve tempo. L’automazione e la globalizzazione stanno in effetti ristrutturando il lavoro, eliminando certi tipi di occupazione e aumentando l’ineguaglianza. Ma piuttosto che costruire un sistema nel quale una larga parte della popolazione riceve sussidi, dovremmo inacoraggiare la creazione di posti di lavoro da “classe media”, nel mentre si rafforza la nostra rete di sicurezza sociale per i bisognosi. L’UBI non fa niente del genere.

Negli Stati Uniti gli obbiettivi massimi della politica dovrebbero essere l’assistenza sanitaria universale, sussidi di disoccupazione più generosi, programmi pensionistici meglio concepiti e crediti di imposta per i redditi da lavoro più ampi (EITC). L’EITC già funziona come un reddito di base garantito per i lavoratori con bassi salari, costa molto meno dell’UBI e incoraggia direttamente il lavoro. Dal lato delle imprese, riducendo i costi indiretti e le tasse sui salari che i datori di lavoro pagano per assumere i lavoratori, aiuterebbe la creazione di posti di lavoro, peraltro con un costo minimo rispetto all’UBI. Con salari minimi più elevati per impedire che i datori di lavoro ottengano compensi sui crediti di imposta dei lavoratori, con un EITC ampliato e tasse ridotte sui salari, si andrebbe molto avanti nella creazione di posti di lavoro proficui a tutti i livelli della distribuzione deel reddito.

In modo egualmente significativo, queste soluzioni influenzano una politica democratica. Non si può dire lo stesso per l’UBI, che viene paracadutato dall’alto come un modo per placare le masse insoddisfatte. Esso non dà potere e neppure consulta le persone che si propone di aiutare (i lavoratori che hanno perso posti di lavoro da classe media, preferiscono trasferimenti pubblici o una opportunità per ottenere nuovi posti di lavoro?). In quanto tali, le proposte dell’UBI hanno tutti i tratti caratteristici del “panem et circenses” utilizzato dagli Imperi di Roma e di Bisanzio – mance per disinnescare il malumore e calmare le masse, anziché fornire loro opportunità economiche e rappresentanza politica.

Al contrario, il moderno stato sociale del benessere, che è stato così utile ai paesi sviluppati, non è stato concesso dai magnati e dai politici. Si è proposto di fornire sia la sicurezza sociale che opportunità alla gente. Ed è stato il risultato di una politica democratica. Le persone comuni hanno fatto richieste, si sono lamentate, hanno protestato e sono state coinvolte nelle procedure della politica, e il sistema politico ha dato una risposta. Il documento fondante dello Stato britannico del benessere, il Rapporto Beveridge nell’epoca della Seconda Guerra Mondiale, fu una risposta sia alle richieste politiche che alle difficoltà economiche. Cercò di proteggere gli svantaggiati e di creare opportunità, nel mentre incoraggiava l’impegno civico.

Molti attuali problemi sociali hanno radice nella nostra trascuratezza del processo democratico. La soluzione non è dispensare una quantità sufficiente di briciole per tenere la gente a casa, distratta e comunque pacificata. Piuttosto, abbiamo bisogno di svecchiare la politica democratica, di incoraggiare il coinvolgimento civico e di cercare soluzioni collettive. Soltanto con una società mobilitata, politicamente attiva possiamo costruire le istituzioni di cui abbiamo bisogno per una prosperità condivisa nel futuro, nel mentre proteggiamo quelli tra noi che sono più svantaggiati.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"