Altri Economisti » Selezione della Settimana

Alcune osservazioni sulla tattica elettorale nelle incombenti elezioni generali, di Simon Wren Lewis (dal blog Mainly Macro, 10 settembre 2019)

 

Tuesday, 10 September 2019

Some observations on tactical voting in the forthcoming General Election

Simon Wren Lewis

zz-228

The first and most obvious is this. If you say you are a Remainer, or if you understand the nightmare that No Deal will create, or want to end the threat to democracy this government is, you have to vote tactically. The converse is also true. If you don’t vote tactically, you by your actions are supporting a No Deal Brexit. You will be partly responsible for a No Deal Brexit.

If you want a Brexit that does not involve crashing out, you might tell yourself that the only way of getting a good deal is to keep No Deal on the table. But it is obvious by now that Johnson has no intention of even trying to get a deal, because he knows the EU will not budge on the need to prevent a hard border in Ireland. Amber Rudd in her resignation letter made that clear, as have many other Conservatives. If Johnson wins an election you can be sure we will leave with No Deal.

Tactical voting is second best. The first best thing to do is for Labour and the Liberal Democrat/Green alliance to cooperate, much as Farage will almost certainly do with the Conservatives. There are tons of seats where Labour have no chance to win, and plenty where the Liberal Democrats cannot win. In the current poll of polls, Labour are static on 25% and the LibDems are static on below 20%. The idea that during an election the LibDems and Labour could swap places is fantasy, and in contrast there are good reasons for thinking Labour may make some gains during the campaign. It makes no sense for the LibDes not to cooperate, and then end up with a government that will crash us out of the EU because people voted LibDem in lots of Lab/Con marginals.

Equally the potential gains to Labour in cooperating are huge, as this FT article shows. Under current polling Labour would get about 220 seats and the Tories just under 350. If the LibDems stood down in Lab/Con marginals Labour could get nearly 300 seats, beating the Conservatives. A belief that Labour will make similar gains during the election campaign as they did in 2017 is almost certainly false. May ran a terrible campaign, Cummings will not. He will employ all the social media tricks he used to win the EU referendum vote and more. In contrast to 2017, many will not vote Labour because of the antisemitism issue. Why risk the certainty of gains under cooperation for more risky options?

Unfortunately I see no signs that this kind of cooperation will happen. The Conservatives can cooperate with the Brexit party because the Brexit party is under the complete control of Farage and the Conservative party is now under the complete control of Cummings/Johnson. Both Labour and the LibDems are more democratic, and resistance to cooperation remains high.

In addition the LibDem leadership fears that because Tory voters believe the ‘Corbyn as devil’ meme, they will not switch to the LibDems if they cooperate with Labour. It does not matter that non-cooperation means far more Labour seats will be lost than LibDem seats gained, increasing greatly the chances of a Johnson victory: party advantage is more important than stopping No Deal. So we have to presume that cooperation between the LibDems and Labour over seats will not happen. (In contrast, LibDem cooperation with expelled Tories seems acceptable.)

Which is why voters are going to have to do what politicians will fail to do, and vote tactically. The People’s Vote and other Remain campaigns understand that, and will be campaigning and helping with tactical voting. In most cases what to do is obvious: vote LibDem where the LibDems can realistically beat the Conservatives and vote Labour where Labour are more likely to beat the Conservatives.

The key point that I want to make is that the goal has to be to elect a Labour government, which realistically will be a minority Labour government. If that victory is more than marginal, Brexit will end one way or another. Those who say they cannot trust Corbyn on Brexit, or that Corbyn is really a Brexiter, are falling for media propaganda. There is no way Corbyn, even if he wanted to which I doubt, could go back on his commitment to hold a referendum. The trick is to hold a referendum in such a way that Remain are sure to win, and that means not having No Deal as the other option.

In contrast a minority Conservative government would do everything it can to avoid that outcome, and with Labour Leave MPs they will probably have the votes to do so. In that case Remainers would be relying on the patience of parliament and the EU which will be severely tested over five years. A more probable outcome if Labour do badly is a majority Johnson/Cummings administration. Every LibDem attacking Labour are encouraging this outcome.

This point is important when deciding who to tactically vote for in difficult cases. If the contest is between a Labour Remainer and an independent, where the former can realistically win, then it makes sense to vote Labour because it increases the chances of a Labour government. However if that Labour MPs supports Leave, the decision is reversed, because we need a majority of MPs supporting a referendum whoever is in power. In a contest between a Leave Labour MP and a Conservative Leaver, then it is obviously important to vote for the Labour MP, because they increase the chance of a Labour led government.

Whether enough voters vote tactically in this way will determine the future of Brexit. We have, at last, a sure way of ending this nightmare of the last three years, and I fear if we don’t take it all those campaigns and every march will have been for nothing. I also fear for democracy under this government, which has shut down parliament to stifle accountability and will no doubt do so again. This could be the last chance to end Brexit and save the United Kingdom as we know it. We have to take that chance.

 

Alcune osservazioni sulla tattica elettorale nelle incombenti elezioni generali,

di Simon Wren Lewis [1]

 

La prima e la più evidente è questa. Se dite di non voler lasciare l’Europa, o se comprendete l’incubo che nessun accordo creerebbe, o volete porre termine alla minaccia per la democrazia costituita da questo Governo, dovete avere una tattica elettorale. È vero anche il contrario. Se non avete una tattica elettorale, con le vostre azioni state sostenendo una Brexit senza nessun accordo. Sarete in parte responsabili di una Brexit senza nessun accordo.

Se volete una Brexit che di sicuro escluda un disastro, dovreste riconoscere che l’unico modo per avere un buon accordo è mantenere l’opzione di nessun accordo sul tavolo. Ma al momento è evidente che Johnson non ha alcuna intenzione neppure di cercare di arrivare ad un accordo, giacché sa che l’UE non cederà sul bisogno di evitare un confine gestito severamente in Irlanda. Se Johnson vince le elezioni, si può star certi che ce ne andremo senza alcun accordo.

La tattica elettorale è la seconda scelta. La prima migliore cosa da fare è una alleanza per collaborare tra il Labour ed i Liberaldemocratici/Verdi, proprio come Farage quasi certamente farà con i conservatori. C’è un gran quantità di seggi nei quali il Labour non ha alcuna possibilità di vincere, e parecchi dove i i Liberal democratici non possono vincere. Nell’attuale risultanza media dei sondaggi, il Labour è fermo sul 25% e i Liberaldemocratici sono fermi sotto il 20%. L’idea che durante le elezioni i Liberaldemocratici e il Labour possano scambiarsi di posto è fantasiosa, e all’opposto ci sono buone ragioni per credere che il Labour possa ottenere qualche vantaggio durante la campagna elettorale. Non cooperare non avrebbe senso da parte dei liberaldemocratici, per poi finire con un governo che ci sbatte fuori dall’UE perché la gente ha votato liberaldemocratico in una gran quantità di confronti di misura tra laburisti e conservatori.

Nello stesso modo i vantaggi potenziali nella cooperazione per il Labour sarebbero vasti, come dimostra questo articolo del Financial Times (in connessione nel testo inglese).  Con gli attuali sondaggi il Labour otterrebbe circa 220 seggi e i Tori appena sotto i 350. Se i liberaldemocratici si ritirano dai confronti di misura tra laburisti e conservatori, il Labour può arrivare vicino ai 300 seggi, battendo i conservatori. L’idea che il Labour potrebbe realizzare simili risultati durante la campagna elettorale come fece nel 2017 è quasi certamente infondata. La May gestì una campagna elettorale terribile, Cummings non lo farà. Adopererà tutti i trucchi dei social media che utilizzò per vincere il voto sul referendum sull’UE e altro ancora. Diversamente dal 2017, molti non voteranno Labour a causa del tema dell’antisemitismo. Perché rischiare la certezza dei vantaggi della cooperazione per opzioni più rischiose?

Sfortunatamente non vedo segnali per quel genere di cooperazione. I conservatori possono cooperare con il Partito della Brexit perché esso è sotto il completo controllo di Farage e il Partito Conservatore è adesso sotto il completo controllo di Cummings e Johnson. Sia il Labour che i liberaldemocratici sono più democratici, e la resistenza alla cooperazione resta alta.

In aggiunta il gruppo dirigente liberaldemocratico teme che poiché gli elettori credono nello stereotipo ‘Corbyn uguale al diavolo’, quegli elettori non si sposteranno verso i liberaldemocratici se essi collaboreranno con il Labour. Non è importante che la non-cooperazione significhi che verranno perduti più seggi dai laburisti di quelli guadagnati dai liberaldemocratici, incrementando grandemente le possibilità di vittoria di Johnson: il vantaggio per il partito è più importante che fermare il No Deal. Dunque dobbiamo supporre che la cooperazione tra i liberaldemocratici ed il Labour non avverrà (diversamente, la cooperazione tra liberaldemocratici e i conservatori espulsi sembra accettabile).

Questa è la ragione per la quale gli elettori sono chiamati a dover fare quello che i dirigenti non riusciranno a fare, ovvero ad avere una tattica elettorale. Lo schieramento per il Voto al Popolo ed altri sostenitori del ‘Restare nell’UE’ lo capiscono, e faranno una campagna elettorale e si aiuteranno con la tattica elettorale: votare LibDem dove i LibDem possono realisticamente vincere e votare Labour dove il Labour ha più probabilità di battere i conservatori.

L’argomento centrale che voglio avanzare è che l’obbiettivo deve essere eleggere un Governo Labour, che realisticamente sarà un Governo di minoranza del Labour. Se quella vittoria sarà più che risicata, la Brexit in un modo o nell’altro finirà. Coloro che dicono di non poter credere a Corbyn sulla Brexit, o che Corbyn sia in realtà un sostenitore della Brexit, si fanno ingannare dalla propaganda dei media. Non c’è nessun modo per Corbyn, persino se lo volesse, cosa della quale dubito, per tornare indietro sul suo impegno di tenere un referendum. Il punto è tenere un referendum in un modo nel quale i sostenitori del non abbandono dell’Europa siano sicuri di vincere, e questo significa non avere il No Deal come l’altra opzione.

Al contrario, un Governo conservatore di minoranza farebbe tutto quello che è possibile per evitare quel risultato, e con i parlamentari del Labour favorevoli all’uscita dall’UE, probabilmente avrebbero i voti per farlo. In quel caso i sostenitori del restare nell’UE si baserebbero sulla pazienza del Parlamento e dell’UE, che saranno seriamente messe alla prova per cinque anni. Un più probabile risultato, se il Labour avrà un risultato negativo, è una amministrazione di maggioranza di Johnson/Cummings. Tutti i LibDem che attaccano il Labour stanno incoraggiando un esito del genere.

Questa punto è importante al momento in cui si decide chi votare secondo una tattica nei casi difficili. Se la competizione è tra un laburista favorevole a restare nell’UE e un indipendente, laddove Il primo possa realisticamente vincere, allora ha un senso votare Labour perché accresce le possibilità di un Governo Labour. Tuttavia se quel parlamentare del Labour sostiene l’uscita dall’UE, la decisione ha un effetto inverso, perché abbiamo bisogno di una maggioranza di parlamentari che sostengano un referendum, chiunque sia al potere. In una competizione tra un parlamentare laburista favorevole all’uscita dall’UE e un conservatore favorevole all’uscita, poi è evidentemente importante votare il parlamentare laburista, perché accresce le possibilità di un Governo guidato dal Labour.

Se un numero sufficiente di elettori useranno in tal modo la tattica elettorale, questo determinerà il futuro della Brexit. Avremo, finalmente, un modo sicuro di porre fine a questo incubo degli ultimi tre anni, e temo che se non lo faremo tutte quelle campagne e tutte le manifestazioni non saranno servite a niente. Temo anche per la democrazia sotto questo Governo, che ha chiuso il Parlamento per soffocare l’obbligo della responsabilità e senza dubbio lo farà ancora. Potrebbe essere l’ultima occasione per porre fine alla Brexit e per salvare il Regno Unito che conosciamo. Dobbiamo approfittare di questa occasione.

 

 

 

 

 

 

 

[1] Avevo atteso di trovare un post di Wren Lewis sulla situazione politica inglese, qualcosa che fornisse una spiegazione ‘piana’ di quella situazione, pur evidentemente complicata. Ma non immaginavo di imbattermi in un testo così criptico. Il che, a prescindere da difficoltà nella traduzione, è comunque assolutamente significativo del rompicapo politico e istituzionale nel quale si trova il Regno Unito. È quello che in lingua inglese si definisce “conundrum”, quando una scelta epocale rimescola completamente i ruoli tradizionali dei partiti e in ultima istanza il loro stesso rapporto con il potere democratico degli elettori.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"