Altri Economisti » Selezione della Settimana

La narrazione di Trump e la prossima recessione, di Robert J. Shiller (da Project Syndicate, 30 agosto 2019)

 

Aug 30, 2019

The Trump Narrative and the Next Recession

ROBERT J. SHILLER

zz 425

NEW HAVEN – US President Donald Trump concluded his remarks at the recent G7 summit by inviting the assembled leaders to hold next year’s meeting at his Doral country club near Miami, describing a fantasy-like world of “magnificent buildings” whose “ballrooms are among the biggest in Florida and the best.” It was yet another instance of Trump’s public narrative, which has been on a rising growth path for nearly a half-century.

One can observe this by searching Trump’s name in digital news sources, like Google Ngrams. His narrative has been slow to grow by contagion, but it has been growing for a long time, such that his domination of public discourse in the United States almost seems implausible.

Part of Trump’s genius has been to pursue for a lifetime the features that have sustained narrative contagion: showcasing glamor, surrounding himself with apparently adoring beautiful women, and maintaining the appearance of vast influence.

Trump had firmly embraced this career strategy by 1983, when an article in the New York Times entitled “The Empire and Ego of Donald Trump” reported that he was already, in that year, “an internationally recognized symbol of New York City as mecca for the world’s super rich.”

Consider his interest in professional wrestling – a form of entertainment that attracts crowds who by some strange human quirk seem to want to believe in the authenticity of what is obviously staged. He has mastered the industry’s kayfabe style and uses it effectively everywhere to increase his contagion, even going so far as to participate in a fake brawl in 2007.

Trump had the good luck to be invited to host a new reality television show in 2004 called The Apprentice, which featured real-life business competition. He immediately saw the opportunity of a lifetime to advance his public persona, becoming famous for a tough-love narrative. “You’re fired!” he would bark at losers on his show, while also showing some warmth to winners and losers alike.

Now that Trump has established a contagious narrative, he continues to live out his TV show persona. At the Republican Party’s 2016 convention, after portraying the US as a declining power, he declared, “I alone can fix it.” Accordingly, he has fired his top officials at an unprecedented rate, ensuring that no one of independent stature remains part of his administration. This has established a new form of arbitrariness in the US government, the Trump whim, which, given the linkages of the US and global economies, can affect the entire world.

None of this is original. Trump has been pursuing a variation on a recurrent narrative that dates back thousands of years. The ancient cynic Lucian of Samosata, in a second-century essay on oratory, “A Professor of Public Speaking,” describes to would-be leaders how one can exploit a power narrative by acting it out in one’s own life:

“ … In your private life, be resolved to do anything and everything, to dice, to drink deep, to live high and keep mistresses, or at all events to boast of it even if you do not do it, telling everyone about it and showing notes that purport to be written by women. You must aim to be elegant, you know, and take pains to create the impression that women are devoted to you. This also will be set down to the credit of your rhetoric by the public, who will infer from it that your fame extends even to the women’s quarters.”

For Lucian, this narrative does not describe reality, but creates it. What matters is not substance, but consistency:

“Bring with you, then, as the principal thing, ignorance; secondly recklessness, and thereto effrontery and shamelessness. Modesty, respectability, self-restraint, and blushes may be left at home, for they are useless and somewhat of a hindrance to the matter in hand … If you commit a solecism or a barbarism, let shamelessness be your only remedy.”

Of course, in an era when people usually did not live as long as they do today, Lucian could not have imagined that one could plan to maintain narrative consistency for 50 years. But nor can such a narrative be sustained forever. And the end of confidence in Trump’s narrative is likely to be associated with a recession.

During a recession, people pull back and reassess their views. Consumers spend less, avoiding purchases that can be postponed: a new car, home renovations, and expensive vacations. Businesses spend less on new factories and equipment, and put off hiring. They don’t have to explain their ultimate reasons for doing this. Their gut feelings and emotions can be enough.

So far, with his flashy lifestyle, Trump has been a resounding inspiration to many consumers and investors. The US economy has been exceptionally “strong,” extending the recovery from the Great Recession that bottomed out just as Barack Obama took over the US presidency in 2009. The subsequent US expansion is the longest on record, going back to the 1850s. Ultimately, a strong narrative is the reason for the US economy’s strength.

But motivational speakers often end up repelling the very people they once inspired. Witness the reactions of students at Trump University, the fraud-based school its namesake founded in 2005, which shut down by multiple lawsuits a half-decade later. Or consider the sudden political demise of US Senator Joe McCarthy in 1954, after he carried his anti-communist rhetoric too far.

There is too much randomness in Trump’s management of the presidency to make persuasive predictions. He will surely try to stick to his public narrative, which has worked so well for so long. But a severe recession may be his undoing. And even before economic catastrophe strikes, the public may begin paying more attention to his aberrations – and to contagious new counternarratives that crowd out his own.

 

La narrazione di Trump e la prossima recessione,

di Robert J. Shiller

 

NEW HAVEN – Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha concluso le sue osservazioni al recente summit del G7 invitando i leaders riuniti a tenere l’incontro deel prossimo anno presso il suo country club di Doral, vicino a Miami, descrivendolo come un mondo fantastico di “magnifici palazzi” le cui “sale da ballo sono le più grandi e le migliori della Florida”. Si è trattato di un ennesimo esempio della narrazione pubblica di Trump, che da quasi mezzo secolo si caratterizza per un sentiero di crescita in sviluppo.

Lo si può osservare con una ricerca del nome di Trump sulle fonti dei notiziari digitali, come Google Ngrams. La sua narrazione è stata lenta ad imporsi, ma è in crescita da lungo tempo, cosicché il suo dominio del dibattito pubblico negli Stati Uniti appare quasi inverosimile.

In parte la genialità di Trump è consistita nel perseguire per una vita gli aspetti caratteristici che hanno sorretto il contagio narrativo: un fascino da esibizione, di chi si circonda di belle donne in apparente adorazione, e mantiene l’apparenza di una ampia influenza.

Trump ha abbracciato con determinazione questa strategia carrierista dal 1983, quando un articolo nel New York Times dal titolo “L’Impero e l’Ego di Donald Trump” raccontava come egli fosse già, in quell’anno, “un internazionalmente riconosciuto simbolo di New York City come la mecca del mondo degli ultraricchi”.

Si consideri il suo interesse verso il wrestling professionale – una forma di intrattenimento che attrae folle che per qualche strano vezzo umano sembrano voler credere nella autenticità di qualcosa che è evidentemente finto. Egli è diventato specialista dello stile kayfabe [1] di quella disciplina e lo usa efficacemente in ogni occasione per incrementare la sua forza di contagio, persino arrivando al punto di partecipare, nel 2007, ad una falsa scazzottata.

Nel 2004 ebbe la buona sorte di essere invitato a condurre uno spettacolo televisivo del genere della “nuova realtà” chiamato “L’Apprendista”, che mandava in scena la competizione delle imprese nella vita reale. Egli vide immediatamente l’occasione di una vita per promuovere il suo personaggio pubblico, diventando famoso per un suo linguaggio duro a fin di bene. “Tu sei licenziato!” abbaiava ai perdenti del suo spettacolo, al tempo stesso mostrando un qualche calore umano sia verso i vincitori che verso i perdenti.

Ora che Trump ha creato una narrazione contagiosa, egli continua a rappresentare il suo personaggio dello spettacolo televisivo. Alla convenzione del 2016 del Partito Repubblicano, dopo aver descritto gli Stati Uniti come una potenza in declino, dichiarò: “Solo io posso porci riparo!” Di conseguenza, ha licenziato i suoi massimi dirigenti in una percentuale senza precedenti, assicurandosi che nessuno dotato di una statura indipendente restasse a far parte della sua Amministrazione. Questo ha creato una nuova forma di arbitrarietà nel Governo statunitense, che, date le connessioni degli Stati Uniti con le economie globali, può influenzare il mondo intero.

Niente di questo è originale. Trump sta perseguendo una variante su una narrazione frequente che è vecchia di centinaia di anni. L’antico filosofo cinico Luciano di Samosata [2], in un saggio del secondo secolo sull’oratoria, “Un docente di linguaggio pubblico”, spiega agli aspiranti dirigenti come sfruttare il potere narrarivo mettendolo in atto nella loro stessa vita:

“… nella vostra vita privata, siate risoluti a fare di tutto, giocare con carte truccate, bere fortemente, fare la bella vita e avere amanti, o in tutti i casi vantarsene anche senza farlo, parlando di ciò con tutti e mostrando appunti che si finga siano stati scritti da donne. Dovete avere l’obbiettivo di essere raffinati, sapete, e sforzarvi di creare l’impressione che le donne vi siano affezionate. Questo dipenderà anche dalla vostra retorica presso il pubblico, che da ciò dedurrà che la vostra fama si estende persino agli ambienti femminili”.

Per Luciano, questi racconti non decrivono la realtà, piuttosto la creano. Quello che conta non è la sostanza, ma la costanza:

“Come cosa principale, dunque, dotatevi di inconsapevolezza; come seconda di avventatezza, e poi di sfrontatezza e di spudoratezza. La modestia, la rispettabilità, l’autocontrollo e il rossore potete lasciarli a casa, perché sono inutili e sono in qualche modo un ostacolo al vostro obbiettivo … Se commettete una infrazione o qualcosa di incivile, fate in modo che la sfrontatezza sia il vostro unico rimedio”.

Naturalmente, in un’epoca nella quale le persone di solito non vivevano tanto a lungo come oggi, Luciano non poteva immaginare che qualcuno potesse pianificare di mantenere quella narrazione costantemente per 50 anni. Ma una narrazione del genere non può neppure essere sostenuta all’infinito. E la fine della fiducia nei racconti di Trump è probabile sarà associata ad una recessione.

Durante una recessione le persone si ritraggono e riformulano i loro punti di vista. I consumatori spendono meno, evitando gli acquisti che possono rinviare; una nuova automobile, il rinnovamento delle abitazioni e vacanze dispendiose. Le imprese spendono meno in nuovi stabilimenti e in attrezzature, e rimandano le assunzioni. Per far questo non hanno bisogno di spiegare le loro ragioni più recenti. Le loro sensazioni ed emozioni viscerali possono bastare.

Sino ad ora, con il suo stile di vita appariscente, Trump è stato una ispirazione strepitosa per molti consumatori e investitori. L’economia è stata eccezionalmente “forte”, prolungando la ripresa dalla Grande Recessione che aveva toccato il fondo proprio nel momento in cui Barack Obama era entrato in carica come Presidente degli Stati Uniti nel 2009. La successiva espansione statunitense è stata la più lunga, occorre tornare agli anni ’50 dell’Ottocento. In ultima analisi, una narrazione persuasiva è la ragione della forza dell’economia statunitense.

Ma gli oratori motivanti spesso finiscono per disgustare proprio coloro che un tempo ispiravano. Ne sono testimoni gli studenti della Trump University, la scuola basata sull’inganno sua omonima fondata nel 2005, che chiuse i battenti a seguito di varie cause cinque anni dopo. Oppure si consideri l’improvvisa caduta politica del Senatore statunitense Joe McCarthy nel 1954, dopo che aveva spinto la sua retorica anticomunista troppo oltre.

C’è molta casualità nella gestione della Presidenza da parte di Trump, per rendere persuasive le sue previsioni. Certamente egli cercherà di restare fedele alla sua narrazione pubblica, che ha funzionato così bene per tanto tempo. Ma una grave recessione potrebbe essere la sua rovina. E anche prima che colpisca una catastrofe economica, l’opinione pubblica può cominciare a prestare maggiore attenzione alle sue aberrazioni – ed essere contagiata da narrazioni alternative che escano dal suo seno.

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Lo stile Kayfabe – il termine ha origine da “fake” (falso) – non è un’altra cosa dal wrestling, ma mette l’accento proprio su tutti gli accorgimenti attraverso i quali opera la logica della falsificazione; ad esempio le interviste con i duellanti che precedono gli incontri e che hanno lo scopo di enfatizzare e di rendere verosimili gli aspetti competitivi.

[2] Luciano di Samosata (in greco antico: Λουκιανός ὁ Σαμοσατεύς, Lūkianós ho-Samosatéus; in latino Lucianus SamosatensisSamosata120 circa – Atene, tra il 180 e il 192) è stato uno scrittore e retore greco antico di origine siriana, celebre per la natura arguta e irriverente dei suoi scritti satirici. Fu esponente della seconda sofistica, e simpatizzante dell’epicureismo; nacque sotto l’imperatore Adriano e fu ideologicamente vicino alla famiglia imperiale degli Antonini durante i principati di Antonino Pio e Marco Aurelio. (Wikipedia)

zz 737

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"