Altri Economisti » Selezione della Settimana

È credibile il piano economico del Labour? di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Macro, 23 novembre 2019)

 

Saturday, 23 November 2019

Is Labour’s economic plan credible?

Simon Wren-Lewis

zz-228

Labour have a huge set of spending proposals, many of which are unequivocally good like extra spending on the NHS, some are open to debate like abolishing student loans, and only one that I think is foolish (keeping the state pension age at 66). It would be good if all the debate was about these spending pledges. However the standard excuse for why you cannot have these things has always been about paying for them.

There are actually two issues here. The first concerns current spending, around £80 billion each year or about 4% of GDP, and public investment, expected to rise by about £50 billion a year or over 2% of GDP. Labour’s current spending increase is financed £ for £ mainly by higher taxes on corporations, capital gains and high earners, while the investment is financed through borrowing. Let me take each in order.

The figure for the increase in current spending and taxes is large. I personally would not call it colossal but it is large. I would argue that reflects the extent of the squeeze we have seen on the public sector since 2010. But what about the argument that it makes the share of government current spending in GDP the highest since the 1970s? A much better comparison is to look at other countries, as the Resolution Foundation has done here.

zz 753

 

 

 

 

 

 

 

 

What Labour’s plans do is to move the UK from the bottom of the league table in terms of the size of the state to somewhere around the middle.

I think this is a key part of the Corbyn project. Under Thatcher, but particularly since Cameron and Osborne, the UK has pretended it can have a state only a bit bigger than the US. But of course the US does not have a universal health service free at the point of delivery. So a key goal of this manifesto is to move us from the bottom to the average in terms of size of states. Another way of putting it is that the UK will become closer to the European average, and further away from the US/Canada level.

The reason why comparisons with the UK’s past are misleading can be summed up with three letters: the NHS. For reasons I have talked about in the past, spending on health has been increasing as a share of GDP since WWII. Every time the Conservatives try to halt this we get growing waiting times. That means that the share of the state in GDP is bound to rise over time, unless there is some offsetting component of public spending. In the 90s there was – lower military spending following the end of the Cold War – but now there is nothing. So the size of the state is bound to rise over time.

Who is going to pay for getting us to the average of European countries. Under Labour’s plans it is the rich and corporations. I think Paul Johnson in his initial TV comments on the manifesto confused two things, and as a result said some things which were very open to misinterpretation. (Initial reactions to complex documents are often hard to get right,) There is no ‘black hole’ in Labour’s costings. The IFS say the corporation tax numbers are realistic, and I know Labour have tried hard to make them so. Johnson’s point is that companies are not people, and some people will pay this tax. The question is who.

On this issue it has to be said that there is no settled view from the empirical evidence. At one end you have the studies presented in a recent IPPR report (p11). This suggests that most of corporation tax changes fall on shareholders. Now some of those shareholders will indeed be pension funds, but that might influence those who hold those funds rather than those who hold none. Other evidence suggests a 50/50 split between shareholders and workers, and some suggest workers end up paying an even greater share. The honest answer is we do not know what the incidence will be.

There also seems to be a legitimate difference of opinion over the longer term impact of higher corporation tax. The IFS say it will reduce investment and therefore profits. My own view is that corporation tax plays a pretty small roll in investment decisions. The most important factor for investment in non-traded goods is the future level of demand, and here Labour’s strategy is very positive. For exporting firms that are more mobile, factors like the skill base, ease of exporting and political stability play a big role, which is why leaving the EU is so costly.

I have no doubt that a few of the tax increases proposed by Labour will not yield as much as they hope. But most analysis misses the elephant in the room, and that is Brexit. I think it is highly likely Brexit will not happen under Labour, and even if it did it would be far less costly than either the Tories plans, or the effects embodied in the OBR base numbers that many people use. For this reason the LibDems have talked about a ‘Remain bonus’ (in the incredible event they could form a majority government). Labour will also get this bonus.

As to the investment part of the programme, the key issue is once again whether the investment is needed and well spent. We should not be talking about whether it is safe to borrow it. There is virtually no chance that this money will not be available at low long term real interest rates. No one should be scared of investing in the future of our economy and the planet, whether its by adding 2% or more to the deficit.

Much more interesting than the ‘do the numbers add up’ question is thinking about the macroeconomic impact of Labour’s plans. If you read some people there will be an immediate run on sterling as capital takes its money out of the UK. Of course if enough people believe this nonsense it might happen, for a day or two. But the one area where Labour are not radical is macroeconomic policy design. We will have Bank of England independence and a solid state of the art fiscal rule. As soon as that becomes clear any depreciation will be more than reversed, and I suspect there will be an appreciation from day 1. Sterling will appreciate on the expectations of an end to a hard Brexit and rising interest rates.

Why will interest rates rise? The large increase in public investment alone represents a large fiscal expansion. So does the increase in current spending, because a lot of the tax increases will come out of personal or corporate savings. A big injection of demand in the economy will require an increase in interest rates to prevent inflation rising, although the appreciation in sterling will provide some temporary cushioning.

An appreciation in sterling is likely to raise the real wage of every worker in this country. Is an increase in interest rates a problem? For some it may be, but of course for every borrower there is also a saver. From a macroeconomic point of view an increase in interest rates is long overdue. It is a sign that that after a wasted decade we are finally getting the economy moving. You thought the economy was already strong? Just more Conservatives lies. 2010 to 2018 has been the weakest period in terms of growth in GDP per head since the 1950s.

In the unlikely event of a majority Labour government a stimulus of this scale might lead to shortages of skilled labour that would mean some plans may be delayed. More realistically that problem would be less severe in a minority government where some of the manifesto might be blocked by coalition partners. But either way, a Labour government implementing all or the major part of this manifesto will mean the economy as a whole will end a decade of low output and wage growth that has stifled UK innovation and productivity growth.

We should ignore the tired old discourse about whether we can pay for it, and focus on the benefits each individual spending increase or investment project might bring, and on the revitalisation of the economy that this manifesto will generate.

 

 

É credibile il piano economico del Labour?

di Simon Wren-Lewis

 

Il Labour ha un vasto complesso di proposte di spesa, molte delle quali sono inequivocabilmente buone come la spesa aggiuntiva sul sistema sanitario nazionale (NHS), mentre alcune sono aperte al dibattito come l’abolizione dei mutui per gli studenti, e una soltanto io penso sia sciocca (portare l’età della pensione a 66 anni). Sarebbe positivo se tutta la discussione vertesse su queste promesse di spesa. Tuttavia la scusa consueta per la quale non si possono avere queste cose è sempre stata relativa a come finanziarle.

In questo caso ci sono effettivamente due questioni. La prima riguarda la spesa corrente, circa 80 miliardi di sterline ogni anno, ovvero circa il 4% del PIL, e l’investimento pubblico, che è previsto cresca di circa 50 miliardi all’anno, ovvero più del 2% del PIL. L’aumento della spesa corrente del Labour è finanziato sino all’ultima sterlina da tasse più alte sulle società, sui profitti da capitale e sui redditi alti, mentre l’ìnvestimento è finanziato con il ricorso al debito. Consentitemi di esaminarli in quell’ordine.

Il dato sull’incremento della spesa corrente e delle tasse è cospicuo. Personalmente non lo definirei colossale, ma è ampio. Direi che riflette la misura della stretta che abbiamo visto nel settore pubblico a partire dal 2010. Ma che dire della tesi per la quale esso renderebbe la quota della spesa corrente rispetto al PIL la più elevata dagli anni ’70? Un confronto molto migliore è osservarlo in rapporto ad altri paesi, come la Fondazione Resolution ha fatto:

zz 753

 

 

 

 

 

 

 

 

Quello che i progetti del Labour farebbero è spostare il Regno Unito, in termini di dimensioni dello Stato, dal fondo della classifica a circa la metà.

Penso che sia una parte fondamentale del progetto di Corbyn. Sotto la Thatcher, ma particolarmente a partire da Cameron ed Osborne, il Regno Unito ha finto di poter avere uno Stato un po’ più piccolo degli Stati Uniti. Ma naturalmente gli Stati Uniti non hanno un servizio sanitario universale gratuito al punto della erogazione. Dunque, un aspetto fondamentale di questo manifesto è spostarci, in termini di dimensioni degli Stati, dalle posizioni più basse ad una posizione intermedia. Un altro modo di dirlo è che il Regno Unito si avvicinerà alla media europea, e si allontanerà ulteriormente dal livello degli Stati Uniti e del Canada.

La ragione per la quale i confronti con il passato del Regno Unito sono fuorvianti può essere sintetizzato in tre lettere: NHS. Per ragioni che ho discusso in passato, la spesa sulla sanità è venuta crescendo come quota del PIL a partire dalla Seconda Guerra Mondiale. Ogni volta che i conservatori cercano di fermarla abbiamo come risultato la crescita dei tempi di attesa. Questo significa che la quota dello Stato sul PIL è destinata a crescere con il tempo, senza che ci sia qualche componente della spesa pubblica che possa bilanciarla. C’era negli anni ’90 – una minore spesa militare a seguito della fine della Guerra Fredda – ma adesso non c’è niente. Dunque la dimensione dello Stato è destinata a crescere col tempo.

A proposito di chi è destinato a pagare per farci arrivare alla media dei paesi europei. Secondo i piani del Labour sono i ricchi e le società. Penso che Paul Johnson, nei suoi primi commenti televisivi sul manifesto, abbia confuso due cose, e di conseguenza ha detto alcune cose che erano molto aperte e fraintendimenti (le prime reazioni a documenti complessi è spesso difficile siano giuste). Non c’è alcun “buco nero” nella stima dei costi del Labour. L’Istituto di Studi di Finanza Pubblica (IFS) dice che i dati sulle tasse delle società sono realistici, ed io so che il Labour ha cercato in tutti i modi di farli essere tali. L’argomento di Johnson è che le società non sono persone, e qualche persona pagherà questa tassa. La questione è chi.

Su questo tema, va detto che non è stato stabilito alcun punto di vista basato su prove empiriche. Da una parte ci sono gli studi presentati a pagina 11 di un recente rapporto dell’IPPR (Istituto di Ricerca per la Politica Pubblica). Questo indica che la maggioranza dei cambiamenti fiscali sulle società ricade sugli azionisti. Ora, alcuni di questi azionisti sono in effetti i fondi pensionistici, ma ciò potrebbe influire su coloro che possiedono tali fondi anziché su coloro che non possiedono niente. Altre prove indicano una suddivisione 50 a 50 tra azionisti e lavoratori, e qualcuno indica che i lavoratori finiscano col pagare una quota anche più grande. Una risposta onesta è che noi non sappiamo quale sarà l’incidenza.

Sembra anche esserci una fondata diversità di opinioni sull’impatto e più lungo termine di tasse più elevate per le società. Lo IFS dice che esse ridurranno gli investimenti e dunque i profitti. Il mio punto di vista è che le tasse sulle società giocano un ruolo abbastanza modesto sulle decisioni di investimento. Il fattore più importante sugli investimenti dei beni non commerciabili (a livello internazionale) è il futuro livello della domanda, e in questo caso la strategia del Labour è molto positiva. Per le imprese che esportano che sono più mobili, fattori come la base delle competenze, la facilità dell’esportare e la stabilità politica giocano un grande ruolo, che è la ragione per la quale lasciare l’Unione Europea è così costoso.

Non ho dubbi che un po’ di aumenti di tasse proposti dal Labour non produrranno tante entrate come essi sperano. Ma a gran parte dell’analisi sfugge l’elefante nella stanza, che è la Brexit. Io penso che sia altamente probabile che con il Labour non ci sarà la Brexit, e persino se ci fosse essa sarebbe molto meno costosa sia dei piani dei conservatori che degli effetti contenuti nei dati di base dell’Ufficio per la Responsabilità Finanziaria (OBR) che molte persone usano. Per questa ragione i liberaldemocratici hanno parlato di un “bonus Remain” (nell’incredibile evenienza che possano formare una maggioranza di governo). Anche il Labour otterrebbe questo bonus.

Per la parte del programma relativa agli investimenti, ancora una volta la questione fondamentale è se gli investimenti sono necessari e ben spesi. Non dovremmo parlare del tema se sia sicuro indebitarsi. Non c’è sostanzialmente alcuna possibilità che questo denaro non sia disponibile a bassi tassi di interesse reali a lungo termine. Nessuno dovrebbe essere terrorizzato dall’investire nel futuro della nostra economia e del pianeta, se esso consiste in una aggiunta del 2% o più al deficit.

Molto più interessante della domanda se “i numeri aumentano” è ragionare sull’impatto macroeconomico dei progetti del Labour. A leggere qualcuno ci sarà un immediato assalto alla sterlina nel momento in cui il capitale porterà le sue rusorse fuori dal Regno Unito. Naturalmente, se un numero sufficiente di persone credono in questa sciocchezza essa potrebbe accadere, per un giorno o due. Ma l’unica area dove il Labour non è radicale è il progetto di politica macroeconomica. Avremo l’indipendenza della Banca di Inghilterra e una solida regola di finanza pubblica all’avanguardia. Ogni deprezzamento, appena diventasse chiaro, sarebbe più che rovesciato, ed io sospetto che ci sarebbe un apprezzamento a partire del primo giorno. La sterlina si apprezzerà sull’aspettativa della fine di una Brexit dura e di crescenti tassi di interesse.

Perché i tassi di interesse cresceranno? Solo l’ampio aumento dell’investimento pubblico rappresenta una vasta espansione della finanza pubblica. Altrettanto accadrà per l’aumento della spesa corrente, perché una gran parte degli aumenti fiscali verranno dai risparmi personali o delle società. Una grande iniezione di domanda nell’economia richiederà un aumento nei tassi di interesse per prevenire una crescita dell’inflazione, sebbene l’apprezzamento della sterlina fornirebbe una qualche temporanea attenuazione.

Un apprezzamento della sterlina è probabile accresca il salario reale di ogni lavoratore in questo paese. Una crescita nei tassi di interesse sarebbe un problema? Forse per qualcuno, ma naturalmente chiunque si indebita è anche un risparmiatore. Da un punto di vista macroeconomico un aumento dei tassi di interesse è da tempo necessario. Sarebbe un segno che dopo un decennio sprecato stiamo finalmente rimettendo in movimento l’economia. Pensavate forse che l’economia fosse già forte? Sono solo bugie dei più conservatori. Il periodo dal 2010 al 2018 è stato il più debole in termini di crescita procapite del PIL dagli anni ’50.

Nell’improbabile caso di un Governo di maggioranza del Labour, uno stimolo di queste dimensioni potrebbe portare ad una scarsità di forza lavoro competente che comporterebbe che qualche progetto potrebbe essere rinviato. Più realisticamente, quel problema sarebbe meno grave in un Governo di minoranza nel quale una parte del manifesto potrebbe essere bloccata dai partner della coalizione. Ma in entrambi i casi, un Governo del Labour che metta in atto interamente o la maggior parte di questo manifesto significherà che l’economia nel suo complesso porrà termine ad un decennio di bassa produzione e di bassa crescita dei salari che ha soffocato l’innovazione e la crescita della produttività nel Regno Unito.

Dovremmo ignorare il vecchio discorso sul fatto che si possa permettercelo, e concentrarci sui vantaggi che ogni aumento della spesa individuale o dei progetti di investimento potrebbero comportare, e sulla rivitalizzazione dell’economia che questo manifesto produrrà.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"