Blog di Krugman » Selezione della Settimana

É importante chi scelgono i democratici? Di Paul Krugman (dal blog di Krugman, 31 gennaio 2020)

 

Jan 31, 2020

Does It Matter Who the Democrats Choose?

By Paul Krugman

zz 516

At this point, the Democratic presidential nomination is very much up in the air. Not only is it unclear who will be the nominee; it’s unclear whether the nominee will be a centrist like Joe Biden or Amy Klobuchar, or a representative of the party’s left like Bernie Sanders or Elizabeth Warren. Whoever wins, there will be much wailing and gnashing of teeth from the other side.

So I’d like to offer an opinion that will probably anger everyone: In terms of actual policy, it probably doesn’t matter much who the Democrats nominate — as long as he or she wins, and Democrats take the Senate too.

If you’re a centrist worried about the gigantic spending increases Sanders has proposed, calm down, because they won’t happen. If you’re a progressive worried that Biden might govern like a Republican, you should also calm down, because he wouldn’t.

In practice, any Democrat would probably preside over a significant increase in taxes on the wealthy and a significant but not huge expansion of the social safety net. Given a Democratic victory, a much-enhanced version of Obamacare would almost certainly be enacted; Medicare for All, not so much. Given a Democratic victory, Social Security and Medicare would be protected and expanded; Paul Ryan-type cuts wouldn’t be on the table.

Why do I say this? Consider first the lessons from three years of Donald Trump.

In 2016 Trump ran as a different kind of Republican, promising that unlike other candidates, he wouldn’t cut slash social programs and cut taxes on the rich. But it was all a lie. Aside from his trade war, Trump’s economic policies have been straight right-wing orthodoxy: huge tax cuts for corporations and the wealthy, attempts to take health care away from tens of millions of Americans. And lately he has been talking about possible cuts to Social Security and Medicare.

The point is that even though Trump commands humiliating personal subservience from his party, he hasn’t caused any significant shift in its policy priorities.

Now, the Democratic Party is very different from the G.O.P. — it’s a loose coalition of interest groups, not a monolithic entity answering to a handful of billionaires allied with white nationalists. But this if anything makes it even harder for a Democratic president to lead his or her party very far from its political center of gravity, which is currently one of moderate progressivism.

It’s still far from clear who will come out on top in the primary, but it’s enough to think about what would happen if either of the two current front-runners, Bernie Sanders or Joe Biden, were to become president — and also have strong enough coattails to produce a Democratic Senate, because otherwise nothing will happen.

Sanders has a hugely ambitious agenda; Medicare for All is just part of it. Paying for that agenda would be difficult — no, Modern Monetary Theory wouldn’t actually do away with the fiscal constraint. So turning Sanders’s vision into reality would require large tax increases, not just on the wealthy, but on the middle class; without those tax increases it would be highly inflationary.

But not to worry: it won’t happen. Even if he made it to the White House, Sanders would have to deal with a Congress (and a public) considerably less radical than he is, and would be obliged to settle for a more modest progressive agenda.

It’s true that Sanders enthusiasts believe that they can rally a hidden majority of Americans around an aggressively populist agenda, and in so doing also push Congress into going along. But we had a test in the midterm elections: Progressives ran a number of candidates in Trump districts, and if even one of them had won they would have claimed vindication for their faith in transformative populism. But none did; the sweeping Democratic victory came entirely from moderates running conventional campaigns.

The usual take on this progressive setback is that it raises questions about Sanders’s electability. But it also has a very different implication: Moderates worried about a radical presidency should cool it. A President Sanders wouldn’t be especially radical in practice.

What about Joe Biden? The Sanders campaign has claimed that Biden endorsed Paul Ryan’s plans for sharp cuts in Social Security and Medicare; that claim is false. What is true is that in the past Biden has often been a Very Serious Person going along with the Beltway consensus that we need “adjustments” — a euphemism for at least modest cuts — in Social Security. (Actually, if you go back a ways, Sanders turns out to have said similar things.)

But the Democratic Party as a whole has moved left on these issues, and Biden has moved with it. Even if he has a lingering desire to strike a Grand Bargain with Republicans — which I doubt — he would face such a huge intraparty backlash that he would be forced to back off.

So in terms of policy, here’s what I think would happen if Sanders wins: we’ll get a significant but not gigantic expansion of the social safety net, paid for by significant new taxes on the rich.

On the other hand, if Biden wins, we’ll get a significant but not gigantic expansion of the social safety net, paid for by significant new taxes on the rich.

One implication, if I’m right, is that electability should play a very important role in your current preferences. It matters hugely whether a Democrat wins, it matters much less which Democrat wins.

But my main point is that Democrats should unify, enthusiastically, behind whoever gets the nomination. Any moderate tempted to become a Never Bernie type should realize that even if you find Sanders too radical, his actual policies would be far more tempered. Any Sanders enthusiast tempted to become a Bernie or Bust type should realize that these days even centrist Dems are pretty progressive, and that there’s a huge gap between them and Trump’s GOP.

Oh, and all the Democrats believe in democracy and rule of law, which is kind of important these days.

 

É importante chi scelgono i democratici?

Di Paul Krugman

 

A questo punto, ha un gran successo la scelta del candidato presidenziale dei democratici. Non solo non è chiaro chi sarà nominato; non è chiaro se ad essere scelto sarà un centrista come Joe Biden o Amy Klobuchar, o un rappresentante della sinistra del partito come Bernie Sanders o Elizabeth Warren. Chiunque vinca, ci saranno molti pianti disperati e digrignare dei denti [1] dalla parte avversa.

Dunque, sono tentato di offrire la mia opinione che probabilmente farà arrabbiare tutti: in termini di effettiva politica, probabilmente non è importante chi viene nominato dai democratici – che sia uomo o donna e nell’ipotesi che i democratici si aggiudichino anche il Senato.

Se siete un centrista preoccupato dei giganteschi aumenti della spesa proposti da Sanders, state pur calmi perché non accadrà. Se siete progressisti preoccupati che Biden possa governare come un repubblicano, anche voi dovreste star calmi, perché non lo farà.

In pratica, ogni democratico probabilmente sarebbe in carica come Presidente nel contesto di un significativo aumento delle tasse sui ricchi e di un significativo ma non enorme ampliamento delle reti della sicurezza sociale. Nel caso di una vittoria democratica, una versione assai potenziata della riforma sanitaria di Obama verrà quasi certamente deliberata; lo stesso non si può dire per Medicare-per-tutti. Nel caso di una vittoria dei democratici, la Previdenza Sociale e Medicare verranno protetti ed ampliati; un individuo come Paul Ryan non sarebbe al tavolo.

Perché lo dico? Si considerino anzitutto le lezioni dei tre anni di Donald Trump.

Nel 2016 Trump correva come un repubblicano di tipo diverso, promettendo che diversamente da altri candidati, egli non avrebbe tagliato e sfregiato i programmi sociali e non avrebbe tagliato le tasse sui ricchi. Ma era una bugia totale. A parte la sua guerra commerciale, le politiche economiche di Trump hanno rappresentato la convenzionale ortodossia della destra: ampi tagli fiscali per le società e i ricchi, tentativi di togliere l’assistenza sanitaria a decine di milioni di americani. E di recente sta parlando di possibili tagli alla Previdenza Sociale e a Medicare.

Il punto è che nonostante che Trump imponga un umiliante ossequio alla sua persona da parte del suo partito, egli non ha provocato uno spostamento significativo nelle sue priorità politiche.

Ora, il Partito Democratico è molto diverso da quello repubblicano – è una vaga coalizione di gruppi di interesse, non una entità monolitica che risponde ad una manciata di miliardari alleati dei nazionalisti bianchi. Ma questo semmai rende anche più arduo per un Presidente democratico, uomo o donna che sia, guidare il suo partito molto lontano dal suo centro di gravità politico, che attualmente è un progressismo moderato.

È ancora tutt’altro che chiaro chi finirà in testa nelle primarie, ma è sufficiente ragionare su cosa accadrà se uno dei due attuali favoriti, Bernie Sanders o Joe Biden, dovesse diventare Presidente – e se anche avesse sufficiente consenso da dar vita ad un Senato democratico, perché altrimenti non succederebbe niente.

Sanders ha una agenda estremamente ambiziosa: Medicare-per-tutti è solo una parte di essa. Finanziare quella agenda sarebbe difficile – in realtà, neppure la Teoria Monetarista Moderna eliminerebbe i vincoli alla finanza pubblica. Dunque, tradurre la visione di Sanders in realtà richiederebbe grandi aumenti delle tasse, non solo sui ricchi, ma sulla classe media; senza quegli aumenti delle tasse essa sarebbe altamente inflazionistica.

Ma non preoccupatevi: non accadrà. Anche se conquistasse la Casa Bianca, Sanders dovrebbe misurarsi con un Congresso (e con una opinione pubblica) considerevolmente meno radicale di lui, e sarebbe obbligato a convergere su una agenda progressista più moderata.

È vero che gli entusiasti di Sanders credono di poter raggruppare una maggioranza nascosta di americani attorno ad una agenda aggressivamente populista, e facendo così anche di spingere il Congresso a seguirli. Ma abbiamo avuto un test nelle elezioni di medio termine: i progressisti hanno sfidato nei distretti elettorali un certo numero di candidati di Trump, e se anche solo uno di essi avesse vinto avrebbero sostenuto di essere stati premiati dalla loro fiducia in un populismo trasformatore. Ma non ha vinto nessuno di loro: la vittoria schiacciante dei democratici è venuta interamente da moderati che concorrevano in campagne elettorali convenzionali.

L’opinione consueta su questo inconveniente progressista è che esso solleva dubbi sulla idoneità di Sanders ad essere eletto. Ma ha anche una implicazione molto diversa: i moderati preoccupati di una presidenza radicale dovrebbero darsi una calmata. In pratica, un Presidente Sanders non sarebbe particolarmente radicale.

Che dire di Joe Biden? L’organizzazione elettorale di Sanders ha sostenuto che Biden appoggiava i programmi di Paul Ryan per bruschi tagli alla Previdenza Sociale e a Medicare; quella pretesa è falsa. Quello che è vero è che nel passato Biden è stato spesso una Persona Molto Seria [2], che andava dietro all’unanimismo della Capitale secondo il quale avevamo bisogno di “correzioni” alla Previdenza Sociale – un eufemismo per tagli almeno modesti (in realtà, se si torna molto indietro, si scopre che Sanders aveva detto cose simili [3]).

Ma su questi temi il Partito Democratico nel suo complesso si è spostato a sinistra, e Biden si è spostato assieme ad esso. Anche se egli avesse un persistente desiderio di raggiungere una Grande Intesa con i repubblicani – della qual cosa dubito – riceverebbe un tale contraccolpo all’interno del partito che sarebbe costretto a tirarsi indietro.

Dunque, in termini di realizzazioni politiche, ecco quello che io penso accadrebbe se vince Sanders: avremo una significativa ma non gigantesca espansione delle reti della sicurezza sociale, pagata da significative nuove tasse sui ricchi.

D’altra parte, se vince Biden, avremo una significativa ma non gigantesca espansione delle reti della sicurezza sociale, pagata da significative nuove tasse sui ricchi.

Se ho ragione, una implicazione è che l’idoneità ad essere eletti dovrebbe giocare un ruolo molto importante nelle vostre attuali preferenze [4]. È molto importante che vinca un democratico, è molto meno importante quale democratico vince.

Ma il mio argomento principale è che i democratici dovrebbero stare uniti, appassionatamente, dietro chiunque ottenga la nomina. Ogni moderato tentato di diventare un “mai con Bernie” dovrebbe comprendere che anche se si considera Sanders troppo radicale, le sue effettive politiche sarebbero più temperate. Ogni entusiasta di Sanders tentato di diventare un “Bernie o il disastro” dovrebbe comprendere che di questi tempi persino i centristi democratici sono abbastanza progressisti, e che c’è un abisso tra loro e il Partito Repubblicano di Trump.

Infine, tutti i democratici credono nella democrazia e nello stato di diritto, la qual cosa di questi tempi è importante.

 

 

 

 

 

 

[1] Dal Vangelo di Matteo, laddove Gesù descrive cosa accadrà il Giorno del Giudizio, quando coloro che hanno offeso Dio saranno allontanati dal suo Regno, gettati in una fornace di fuoco e “ci saranno grida disperate e un gran digrignare dei denti”.

[2] Per questa espressione un tempo consueta di Krugman, vedi le note sulla Traduzione.

[3] La notizia è desunta da un commento del New York Times dello scorso gennaio, che si riferisce ad un articolo di Sanders nel lontano 1994, quando anch’egli aveva utilizzato il ragionamento sulla inevitabilità di “correzioni” alla Previdenza Sociale, diminuendo i sussidi o aumentando le tasse.

[4] Sembra una frase un po’ ambigua, se si presuppone che la “eleggibilità” sia un criterio che attualmente sfavorisce il candidato più radicale, ovvero Sanders. Ma probabilmente questa impressione che deriva da una lettura un po’ ‘italiana’ dei meccanismi politici americani. Negli Stati Uniti attuali la “eleggibilità”, almeno attualmente, è un criterio che può giocare a favore dei candidati più ‘centristi’, ma anche – sia pure in modi opposti – dei candidati più ‘populisti’ (ancora, nella accezione non necessariamente negativa che nel linguaggio politico americano ha quest’ultimo termine). In fondo Sanders sembra avere maggiori possibilità di recuperare voti di lavoratori bianchi che sono finiti a Trump, in particolare negli “Stati oscillanti”, rispetto a Biden.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"