Altri Economisti » Selezione della Settimana

Come l’America può battere il Covid-19, di James K. Galbraith (da Project Syndicate, 4 marzo 2020)

 

Mar 4, 2020

How America Can Beat COVID-19

JAMES K. GALBRAITH

zz 468

AUSTIN – When the Japanese attacked Pearl Harbor, the United States was surprised and unprepared, but it was quickly freed of its illusions. The same does not hold true for the COVID-19 epidemic. The attack is underway and our defenses are down – but so far our illusions remain intact.

That will soon change as the infection rate and death toll rise, while the stock market sinks. Global supply chains have been disrupted by events in China, and India has just banned the export of certain generic drugs. Medical masks are already in short supply, and everyday items such as hand sanitizer have become difficult to find. The heavily globalized, consumer- and finance-driven US economy was not designed for a pandemic.

The country’s medical system has it even worse. America has vast health-care capacity, but millions of people are uninsured, underinsured, undocumented, or simply reluctant to go to the doctor or emergency room, owing to the cost of co-payments, deductibles, and uncovered fees. In a pandemic – where every infected person is a threat to the entire population – this is a formula for disaster. Everyone must be able to come forward, get tested, and receive free treatment without fear of consequences – including the very poor, the homeless, and the undocumented.

US medical personnel are not equipped, and facilities are not designed to manage a potential explosion of people needing isolation and specialized care. Hospital beds and quarantine units may be required where outbreaks overwhelm local capacity, and moving sick, infectious people over distances to available open beds is a risky policy. Effective training for those caring for the quarantined is critical; otherwise, the virus will spread among support staff. Medical supplies such as test kits and hazard suits must also be delivered where and when they are needed.

The flow of ordinary civilian supplies also presents a risk. The reserve purchasing power of US households is vast; if they decide suddenly to stockpile dried and canned foods, paper towels, batteries, aspirin, and other basics, these mundane items could run short. And if factories and distribution chains are closed down, the problem can cascade as each shortage spurs a new wave of panic. At the very least, prices will rise and low-income households might be shut out.

All these problems are aggravated by widespread lack of trust in the US authorities and in the commercial media. To solve this, the government must empower the Centers for Disease Control and the Federal Emergency Management Agency to tell Americans precisely what is happening and to give clear, credible instructions. Direct, regular mass communication from competent scientific professionals, rather than from politicians and the media, can help to maintain calm, promote low-risk behavior, and avoid panics.

Furthermore, the Centers for Medicare & Medicaid Services should be authorized to cover the full costs of testing and treating COVID-19 cases, with no exceptions and no legal risks. Making tests and treatment “affordable” is not enough; the disease cannot be isolated by economic class. In a pandemic there is no acceptable alternative to making care universal and free of cost.

To finance the necessary facilities, Congress should establish a Health Finance Corporation on the model of the Depression-era Reconstruction Finance Corporation. Like the RFC, which built munitions factories and hospitals during and after World War II, the HFC should have broad powers to create public corporations, lend to private companies (to fund necessary production), and cover other emergency costs. Even more quickly, the National Guard can be deployed to deal with critical supply issues and to establish emergency facilities such as field hospitals and quarantine centers.

The Federal Reserve can buy up debt issued by hospitals and other health-care providers, as well as working to stabilize credit markets, as it did in 2008-09.

Finally, the US government should have stand-by authority to allocate essential medical supplies, in order to ensure that the whole population has access to basic protective equipment and medications, based on need and regardless of income. Most of these items are simple and inexpensive, so supply problems may be short-lived. But if they are not tackled quickly, the government has the power under the Defense Production Act of 1950 to give orders the private sector, and prices should be controlled to prevent profiteering.

Compared to a world war, COVID-19 is a relatively small problem that should be manageable. But controlling a pandemic nevertheless requires mobilization: a comprehensive approach spanning resources, services, finance, and information. The public needs to feel the urgent necessity of radical behavioral changes, the disruption of daily routines, and firm measures to prevent destructive speculation by those looking to make a quick buck.

Again, the attack on Pearl Harbor offers a useful precedent. Within two days, the US had declared war and started shifting to a war footing. As the Japanese advanced on Malaya, the US issued a nationwide ban on the sale of rubber tires to quell panic purchases and protect essential users, as well as a 35-mile-per-hour speed limit to save rubber and motor fuel. These orders were swift, decisive, and generally accepted. They showed that the American public can rally around a common purpose when necessary.

With the COVID-19 epidemic bearing down, Americans should now remember our own history. We have confronted larger crises before. The same institutions, practices, and sense of public spirit that served our parents and grandparents can serve us, too. But there is not a moment to lose.

 

Come l’America può battere il Covid-19,

di James K. Galbraith

 

AUSTIN – Quando i giapponesi attaccarono Pearl Harbour, gli Stati Uniti si mostrarono sorpresi e impreparati, ma furono anche rapidamente liberati dalle loro illusioni. Lo stesso non è vero per l’epidemia del Covid-19. L’attacco è in corso e le nostre difese sono abbassate – ma sino ad ora le nostre illusioni restano intatte.

Questo cambierà presto quando il ritmo dell’infezione e il tributo di vite umane salirà, mentre il mercato azionario andrà a fondo. Le catene globali dell’offerta sono state scompaginate dagli eventi in Cina e l’India ha appena messo al bando l’esportazione di alcuni farmaci generici. Le mascherine già scarseggiano, e articoli di uso quotidiano come gli antisettici per le mani sono diventati difficili da trovare. L’economia degli Stati Uniti, fortemente globalizzata e guidata dai consumatori e dalla finanza, non era stata immaginata per una pandemia.

Il sistema sanitario del paese è in condizioni persino peggiori. L’America ha un’ampia potenzialità di assistenza sanitaria, ma milioni di persone non sono assicurate, sono sotto assicurate, sprovviste di documenti o semplicemente riluttanti ad andare dal medico o al pronto soccorso, a seguito del costo delle partecipazioni ai pagamenti, delle prestazioni e dei farmaci non gratuiti e delle commissioni da pagare. In una pandemia – dove ogni persona infetta è una minaccia per la popolazione – questa è una ricetta per un disastro. Ognuno deve essere nelle condizioni di farsi avanti, di essere sottoposto agli esami e di ricevere un trattamento gratuito senza timori per le conseguenze – compresi i più poveri, i senza casa e quelli che sono sprovvisti di documenti.

Il personale sanitario statunitense non è attrezzato e le strutture non sono state concepite per gestire una potenziale esplosione di persone che hanno bisogno di isolamento e di assistenza specializzata. Possono essere necessari letti di ospedale e unità di quarantena laddove l’epidemia sopravanza le potenzialità locali, e spostare le persone ammalate e infette a distanza verso i letti liberi disponibili è una politica rischiosa. È fondamentale una efficace formazione per coloro che si prendono cura delle persone in quarantena; altrimenti il virus si diffonderà tra il personale di sostegno. Le forniture sanitarie come i kit per gli esami e le tute di protezione devono essere fornite dove e quando sono necessarie.

Anche il flusso delle ordinarie normali provviste comporta un rischio. Il potere di acquisto di scorte dalle famiglie statunitensi è molto grande; se queste decidono all’improvviso di accumulare cibi secchi e in scatola, asciugamani di carta, batterie, aspirina e altri generi di largo consumo, questi articoli banali potrebbero rarefarsi. E se si chiudono gli stabilimenti e le catene della distribuzione, il problema potrebbe aprirsi a cascata allorché ogni carenza genera una nuova ondata di panico. Quantomeno, i prezzi saliranno e le famiglie a basso reddito potrebbero essere tagliate fuori.

Tutti questi problemi sono aggravati da una generale mancanza di fiducia verso le autorità americane e verso i media della pubblicità. Per risolvere tutto questo, il Governo deve mettere nelle condizioni i Centri per il Controllo delle Malattie e l’Agenzia Federale della Gestione delle Emergenze di dire precisamente agli americani quello che sta succedendo e di dare istruzioni chiare e credibili. Una comunicazione di massa diretta e regolare da parte di competenti professionisti scientifici, anziché da parte dei politici e dei media, può aiutare a mantenere la calma, a promuovere comportamenti a basso rischio e ad evitare situazioni di panico.

Inoltre, i Centri per i servizi di Medicare e di Medicaid dovrebbero essere autorizzati a coprire gli interi costi degli esami e a trattare i casi di Covid-19, senza alcuna eccezione e senza rischi legali. Rendere gli esami “sostenibili” non è sufficiente; la malattia non può essere isolata sulla base delle categorie sociali. In una pandemia non c’è alcuna alternativa accettabile a offrire una assistenza universale e gratuita.

Per finanziare le necessarie strutture, il Congresso dovrebbe creare una Società della Finanza Sanitaria sul modello della Società della Finanza per la Ricostruzione dell’epoca della Depressione. Come quest’ultima, che costruì gli stabilimenti per le munizioni e gli ospedali durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale, la Società della Finanza Sanitaria dovrebbe avere poteri generali per creare società pubbliche, dare prestiti a imprese private (per finanziare la produzione necessaria) e coprire altri costi per l’emergenza. Anche più rapidamente, la Guardia Nazionale dovrebbe essere dispiegata per misurarsi con i temi fondamentali delle forniture e per costruire strutture di emergenza come gli ospedali da campo e i centri per la quarantena.

La Federal Reserve può acquistare obbligazioni sul debito emesse dagli ospedali e dagli altri fornitori di assistenza sanitaria così come per stabilizzare i mercati del credito, come fece nel 2008-09.

Infine, il Governo degli Stati Uniti dovrebbe avere autorità di pronto intervento per collocare forniture sanitarie essenziali, allo scopo di assicurare che l’intera popolazione abbia accesso alle attrezzature protettive di base ed alle cure, basandosi sul bisogno e a prescindere dal reddito. La maggioranza di questi temi sono semplici e non costosi, dato che i problemi di fornitura possono essere di breve durata. Ma se non sono affrontati rapidamente, il Governo ha il potere sulla base della Legge sulla Produzione per la Difesa del 1950 di dare ordini al settore privato, e i prezzi dovrebbero essere controllati per impedire speculazioni.

A confronto con una guerra mondiale, il Covid-19 è un problema relativamente piccolo che dovrebbe essere gestibile. Ma controllare una pandemia richiede comunque una mobilitazione: un approccio organico che abbracci le risorse, i servizi, la finanza e l’informazione. L’opinione pubblica ha bisogno di avvertire l’urgente necessità di cambiamenti radicali nei comportamenti, la rottura delle pratiche ordinarie e misure ferme per impedire la speculazione distruttiva da parte di coloro che mirano a fare rapidi affari.

L’attacco a Pearl Harbour costituisce ancora una volta un precedente utile. In due giorni, gli Stati Uniti dichiararono guerra e cominciarono a spostarsi su una modalità di guerra. Quando i giapponesi avanzarono sulla penisola malese, gli Stati Uniti emisero una messa al bando su scala nazionale delle vendite dei pneumatici di gomma per reprimere il panico degli acquisti e proteggere gli utilizzatori fondamentali, assieme ad un limite di velocità di 35 miglia all’ora per conservare gomme e combustibili per i motori. Dimostrarono che, quando era necessario, l’opinione pubblica americana poteva riunirsi attorno ad uno scopo comune.

Con l’epidemia del Covid-19 che si avvicina rapidamente, gli americani adesso dovrebbero rammentare la loro storia. Abbiamo affrontato in precedenza crisi più gravi. Le stesse istituzioni, le stesse pratiche e il senso dello spirito pubblico che servì i nostri genitori e i nostri nonni, può servire anche noi. Ma non c’è un momento da perdere.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"