Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il divario Est-Ovest nel controllo del Covid-19, di Jeffrey D. Sachs (da Project Syndicate, 8 aprile 2020)

 

Apr 8, 2020

The East-West Divide in COVID-19 Control

JEFFREY D. SACHS

zz 624

NEW YORK – East Asian countries are outperforming the United States and Europe in controlling the COVID-19 pandemic, despite the fact that the outbreak began in China, to which the rest of East Asia is very closely bound by trade and travel. The US and Europe should be learning as rapidly as possible about the East Asian approaches, which could still save vast numbers of lives in the West and the rest of the world.

An important starting point for comparison is the number of confirmed cases and COVID-19 deaths per million population, shown in the first column of the accompanying table for April 7. It is as if the two regions are in different worlds. Europe and the US are engulfed in the pandemic: confirmed cases per million range from 814 (UK) to 3,036 (Spain), and deaths per million range from 24 to 300. In the East Asian countries, confirmed cases per million range from three (Vietnam) to 253 (Singapore), and deaths per million from 0 to four.

East Asian countries are not systematically undercounting either cases or deaths relative to their Western counterparts. Both regions have tested a similar proportion of their populations, as shown in the third column of the table.

zz 809

 

 

 

 

 

 

 

 

Importantly, the differences between the two regions do not reflect firmer economic lockdowns in East Asia. Google has recently published fascinating data on the reduction of activity in various sectors of the economy. Google’s results regarding the retail sector are shown in the fourth column of the table. The disruptions to normal life (comparing the end of March with a baseline of January 3 to February 6) are less severe in East Asia.

The disparity between East Asian and Western countries’ public-health and economic outcomes reflects three key differences between the regions. For starters, the East Asian countries were far better prepared for a new disease outbreak. The 2003 SARS outbreak was a wake-up call, and frequent waves of dengue fever in several East Asian countries reinforced the message. In Europe and the US, concerns over SARS, Ebola, Zika, and dengue fever seemed far away, abstract, and (with the exception of SARS) mainly “tropical.” The result of this greater awareness was a much higher national alert level throughout the region when China first publicly reported an unusual clutch of pneumonia cases in Wuhan on December 31, 2019.

In epidemic control, early action is crucial to containment. Starting in early January, most of China’s neighbors began to curtail travel with China and immediately stepped up testing and tracing operations. China and others have deployed new digital technologies for monitoring the spread of the disease.

Western countries were far less attentive to the novel coronavirus when it first appeared. The US Centers for Disease Control and Prevention (CDC) was in contact with the China CDC on January 3. The first US case was confirmed on January 20. And yet it was not until January 31 that US President Donald Trump announced travel restrictions with China. Even then, these vital restrictions were not taken seriously. Recent estimates suggest that 430,000 people arrived in the US from China after the outbreak was disclosed, including around 40,000 after Trump’s so-called travel ban.

The East Asian public is also more aware of the proper precautions to take. Face masks are widely used and have been at least since SARS. Western authorities, by contrast, told the public not to wear face masks, partly to direct the limited supply of protective masks to health workers, and partly because officials underestimated masks’ benefits for reducing new infections. Similarly, hand sanitizers, greater physical distancing, and less frequent handshaking are all part of East Asians’ daily life.

Lastly, East Asian authorities have dramatically stepped up screening for symptoms as people move about in public areas, offices, and other crowded places. It is routine in many enterprises to screen all workers’ body temperature as they enter the workplace. Temperature monitoring is also used at transit hubs like airports and train stations. This practice is still almost non-existent in the US and Europe.

China’s outbreak was the worst in East Asia, and, in a way, the most instructive for the US and Europe. Unlike its neighbors, China experienced a full-fledged epidemic for several weeks, from around mid-December to mid-January. By the time China quarantined Wuhan on January 23, there were already 375 confirmed cases in Hubei Province, where Wuhan is located, and probably many more unconfirmed cases (either symptomatic but untested cases or asymptomatic). The virus had also begun to spread across China, with an additional 196 confirmed cases.

At that stage, China took drastic action. It clamped down on all travel and movement in public; quickly implemented online systems to track individuals and enforce quarantine orders; and tested extensively and monitored massively for symptoms. The measures were undoubtedly very drastic and were widely criticized. Yet they were also remarkably effective. China brought a full-fledged and rapidly spreading epidemic under control in just a few weeks – a feat many experts thought was impossible.

Many question whether China’s stringent controls can work or be acceptable in the US. Yet the US must learn from China’s success, and from East Asia’s success more generally. As US National Institutes of Health Director Francis Collins has cogently put it, “The approach we should be taking right now is one that most people would find to be too drastic because otherwise it is not drastic enough.”

Europe and the US do not yet have the epidemic under control, and shortages of life-saving ventilators and deaths of health workers lacking basic protective gear compound the tragedy. The public health response will be decisive in stopping COVID-19 before it devastates entire populations in the West and around the world. And the right approach in the West requires that we learn what we can from East Asia as rapidly as possible.

 

Il divario Est-Ovest nel controllo del Covid-19,

di Jeffrey D. Sachs

 

NEW YORK – I paesi dell’Asia Orientale [1] stanno avendo prestazioni migliori degli Stati Uniti e dell’Europa nel controllo della pandemia del Covid-19, nonostante il fatto che la sua insorgenza sia cominciata in Cina, alla quale il resto dell’Asia Orientale è legato molto strettamente da commerci e viaggi.  GLI Stati Uniti e l’Europa dovrebbero imparare il più rapidamente possibile questi approcci dell’Asia Orientale, che ancora potrebbero salvare un gran numero di vite in Occidente e nel resto del mondo.

Un importante punto di partenza per un confronto è il numero di casi positivi e le morti da Covid-19 per un milione di abitanti, mostrati al 7 di aprile nella prima (e seconda) colonna della tabella qua sotto. Come se le due regioni fossero mondi diversi. L’Europa e gli Stati Uniti sono travolti nella pandemia: i casi confermati per un milione di abitanti vanno da 814 (Regno Unito) a 3.036 (Spagna), e le morti per milione da 24 a 300. Nei paesi dell’Asia Orientale i casi confermati per milione vanno da tre (Vietnam) a 253 (Singapore), e le morti per milione da 0 a quattro.

I paesi dell’Asia Orientale non stanno conteggiando in modo inferiore né i casi né le morti in modo sistematico, in rapporto ai loro omologhi occidentali. Entrambe le regioni hanno testato una proporzione simile delle loro popolazioni, come mostrato dalla terza colonna della tabella.

zz 809

 

 

 

 

 

 

 

 

È significativo che le differenze tra le due regioni non riflettano blocchi dell’economia più severi nell’Asia Orientale. Google ha di recente pubblicato dei dati estremamente interessanti sulla riduzione delle attività nei vari settori dell’economia. I risultati di Google concernenti il settore delle vendite al dettaglio [2] sono mostrati nella quarta colonna della Tabella. Le interruzioni della vita normale (confrontando la fine di marzo con un dato di partenza dal 3 al 6 febbraio) sono meno severe nell’Asia Orientale.

La disparità tra i risultati nella sanità pubblica e nell’economia dei paesi dell’Asia Orientale e dell’Occidente riflette tre differenze fondamentali tra le regioni. Per cominciare, i paesi dell’Asia Orientale erano assai meglio preparati alla esplosione di una nuova malattia. L’epidemia della SARS del 2003 era stato un campanello d’allarme, e le frequenti ondate di febbri dengue [3] in vari paesi dell’Asia Orientale avevano rafforzato il messaggio. In Europa e negli Stati Uniti le preoccupazioni per la SARS, l’Ebola, la Zika e la febbre dengue erano sembrate molto distanti, poco concrete, e (con l’eccezione della SARS) principalmente “tropicali”. La conseguenza di questa maggiore consapevolezza è stato un livello nazionale di allerta molto superiore in tutta la regione, quando la Cina per prima diede notizia di una inconsueta presa di casi di polmonite a Wuhan il 31 dicembre del 2019.

Nel controllo delle epidemie, una pronta iniziativa è cruciale per il contenimento. A partire dagli inizi di gennaio, la maggioranza dei vicini della Cina cominciarono a ridurre i viaggi con la Cina e immediatamente incrementarono i test e le procedure di tracciamento. La Cina ed altri paesi hanno dispiegato nuove tecnologie digitali per monitorare la diffusione della malattia.

I paesi occidentali sono stati meno attenti al nuovo coronavirus quando esso inizialmente si è manifestato. I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie degli Stati Uniti (CDC) erano in contatto con i centri analoghi della Cina dal 3 gennaio. E tuttavia sino al 31 gennaio il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump non annunciò le restrizioni sui viaggi con la Cina. Persino allora, queste restrizioni non vennero attuate seriamente. Secondo stime recenti 400 mila persone sono arrivate negli Stati Uniti dalla Cina dopo che è stata scoperta l’epidemia, comprese circa 40 mila dopo la così detta messa al bando dei viaggi di Trump.

L’Asia Orientale è anche più consapevole delle appropriate precauzioni da prendere. Le mascherine sono ampiamente utilizzate e lo sono state almeno a partire dalla SARS. Le autorità occidentali, al contrario, hanno detto alla gente di non indossare mascherine, in parte per indirizzare la limitata offerta di mascherine per protezione ai lavoratori della sanità e in parte perché i dirigenti sottovalutavano i benefici delle mascherine nel ridurre nuove infezioni. In modo simile, i disinfettanti delle mani, un maggiore distanziamento fisico e uno stringersi le mani meno frequente fanno tutti parte della vita quotidiana dell’Asia Orientale.

Infine, le autorità dell’Asia Orientale hanno incrementato in modo spettacolare i controlli sui sintomi quando le persone si muovevano in aree pubbliche, negli uffici o in altri luoghi affollati. In molte imprese è normale controllare la temperatura corporea di tutti i lavoratori quando entrano in un luogo di lavoro. Monitorare la temperatura è anche utilizzato nei centri di transito come gli aeroporti e le stazioni ferroviarie. Questa pratica è quasi assente negli Stati Uniti e in Europa.

L’epidemia in Cina è stata la peggiore nell’Asia Orientale, e, in un certo senso, la più istruttiva per gli Stati Uniti e l’Europa. Diversamente dai suoi vicini, la Cina ha conosciuto una epidemia pienamente sviluppata per varie settimane, da circa metà dicembre a metà gennaio. Quando la Cina ha messo in quarantena Wuhan il 23 gennaio, c’erano già 375 casi positivi nella Provincia di Hubei, della quale Wuhan fa parte, e probabilmente molti più casi non confermati (sia casi sintomatici ma non testati che asintomatici). Il virus aveva anche cominciato a diffondersi per la Cina, con 196 casi confermati aggiuntivi.

A quel punto, la Cina ha assunto una iniziativa drastica; ha messo in atto rapidamente sistemi informatici per tracciare le persone e costretto agli obblighi della quarantena, nonché ha testato ampiamente e monitorato massicciamente i sintomi. Le misure sono state indubbiamente molto drastiche e sono state ampiamente criticate. Tuttavia sono anche state considerevolmente efficaci. La Cina ha messo sotto controllo una epidemia pienamente sviluppata e in rapida diffusione solo in poche settimane – una impresa che molti esperti pensavano fosse impossibile.

Ci sono molti dubbi che i controlli stringenti possano funzionare o siano accettabili negli Stati Uniti. Tuttavia gli Stati Uniti devono imparare dal successo della Cina e, più in generale, dal successo dell’Asia Orientale. Come si è espresso in modo persuasivo il Direttore degli Istituti della Sanità Francis Collins: “L’approccio che dovremmo attuare adesso è quello che la maggioranza delle persone giudicherebbe troppo drastico, perché altrimenti non sarà drastico abbastanza”.

L’Europa e gli Stati Uniti non hanno l’epidemia sotto controllo, e la carenza di ventilatori salva vita e le morti dei lavoratori della sanità che mancano delle attrezzature protettive fondamentali aggravano la tragedia. La risposta della sanità pubblica sarà decisiva nel fermare il Covid-19 prima che esso devasti popolazioni intere in Occidente e in tutto il mondo. E un giusto approccio in Occidente richiede che si impari ciò che si può dall’Asia Orientale, il più rapidamente possibile.

 

 

 

 

[1] L’Asia orientale è una regione dell’Asia. In base alla ripartizione del mondo effettuata dalle Nazioni Unite, è una delle macro regioni in cui è divisa l’Asia ed include 5 Stati riconosciuti dall’Organizzazione stessa:

a cui aggiungere l’ex-Stato membro ONU:

L’ONU nella sua ripartizione a fini statistici considera separatamente Hong Kong (ex-colonia britannica) e Macao (ex-colonia portoghese), ora regioni amministrative speciali della Cina, ma non nomina Taiwan che de facto è uno Stato indipendente ma essendo rivendicato dalla Cina (membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite) viene considerato parte di essa. (Wikipedia)

Dunque, per la precisione, nella tabella che compare nel corpo di questo articolo e nel testo stesso – denominati come paesi facenti parte dell’East Asia – compaiono anche due Stati che non ne fanno parte: il Vietnam e Singapore. Questi due Stati fanno invece parte del Sud Est asiatico (South East Asia). L’Asia del Sud Est comprende: Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malaysia, Birmania, Filippine, Singapore, Thailandia, Timor Est e Vietnam.

Le due carte geografiche rappresentano le due regioni asiatiche, Asia dell’Est e Asia del Sud Est:

zz 811   zz 812

 

 

 

 

 

 

[2] Ma la Tabella indica non solo i settori delle vendite la dettaglio, ma anche dell’intrattenimento. In ogni caso, mi pare che un blocco del 94% in Italia, considerate le eccezioni dal settore alimentare, ai supermercati, alle ‘agrarie’ sino ai cibi per cani e gatti, mi pare un po’ esagerato.

[3] La febbre dengue, più conosciuta semplicemente come dengue, è una malattia infettiva tropicale causata dal virus Dengue. Il virus esiste in cinque sierotipi differenti (DENV-1, DENV-2, DENV-3, DENV-4, DENV-5) e generalmente l’infezione con un tipo garantisce un’immunità a vita per quel tipo, mentre comporta solamente una breve e non duratura immunità nei confronti degli altri. L’ulteriore infezione con un altro sierotipo comporta un aumento del rischio di complicanze gravi. L’incidenza della dengue è cresciuta molto rapidamente a partire dagli anni sessanta, con circa 50-100 milioni di persone infettate ogni anno, e risulta endemica in 110 paesi. (Wikipedia)

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"