Altri Economisti » Selezione della Settimana

Gli scienziati che consigliano il Governo hanno fatto seri errori? Di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Macro, 27 aprile 2020)

 

Monday, 27 April 2020

Did the scientists advising the government on COVID-19 make serious mistakes?

Simon Wren-Lewis

zz-228

The government has now said it will begin to wind down the lockdown with an extensive test, trace and isolate (TTI) regime in place. Containment, having been abandoned on March 12th, is back but this time the UK government is serious about it. It has a much greater chance of success not just because there is more testing capability available, and there will be an app to help with tracing, but also because it will take place with a degree of social distancing.

We can only hope that this works, and that government actions match their words. But what seems very puzzling to me is why the scientists advising the government seem to have been preoccupied with moderated herd immunity as the only way to deal with this virus, and largely neglected the possibility that containment could be made to work.

Managed herd immunity plus behavioural worries

This is not just a UK issue. Herd immunity, together with limited and advisory social distancing, is the strategy that is being tried in Sweden, following the advice of their chief epidemiologist. It is controversial there too, with many other scientists arguing against this strategy, and with deaths in Sweden well above those in other Nordic countries.

The logic of the argument for herd immunity is set out in a very interesting debate on Channel 4 on 13th March. It was between John Edmunds, an epidemiologist and member of SAGE, and Tomas Pueyo. Both seem to agree that a lockdown of some sort is required to avoid the health service being overwhelmed, with the disagreement being how quickly that is required, but at the end it seems both are in agreement about the principle of herd immunity.

Why not impose a lockdown until a vaccine is discovered. You can also achieve herd immunity with a vaccine, without hundreds of thousands of people dying. If there was no cost to a lockdown, and it could be successfully imposed for a year or more, the optimal strategy is clearly to impose the lockdown as quickly as possible and retain it until the vaccine arrives. Obviously a lockdown of that length would be very costly, but the reason Edmunds gives in this debate for not doing this is that people would stop observing it. This is the ‘behavioural’ element to the story that has been talked about.

The behavioural element is crucial for the following reason. Even if it is not successful, containment could allow the following strategy. You start with containment (as we did), switch to total lockdown when containment is obviously failing, and once that lockdown brings the number of cases right down abandon it and revert to containment. This on/off for the economy could get us to the point where a vaccine is produced in large quantities. Compared to herd immunity we would almost certainly cause far less deaths without too greater economic cost.

To reject this outcome requires a pretty firm belief that people would become so tired of lockdowns by the Autumn that whatever the government did there would be an uncontrolled epidemic in the winter with a worse outcome for the NHS than managed herd immunity could achieve. Where that belief comes from I don’t know, and neither will we know until after the pandemic ends because the government has refused to publish the scientific advice it received until then. You would think that this behavioural assumption would depend in part on the economic support individuals were receiving, but as far as I know no Treasury officials or other economists were involved. Equally no sociologists were involved.

It is here that politics and science interact. Speaking to reuters’ journalists, John Edmunds is reported to have said: “We had milder interventions in place because no one thought it would be acceptable politically to shut the country down.” He added: “We didn’t model it because it didn’t seem to be on the agenda. And Imperial didn’t look at it either.”

This is dangerous territory for any scientist. In the blink of an eye a scientist believing something is not on the agenda can be a politician saying that no one told us about this alternative.

Once those advising the government believed that lockdowns were off the agenda or too fragile because of the behavioural response then the government’s strategy begins to make more sense. You try containment, because containment would be the best outcome, but you suspect that without some social distancing and other measures it is unlikely to work, but you don’t want to impose those for behavioural reasons. You then move to managed herd immunity, where you want to impose as little restrictions as you can get away with, again for behavioural reasons, such that the NHS stays above the water line.

The strategy in action

On 9th March, during the containment phase, according to reuters: “Johnson held out against stringent measures, saying he was following the advice of the government’s scientists. He asserted on March 9: “We are doing everything we can to combat this outbreak, based on the very latest scientific and medical advice.” Indeed, the government’s Scientific Advisory Group for Emergencies, SAGE, had recommended that day, with no dissension recorded in its summary, that the UK reject a China-style lockdown. SAGE decided that “implementing a subset of measures would be ideal,” according to a record of its conclusions. Tougher measures could create a “large second epidemic wave once the measures were lifted,” SAGE said.

Whether this was a unanimous view is disputed by Lawrence Freedman, who says some members did favour something closer to a Wuhan lockdown.

Thus on 10-13th March the Cheltenham racing festival went ahead. There is now evidence of a concentration of COVID cases in the area of Cheltenham racecourse. Other sporting events were allowed to go ahead. While this seems negligent if your concern is reducing deaths, if you think herd immunity is the only option and you want to delay even a partial lockdown for as long as possible it makes sense. On 12th March containment ended, and in his first COVID press conference the PM said “many more families will lose loved ones before their time.” Testing is now limited to hospitals.

Yet at the same time the Imperial team produced a new analysis suggesting that further measures were needed to avoid overwhelming the NHS. This was ‘the science changing’ according to the BBC. In reality this was still the strategy of managed herd immunity. Freedman reports: “Now, promoted by the Imperial study, the advice from the operations subgroup of the Scientific Pandemic Influenza group on Modelling (SPI-M-O) on 16 March was notably different in tone from a week earlier. The measures at first envisaged – case-by-case isolation, household isolation and social distancing of vulnerable groups – was now “unlikely to prevent critical care facilities being overwhelmed”. Everything now had to be tried, including “general social distancing and school closures”, which offered the best chance of disease control.”

But was this really just the science changing? The reuters article says: “What allowed Britain to alter course, said Edmunds, was a lockdown in Italy that “opened up the policy space” coupled with new data. First came a paper by Edmunds’ own London School team that examined intermittent lockdowns, sent to the modelling committee on March 11 and validated by Edinburgh University. Ferguson’s revised Imperial research followed. Woolhouse, the Edinburgh professor, confirmed the sequence. Edmunds said these new studies together had demonstrated that if the British government imposed a lengthy period of tougher measures, perhaps relaxed periodically, then the size of the epidemic could be substantially reduced.”

What changed was the politics, which had “opened up” the alternative strategy of intermittent lockdowns that I described at the beginning of this post. It was inevitable that the politics would change. I noted before Chris Giles commenting that the herd immunity strategy was time inconsistent: once deaths started increasing and people saw the pandemic overwhelming other countries politicians were bound to change strategy. But Johnson remained very reluctant to do so. As an article in the New England Journal of Medicine says about the measures introduced on 16th March:

“People should work from home if possible, but that was largely up to employers to decide. Vague. Anyone over 70 was advised to avoid “nonessential social contact.” Vague again. The government was “moving emphatically away from” mass gatherings, but again these were still not (and are still not) banned. British understatement was in full swing — citizens, businesses, and nursing homes were asked to read between the lines and go beyond explicit government policy. The prime minister’s father announced that he would be going to the pub if he chose to, since they needed the customers.We had to wait until 23rd March for the current lockdown to be imposed, that replaced advice with something much stronger. The French President threatened to close its borders with the UK if this was not done. As I noted in last week’s blog post, the 10 days delay between the containment phase ending and full lockdown probably cost the majority of lives lost in the UK. I don’t think the difference between weak advice (16th March) and the currrent lockdown (23rd March) can be pinned on the scientists.

What mistakes did scientists make

How much of all this the fault of the scientists advising the government. They certainly made mistakes. Three stand out. The first was NERVTAG keeping the threat level at moderate in mid-February, with Edmunds the only one objecting. This failed to convey the urgency of the situation to the government. The second, mentioned above, was scientists sticking to an agenda that seemed to rule out a lockdown, or other scientists pretending they knew with any certainty that lockdowns could not be sustained for long. Cummings taking part in the meeting didn’t help here. People who say his presence had no impact on the other people in the room, when his actions could potentially hurt many of those people, have no imagination.

The third, and by far the most important, was the failure to realise that containment if taken seriously was an alternative to herd immunity or total lockdowns. East Asian countries like South Korea suggest that alternative, if done properly and with supporting measures, can work for some time. You test people who may have the virus, and if they do you trace their contacts over the period they have been infectious and isolate both them and their contacts. The South Korean experience suggests that you can even bring down very high numbers of cases using this strategy. Professor Ferguson now agrees this is the country to learn from.

As long as a vaccine comes along within two years, this is a strategy that can get you through the period with no vaccine with far less cases and deaths than with herd immunity. This option comes up in the Channel 4 discussion noted above, but Edmunds dismisses it as having been tried and failed in the UK. In the UK this phase failed to stop the number of daily cases increasing.

One of the lessons from the countries with successful TTI strategies is that you close down travel from infected areas very quickly, or impose compulsory isolation for incoming travellers. (One of those countries, Taiwan, has an epidemiologist as its deputy President, which just shows that not all epidemiologists, or even a majority, believe in herd immunity.) The UK failed to do this during our containment phase. In addition, having mobile phone based tracing apps is extremely helpful in tracing who people have been in contact with, and the UK did not have that during its containment phase. But more generally, mild forms of social distancing can be used to help TTI work. Stopping large gatherings like Cheltenham races is an obvious example. We can put the same point another way. The UK did nothing to help the containment phase work. Was this due to politics or the absence of advice from SAGE?

If TTI fails, as it has in Singapore for example, then governments quickly need to impose a lockdown. But this is not a reversion to a herd immunity strategy, but just a measure required to get cases back down to a level where TTI can work again. Even if TTI has to be accompanied by occasional lockdowns, it will still involve many less deaths than herd immunity or ‘running the NHS hot’ does, simply because of the mathematics.

Do these failures by scientists advising the government, if they were not politically influenced, get politicians off the hook? Absolutely not. Most politicians, on being advised that the only sure way of responding to a new virus was to let hundreds of thousands of people die (as they were told in the UK), would surely want to be absolutely sure that there really wasn’t any alternative. They would ask basic questions, like are other countries doing the same, or are there examples of countries that have chosen a different and less deadly approach. Scientists would not have kept what China and South Korea are doing from ministers, and they are unlikely to have said that these countries’ experience was of zero relevance.

If our government had done that, I’m pretty sure we would have had containment with more support in terms of controlling international travel, banning large gatherings and so on. Herd immunity wouldn’t have been on the agenda, and a lockdown would have been imposed earlier. Probably most of those who have died would still be with us. The reason we tried containment in a half hearted way without social distancing support or border controls were because politicians were too content with a strategy that would kill huge numbers of people.

We are where we are because our current Prime Minister and some in his cabinet, even in the face of predictions of hundreds of thousands of deaths, was too content to do nothing, take it on the chin, and too fearful of curtailing economic freedoms to interrogate the advice they were given. It was the same slowness to act, rather than anything coming from the scientists said, that led to inadequate PPE provision, or to waiting until mid-March to appeal for ventilators or make requests to labs for assistance with testing.

What happens next

There still seems to be divergent views within government about how quickly the lockdown should be relaxed, where by relaxed I mean allowing more people to get COVID-19. There shouldn’t be any debate. The number of cases need to be brought down as quickly as possible to a level where the TTI regime can be pretty sure to work. The current lockdown has to continue until that point is reached, and in addition some sort of quarantine system has to operate on anyone coming into the country.

At that point the TTI system can begin to operate. (Earlier testing should iron out any teething problems.) Only when this system has been operating for enough time to see that it is clearly working can we begin to relax lockdown. But these relaxations in lockdown need to be done step by step, and in each case we need to ensure that TTI can still work successfully.

 

 

 

Gli scienziati che consigliano il Governo hanno fatto seri errori?

Di Simon Wren-Lewis

 

Il Governo adesso ha detto che comincerà a ridurre gradualmente il blocco con la messa in atto di un regime ampio di test, di tracciamenti e di isolamento. Il contenimento, che era stato abbandonato il 12 marzo, è tornato ma questa volta il Governo lo fa seriamente. Esso ha una molto maggiore possibilità di successo non solo perché è disponibile una superiore capacità di fare i test, e perché c’è una applicazione che può aiutare con i tracciamenti, ma anche perché ciò verrà messo in atto con una certa misura di distanziamento sociale.

Possiamo solo sperare che questa volta funzioni e che le iniziative del Governo corrispondano alle sue parole. Ma ciò che mi sembra davvero misterioso è perché gli scienziati che consigliano il Governo sembrano essere stati assorbiti dalla moderata immunità di gregge come il solo modo per fare i conti con questo virus, ed abbiano abbondantemente trascurato la possibilità che il contenimento potesse essere fatto funzionare.

Una gestita immunità di gregge e in più le preoccupazioni sui comportamenti

Non è un tema soltanto del Regno Unito. L’immunità di gregge, assieme con un limitato e raccomandato distanziamento sociale, è la strategia che è stata provata in Svezia, a seguito dei consigli del suo principale epidemiologo. Anche là è controversa, con molti altri scienziati che si sono pronunciati contro questa strategia, e con una mortalità in Svezia ben superiore di quella in altri pesi nordici.

La logica delle tesi dell’immunità di gregge è stata illustrata in un dibattito molto interessante su Channel 4 il 13 marzo. Partecipavano John Edmunds, un epidemiologo e componente del SAGE  [1], e Tomas Pueyo. Entrambi sembravano concordare che una qualche forma di blocco è necessaria per evitare che il servizio sanitario sia sommerso, con il dissenso su quanto rapidamente fosse necessario, ma alla fine sembravano entrambi d’accordo con il principio dell’immunità di gregge.

Perché non imporre un blocco prima che sia scoperto un vaccino? Di può anche realizzare un’immunità di gregge con un vaccino, senza che muoiano centinaia di migliaia di persone. Se non ci fosse alcun costo in un blocco, ed esso potesse essere imposto con successo per un anno o più, la strategia ottimale sarebbe chiaramente imporre un blocco il più rapidamente possibile e mantenerlo finché non arriva il vaccino. Ovviamente un blocco di quella durata sarebbe molto costoso, ma la ragione che Edmunds ha fornito nel dibattito per non farlo è stata che le persone smetterebbero di osservarlo. Questo è l’elemento “comportamentale” del racconto al quale ho fatto riferimento.

L’elemento comportamentale è cruciale per la ragione seguente. Anche se non avesse successo, il contenimento potrebbe permettere la seguente strategia. Si comincia con il contenimento (come noi abbiamo fatto), passando al blocco totale quando il contenimento sta evidentemente fallendo, e una volta che il blocco ha portato il numero dei casi al minimo, lo si abbandona e si ritorna al contenimento. Questo accendere e spengere l’economia potrebbe portarci sino a quando un vaccino venga prodotto in grandi quantità. A confronto con l’immunità di gregge avremmo quasi certamente provocato meno morti senza costi economici troppo superiori.

Per respingere questa soluzione occorre una convinzione piuttosto ferma che per l’autunno la gente diverrebbe così stanca dei blocchi, che qualsiasi cosa il Governo facesse ci sarebbe, in inverno, una epidemia incontrollata, con un risultato per il Servizio Sanitario Nazionale peggiore di quello che si potrebbe ottenere con l’immunità di gregge. Da dove venga questa convinzione non lo so, e neppure lo sapremo finché la pandemia non finisce, dato che il Governo ha rifiutato di pubblicare i consigli scientifici che avrà ricevuto sino ad allora. Si potrebbe pensare che questo assunto comportamentale possa dipendere in parte dal sostegno economico che le persone venissero ricevendo, ma per quanto ne so nessun dirigente del Tesoro o altri economisti erano coinvolti. Nello stesso modo in cui non erano coinvolti sociologi.

E a questo punto che la politica e la scienza interagiscono. Secondo i resoconti, John Edmunds, parlando con i giornalisti della agenzia Reuter, ha detto: “Noi abbiamo messo in atto interventi più leggeri perché nessuno pensava che sarebbe stato politicamente accettabile chiudere l’intero paese”. Ha aggiunto: “Non abbiamo fatto un modello perché non sembrava che fosse nell’agenda. Ed anche l’Imperial [2] non l’ha esaminato”.

Questo è un terreno pericoloso per ogni scienziato. Uno scienziato che chiude un occhio credendo che qualcosa non sia ‘nell’agenda’ somiglia ad un politico che dice che nessuno ci ha parlato di questa alternativa.

Una volta che coloro che consigliano il Governo hanno creduto che i blocchi fossero esclusi dall’agenda o fossero troppo fragili a causa della risposta comportamentale, la strategia del Governo comincia ad avere più senso. Si prova il contenimento [3], perché il contenimento sarebbe la soluzione migliore, pur dubitando che senza qualche forma di distanziamento sociale o misure simili è improbabile che funzioni, ma non si vogliono imporre quelle misure per ragioni comportamentali. Poi ci si sposta verso una immunità di gregge ‘gestita’, nella quale si cerca di imporre modeste restrizioni con le quali si possa farla franca, ancora per ragioni comportamentali, in modo tale che il Servizio Sanitario resta sopra il pelo dell’acqua.

La strategia in azione  

Il 9 di marzo, durante la fase del contenimento, secondo la Reuters: “Johnson ha resistito a misure stringenti, dicendo che stava seguendo il consiglio degli scienziati consulenti del governo”. Egli ha asserito, il 9 di marzo: “Stiamo facendo tutto quello che possiamo per combattere questa epidemia, basandoci sui piu recenti consigli scientifici e sanitari”. In effetti, il Gruppo di Consulenza Scientifica per le Emergenze (SAGE) del Governo, quel giorno aveva raccomandato, senza alcun dissenso registrato nella sua sintesi, che il Regno Unito respingesse un blocco del tipo di quello della Cina. SAGE aveva deciso che “sarebbe ideale mettere in atto un complesso sottordinato di misure”, secondo una registrazione delle sue conclusioni. Misure più dure potevano creare “una seconda ampia ondata dell’epidemia una volta che le misure fossero revocate”, aveva detto SAGE.

Se questo fosse un punto di vista unanime è oggetto di discussione da parte di Lawrence Freedman, che sostiene che alcuni membri fossero favorevoli a qualcosa di più simile al blocco di Wuhan.

Quindi il 10-13 marzo le corse dei cavalli all’ippodromo di Cheltenham andarono avanti. Ci sono adesso le prove di una concentrazione di di casi id COVID nell’area dell’ippodromo di Cheltnham. Ad altri eventi sportivi venne consentito di andare avanti. Mentre questa sembra una trascuratezza se la vostra preoccupazione è ridurre le morti, se pensate che l’immunità di gregge è la sola possibilità e volete rinviare un blocco anche solo parziale più a lungo possibile, essa acquista un senso. Il 12 marzo il contenimento terminò, e nella sua prima conferenza stampa sul COVID il Primo Ministro disse che “molte altre famiglie perderanno i loro cari congiunti prima del tempo”. In quel momento i test sono limitati agli ospedali.

Tuttavia nello stesso tempo l’Imperial College produsse una nuova analisi suggerendo che ulteriori misure fossero necessarie per evitare che il Sistema Sanitario Nazionale andasse in crisi. Questo fu il “mutamento di opinione della scienza”, secondo la BBC. In realtà era ancora la strategia di un’immunità di gregge gestita. Secondo il resoconto di Freedman: “Adesso, su iniziativa dello studio dell’Imperial, il consiglio del 16 marzo da parte del sottogruppo sul campo del gruppo di Modellazione Scientifica dell Pandemia Influenzale (SPI-M-O) era notevolmente diverso nel tono da una settimana prima. Le misure concepite all’inizio – isolamento caso per caso, isolamento delle famiglie e distanziamento sociale dei gruppi vulnerabili – diventava adesso ‘improbabile che impedis(sero) che le strutture assistenziali fondamentali vengano sommerse’. Si doveva adesso tentare ogni cosa, incluso un ‘distanziamento sociale generale e la chiusura delle scuole’, che offrisse la migliore possibilità di un controllo della malattia”.

Ma era davvero questo il cambiamento di opinione della scienza? L’articolo di Reuters dice: “Quello che permise all’Inghilterra di modificare i suoi indirizzi, ha detto Edmunds, fu un blocco in Italia che ‘aprì lo spazio della politica’, assieme a nuovi dati. Arrivò perr primo un articolo da parte della squadra della London School dello stesso Edmunds che esaminava i blocchi intermittenti, spedito al comitato per la modellazione l’11 marzo e validato dalla Università di Edimburgo. Seguì la ricerca di Ferguson revisionata dall’Imperial. Woolhouse, il professore di Edimburgo, ha confermato la sequenza. Edmunds disse che questi nuovi studi assieme dimostravano che se il governo inglese avesse imposto un lungo periodo di misure più dure, forse periodicamente rilassato, allora la dimensione dell’epidemia avrebbe potuto essere sostanzialmente ridotta.

Quello che era cambiato era la politica, che si era “aperta” alla strategia alternativa dei blocchi intermittenti che ho descritto all’inizio di questo post. Era inevitabile che la politica cambiasse. Ho notato prima che Chris Giles ha commentato che la strategia dell’immunità di gregge era incoerente nel tempo: una volta che le morti fossero cominciate a crescere e le persone avessero visto che la pandemia travolgeva altri paesi, i politici sarebbero stati indotti a cambiare strategia. Ma Johnson resta molto riluttante a farlo. Come scrisse un articolo del New England Journal of Medicine sulle misure introdotte il 16 marzo: “Le persone dovrebbero se possibile lavorare da casa, ma era in larga parte lasciato ai datori di lavoro decidere. Vago. Chiunque fosse ultrasettantenne veniva consigliato di evitare ‘contatti sociali non essenziali’. Ancora vago. Il Governo ‘prendeva con enfasi le distanze’ dagli assembramenti di massa, ma anche questi non sono stati ancora proibiti (e non lo sono ancora). Il dire e il non dire britannico era in piena oscillazione – ai cittadini, alle imprese ed alle case di riposo veniva chiesto di leggere tra le righe e di andare oltre la esplicita politica del Governo. Il padre del Primo Ministro annunciò che sarebbe andato al pub se avesse voluto, dal momento che essi avevano bisogno di clienti”.

Abbiamo dovuto aspettare il 23 di marzo perché venisse imposto l’attuale blocco, che ha sostituito il consiglio con qualcosa di molto più forte. Il Presidente francese minacciò di chiudere i propri confini con il Regno Unito se questo non fosse stato fatto. Come notai nel post della scorsa settimana sul blog, i 10 giorni di ritardo tra la fine della fase del contenimento e il pieno blocco probabilmente sono costati la maggior parte delle vittime nel Regno Unito. Non penso che la distanza tra il consiglio tenue (16 marzo) e l’attuale blocco (23 marzo) possa essere attribuita agli scienziati.

Quali errori hanno fatto gli scienziati

Quanto di tutto questo è responsabilità dei consigli degli scienziati al Governo? Certamente hanno fatto errori, tre in particolare. Il primo fu il fatto che NERVTAG [4], a metà febbraio, considerasse il livello della minaccia moderato, cone la sola obiezione dei Edmunds. In questo modo non si è trasmessa al Governo l’urgenza della situazione. Il secondo, sopra ricordato, è stato che gli scienziati si sono attenuti ad una agenda che sembrava escludere un blocco, o che altri scienziati pretendevano di sapere con assoluta certezza che i blocchi non potevano essere sostenuti a lungo. In questo caso, Cummings che prese parte all’incontro non aiutò. Le persone che dicono che la sua presenza non ebbe alcun effetto sulle altre persone presenti all’incontro, quando le sue iniziative potevano potenzialmente colpire molte di quelle persone, non mostrano molta fantasia.

Il terzo, e di gran lunga il più importante, è stata l’incapacità di comprendere che il contenimento, se preso sul serio, era una alternativa all’immunità di gregge o ai blocchi totali. Paesi dell’Asia Orientale come la Corea del Sud indicano che quella alternativa, se messa in atto appropriatamente e con le misure di sostegno, per qualche tempo può funzionare. Se fanno test solo alle persone che possono avere il virus e se si tracciano i loro contatti nel periodo in cui sono state infette, si isolano sia loro che i loro contatti. L’esperienza sud-coreana suggerisce che utilizzando questa strategia si può persino abbassare numeri altissimi di casi. Il professor Ferguson ora concorda che è questo il paese dal quale imparare.

Finché, entro due anni, non arriva un vaccino, questa è una strategia che vi può permettere di attraversare un periodo senza vaccino con molti meno casi e morti che non con l’immunità di gregge. Queta opzione è emersa ne dibattito su Channel 4 che ho menzionato sopra, ma Edmunds l’ha liquidata come se fosse stata provata e fosse fallita nel Rengo Unito. Nel Regno Unito questa fase non è riuscita a fermare il numero dei casi giornalieri in aumento.

Una delle lezioni dai paesi con strategie di test, tracciamenti e isolamenti (TTI) è quella di escludere molto rapidamente i viaggi dalle aree infette, o di imporre l’isolamento obbligatorio per i viaggiatori in arrivo (uno di questi paesi, Taiwan, haun epidemiologo come Vice Presidente, il che dimostra proprio che non tutti gli epidemiologi, o neanche la maggioranza, credono nell’immunità di gregge). Il Regno Unito non è riuscito a farlo durante la fase del contenimento. In aggiunta, dato che le app di tracciamento basate sui telefoni mobili sono estremamente utili nel tracciare con quali persone si è stati in contatto, il Regno unito non le aveva durante la sua fase di contenimento. Ma più in generale, forme leggere di distanziamento sociale possono essere usate per contribuire a far funzionare il TTI. Fermare ampi assembramenti come le corse all’ippodromo di Cheltenham è un esempio evidente. Si può porre in un altro modo lo stesso argomento. Il Regno Unito non ha fatto niente per contribuire a far funzioanre la fase di contenimento: é dipeso dalla politica o dalla assenza di consigli da parte del gruppo degli scienziati consulenti?

Se il TTI fallisce, come ad esempio è accaduto s Singapore, allora i governi hanni bisogno di imporre rapidamente un blocco. Questo non è un rovesciamento di una strategia di immunità di gregge, ma solo una misura richiesta per abbassare i casi sino ad un livello nel quale il TTI possa nuovamente funzionare. Persino se il TTI dovesse essere accompagnato da blocchi temporanei, esso comporterebbe molte meno morti di quante ne provoca l’immunità di gregge o il “far surriscaldare il sistema sanitario”, per una semplice ragione matematica.

Questi fallimenti da parte degli scienziati nel consigliare il Governo, se non fossero stati influenzati politicamente, avrebbero scagionato i politici? Assolutamente no. La maggioranza dei politici, essendo stati consigliati che il solo modo sicuro era rispondere lasciando che centinaia di migliaia di persone perissero (come gli è stato detto nel Regno Unito), certamente avrebbero voluto essere assolutamente sicuri che non c’era davvero alcuna alternativa. Avrebbero dovuto porre domande fondamentali, come se ci fossero altri paesi che stavano facendo lo stesso, o se ci fossero esempi di paesi che avevano scelto un approccio diverso e meno letale. Gli scienziati non avrebbero distolto i ministri da quello che la Cina e la Corea del Sud stavano facendo, ed è improbabile che avrebbero detto che l’esperienza di questa paesi non aveva alcun rilievo.

Se il nostro Governo l’avesse fatto, sono abbastanza certo che avremmo avuto un contenimento con maggiore impegno in termini di viaggi internazionali sotto controllo, di divieto degli ampi assembramenti e altro ancora. L’immunità di gregge non sarebbe stata nell’agenda e un blocco sarebbe stato imposto prima. Probabilmente, la maggioranza di coloro che sono morti sarebbe ancora con noi. La ragione per la quale abbiamo fatto il contenimento senza convinzione, senza il sostegno del distanziamento sociale o i controlli alle frontiere, è stata che i politici erano tutto sommato soddisfatti di una strategia che avrebbe avrebbe comportato un gran numero di vittime.

Siamo al punto in cui siamo perché l’attuale Primo Ministro ed alcuni nel suo Gabinetto, persino dinanzi alle previsioni di centinaia di migliaia di morti, erano troppo tranquilli nel non fare niente, nel considerarlo ineluttabile, e troppo spaventati a decidere un taglio alle libertà economiche ponendo quesiti sui consigli che ricevevano. È stata la stessa lentezza ad agire, più che tutto quello che proveniva da ciò che dicevano gli scienziati, che ha portato alle previsioni inadeguate forniture di equipaggiamenti di protezione personale (PPE), o ad aspettare sino alla metà di marzo per invocare i ventilatori o avanzare richieste ai laboratori di assistenza nella attività dei test.

Cosa accadrà prossimamente

Sembrano esserci ancora punti di vista divergenti all’interno del Governo su quanto rapidamente il blocco debba essere attenuato, dove per attenuare intendo permettere che più persone siano contagiate dal Covid-19. Non ci dovrebbe essere alcuna discussione. Si deve abbattere il più rapidamente possibile il numero dei casi ad un livello nel quale si possa essere ragionevolmente certi che il regime del TTI possa funzionare. L’attuale blocco deve continuare finché non si raggiunge quel punto, e in aggiunta una sorta di sistema di quarantena deve operare su chiunque entri nel paese.

A quel punto, il sistema del TTI può cominciare ad operare (i primi test dovrebbero spianare ogni difficoltà iniziale). Soltanto quando questo sistema sarà stato operativo per un tempo sufficiente per constatare che sta chiaramente funzionando, potremmo cominciare ad attenuare il blocco. Ma queste attenuazioni nei blocchi devono essere fatte un passo alla volta, e in ogni caso dobbiamo assicurarci che il TTI possa ancora funzionare con successo.

 

 

 

 

 

 

[1] Dovrebbe essere l’acronimo di: Strategic Advisory Group of Experts, un organismo di consulenza strategica della Organizzazione Mondiale della Sanità. Ma sembra che sia lo stesso nome di un analogo organismo di consulenza del quale si avvale il Governo inglese.

[2] L’Imperial College di Londra è una università con la missione specifica di fornire alla società servizi di eccellenza nella scienza, nell’ingegneria, nella medicina e nell’economia. Nella crisi del Covid-19, soprattutto agli inizi, si è spesso fatto riferimento ad uno studio dell’Imperial College sui possibili sviluppi della pandemia.

[3] Mi pare evidente che in tutto l’articolo il termine “contenimento” significa una forma non drastica di regolamentazione, in sostanza basata su consigli ai cittadini e su proibizioni di comportamenti caratterizzati da rischi esagerati. Il ‘contenimento’ dunque è una strategia diversa dalla politica dei ‘blocchi’ (lockdowns) che è stata messa in atto in Italia e in gran parte dell’Europa, con la chiusura di fabbriche, scuole, trasporti pubblici etc. Ma è anche una strategia diversa dalla sostanziale attesa della “immunità di gregge” che è sostanzialmente stata perseguita in tutta la prima fase nel Regno Unito, ad esempi consentendo i grandi eventi sportivi (e, non secondario, inviando ai cittadini messaggi sulla ineluttabilità di elevati bilanci delle vittime).

[4] Acronimo di New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group (Gruppo di consilenza del Governo per le minacce del nuovo ed emergente virus respiratorio).

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"