Altri Economisti » Selezione della Settimana

Perchè i media nel Regno Unito e negli Stati Uniti sono andati oltre il “consenso precostituito” e perché questo ha portato ad una guerra nei resoconti sul Covid-19, di Simon Wren-Lewis (da Mainly Macro,, 6 maggio 2020)

 

 

Wednesday, 6 May 2020

Why the media in UK and US has moved beyond manufacturing consent, and why that has led to a war about reporting COVID-19

Simon Wren-Lewis

zz-228

Manufacturing Consent: The Political Economy of the Mass Media was a book published by Edward Herman and Noam Chomsky in 1988. From my point of view the key idea behind MC was that media organisations select the news and opinion that they show to viewers in a way that supports the existing economic, social and political system. This could be summed up as saying the mainstream media (MSM) is not subversive.

The book talks about the “propaganda model for manufacturing consent” as involving various elements: the ownership structure and for profit goal, the importance of advertising, the importance of particular news sources, sensitivity to organised criticism, and organising filters like the cold war or terrorism. So, for example, in my idea of mediamacro you see the importance of City economists as a ready source of instant comment on market events, which in turn influences how macroeconomics is interpreted.

As Chomsky famously said to Andrew Marr in a well known 1996 interview, Marr does not himself filter news in the way described above. He is chosen so he does it without thinking. Chomsky said “… what I’m saying is that if you believed something different, you wouldn’t be sitting where you’re sitting.” I think from today’s perspective their use of the term propaganda to describe this and other mechanisms is unfortunate. With pure propaganda people report not what they see but what those in charge want them to write.

You can see manufacturing consent operating when particular politicians attempt to challenge the current system in some way, like Sanders and Corbyn for example. In the UK the broadcasters tended to see Corbyn as a (perhaps dangerous) outsider, and treated him a bit like you would treat any interloper. When the US MSM turned against Sanders, particularly when it looked like he was going to win, their reasoning may have been genuine (a classic ‘success comes from being in the middle’ model) but it was overwhelming.

I used to call the UK broadcasters, alongside papers like the Financial Times or Guardian, non-partisan but I now think that term is misleading. After all in both the US and UK papers and TV channels are often slanted to one side of the political divide. A better term to use, following the discussion above, is the manufacturing consent media (MC-media).

The point I want to make here is that in the UK and US we have moved well beyond manufacturing consent. What is new is that they are now joined by what I will call the directed propaganda (DP) media, which includes Fox News in the US and most of the right wing press in the UK. DP-media provides biased and misleading information, or sometimes straight lies, that support a political viewpoint.
Thus the MSM is made up of the MC-media and the DP-media. A directed propaganda (DP) organisation will choose to distort news such that it becomes pure propaganda for one particular party or viewpoint. A MC-news outlet will report what it sees as the truth, but with an emphasis that comes from its political position. A DP outlet will splash a story about a scientist’s love life to avoid a front page about the UK having worst death toll from COVID-19 in Europe. These DP-media outlets started off as very slanted MC-media, but have in recent years shifted to contain a large proportion of propaganda.

The distinction is not clear cut, but it is obvious from various examples. Consider the current COVID-19 pandemic. President Trump at one point decided that reporting of it in the MC-media was fake news, a hoax perpetrated by the Democrats. This was obviously complete nonsense and no reputable member of the MC-media pretended otherwise. Fox News (or strictly most of it) took up Trump’s theme. We have preliminary evidence that it influenced listeners at their own peril.

In the UK the Sun, Mail and Telegraph have treated Johnson’s illness with COVID and subsequent recovery, together with the birth of yet another Johnson child, in a manner that would not be out of place in North Korea. When the health minister fiddles the figures to achieve a target, the DP-media asks no questions. (As Alastair Campbell writes, it was very different for a Labour government, but he is wrong that this is down to luck.)

Perhaps I can put the distinction as follows. MC media is about filtering out news or opinion that challenges the system. DP outlets filter news that challenges a particular party or viewpoint within that system, and is happy to report lies that support its position.

Why do I call it directed-propaganda? Why not (when the favoured party is in power) state-media, or right wing media (there are no left wing DP outlets in the MSM)? The reason is that DP-media is a reliable supporter of the government of the right nearly all of the time, but not in all circumstances. It has a mind of its own, or rather the mind of the owner who directs it (hence directed propaganda). The most obvious example was Brexit, where the DP media in the UK effectively replaced one right wing administration with another that shared its own view on Brexit. For the Sun and Telegraph in particular, the current UK government is its government.

If that seems quite an achievement, it required help from the MC-media. In the UK the broadcast media had strict codes of balance, even if it meant balancing knowledge with lies. In the US during the election where Trump became president the MC-media had more stories about the mistakes of Clinton rather than Trump.

Both Brexit and the election of Trump were pivotal moments for both countries, because it showed us in no uncertain terms the power of the DP-media. It was, after all, a moment where anyone with a will to see understood that we were embarking on a path that would harm everyone except for a minuscule minority who would benefit. I think too many on the left miss this, partly because of internal divisions over Brexit on the left, but also because it is hard for those who have been blinded by the light to pick out shades of grey. (I’m writing this after arguing with a few on the left who cannot see why they should vote for Biden against Trump.)

Which brings us to a recent battle in the UK between these two media. Journalists who work for the DP-media are attacking some in the MC-media for not ‘joining in the national effort to defeat COVID-19′, by which they mean providing utterly uncritical support for actions that are in reality a national scandal. Their main target at one point was the Financial Times, which was subject to the ultimate insult in certain quarters as being as bad as the Guardian.

In the middle of this is the BBC, which at times of crisis has often become the de-facto state broadcaster. More recently there are some signs of it being more independent. When Emily Maitlis attacked the idea that COVID-19 was a great leveler, she received some criticism, but not too much because Newsnight does not appear on the BBC’s most popular channel. In contrast the Panorama programme does, and when it did a very good investigation into the failure to provide doctors, nurses and care home workers with sufficient protective equipment, this received extensive criticisism by the DP-media and the government.

The BBC is an important check on DP-media in the UK, because most people who read the right wing press also watch the BBC. This is why the current government, in place because of the efforts of the DP-media, initially proposed to attack the way the BBC was financed as a way of diminishing the organisation. Although many on the left are deeply unhappy about the BBC because of its MC-media type bias against Corbyn, it remains an important bulwark against the power of the DP-media.

Amartya Sen notes that a free press meant less deaths during a famine, and as I argue here a critical media helps governments reverse obvious errors. The failure of the UK media to criticise the government’s initial herd immunity strategy indicates the limitations of a free press in the UK. However at least the MC-type media in the UK have begun to acknowledge the government’s error in retrospect, which is the reason for the recent attacks against it by those in the DP-media. The foundation of this attack is that the public were losing trust in journalism because it was being critical.

This was a classic DP-media made up story. Real fake news if you like. In this Reuters Institute study, broadcasters top a poll for the institutions that have done the best job during the pandemic, closely followed by the Guardian. In contrast the organisations that have been most uncritical towards the government, the Telegraph and Sun, get negative ratings. And even more interesting is this study, which suggests viewers want more critical coverage, not less.

There is a good reason for this attempt to make publishing data or criticism appear unhelpful or even unpatriotic. While the Financial Times maintains constant coverage of the number of deaths in major countries, the BBC does not. There is some evidence that most people think deaths have been higher in China and France than the UK. If knowledge about the UK’s relative death rate became widespread, coupled with the government’s failure to adequately protect NHS and care staff, the damage to this government – the DP-media’s government – would be for a time at least very large.

 

Perchè i media nel Regno Unito e negli Stati Uniti sono andati oltre il “consenso precostituito” e perché questo ha portato ad una guerra nei resoconti sul Covid-19,

di Simon Wren-Lewis

 

“Il Consenso Precostituito [1] : La Politica Economica dei Mass Media”, era il titolo di un libro pubblicato da Edward Herman e da Noam Chomsky nel 1988. Secondo me l’idea principale del Consenso Precostituito era che le agenzie dei media selezionano le notizie e le opinioni che mostrano ai loro osservatori in modo da sostenere il sistema economico, sociale e politico esistente. In una parola, sarebbe come dire che i media convenzionali non sono sovversivi.

Il libro parla del “modello propagandistico per il consenso precostituito” come qualcosa che include vari elementi: la struttura proprietaria e il fine del profitto, l’importanza della pubblicità, l’importanza di particolari nuove fonti, la sensibilità alla critica organizzata e alla organizzazione di filtri come la guerra fredda o il terrorismo. Così, ad esempio, nella mia idea della macroeconomia dei media potete constatare l’importanza degli economisti della City come fonte disponibile di commenti istantanei sugli eventi del mercato, che per suo conto influenza le interpretazioni della macorconomia.

Come notoriamente Chomsky disse in una famosa intervista a Andrew Marr [2] nel 1996, lo stesso Marr non filtrava le notizie nel modo sopra descritto. Era scelto per farlo senza pensarci. Disse Chomsky “… quello che intendo è che se lei credesse in qualcosa di diverso, non sarebbe seduto dove è seduto”. Penso che nella prospettiva odierna il loro utilizzo del termine propaganda per descrivere questo ed altri meccanismi sia infelice. Con la pura propaganda le persone non resocontano quello che vedono, ma quello che coloro che sono al potere vogliono che scrivano.

Potete osservare il “consenso precostituito” in funzione quando alcuni politici particolari tentano di sfidare in qualche modo il sistema attuale, come nel caso di Sanders e di Corbyn. Nel Regno Unito i presentatori televisivi hanno teso a considerare Corbyn come un estraneo e lo hanno trattato come si tratterebbe un qualsiasi intruso. Quando i media convenzionali [3] statunitensi si sono indirizzati contro Sanders, in particolare quando sembrava che fosse destinato a vincere, il loro ragionamento può essere stato sincero (secondo il classico modello “il successo deriva dallo stare nel mezzo”), ma era chiaramente eccessivo.

Ero solito definire le emittenti televisive nel Regno Unito, assieme a giornali come il Financial Times o il Guardian, come ‘non di parte’, ma adesso penso che quel termine sia fuorviante. Dopo tutto, sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito i giornali e i canali televisivi sono spesso orientati su un versante della politica. Un termine migliore da usare, seguendo il dibattito citato, è i ‘media del consenso precostituito” (MC-media).

La tesi che voglio qua avanzare è che nel Regno Unito e negli Stati Uniti ci siamo mossi ben oltre quel consenso precostituito. Il fatto nuovo è che adesso ci si è uniformati a quelli che chiamerei i media della ‘propaganda diretta’ (DP), che comprendono Fox News negli Stati Uniti e la maggioranza della stampa di destra nel Regno Unito. I media della ‘propaganda diretta’ forniscono informazioni tendenziose e fuorvianti, oppure talvolta aperte bugie, che sostengono un punto di vista politico.

Quindi i media prevalenti si compongono dei media del ‘consenso precostituito’ e dei media di ‘propaganda diretta’. Una agenzia di propaganda diretta sceglierà di distorcere le notizie in modo tale che diventino propaganda pura a sostegno di un partito o di un punto di vista particolare. Le agenzie informative del ‘consenso precostituito’ faranno resoconti su ciò che considerano la verità, ma con un’enfasi che deriva dalla loro posizione politica. Una agenzia di propaganda diretta sguazzerà sulla storia della vita amorosa di uno scienziato [4] per evitare una prima pagina sul Regno Unito che ha il peggiore bilancio delle vittime dal Covid-19 in Europa. Queste agenzie dei media della propaganda diretta hanno preso le mosse come media del ‘consenso precostituito’ molto tendenziose, ma negli anni si sono spostate sino a contenere ampie porzioni di propaganda.

La distinzione non è così netta, ma è evidente da vari esempi. Si consideri l’attuale pandemia del Covid-19. Il Presidente Trump ha deciso a un certo punto che i resoconti dei media del ‘consenso precostituito’ erano false notizie, una bufala perpetrata dai democratici. Era ovviamente del tutto insensato e nessun rispettabile membro dei media del ‘consenso precostituito’ fece finta che fosse una cosa diversa. Fox News (o la sua assoluta maggioranza) ha abbracciato il tema di Trump. Abbiamo prove di prima mano che ciò ha influenzato i suoi ascoltatori a loro rischio e pericolo [5].

Nel Regno Unito, Sun, Mail e Telegraph hanno trattato la malattia di Covid-19 di Johnson e la successiva ripresa, assieme alla nascita di ancora un altro figlio di Johnson, in una maniera che non sarebbe stata fuori luogo in Corea del Nord. Quando il Ministro della Salute falsifica i dati per realizzare un obbiettivo, i media della propaganda diretta non si pongono alcuna domanda (come scrive Alastair Campbell, andò molto diversamente ad un Governo del Labour, ma ha torto a pensare che ciò sia accaduto per mera fortuna).

Forse posso proporre la distinzione nel modo seguente. I media del ‘consenso precostituito’ riguardano il filtro su notizie o opinioni che sfidano il sistema. I media della ‘propaganda diretta’ filtrano notizie che sfidano un determinato partito o punto di vista dentro quel sistema, e sono lieti di riportare bugie che sostengono la sua posizione.

Perché la chiamo propaganda diretta? Perché non li chiamo media statali (quando il partito favorito è al potere), o media della destra estrema (non ci sono agenzie di propaganda diretta della sinistra tra i media principali)? La ragione è che i media della propaganda diretta sono un sostegno affidabile del Governo della destra quasi sempre, ma non in tutte le circostanze. Essi hanno una mentalità tutta loro, o meglio la mentalità di coloro che li posseggono (da qua il termine di propaganda diretta). L’esempio più evidente fu la Brexit, allorquando i media di propaganda diretta nel Regno Unito in realtà sostituirono una amministrazione di destra con un’altra che condivideva il loro punto di vista sulla Brexit. Per il Sun o il Telegraph in particolare, l’attuale Governo inglese è il loro governo.

Se quello sembra precisamente un risultato, esso ha richiesto il contributo da parte dei media del ‘consenso precostituito’. Nel Regno Unito i media televisivi hanno avuto stretti codici di equilibrio, anche se questo significava comparare la conoscenza con le bugie. Negli Stati Uniti, durante le elezioni nelle quali Trump divenne Presidente, i media del consenso precostituito avevano più racconti sugli errori della Clinton che su Trump.

Sia la Brexit che l’elezione di Trump furono momenti decisivi per entrambi i paesi, perché ci mostrarono in termini indubbi il potere dei media della propaganda diretta. Dopo tutto, fu un momento nel quale chiunque volesse vedere capiva che ci stavamo avviando su un sentiero che avrebbe danneggiato tutti, eccetto una minuscola minoranza che ne avrebbe tratto vantaggio. Penso che in troppi a sinistra questo sia sfuggito, in parte per le divisioni sulla Brexit interne alla sinistra, ma anche perché è difficile per coloro che sono stati abbagliati dalla luce distinguere le gradazioni del grigio (sto scrivendo questo articolo dopo aver discusso con alcune persone di sinistra che non riescono a vedere perché dovrebbero votare per Biden contro Trump).

Il che mi porta ad una recente battaglia nel Regno Unito tra questi due gruppi di media. I giornalisti che lavorano per i media della propaganda diretta stanno atttaccando alcuni dei media del ‘consenso precostituito’ perché non si uniscono allo sforzo nazionale per sconfiggere il Covid-19, con il che essi intendono il prestare un sostegno completamente acritico a iniziative che sono in realtà uno scandalo nazionale. Ad un certo punto il loro principale obbiettivo è stato il Financial Times, che in certi ambienti è deventato oggetto dell’estremo insulto di essere pessimo quanto il Guardian.

La BBC, che in tempi di crisi è spesso diventata una emittente statale, si colloca nel mezzo. Più recentemente, ci sono stati segni di una sua maggiore indipendenza. Quando Emily Maitlis ha attaccato l’idea che il Covid-19 fosse un grande livellatore, ella ha ricevuto critiche, ma non esageratamente, dato che Newsnight non appare sui canali più popolari della BBC. Vi compare invece il programma Panorama, e quando esso ha condotto un’ottima indagine sulla incapacità di fornire ai medici, agli infermieri ed ai lavoratori delle case per anziani di un equipaggiamento protettivo adeguato, ha ricevuto ampie critiche da parte dei media della propaganda diretta e del Governo.

La BBC, nel Regno Unito, è un importante fattore di freno dei media della propaganda diretta, giacché la maggioranza delle persone che leggono la stampa di destra guardano anche la BBC. Questa è la ragione per la quale l’attuale Governo, in carica per gli sforzi dei media della propaganda diretta, ha inizialmente proposto di attaccare il modo in cui la BBC veniva finanziata, allo scopo di minare la sua organizzazione. Sebbene a sinistra molti siano scontenti della BBC a causa del suo pregiudizio contro Corbyn sulla falsariga dei media propagandistici, essa resta un importante baluardo contro il potere dei media propagandistici.

Amartya Sen osserva che una stampa libera vuol dire meno morti durante una carestia, e come io sostengo in questo articolo (connessione nel testo inglese) i media critici aiutano il Governo a cancellare gli errori evidenti. L’incapacità dei media britannici di criticare la iniziale strategia dell’immunità di gregge indica i limiti della stampa libera nel Regno Unito. Tuttavia, almeno i media del ‘consenso precostituito’ hanno cominciato retrospettivamente a riconoscere l’errore del Governo, che è la ragione degli attacchi contro di essi da parte dei media propagandistici. La base di questi attacchi è stata che l’opinione pubblica stava perdendo fiducia nel giornalismo a causa delle sue posizioni critiche.

Si è trattato di un classico racconto inventato dai media propagandistici. Se preferite, vere false notizie. In questo studio della agenzia Reuters (connessione nel testo inglese), i giornalisti televisivi hanno ottenuto i migliori risultati in un sondaggio sulle organizzazioni che avevano fatto il miglior lavoro durante la pandemia, seguiti da vicino dal Guardian. All’opposto, le organizzazioni che erano state più acritiche verso il Governo, il Telegraph e il Sun, hanno ottenuto classificazioni negative. Ancora più interessante quest’altro studio (connessione nel testo inglese), che indica che gli spettatori vogliono un giornalismo più critico, non meno critico.

C’è una buona ragione per far apparire la pubblicazione dei dati non costruttiva o persino non patriottica. Mentre il Financial Times mantiene una informazione costante del numero delle morti nei principali paesi, la BBC non lo fa. Ci sono varie prove che la maggioranza delle persone pensino che le morti siano state più elevate in Cina e in Francia che nel Regno Unito. Se la conoscenza del tasso di mortalità relativo del Regno Unito fosse generalizzata, assieme alla conoscenza della incapacità del Governo di proteggere gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale e della assistenza, il danno per questo Governo – il Governo dei media propagandistici – sarebbe almeno per una volta molto ampio.

 

 

 

 

 

[1] “Manufacturing consent” significa  letteralmente: “Fabbricare il consenso”, ovvero “il consenso che si fabbrica a mano (artatamente)”, “il consenso [pre]fabbricato/[pre]costituito”.  L’inversione tra verbo e sostantivo mi pare preferibile, visto che nell’articolo l’espressione si accompagna sempre a “media”, con il valore di una aggettivazione. Ed anche perché l’articolo insiste diffusamente sul fatto che il “prefabbricare/precostituire” non significa necessariamente ‘manomettere’ – diciamo un volontario preconfezionamento propagandistico – ma piuttosto un “attingere ad un complesso di verità indiscusse”, alle quali si aderisce quasi istintivamente, producendo oggetti di diffusione di massa. I media del consenso “precostituito” sono presentati, insomma, come un fenomeno distinto dalla propaganda pura e semplice. Anche se spesso gli uni sono complici degli altri.

Stante il carattere un po’ criptico del soggetto, ho evitato di utilizzare i vari acronimi che Wren-Lewis utilizza e li ho sempre tradotti per esteso (MC-Media=media del consenso precostituto; DP-Media=media della propaganda diretta, media propagandistici; MSM=media convenzionali, o prevalenti).

[2] Andrew William Stevenson Marr è un commentatore politico e conduttore televisivo scozzese. Iniziando la sua carriera come commentatore politico, ha successivamente curato il quotidiano The Independent ed è stato editore politico di BBC News. (Wikipedia)

[3] Credo che MSM sia un termine collettivo per “Mainstream media”, e non una sigla di una particolare emittente.

[4] Questa è cronaca di questi giorni. Grande interesse per le dimissioni di uno scienziato che anziché “stare a casa” pare facesse visite alla sua amata, evento che ha fortunosamente consentito di evitare di dare adeguata notizia del picco di mortalità provocato dalla (iniziale) teoria sulla immunitò di gregge del Governo britannico.

[5] Il riferimento è ad una ricerca apparsa su Vox che mostra come una trasmissione televisiva di Fox News con il conduttore Sean Hannity, di toni apertamente ‘negazionistici’, si è accompagnata a comportamenti sanitariamente impropri (mancato distanziamento sociale, ad esempio) e alla fine ad indici di infezione e di letalità superiori di altre aree influenzate da opinionisti inclini a rispettare le valutazioni scientifiche.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"