Altri Economisti » Selezione della Settimana

Chiudere troppo tardi e porre fine alle chiusure troppo presto, di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Macro, 9 giugno 2020)

 

Tuesday, 9 June 2020

Locking down too late but ending lockdown too early

Simon Wren-Lewis

zz-228

The major reason we have one of the highest death rates as a result of the coronavirus pandemic is that Johnson/Cummings had an intense aversion to imposing a lockdown, and an unusual disregard for human life. Any decent politician, after being told at the end of February that 500,000 of their citizens might die, would have moved heaven and earth to stop that happening. Anyone watching the recent Despatches documentary would have heard about scientists worrying about how to stop the pandemic, with little pressure from politicians to do so. It may have been an ultimatum from French president Macron that finally forced Johnson/Cummings to enact a full lockdown on March 23rd.

Unfortunately the same factors that delayed a lockdown have led Johnson/Cummings to relax the lockdown too early, when the number of infections was still pretty high. This is partly because in the circles that Johnson/Cummings move, the recession that the pandemic has created is associated with the lockdown rather than the pandemic. Free the economy by ending the lockdown, they cry. Some practice what they preach, in the sense that they ignore the lockdown rules. One of these people was Cummings himself, which is the second reason why the UK lockdown is being relaxed too quickly.

This is a tragic error, not just because it will lead to yet more deaths but also because it will delay any economic recovery. As I explained in a Guardian article, any recovery will be severely limited if new infections per day remain high. While we often focus on the irresponsible minority, the majority of people are cautious, and do not want to risk catching the virus. They are going to stay away from shops as much as possible, and will certainly not go back to pubs and restaurants, or public transport if they are able to avoid it.

The idea that there is a trade-off between protecting the economy and protecting people’s health is not only wrong, it is also dangerous. It encourages politicians to relax the lockdown too early, which risks reducing the speed at which the number of new infections fall, or even stabilising infection rates at too high a level. Below is data for the number of COVID-19 admissions to hospital, that is shown in the government’s daily briefing.

zz 877

It is probably the best indirect measure we have for the path of new infections over time, with a lag of 2-3 weeks. (The problem with data on the number of people tested is that it depends on how easy it is to get tested, which has varied greatly over time.) This seems reasonably consistent with the Cambridge/PHE Joint Modelling Team’s estimates that currently there are around 17,000 new infections every day.

The worrying aspect of this data is that it seems to be levelling off, which is another way of saying that R is getting close to 1. This also accords with Cambridge/PHE Joint Modelling Team’s estimates of regional R values. They note “There is some evidence that Rt has risen in all regions and we believe that this is probably due to increasing mobility and mixing between households and in public and workplace settings”.

All this is important not because we might see ‘a second peak’. It is important because it means that the number of new infections is declining very slowly, which in turn means that most people will not return to previous patterns of ‘social consumption’. That in turn means that there cannot be a complete recovery. We do not know at what level of daily infections people will be happy to resume social consumption, but it is bound to be well below 17,000. The difference between R=0.8 and R=0.9 in getting to that much lower number of infections is measured in months, as is the difference between R=0.9 and R=0.95. We are relaxing lockdown at much higher levels for daily new infections compared to Italy, France and Germany.

Relaxing the lockdown might (I stress might) be justified if there was a tried and tested alternative mechanism to suppress R. That mechanism does exist: a well functioning and comprehensive track, trace and isolate (TTI) infrastructure. Yet the government still attempts to gaslight journalists with a launch of the new Serco led, “world beating” TTI regime at the beginning of June, that we now learn will not be fully operational until September or October. Quite how Serco sold that to ministers/Cummings we can only guess. Scaling up existing local authority teams would have been both quicker and more effective, but is contrary to this government’s ideology and the interests of those who fund it.

It seems clear that many/most of the scientists advising the government also think lockdown is ending too quickly. The alert level remains at 4, despite Johnson/Cummings’ wishes. As Rafael Behr put it, “Johnson’s relationship with science has gone the way of most of his relationships.” Yet this divergence does not seem to worry him and those around him at all, which is a bit odd for a government that kept claiming they were following the science.

I should resist the temptation to suggest that all this is obvious. When I modeled the economic impact of a pandemic I was surprised at how much of aggregate consumption was social. It isn’t just pubs, restaurants and tourism, but large parts of recreation, culture and transport. These sectors make up over a third of consumption. Even the demand for clothing may decline if there are no parties to go to. The pandemic creates a huge demand shock even without any lockdown measures like school closures.

That is why many better-off households have been saving much more during the pandemic. The certain way to get a recovery is to release those savings, by creating the conditions for social consumption to resume. That in turn means getting daily infections down substantially by not relaxing the lockdown too soon. As the Faculty of Public Health writes “Like everyone else we are longing for restrictions on our lives to be lifted. But evidence from around the globe shows that the way to achieve this is not to merely suppress covid-19, but to systematically reduce its incidence.”

In other words there is no trade-off between public health and the economy: better public health (less COVID-19 infections) is the sure way to a substantial recovery. The idea that we have to lift the lockdown for the sake of the economy is the new austerity. With austerity it was about how we had to get the deficit down, in order to have a sound economy. Now it is that we have to end the lockdown, in order to free the economy. In both cases it was the opposite of the truth. In both cases lives were unnecessarily lost. In both cases the recovery was blunted.

Could we get a similar recovery by some other means, such as a large fiscal stimulus? The short answer is no. Because social consumption is such a large proportion of the total, you would need a ridiculously large increase in spending in other sectors even to come close to substituting for that loss. The only reason why you would contemplate not doing the first best option, getting infections down, is because your ideology is screwing your common sense. Which is a pretty good description of how this government has dealt with this pandemic so far.

 

 

Chiudere troppo tardi e porre fine alle chiusure troppo presto,

di Simon Wren-Lewis

 

La ragione principale per la quale abbiamo uno dei più alti tassi di mortalità del coronavirus è che Johnson e Cummings [1] hanno avuto una intensa contrarietà ad imporre le chiusure e un inconsueto disprezzo per le vite umane. Ogni politico decente, dopo che gli fosse stato detto alla fine di febbraio che 500.000 suoi cittadini sarebbero morti, avrebbe smosso il cielo e la terra per impedire che avvenisse. Chiunque ha visto il recente documentario di Dispatches [2] ha potuto sentire gli scienziati preoccupati su come fermare la pandemia, mentre da parte dei politici c’era poca sollecitazione a farlo. Pare sia stato un ultimatum da parte del Presidente francese Macron che alla fine ha costretto Johnson e Cummings a disporre una completa chiusura il 23 di marzo.

Per disgrazia, gli stessi fattori che hanno procrastinato la chiusura hanno indotto Johnson e Cummings ad attenuarla troppo rapidamente, quando il numero delle infezioni era ancora abbastanza alto. Questo in parte è dipeso da fatto che negli ambienti che condizionano Johnson e Cummings, la recessione che ha creato la pandemia è associata con la chiusura, piuttosto che con la pandemia stessa. Liberate l’economia mettendo fine alle chiusure, strepitano. Alcuni praticano le loro prediche, nel senso che ignorano le regole delle chiusure. Una di queste persone è stato lo stesso Cummings, che è la seconda ragione per la quale il blocco nel Regno Unito è in corso di attenuazione troppo rapidamente.

Si tratta di un tragico errore, non solo perché porterà ad ancora più numerose morti, ma anche perché ritarderà ogni ripresa dell’economia. Come ho spiegato in un articolo sul Guardian, ogni ripresa sarà gravemente limitata se le infezioni giornaliere restano elevate. Mentre spesso ci concentriamo su una minoranza di irresponsabili, la maggioranza delle persone sono caute, e non vogliono rischiare di prendere il virus. Sono orientate a starsene lontane dai negozi per quanto possibile e certamente non torneranno ai pub ed ai ristoranti, o sui trasporti pubblici se possono evitarlo.

L’idea che ci sia un compromesso tra il proteggere l’economia e il proteggere la salute delle persone non è solo sbagliata, è anche pericolosa. Incoraggia i politici ad attenuare le chiusure troppo presto, il che rischia di ridurre la velocità con la quale il numero delle infezioni si riduce, o anche di stabilizzare il tasso delle nuove infezioni ad un livello troppo alto. Qua sotto i dati del numero delle ammissioni negli ospedali per il Covid-19, dedotto dalle conferenze quotidiane del Governo.

zz 877

É probabilmente la migliore misura indiretta che abbiamo sull’andamento delle nuove infezioni nel corso del tempo, con un ritardo di 2-3 settimane (il problema con i dati relativi al numero delle persone testate dipende dalla facilità con la quale si viene testati, che è variata grandemente nel corso del tempo). Esso sembra ragionevolmente coerente con le stime della Squadra Congiunta di Modellazione dell’Istituto sulla Sanità Pubblica di Inghilterra (PHE) di Cambridge, che sono attorno a 17.000 nuove infezioni ogni giorno.

L’aspetto preoccupante di questi dati è che sembra ci sia una stabilizzazione, che è come dire che R [3] sta avvicinandosi al valore di 1. Anche questo è in accordo con le stime della Squadra Congiunta di Modellazione dell’Istituto sulla Sanità Pubblica di Inghilterra (PHE) dei valori regionali di R. Essi osservano: “Ci sono alcune prove secondo le quali Rt è in crescita in tutte le regioni e noi crediamo che questo probabilmente sia dovuto ad un aumento della mobilità e delle frequentazioni tra le famiglie e negli ambienti pubblici e di lavoro”.

Tutto questo è importante non perché ci indica la possibilità di un ‘secondo picco’. É importante perché comporta che il numero delle nuove infezioni sta calando molto lentamente, il che a sua volta significa che la maggioranza delle persone non tornerà ai modelli precedenti di “consumi sociali”. Che a sua volta comporta anche che non ci può essere una completa ripresa. Non sappiamo a quale livello di infezioni quotidiane le persone saranno felici di recuperare i consumi sociali, ma esso è destinato ad essere molto inferiore a 17.000. La differenza tra R=0,8 e R=0,9 nel portare a quel numero molto più basso di infezioni è misurata in termini di mesi, così come la differenza tra R=0,9 e R=0,95. Noi stiamo attenuando le chiusure a livelli molto più alti di nuove infezioni quotidiane al confronto con l’Italia, la Francia e la Germania.

Attenuare le chiusure potrebbe (sottolineo il potrebbe) essere giustificato se ci fosse un meccanismo alternativo provato e testato per sopprimere R. Quel meccanismo in effetti esiste: una struttura ben funzionante e comprensiva di individuazione dei casi, tracciamenti e isolamenti (TTI). Tuttavia il Governo prova ancora a confondere i giornalisti con il lancio del nuovo congegno della Serco [4], un regime TTI strepitoso per gli inizi di giugno, che adesso apprendiamo non sarà pienamente operativo sino a settembre o ottobre. Come esattamente la Serco l’abbia rivenduto ai ministri ed a Cummings possiamo solo immaginarcelo. Aumentare gli organici esistenti delle autorità locali sarebbe stato più rapido e più efficace, ma è contrario all’ideologia di questo Governo e agli interessi di coloro che lo finanziano.

Sembra chiaro che anche molti (la maggioranza) degli scienziati che consigliano il Governo pensino che le chiusure stiano terminando troppo rapidamente. Il livello di allerta rimane a 4, nonostante i desideri di Johnson e Cummings. Come si è espresso Behr: “La relazione di Johnson con la scienza ha preso la strada della maggioranza delle sue relazioni” [5]. Tuttavia questa divergenza non sembra preoccupi lui e coloro che gli sono attorno, il che è un po’ bizzarro per un Governo che dice in continuazione di seguire la scienza.

Dovrei resistere alla tentazione di suggerire che tutto questo è scontato. Quando modellai l’impatto economico di una pandemia rimasi sorpreso da quanta parte dei consumi aggregati siano quelli sociali. Non si tratta solo dei pub, dei ristoranti e del turismo, ma di gran parte della ricreazione, della cultura e dei trasporti. Questi settori realizzano un terzo dei consumi. La pandemia crea un vasto shock della domanda anche senza nessuna misura di chiusura come quella delle scuole.

Quella è la ragione per la quale molte famiglie benestanti, durante la pandemia, sono venute risparmiando molto di più. Il modo certo per ottenere una ripresa è liberare quei risparmi, creando le condizioni perché i consumi sociali riprendano. Come scrive la Facoltà di Salute Pubblica: “Come tutti gli altri non vediamo l’ora che di essere sollevati dalle nostre restrizioni. Ma le prove in tutto il mondo mostrano che il modo di ottenerlo non è quello semplicemente di sopprimere il Covid-19, bensì di ridurre sistematicamente la sua influenza”.

In altre parole non c’è alcuno scambio tra salute pubblica ed economia: una migliore salute pubblica (meno infezioni da Covid-19) è la via sicura per una ripresa sostanziale. L’idea che si debbano metter da parte le chiusure nell’interesse dell’economia è la nuova austerità. Con l’austerità si trattava di aver l’obbligo di abbassare il deficit, allo scopo di avere un’economa sana. Ora si tratta di porre fine alle chiusure, allo scopo di liberare l’economia. In entrambi i casi la verità è quella opposta. In entrambi i casi ci saranno state morti non necessarie. In entrambi i casi la ripresa sarà ridotta.

Potremmo ottenere un ripresa simile con altri modi, come con un ampio stimolo di finanza pubblica? La risposta, in poche parole, è negativa. Dato che i consumi sociali sono una parte talmente grande di quelli totali, ci sarebbe bisogno di un incremento ridicolmente vasto della spesa in altri settori per avvicinarsi a sostituire quelle perdite. La sola ragione per la quale si vuole ipotizzare di non scegliere la opzione migliore tra tutte, è perché l’ideologia sta rendendo contorto il buon senso. E questa è una descrizione abbastanza precisa di come questo Governo si è sinora misurato con questa pandemia.

 

 

 

 

 

 

 

[1] Boris Johnson, come è noto, e il Primo Ministro del Governo britannico; Dominic Cummings è il principale consigliere del Primo Ministro, di recente protagonista di alcune violazioni, per ragioni strettamente  ‘private’, delle regole del lockdown.

[2] Un trasmissione sul programma televisivo di  Channel 4, nel Regno Unito.

[3] Il numero di riproduzione di base, indicato e conosciuto come R0 (dizione: erre con zero), indica, in epidemiologia, la potenziale trasmissibilità di una malattia infettiva. Più precisamente esso rappresenta il numero di nuovi casi generati, in media, da un singolo caso durante il proprio periodo infettivo, in una popolazione che altrimenti non sarebbe infetta: esprime quindi il numero atteso di nuove infezioni originatesi da un singolo individuo nel corso del suo intero periodo di infettività, in una popolazione interamente suscettibile. (Wikipedia)

Suppongo che R sia semplicemente un modo probabilmente più appropriato di indicare  la trasmissibilità, nel senso che R0 suppongo esprima la situazione di una trasmissibilità pari a 0, ovvero la situazione non epidemica. In Inghilterra siamo adesso, dunque, a R1 (un nuovo caso generato da ogni persona infetta), mentre in Italia siamo scesi abbastanza vicini a R0 (ovvero, ogni persona infetta ne contagia meno di una, mentre settimane fa ne contagiava anche 3 o 4), sia pure con notevoli differenze tra le varie Regioni.

[4] Società inglese di congegno elettronici.

[5] Divertente riferimento alla vita privata del premier.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"