Altri Economisti » Selezione della Settimana

Gli Stati Uniti della disperazione, di Anne Case e Angus Deaton (da Project Syndicate, 15 giugno 2020)

 

June 15, 2020

United States of Despair

ANNE CASEANGUS DEATON

 

zz 876   zz 659

 

 

 

 

 

 

PRINCETON – Well before COVID-19 struck, there was another epidemic running rampant in the United States, killing more Americans in 2018 than the coronavirus has killed so far. What we call “deaths of despair” – deaths by suicide, alcohol-related liver disease, and drug overdose – have risen rapidly since the mid-1990s, increasing from about 65,000 per year in 1995 to 158,000 in 2018.

The increase in deaths from this other epidemic is almost entirely confined to Americans without a four-year college degree. While overall mortality rates have fallen for those with a four-year degree, they have risen for less-educated Americans. Life expectancy at birth for all Americans fell between 2014 and 2017. That was the first three-year drop in life expectancy since the Spanish flu pandemic of 1918-19; with two epidemics now raging at once, life expectancy is set to fall again.

Behind these mortality figures are equally gloomy economic data. As we document in our book, real (inflation-adjusted) wages for US men without a college degree have fallen for 50 years. At the same time, college graduates’ earnings premium over those without a degree has risen to an astonishing 80%. With less-educated Americans becoming increasingly less likely to have jobs, the share of prime-age men in the labor force has trended downward for decades, as has the labor-force participation rate for women since 2000.

Educated Americans are pulling away from the less-educated majority not only in terms of income, but also in health outcomes. Pain, loneliness, and disability have become more common among those without a degree.

Such was the US on the eve of the COVID-19 pandemic. Now, the virus has newly exposed the pre-existing inequalities.

Historically, pandemics have arguably brought greater equality. Most famously, the Black Death killed so many people in fourteenth-century Europe that it created a labor scarcity, which improved workers’ bargaining position. Later, in the nineteenth century, cholera epidemics inspired the germ theory of disease, setting the stage for the modern increase in longevity, first in the rich countries, and then, after World War II, in the rest of the world. A great divergence in lifespans across the world gave way to a great convergence.

But the US has been experiencing a great divergence at home for two generations, and COVID-19 promises to widen the country’s already vast inequalities in health and income. The effects of the virus are stratified by educational attainment, because those with more education are likelier to be able to continue working and earning from home. Unless they are among the highly educated workers in health care and other front-line sectors, they can sit back and watch the stock market propel the value of their retirement funds ever higher.

By contrast, the two-thirds of workers who lack a four-year college degree are either nonessential, and thus risk losing their earnings, or essential, and thus at risk of infection. Whereas college graduates have largely been able to safeguard both their health and their wealth, less-educated workers must risk one or the other.

For this reason, the income and longevity gaps that the trend in deaths of despair has revealed are now widening further. But while less-educated whites have borne the brunt of the first epidemic, African-Americans and Hispanics have been disproportionately killed by COVID-19. As a result, the previous convergence of white and black mortality rates has been derailed.

There are many reasons for these racial disparities, including residential segregation, crowded living conditions, and commuting patterns. While these factors have been especially important in New York City, they have played less of a role in other places. In New Jersey, for example, neither African-Americans nor Hispanics have disproportionately higher COVID-19 mortality rates.

America’s costly health-care system will continue to compound the pandemic’s effects. Many among the tens of millions of Americans who lost their jobs this spring also lost their employer-provided health insurance, and many will not be able to secure alternative coverage.

While no one presenting with COVID-19 symptoms has been denied treatment, some of the uninsured may not have sought it. As of this writing, the virus’s death toll in the US is at least 113,000, and more than 200,000 have been hospitalized, incurring potentially unpayable medical bills (even for many with insurance) that will ruin their credit for life. The federal government has given pharmaceutical companies billions of public dollars to develop a vaccine and, thanks to lobbyists, did not attach conditions on pricing or impose public claims on patents.

In addition, the pandemic is fueling further industry consolidation by favoring already dominant e-commerce giants at the expense of struggling brick-and-mortar firms. Labor’s share of GDP – long thought to have been an immutable constant – has fallen in recent years, and market power in both product and labor markets may be one reason. If the unemployment rate remains high in the coming years, the terms of trade between labor and capital will be pushed even further toward the latter, inverting the Black Death analogy and justifying the stock market’s optimism in the face of catastrophe.

That said, we do not believe that the post-COVID economy will provoke a spike in deaths of despair. The fundamental cause of that epidemic, our analysis suggests, was not economic fluctuations, but rather the long-term loss of a way of life among white working-class Americans. Notably, deaths of despair were rising before the 2008 financial crisis and Great Recession, when US unemployment rose from 4.5% to 10%, and they continued to rise as unemployment gradually fell to 3.5% in the days before the pandemic. If there once was a relationship between suicide and unemployment, it is no longer apparent in the US.

Nonetheless, past episodes suggest that those entering the labor market in 2020 will have a lower earnings path throughout their working lives, possibly creating the despair that brings death from suicide, alcohol, or drug overdoses. In other words, the most likely post-COVID America will be the same as pre-COVID America, only with even more inequality and dysfunction.

True, public anger over police violence or outrageously expensive health care could create a structural break. If that happens, we might see a better society. Or, we might not. It is not always a phoenix that rises from the ashes.

 

Gli Stati Uniti della disperazione,

di Anne Case e Angus Deaton

 

PRINCETON – Ben prima che il Covid-19 si diffondesse, c’era stata un’altra epidemia che era dilagata incontrollata negli Stati Uniti, che nel 2918 uccise più amricani di quanti ne abbia ucciso sinora il coronavirus. Quelle che chiamiamo “morti per disperazione” – morti per suicidi, per malattie del fegato connesse con l’alcolismo e per overdosi di stupefacenti, sono cresciute rapidamente dalla metà degli ani ’90, passando da circa 65.000 nell’anno 1995 a 158.000 nel 2018.

L’aumento delle morti per quest’altra epidemia è quasi interamente limitato agli americani sprovvisti di una laurea breve. Mentre i tassi di mortalità complessivi sono calati per i detentori di una laurea breve, sono aumentati per gli americani meno istruiti. Tra il 2014 e il 2017 l’aspettativa di vita alla nascita per tutti  gli americani è diminuita. Questa è stata la prima caduta di tre anni nell’aspettativa di vita dalla pandemia dell’influenza spagnola del 1918-19; con due epidemie che adesso infuriano contemporaneamente, l’aspettativa di vita è destinata a cadere nuovamente.

Al di là di questi dati sulla mortalità, i dati economici sono egualmente cupi. Come documentiamo nel nostro libro, i salari (corretti per l’inflazione) per gli uomini americani sprovvisti di laurea breve, negli ultimi 50 anno, sono diminuiti. Nello stesso tempo, la maggiorazione dei compensi dei laureati rispetto a coloro che sono sprovvisti di titolo è cresciuta di uno stupefacente 80 per cento. Con gli americani meno istruiti che è sempre meno probabile che abbiano posti di lavoro, da decenni la quota di uomini in prima età lavorativa nella forza lavoro ha teso da decenni a scendere, così come, dal 2000, il tasso di partecipazione alla forza lavoro delle donne.

Gli americani istruiti hanno lasciato indietro la maggioranza dei meno istruiti non solo in termini di reddito, ma anche di salute. Dolori, solitudine e disabilità sono diventati più comuni tra coloro che non hanno un titolo di studio.

Questa era la condizione degli Stati Uniti  al momento della pandemia del Covid-19. Adesso, il virus ha nuovamente messo in rilievo le ineguaglianze preesistenti.

Storicamente, le pandemie hanno probabilmente comportato maggiore eguaglianza. Nel caso più noto, la Morte Nera del quattordicesimo secolo in Europa uccise tante persone da creare scarsità di lavoro, il che migliorò la posizione contrattuale dei lavoratori. Successivamente, nel diciannovesimo secolo, le epidemie di colera ispirarono la teoria della malattia basata sui microbi, che creò le condizioni per l’incremento moderno della longevità, anzitutto nei paesi ricchi e poi, dopo la Seconda Guerra Mondiale, nel resto del mondo. Una grande divergenza tra i vari paesi diede il passo d una grande convergenza.

Ma da due generazioni gli Stati Uniti stanno facendo l’esperienza di una grande divergenza interna, e il Covid-19 promette di allargare le ineguaglianze di reddito e di salute già ampie. Gli effetti del virus sono distribuiti secondo i conseguimenti dei titoli di studio, perché i più istruiti è più probabile che siano nelle condizioni di continuare a lavorare e a guadagnare da casa. A meno che non siano tra i lavoratori altamente istruiti della assistenza sanitaria e di altri settori in prima linea, essi possono rilassarsi e osservare il mercato azionario spingere ancora più in alto il valore dei loro fondi pensionistici. Mentre i laureati sono in gran parte capaci di salvaguardare sia la loro salute che la loro ricchezza, i lavoratori meno istruiti devono rischiare o l’una o l’altra.

Per questa ragione, i divari di reddito e di longevità che sono stati rivelati dalla tendenza delle ‘morti per disperazione’ stanno desso ampliandosi ulteriormente. Ma mentre i bianchi meno istruiti hanno sopportato l’impatto della prima fase dell’epidemia, gli afroamericani e gli ispanici sono stati sproporzionatamente uccisi dal Covid-19. Di conseguenza, la precedente convergenza dei tassi di mortalità tra bianchi e neri ha cambiato indirizzo.

Ci sono molte ragioni per queste disparità razziali, inclusa la segregazione residenziale, il vivere in condizioni di affollamento e i modelli di pendolarismo. Mentre questi fattori sono stati particolarmente importanti a New York City, in altri luoghi hanno giocato un ruolo inferiore. Nel New Jersey, ad esempio, né gli afroamericani né gli ispanici hanno tassi di mortalità dal Covid-19 sproporzionatamente più elevati.

Il costoso sistema americano di assistenza sanitaria continuerà a peggiorare gli effetti della pandemia. Molti tra le decine di milioni di americani che hano perso i loro posti di lavoro in questa primavera, hanno perso anche la loro assicurazione sanitaria fornita dal datore di lavoro, e molti non saranno nella condizioni di assicurarsi una copertura alternativa.

Mentre a nessuno di coloro che avevano sintomi del Covid-19 è stato negato il trattamento, alcuni tra i non assicurati possono non averlo cercato. Al momento in cui scriviamo, il bilancio delle vittime negli Stati Uniti è almeno 113.000 persone, alle quali vanno aggiunte 200.000 persone che sono state ospedalizzate, che sono potenzialmente incorse in costi sanitari troppo costosi (anche per molti con assicurazione) che manderanno in rovina la loro situazione finanziaria per tutta la vita. Il Governo Federale ha dato miliardi di soldi pubblici alle società farmaceutiche per sviluppare un vaccino e, grazie ai lobbisti, non ha affrontato i criteri sulla determinazione dei prezzi né ha imposto rivendicazioni pubbliche sui brevetti.

In aggiunta, la pandemia sta alimentando un ulteriore accorpamento del settore favorendo i già dominanti giganti del commercio elettronico a danno dei punti di vendita reali. La quota del lavoro del PIL – che un tempo si pensava fosse una costante immutabile – negli anni recenti è calata, e il potere sui mercati sia dei prodotti che del lavoro può essere una ragione. Se negli anni avvenire il tasso di disoccupazione rimane elevato, i termini di scambio tra lavoro e capitale verranno spinti persino ulteriormente a favore del secondo, rovesciando l’analogia con la Morte Nera e giustificando l’ottimismo del mercato azionario di fronte alla catastrofe.

Ciò detto, noi non crediamo che l’economia successiva al Covid provocherà una impennata nelle morti per disperazione. La nostra analisi suggerisce che la causa fondamentale di quella epidemia non sono state le fluttuazioni economiche, ma piuttosto la perdita nel lungo termine di uno stile di vita tra gli americani della classe lavoratrice bianca. In particolare, le morti per disperazione erano in crescita prima della crisi finanziaria del 2008 e della Grande Recessione, quando la disoccupazione negli Stati Uniti salì dal 4,5% al 10%, e sono continuate a crescere quando la disoccupazione è gradualmente calata al 3,5% nei giorni precedenti la pandemia. Se ci fu una relazione tra suicidi e disoccupazione, essa non è più visibile negli Stati Uniti.

Ciononostante, episodi del passato indicano che coloro che entrano nel mercato del lavoro nel 2020 avranno una strada di salari più bassi nelle loro vite levorative, probabilmente determinando quella disperazione che conduce alle morti per suicidio, per alcol e per overdosi di stupefacenti. In altre parole, l’America più probabile successiva al Covid sarà la stessa America precedente al Covid, soltanto con ineguaglianze e anche maggiori.

È vero, la rabbia diffusa per le violenze della polizia o per l’assistenza sanitaria scandalosamente costosa potrebbero determinare una rottura strutturale. Se ciò accade, conosceremo una società migliore. Ma potrebbe non accadere. Non sempre, dalle ceneri, si alza in volo un’araba fenice.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"