Altri Economisti » Selezione della Settimana

Come l’ineguaglianza alimenta le morti da Covid-19, di Jeffrey D. Sachs (da Project Syndicate, 29 giugno 2020)

 

Jun 29, 2020

How Inequality Fuels COVID-19 Deaths

JEFFREY D. SACHS

zz 624

NEW YORK – Three countries – the United States, Brazil, and Mexico – account for nearly half (46%) of the world’s reported COVID-19 deaths, yet they contain only 8.6% of the world’s population. Some 60% of Europe’s deaths are concentrated in just three countries – Italy, Spain, and the United Kingdom – which account for 38% of Europe’s population. There were many fewer deaths and lower death rates in most of Northern and Central Europe.

Several factors determine a country’s COVID-19 death rate: the quality of political leadership, the coherence of the government’s response, the availability of hospital beds, the extent of international travel, and the population’s age structure. Yet one deep structural characteristic seems to be shaping the role of these factors: countries’ income and wealth distribution.

The US, Brazil, and Mexico have very high income and wealth inequality. The World Bank reports the respective Gini coefficients for recent years (2016-18) at 41.4 in the US, 53.5 in Brazil, and 45.9 in Mexico. (On a 100-point scale, a value of 100 signifies absolute inequality, with one person controlling all income or wealth, and zero means a completely equal distribution per person or household).

The US has the highest Gini coefficient among the advanced economies, while Brazil and Mexico are among the world’s most unequal countries. In Europe, Italy, Spain, and the UK – with Gini scores of 35.6, 35.3, and 34.8, respectively – are more unequal than their northern and eastern counterparts, such as Finland (27.3), Norway (28.5), Denmark (28.5), Austria (30.3), Poland (30.5), and Hungary (30.5).

The correlation of death rates per million and income inequality is far from perfect; other factors matter a lot. France’s inequality is on par with Germany’s, but its COVID-19 death rate is significantly higher. The death rate in relatively egalitarian Sweden is significantly higher than in its neighbors, because Sweden decided to keep its social distancing policies voluntary rather than mandatory. Relatively egalitarian Belgium was battered with very high reported death rates, owing partly to the authorities’ decision to report probable as well as confirmed COVID-19 deaths.

High income inequality is a social scourge in many ways. As Kate Pickett and Richard Wilkinson convincingly reported in two important books, The Spirit Level and The Inner Level, higher inequality leads to worse overall health conditions, which significantly increases vulnerability to COVID-19 deaths.

Moreover, higher inequality leads to lower social cohesion, less social trust, and more political polarization, all of which negatively affect governments’ ability and readiness to adopt strong control measures. Higher inequality means a larger proportion of low-income workers – from cleaners, cashiers, guards, and delivery persons to sanitation, construction, and factory workers – must continue their daily lives, even at the risk of infection. More inequality also means more people living in crowded living conditions and therefore unable to shelter safely.

Populist leaders exacerbate the enormous costs of inequality. US President Donald Trump, Brazilian President Jair Bolsonaro, and British Prime Minister Boris Johnson were elected by unequal and socially divided societies with the support of many disgruntled working-class voters (typically white, less-educated men who resent their declining social and economic status). But the politics of resentment is almost the opposite of the politics of epidemic control. The politics of resentment shuns experts, derides scientific evidence, and resents elites who work online telling workers who can’t to stay home.

The US is so unequal, politically divided, and badly governed under Trump that it has actually given up on any coherent national strategy to control the outbreak. All responsibilities have been shifted to state and local governments, which have been left to fend for themselves. Heavily armed right-wing protesters have, on occasion, mobbed state capitals to oppose restrictions on business activity and personal mobility. Even face masks have become politicized: Trump refuses to wear one, and he recently said that some people do so only to express their disapproval of him. The result is that his followers gleefully reject wearing them, and the virus, which started in the “blue” (Democratic) coastal states, is now hitting Trump’s base in “red” (Republican) states hard.

Brazil and Mexico are mimicking US politics. Bolsonaro and Mexico’s President Andrés Manuel López Obrador are quintessential populists in the Trump mold, mocking the virus, disdaining expert advice, making light of the risks, and flamboyantly rejecting personal protection. They are also guiding their countries into a Trumpian disaster.

With the exception of Canada and all too few other places, the countries of North and South America are being ravaged by the virus, because almost the entire Western hemisphere shares a legacy of mass inequality and pervasive racial discrimination. Even well-governed Chile fell prey to violence and instability last year, owing to high and chronic inequality. This year, Chile (along with Brazil, Ecuador, and Peru) has suffered one the world’s highest COVID-19 death rates.

Inequality is certainly not a death sentence. China is rather unequal (with a Gini score of 38.5), but its national and provincial governments adopted rigorous control measures after the initial Wuhan outbreak, essentially suppressing the virus. The recent outbreak in Beijing, after weeks of zero confirmed new cases, resulted in renewed lockdowns and massive testing.

In most other countries, however, we are witnessing once again the enormous costs of mass inequality: inept governance, social distrust, and a huge population of vulnerable people unable to protect themselves from encroaching harms. Alarmingly, the epidemic itself is widening inequalities even further.

The rich now work and thrive online (Amazon founder Jeff Bezos’s wealth has risen by $49 billion since the start of the year, thanks to the decisive shift to e-commerce), while the poor are losing their jobs and often their health and lives. And the costs of inequality are sure to rise further, as revenue-starved governments slash budgets and public services vital for the poor.

But a reckoning is coming. In the absence of coherent, capable, and trustworthy governments that can implement an equitable and sustainable pandemic response and strategy for economic recovery, the world will succumb to further waves of instability generated by a growing array of global crises.

 

Come l’ineguaglianza alimenta le morti da Covid-19,

di Jeffrey D. Sachs

  

NEW YORK – Tre paesi – gli Stati Uniti, il Brasile e il Messico – realizzano quasi la metà (46%) delle morti registrate nel mondo per il Covid-19, tuttavia contengono solo l’8,6% della popolazione mondiale. Circa il 60% delle morti in Europa sono concentrate in solo tre paesi – Italia, Spagna e Regno Unito – che totalizzano il 38% della popolazione europea. Ci sono stati molti meno morti e tassi di mortalità più bassi nella maggior parte dell’Europa del Nord e del Centro.

Vari fattori determinano il tasso di mortalità da Covid-19 di un paese: la qualità della guida politica, la coerenza della risposta dei Governi, la disponibilità di posti letto negli ospedali, l’entità dei viaggi internazionali e la struttura per età della popolazione. Tuttavia una profonda caratteristica strutturale sembra determinare il ruolo di questi fattori: il reddito dei paesi e la distribuzione della ricchezza.

Gli Stati Uniti, il Brasile e il Messico hanno una ineguaglianza molto elevata di reddito e di ricchezza. La Banca Mondiale registra i rispettivi coefficienti Gini [1] per gli anni recenti (2016-18) a 41,4 negli Stati Uniti, 53,5 in Brasile e 45,9 in Messico (su una scala di 100 punti, un valore 100 significa assoluta ineguaglianza, con una persona che controlla tutto il reddito o la ricchezza, e 0 significa una distribuzione completamente uguale per persone e famiglie).

Gli Stati Uniti hanno il più alto coefficiente Gini tra le economie avanzate, mentre il Brasile e il Messico sono tra i paesi più ineguali al mondo. In Europa, l’Italia, la Spagna e il Regno Unito – con punteggi del Gini rispettivamente di 35,6, 35,3 e 34,8 – sono più ineguali dei loro omologhi settentrionali ed orientali, come la Finlandia (27,3), la Norvegia (28,5), la Danimarca (28,5), l’Austria (30,3), la Polonia (30,5) e l’Ungheria (30,5).

La correlazione tra i tassi di mortalità per milione di abitanti e l’ineguaglianza dei redditi è lungi dall’essere perfetta; altri fattori sono molto importanti. L’ineguaglianza della Francia è pari a quella della Germania, ma il suo tasso di mortalità è significativamente più elevato. Il tasso di mortalità nella relativamente egualitaria Svezia è significativamente più elevato che nei suoi vicini, perché la Svezia ha deciso di mantenere le politiche del distanziamento sociale su base volontaria anziché obbligatoria. Il relativamente egualitario Belgio è stato colpito da tassi di mortalità molto alti, in parte a seguito della decisione delle autorità di registrare le morti ‘probabili’ da Covid-19 allo stesso modo di quelle accertate.

L’elevata ineguaglianza dei redditi è un flagello sociale in molti sensi. Come Kate Pickett e Richard Wilkinson hanno convincentemente resocontato in due importanti libri, Il livello dello spirito e Il livello interiore, una ineguaglianza più alta porta a condizioni di salute complessive peggiori, il che accresce in modo significativo la vulnerabilità alle morti da Covid-19.

Inoltre, una maggiore ineguaglianza porta ad una minore coesione sociale, ad una minore fiducia sociale e ad una maggiore polarizzazione politica, tutti fattori che influenzano negativamente la capacità e la prontezza dei Governi nell’adottare forti misure di controllo. Una maggiore ineguaglianza comporta che una proporzione più elevata di lavoratori a basso reddito – dagli addetti alle pulizie, i cassieri, le guardie e gli addetti alle consegne, ai lavoratori della raccolta dei rifiuti, dell’edilizia e delle fabbriche – devono continuare la loro vita quotidiana, anche a rischio dell’infezione. Maggiore ineguaglianza significa anche un numero maggiore di persone che vivono in condizioni di vita affollate e di conseguenza sono incapaci di proteggersi con sicurezza.

I leader populisti esacerbano gli enormi costi dell’ineguaglianza. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro e il Primo Ministro inglese Boris Johnson sono stati eletti da società ineguali e socialmente divise con il sostegno di molti elettori scontenti della classe lavoratrice  (tipicamente uomini bianchi, meno istruiti che risentono del loro stato sociale ed economico in calo). Ma la politica del risentimento è quasi l’opposto di una politica di controllo della pandemia. La politica del risentimento evita gli esperti, deride le prove scientifiche ed è infastidita dalle elite che lavorano online e dicono ai lavoratori chi non può restarsene a casa.

Con Trump, gli Stati Uniti sono talmente ineguali, politicamente contrapposti e malamente governati, che hanno praticamente rinunciato ad ogni coerente strategia nazionale per controllare l’epidemia. Tutte le responsabilità sono state spostate sugli Stati e sui governi locali, che sono stati lasciati ad arrangiarsi da soli. Dimostranti pesantemente armati della destra, con l’occasione, hanno assaltato le capitali degli Stati per opporsi alle restrizioni sulle attività economiche e sulla mobilità personale. Sono state politicizzate persino le mascherine: Trump si rifiuta di indossarle, e ha detto di recente che alcuni lo fanno solo per esprimere le disapprovazione nei suoi confronti. Il risultato è che i suoi sostenitori rifiutano spensieratamente di indossarle, e il virus, che era partito negli stati costieri ‘blu’ (democratici), ora sta colpendo duramente la base di Trump negli Stati ‘rossi’ (repubblicani).

Il Brasile e il Messico stanno copiando la politica statunitense. Bolsonaro e il Presidente del Messico Andrés Manuel Obrador sono populisti per antonomasia sul modello di Trump, ridicolizzano il virus, rigettano i consigli degli esperti, banalizzano i rischi e rifiutano in modo teatrale le protezioni personali Al tempo stesso, stanno portando i loro paesi ad un disastro trumpiano.

Con l’eccezione del Canada e di altre troppo poche località, i paesi del Nord e del Sud America sono devastati dal virus, perché quasi l’intero emisfero occidentale condivide un retaggio di ineguaglianza massiccia e di discriminazione razziale pervasiva. Persino il ben governato Cile l’anno passato è divenuto preda della violenza e dell’instabilità, a seguito di un’elevata e cronica ineguaglianza. Quest’anno il Cile (assieme al Brasile, all’Ecuador e al Perù) ha patito uno dei tassi di mortalità dal Covid-19 più elevati al mondo.

Certamente, l’ineguaglianza non è una sentenza di morte. La Cina è piuttosto ineguale (con un indice Gini di 38,5), ma i suoi governi nazionale e provinciali hanno adottato misure di controllo rigorose dopo l’iniziale epidemia di Wuhan, in sostanza sconfiggendo il virus. La recente epidemia a Pechino, dopo settimane di zero nuovi casi accertati, si è risolta con isolamenti rinnovati e test massicci.

Nella maggioranza degli altri paesi, tuttavia, stiamo assistendo ancora una volta ai costi enormi delle ineguaglianza di massa: inettitudine nel governo, sfiducia sociale e un’ampia popolazione di individui incapaci di proteggersi da danni devastanti. In modo allarmante, l’epidemia stessa sta ampliando le ineguaglianze persino uteriormente.

I ricchi oggi lavorano e prosperano online (la ricchezza del fondatore di Amazon Jeff Bezos è cresciuta di 49 miliardi di dollari dall’inizio dell’anno, grazie allo spostamento decisivo verso il commercio elettronico), mentre i poveri stanno perdendo i loro posti di lavoro e spesso la loro salute e le loro vite. Ed è certo che i costi dell’ineguaglianza cresceranno ulteriormente, allorché i Governi affamati di entrate taglieranno i bilanci e i pubblici esercizi vitali per la povera gente.

Ma si delinea un regolamento dei conti. In assenza di Governi coerenti, capaci e meritevoli di fiducia che possano mettere in atto una risposta alla pandemia equa e sostenibile ed una strategia per la ripresa economica, il mondo soccomberà dinanzi alle ulteriori ondate di instabilità generate da un crescente esposizione alle crisi globali.

 

 

 

 

 

[1] Il coefficiente di Gini, introdotto dallo statistico italiano Corrado Gini, è una misura della diseguaglianza di una distribuzione. È spesso usato come indice di concentrazione per misurare la diseguaglianza nella distribuzione del reddito o anche della ricchezza. È un numero compreso tra 0 ed 1. Valori bassi del coefficiente indicano una distribuzione abbastanza omogenea, con il valore 0 che corrisponde alla pura equidistribuzione, ad esempio la situazione in cui tutti percepiscono esattamente lo stesso reddito; valori alti del coefficiente indicano una distribuzione più diseguale, con il valore 1 che corrisponde alla massima concentrazione, ovvero la situazione dove una persona percepisca tutto il reddito del paese mentre tutti gli altri hanno un reddito nullo. (Wikipedia)

Ma nell’articolo il coefficiente viene invece riferito in una scala da 0 a 100, probabilmente per poter rappresentare con maggiore precisione le differenze tra i vari paesi del mondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"