Altri Economisti » Selezione della Settimana

G20, cura te stesso Di Jeffrey D. Sachs (da Project Syndicate, 15 luglio 2020)

 

Jul 15, 2020

G20, Heal Thyself

JEFFREY D. SACHS

zz 624

NEW YORK – The G20 ministers of finance meet this week under the auspices of Saudi Arabia, which holds the group’s presidency this year. But it is hard to imagine the G20 countries leading the world, as they like to pretend that they do. Most of them can’t effectively lead themselves through the current COVID-19 crisis.

As the world’s largest economies, the G20’s members have one overriding responsibility at the upcoming meeting: to agree on actions to suppress the pandemic. A few G20 countries are doing well; the laggard countries need to take urgent measures to stop the spread of the virus. All G20 countries need to cooperate on global-scale policies to overcome the health crisis.

An overview of the G20 countries is sobering. Many are so poorly governed that they have been utterly ineffective in containing the pandemic. Judging by data from the past two weeks, the biggest G20 failure, at 176 new cases per day per million population, is Brazil, led by the reckless populist Jair Bolsonaro, who has himself now contracted the virus. The second-biggest failure is the United States, led by the Bolsonaro of the north, Donald Trump, with 137 new cases per day per million population. The two other G20 countries with more than 100 new cases per day per million population are South Africa (129) and Saudi Arabia (112).

The next tier of countries, reporting 10-100 new cases per day per million population, includes Russia (47), Mexico (43), Turkey (16), India (15), and the United Kingdom (11). These countries are all at risk of a significant rise in transmission, with Mexico and India appearing to be at the greatest risk.

Six of the G20 countries currently report 1-10 new cases per day per million population – reasonably low rates that make possible decisive suppression of the virus in the near future: Canada (8), France (8), Germany (5), Indonesia (5), Italy (4), and Australia (3).

Only three of the G20 countries report under one new case per day per million population: South Korea (0.96), Japan (0.9), and China (0.01). These three northeast Asian countries have displayed the necessary combination of political leadership, public-health professionalism, and responsible behavior (wearing face masks, maintaining physical distancing, and enhancing personal hygiene).

An epidemic is a social phenomenon and needs a social response. As South Korea, Japan, and China have shown, the virus can be suppressed – that is, new cases can be brought to near zero – if a basic logic is followed. Those who are infected with the virus need to protect those who are not infected. They can do this in four ways during the two weeks while infectious: keep their physical distance; wear face masks; stay at home and away from others; and remain in a public quarantine if the home is not safe.

This protection does not have to be perfect; indeed, it won’t be. It has to be good enough, however, to ensure that on average an infected individual infects less than one other. All people must be cautious until the pandemic is suppressed. That means wearing face masks in public places, keeping a prudent distance from others, and monitoring ourselves and our close contacts for symptoms. Officials must make available testing sites and support services for the isolation of infected individuals, whether at home or in public facilities. Managers of workplaces must take precautionary measures, including remote work or safe physical distancing on site.

The egregious G20 failures have in most cases started at the top. The likes of Bolsonaro and Trump are braggarts, bullies, dividers, and sociopaths. Their countries’ massive death tolls have moved them neither to expressions of sympathy nor to effective public-health policies. One sees similar perverse behavior among other G20 strongmen. Whereas women leaders (in New Zealand, Finland, Denmark, and elsewhere) have a superior track record on the pandemic, the G20, alas, has no woman leader.

Trump is a special case, because he governs the world’s greatest military power. The sociopathy of a US president is a worldwide tragedy, unlike that of a Brazilian president (though Bolsonaro’s sociopathy affects the world through an anti-environmental agenda that fuels the wanton and deliberate destruction of the Amazon). Trump’s decision to withdraw the US from the World Health Organization in the midst of the pandemic battle has immediate global repercussions. The same is true of his efforts to launch a new cold war with China, instead of saving his own country and cooperating with China to help the rest of the world fight the pandemic.

In this, China obviously has much to offer. It has used the world’s most decisive measures to suppress a fulminant pandemic (after the first outbreak in Wuhan) and may well be on the way to producing the first useful vaccine.

Yet societal outcomes are not just the result of political leadership. They also depend on culture and social responsibility. The Confucian culture of northeast Asia emphasizes social cooperation and pro-social personal behavior such as wearing face masks. American hotheads, stoked by Trump, loudly proclaim the freedom to reject face masks – that is, the freedom to infect other Americans. One would rarely hear such a claim in northeast Asia.

What is also notable is the failure of US business leaders to take measures to contain the epidemic. One of America’s leading entrepreneurs, Elon Musk, demanded the reopening of the economy (and his business), rather than using his engineering genius to help contain the virus. Other top business leaders, too, have contributed little or nothing to suppressing the epidemic. This, too, is part of American culture: money over lives, personal wealth over the social good.

The G20 finance ministers will no doubt talk of money – budgets, stimulus, monetary policy – and so they should, but only after they have spoken about stopping the virus itself. There is no way to save the economy without stopping the pandemic. Ensuring effective public-health measures is today’s essential economic policy.

 

G20, cura te stesso

Di Jeffrey D. Sachs

 

NEW YORK – I Ministri delle Finanze del G20 si incontrano questa settimana sotto gli auspici dell’Arabia Saudita, che quest’anno ha la presidenza del gruppo. Ma è difficile immaginare che i paesi del G20 guidino il mondo, come a loro fa piacere fingere di fare. La maggior parte di loro non possono efficacemente guidare neanche se stessi nella attuale crisi del Covid-19.

Nel ruolo delle più grandi economie del mondo,  i membri del G20 hanno una responsabilità primaria nel prossimo incontro: concordare le azioni per sconfiggere la pandemia. Pochi paesi del G20 se la stanno cavando bene: quelli che sono in ritardo dovono prendere misure urgenti per fermare la diffusione del virus. Tutti i paesi del G20 hanno bisogno di cooperare a politiche su scala globale per superare la crisi sanitaria.

Una visione d’assieme dei paesi del G20 fa riflettere. Molti sono così modestamente governati da essere stati completamente inefficaci nel contenimento della pandemia. A giudicare dai dati delle due settimane passate, il più grande fallimento del G20, con 176 nuovi casi al giorno per ogni milione di persone, è il Brasile, guidato dall sconsiderato populista Jair Bolsonaro, che adesso ha lui stesso contratto il virus. Il secondo fallimento per dimensione sono gli Stati Uniti, guidati dal Bolsonaro del Nord Donald Trump, con 137 nuovi casi al giorno per milione di popolazione. Gli altri due paesi del G20 con più di 100 casi al giorno per ogni milione di persone sono il Sudafrica (129) e l’Arabia Saudita (112).

Il livello successivo di paesi, che riporta da 10 a 100 casi giornalieri per milione di popolazione, comprende la Russia (47), il Messico (43), la Turchia (16), l’India (15) e i Regno Unito (11). Tutti questi paesi sono a rischio di una significativa crescita della trasmissione, con il Messico e l’India che sembrano essere nelle condizioni di massimo rischio.

Sei pesi del G20 attualmente segnalano da 1 a 10 casi giornalieri per milione di popolazione – tassi ragionevolmente bassi che rendono possibile la definitiva sconfitta del virus nel prossimo futuro: il Canada (8), la Francia (8), la Germania (5), l’Indonesia (5), l’Italia (4) e l’Australia (3).

Soltanto tre paesi del G20 segnalano un numero di casi inferiore ad uno per milione di popolazione: la Corea del Sud (0,96), il Giappone (0,9) e la Cina (0,01). Questi tre paesi dell’Asia Nordorientale hanno dispiegato la necessaria combinazione di guida politica, di professionalità nella sanità pubblica e di comportamenti responsabili (indossare le mascherine, mantenere i distanziamento sociale e rafforzare l’igiene personale).

Una epidemia è un fenomeno sociale ed ha bisogno di una risposta sociale. Come la Corea del Sud, il Giappone e la Cina hanno dimostrato, il virus può essere sconfitto – cioè i nuovi casi possono essere portati vicini a zero – se viene seguita una logica fondamentale. Coloro che sono infetti dal virus devono proteggere coloro che non sono infetti. Possono farlo, durante le due settimane nelle quali sono infetti, in quattro modi: mantenere il distanziamento sociale; indossare le mascherine; stare in casa e fuori dalla portata degli altri; e restare in un quarantena pubblica se la casa non è sicura.

Questa protezione non è necessario che sia perfetta; in effetti, non lo sarà. Tuttavia deve essere abbastanza buona da assicurare che in media un individuo infetto ne contagi meno di un altro. Tutte le persone devono essere caute finché la pandemia non è sconfitta. Il che significa indossare le mascherine nei luoghi pubblici, mantenere una prudente distanza dagli altri e controllare noi stessi e i nostri contatti prossimi per i sintomi. Le autorità devono rendere disponibili luoghi per l’esecuzione dei test e servizi di supporto per l’isolamento degli individui infetti, sia nelle abitazioni che in strutture pubbliche. Coloro che gestiscono gli ambienti di lavoro devono prendere misure cautelari, incluso il lavoro da remoto o un sicuro distanziamento fisico sui luoghi stessi.

I vergognosi fallimenti del G20, in molti casi, sono partiti dall’alto. Individui come Bolsonaro e Trump sono sbruffoni, bulli, litigiosi e sociopatici. I massicci bilanci delle vittime nei loro paesi non li hanno spinti né a espressioni di simpatia, né a politiche di sanità pubblica efficaci. Si constatano simili comportamenti perversi negli altri uomini forti del G20. Mentre le dirigenti femmine (in Nuova Zelanda, in Finlandia, in Danimarca e altrove) hanno prestazioni mgiliori nella pandemia, il G20, ahimè, non ha nessuna dirigente femmina.

Trump è un caso particolare, dato che governa la più grande potenza militare del mondo. La sociopatia di un Presidente statunitense è una tragedia di dimensioni mondiali, diversamente da quella di un Presidente brasiliano (sebbene la sociopatia di Bolsonaro abbia effetti sul mondo attraverso un programma anti ambientalista che alimenta la distruzione insensata e deliberata dell’Amazzonia). La decisione di Trump di ritirare gli Stati Uniti dalla Organizzazione Mondiale della Sanità nel mezzo della battaglia sulla pandemia ha immediate ripercussioni globali. Lo stesso è vero per i suoi sforzi di lanciare una nuova guerra fredda con la Cina, anziché mettere in salvo il suo stesso paese e cooperare con la Cina per aiutare il resto del mondo per combattere la pandemia.

In questo, ovviamente, la Cina ha molto da offrire. Essa ha utilizzato le misure più decisive al mondo per sconfiggere una pandemia fulminante (dopo la prima esplosione a Wuhan) ed è possibile che sia sulla strada di produrre il primo vaccino utile.

Tuttavia, i risultati delle società non sono solo la conseguenza della direzione politica. Dipendono anche dalla cultura e dalla responsabilità sociale. La cultura confuciana dell’Asia nordorientale enfatizza la cooperazione sociale e il comportamento personale a favore della società, come indossare le mascherine. Le teste calde americane, attizzate da Trump, affermano rumorosamente la libertà di non indossarle – vale a dire, la libertà di infettare altri americani. Sarebbe difficile ascoltare affermazioni del genere nell’Asia Nordorientale.

È anche rilevante il fallimento dei dirigenti delle imprese statunitensi nel prendere misure per contenere l’epidemia. Uno dei principali imprenditori americani, Elon Musk, ha chiesto la riapertura dell’economia (e dei suoi affari), piuttosto che usare il suo genio ingegneristico per contribuire a contenere il virus. Anche altri dirigenti di impresa ai massimi livelli, hanno contribuito poco o niente nello sconfiggere l’epidemia. Anche questo fa parte della cultura americana: i soldi sono più importanti delle vite, la ricchezza personale è più importante del bene sociale.

I Ministri delle Finanze del G20 parleranno senza dubbio di soldi – bilanci, stimoli, politiche monetarie – ed è quello che dovrebbero fare, ma solo aver parlato di come fermare lo stesso virus. Non c’è modo di salvare l’economia senza fermare la pandemia. Oggi, la politica economica essenziale è assicurare misure efficaci di sanità pubblica.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"