Saggi, articoli su riviste. Krugman ed altri » Selezione della Settimana

La Florida come un paese in via di sviluppo, di Michael Spence e Chen Long (da Project Syndicate, 2 luglio 2020)

Jul 2, 2020

Florida as a Developing Country

MICHAEL SPENCECHEN LONG

zz 632  zz 873

 

 

 

 

 

 

MILAN/HANGZHOU – The COVID-19 pandemic has arrived in waves, starting in Asia, where it quickly spread from mainland China to South Korea, Hong Kong, and Taiwan. These governments all reacted quickly with aggressive tracking, tracing, and containment programs, and China induced a massive but short-lived economic contraction to stop the virus more or less in its tracks.

Meanwhile, a second wave, now in its middle to late stages, has swept mostly through the developed economies of Europe, North America, and Oceania. As in Asia, there has been variation in containment approaches and results across countries; but, generally speaking, most of these governments responded late, allowing the virus to spread widely before introducing countermeasures.

In any case, the pandemic has followed a clear pattern in both first- and second-wave economies. After a sharp economic contraction (phase one) comes a trough (phase two), when the virus’s rate of spread is reduced to the point that recoveries exceed new confirmed cases. Then comes a period of gradual, sequenced reopening, with precautions to contain the virus remaining in place (phase three).

zz 889

 

 

 

 

 

 

 

The pandemic’s third wave, however, has taken a different shape, and is raising serious concerns. Though it arrived later, it is quickly sweeping most of the developing world, home to two-thirds of the global population. Moreover, this wave, which now accounts for over 60% of confirmed new cases, has left an alarming number of highly populous countries stuck in the pre-phase three period of the “pandemic economy,” with the economic and public-health crises both essentially spinning out of control.

zz 890

 

 

 

 

 

 

 

The apparent difficulty in controlling the spread of the virus even with sustained periods of economic contraction is a unique and disturbing feature of the third wave. And as Figures 2 and 3 show, it can be found in a wide range of countries in Asia, Latin America, and Africa.

zz 891

 

 

 

 

 

 

 

 

In most developing countries, a significant proportion of the population lacks the resources to withstand an extended economic lockdown, and the government’s fiscal capacity to provide a buffer is limited, sometimes severely. As a result, many of these countries will have no choice but to begin reopening their economies regardless of whether the virus has been contained.

Despite the tragedy that is unfolding across the developing world, the third wave has received somewhat less attention than the crisis in the United States, where aggregate nationwide data obscure the fact that there are now two pandemic economies within the US, each with a very different pattern. Several states in the South and Southwest are increasingly exhibiting, or reverting to, the same third-wave pattern observed in developing economies: economic opening with rapid virus spread.

zz 892

 

 

 

 

 

 

 

 

The latest data on new infections in Florida suggest that cases are doubling at a rate below 19 days, which puts the state’s outbreak firmly in the “uncontrolled” phase. And a similar recent pattern can be found in Texas and several other states.

zz 893

 

 

 

 

 

 

 

In the US, 27 states lifted their stay-at-home orders before May 15, while the remaining 23 states started reopening on or after that date. As the data for new cases clearly show, the earlier openers have experienced a significant increase in infections.

zz 894

 

 

 

 

 

 

 

 

Of course, even among the states that started reopening before May 15, the pandemic economy has taken different trajectories. Whereas California has stalled in the virus-containment phase, other states (Florida, Texas) are slipping back into the danger zone, with doubling days at or below 18.

zz 895

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Meanwhile, among the states that lifted their stay-at-home orders on or after May 15, the majority (including Minnesota, Washington, and hard-hit New York) exhibit the typical second-wave pattern of slow but steady movement toward fewer new infections and increased economic activity. A notable exception is Arizona, where active cases are again growing exponentially.

zz 896

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The most plausible reason for these states’ relapse is that their leaders reopened prematurely, too rapidly, or both. It may be that some state governments simply decided that the tradeoff between virus control and economic recovery should be tipped in favor of the latter. It is also clear that some states and localities have taken enforcement of precautionary measures (social distancing, mandatory face masks) more seriously than others. And, notably, these “third wave” states lack substantial testing and tracking programs, which limits their capacity to contain the virus and raises the risks of reopening.

The explanation for the deepening crisis in developing countries is obvious: many lack the economic, medical, and fiscal resources with which to contain the virus and support their populations through an extended lockdown. But these reasons cannot reasonably be applied to an advanced economy like the US.

As a result, it seems that one part of the US will follow the second-wave pattern, alongside Europe, Canada, Australia, and New Zealand, while another part takes a path similar to that of the developing world. But unlike developing countries, these third-wave US states will still have the option of changing course, possibly catching up to the second wave, provided that they can muster the political will to do so.

 

La Florida come un paese in via di sviluppo,

di Michael Spence e Chen Long

 

MILANO/HANGZHOU – La pandemia del Covid-19 è arrivata a ondate, partendo dall’Asia, dove si è rapidamente diffusa dalla Cina continentale alla Corea del Sud, ad Hong Kong ed a Taiwan. I governi di questi paesi hanno tutti reagito rapidamente con aggressivi programmi di identificazione, tracciamento e contenimento, e la Cina ha messo in atto una massiccia, seppur di breve durata, contrazione economica per fermare il virus praticamente sulle sue tracce.

Nel frattempo, una seconda ondata, adesso nelle sue fasi media o matura, si è diffusa rapidamente nella maggior parte delle economie sviluppate dell’Europa, del Nord America e dell’Oceania. Come in Asia, ci sono state varianti negli approcci del contenimento e nei risultati nei vari paesi; ma, parlando in generale, la maggioranza di questi paesi ha risposto in ritardo, consentendo al virus di diffondersi ampiamente prima di introdurre contromisure.

In ogni caso, la pandemia ha seguito uno schema chiaro sia nelle economie della prima ondata che della seconda. Dopo una brusca contrazione economica (fase uno) arriva una depressione (fase due), quando il tasso di diffusione del virus si riduce al punto che le guarigioni superano il numero dei casi accertati. A quel punto, interviene un periodo di graduale, progressiva riapertura, con precauzioni per contenere il virus che resta attivo (fase tre).

zz 889

 

 

 

 

 

 

 

[1]

La terza fase della pandemia, tuttavia, ha preso una forma diversa e sta sollevando serie peeoccupazioni. Sebbene sia arrivata più tardi, essa sta diffondendosi in gran parte del mondo in via di sviluppo, che ospita i due terzi della popolazione globale. Inoltre, questa ondata, che adesso totalizza più del 60% ei nuovi casi accertati, ha lasciato un numero allarmante di paesi altamente popolati nella fase precedente al terzo periodo della “economia pandemica”, con la crisi economica e della sanità pubblica che entrambe si attardano, fondamentalmente fuori controllo.

zz 890

 

 

 

 

 

 

 

[2]

La apparente difficoltà nel controllo della diffusione del virus persino con prolungati periodi di contrazione economica è una caratteristica singolare e allarmante della terza ondata. Come i diagrammi 2 e 3 dimostrano, essa può essere trovata in un’ampia gamma di paesi in Asia, America Latina e Africa.

zz 891

 

 

 

 

 

 

 

 

[3]

Nella maggioranza dei paesi in via di sviluppo, una quota significativa della popolazione manca delle risorse per resistere ad un blocco economico prolungato, e la capacità finanziaria dei Governi nell’offrire ammortizzatori è limitata, talvolta gravemente. Di conseguenza, molti di questi paesi non avranno altra scelta se non quella di cominciare a riaprire le loro economie a prescindere dal fatto che il virus sia stato contenuto.

Nonostante la tragedia che si sta realizzando nel mondo in via di sviluppo, la terza ondata ha ricevuto in qualche modo minore attenzione della crisi negli Stati Uniti, dove i dati aggregati su scala nazionale oscurano il fatto che adesso ci sono due economie pandemiche negli Stati Uniti, ciascuna con un modello molto diverso. Vari Stati nel Sud e nel Sudovest stanno mostrando sempre di più, oppure regredendo verso di esso, lo stesso modello della terza ondata osservata nei paesi in via di sviluppo: apertura delle economie con rapida diffusione del virus.

zz 892

 

 

 

 

 

 

 

 

[4]

Gli ultimi dati sulle nuove infezioni in Florida indicano che i casi stanno raddoppiando ad un ritmo inferiore ai 19 giorni, il che colloca l’epidemia dello Stato nettamente nella fase “incontrollata”. E un recente schema simile può essere trovato nel Texas e in vari altri Stati.

zz 893

 

 

 

 

 

 

 

[5]

Negli Stati Uniti, 27 Stati hanno revocato le ordinanze per il restare nelle abitazioni prima del 15 maggio, mentre i restanti 23 Stati hanno cominciato a riaprire a quella data o successivamente. Come i dati sui nuovi casi chiaramente dimostrano, coloro che hanno aperto precocemente hanno conosciuto una crescita significativa delle infezioni.

zz 894

 

 

 

 

 

 

 

 

[6]

Naturalmente, anche tra gli Stati che hanno cominciato a riaprire prima del 15 maggio, l’economia pandemica ha preso traiettorie diverse. Mentre la California è rimasta in stallo nella fase di contenimento del virus, altri Stati (la Florida e il Texas) sono nuovamente scivolati nella zona di pericolo, con 18 giorni o meno ancora di raddoppio dei nuovi casi.

zz 895

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[7]

Nel frattempo, tra gli Stati che hanno revocato le ordinanze per restare in casa il 15 maggio o dopo quella data, la maggioranza (inclusi il Minnesota, Washington e il duramente colpito Stato di New York) mostrano il tipico schema della seconda ondata di lenta ma regolare progressione verso un numero minore di infezioni ed una accresciuta attività economica. Una notevole eccezione è l’Arizona, dove i casi attivi sono ancora in crescita esponenziale.

zz 896

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[8]

La ragione più plausibile della ricaduta di questi Stati è che i loro dirigenti hanno riaperto prematuramente, o troppo rapidamente, o entrambe le cose. Può darsi che alcuni Governi degli Stati abbiano semplicemente deciso che il compromesso tra il controllo del virus e la ripresa economica doveva essere corretto a vantaggio della seconda. È anche chiaro che alcuni Stati e località hanno preso più seriamente di altri la messa in atto di misure cautelari (il distanziamento sociale, le maschere obbligatorie). È rilevante che questi Stati della “terza ondata” difettino in modo sostanziale di programmi di tamponamenti e di tracciamenti, il che limita la loro capacità di contenere il virus e aumenta i rischi della riapertura.

La spiegazione per l’aggravamento della crisi nei paesi in via di sviluppo è evidente: molti mancano delle risorse economiche, sanitarie e finanziarie con le quali contenere il virus e sostenere le popolazioni con blocchi prolungati. Ma queste ragioni non possono ragionevolmente essere applicate ad una economia avanzata come gli Stati Uniti.

Di conseguenza, sembra che una parte degli Stati Uniti seguirà lo schema della seconda ondata, assieme all’Europa, al Canada, all’Australia e alla Nuova Zelanda, mentre un’altra parte prenderà un indirizzo simile a quello del mondo in via di sviluppo. Ma diversamente dai paesi in via di sviluppo, questi Stati americani della terza ondata hanno ancora l’opzione di cambiare indirizzo, probabilmente rimettendosi al passo con la seconda ondata, ammesso che riescano a racogliere la volontà politica di farlo.

 

 

 

 

 

[1] Il diagramma mostra la situazione degli Stati Unito (linea gialla), della Germania (linea rossa), dell’Italia (linea verde) e della Franca (linea blu). Dall’alto in basso, la regressione della attività economica giornaliera;  da sinistra a destra la crescita dei giorni nei quali avviene un raddoppio dei casi accertati. Osserva la nota che quando il dato sui “giorni di raddoppio” è inferiore a 20, il virus si diffonde più rapidamente delle guarigioni.

[2] Il diagramma illustra la stessa situazione del primo, questa volta in relazione ai paesi in via di sviluppo altamente popolati: l’India (linea gialla), il Brasile (linea rossa), il Sudafrica (linea verde) e il Messico (linea blu). Si osserva in quasi tutti i casi un periodo iniziale di inerzia nelle misure di contenimento (ad eccezione del Sudafrica, agli inizi le linee della attività economica giornaliera restano vicine al 100%). Inoltre, i giorni nei quali si determina un raddoppio dei casi accertati restano fondamentalmente al di sotto di 20, il che significa che l’epidemia continua a diffondersi rapidamente.

[3] In questo caso, relativo alla situazione nei paesi africani,  abbiamo il Kenia con la linea gialla, la Nigeria con quella rossa, il Rwanda con quella verde e ancora il Sudafrica con quella blu. In generale, si osserva che i giorni necessari al raddoppio dei casi accertati restano piuttosto bassi, sotto i 20 con l’eccezione del Sudafrica, che non supera i 40.

[4] Il diagramma mostra i nuovi casi giornalieri nella Florida, sino al 26 di giugno. Come si vede, mentre ancora agli inizi di giugno – e quindi per circa tre mesi – si avevano non più di un migliaio di nuovi casi giornalieri, nel mese di giugno si è passati sino a circa dieci mila casi giornalieri.

[5] Nel caso del Texas si è rimasti per circa un trimestre attorno a 1.000/1.500 casi, per arrivare assai rapidamente a circa 6.000 nuovi casi giornalieri alla fine di giugno.

[6] Il diagramma è chiarissimo. Mostra le due linee, quella blu degli Stati che avevano riaperto prima del 15 maggio e quella grigia degli Stati che hanno cominciato a riaprire dopo il 15 maggio. I primi sono passati da circa 8.000 casi attorno alla metà di maggio a 25.526 casi il 27 giugno; i secondi da un picco di circa 25.000 casi agli inizi di aprile, a 11.708 casi il 27 giugno.

[7] In questo diagramma ci sono alcuni degli Stati che hanno riaperto prima del 15 maggio. La California con la linea blu, la Florida con la linea celeste, l’Oklahoma cone la linea rossa e il Texas con la linea gialla. In pratica, quando le linee hanno una torsione all’indietro, questo significa che i giorni necessari perché i nuovi casi raddoppino, anziché aumentare sensibilmente (ovvero, con una riduzione della diffusione) tornano ad essere pochi (e quindi, la diffusione torna ad essere molto rapida). Nel caso della California quella torsione all’indietro non c’è stata, ma c’è stato uno stallo, ovvero il miglioramento si è interrotto. Negli altri casi c’è stato un netto peggioramento; in particolare in quello della Florida, dove si è tornati da 40 giorni per il raddoppio a circa 20.

[8] I diagramma relativo agli Stati che hanno riaperto dopo il 15 maggio mostra – come si spiega nel testo dell’articolo – la diversa situazione dello Stato di New York (linea rossa),  con un netto miglioramento dei tempi di raddoppio, ed anche degli Stati di Washington (linea gialla) e del Minnesota (linea celeste), con miglioramenti nella diffusione del virus, seppure inferiori. Opposto il caso dell’Arizona, dove i tempi di raddoppio sono tornati ben al di sotto dei 20 giorni.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"