Altri Economisti » Selezione della Settimana

Lo Stato compromesso dell’America, di Angus Deaton (da Project Syndicate, 17 luglio 2020)

 

Jul 17, 2020

America’s Compromised State

ANGUS DEATON

zz 659

PRINCETON – A malevolent, incompetent Trump administration bears much of the blame for America’s failure to control COVID-19. But there is an additional, less noticed cause: the Connecticut Compromise of 1787, which handicapped American democracy at its inception, and has since undercut Congress’s response to the pandemic.

At the Constitutional Convention of 1787 small and large states disagreed about the basis of representation, with the former arguing for equality of states, and the latter for equality of people. The compromise was to establish a bicameral legislature, with one chamber for the people and one for the states. In the House of Representatives, people are represented in proportion to their numbers; in the Senate, each state has two senators, regardless of its population.

As a result, the four largest states today – California, Texas, Florida, and New York – hold only eight of 100 seats in the Senate, even though they account for one-third of the US population. Eight votes also go to the four smallest states – Wyoming, Alaska, Vermont, and North Dakota – which together contain 1% of the population.

Now consider income inequality, which is often measured by the Gini coefficient, with zero signifying perfect equality, and one indicating perfect inequality (a single person receives all income). The US Gini coefficient is 0.42 – the highest among rich countries. Yet if one were to apply the same metric of inequality to representation in the Senate, it would be an even larger 0.50. Voters in Wyoming have ten times as much voting power as voters in Texas do. And because legislation must pass both chambers, coalitions of small states can easily block measures that are in the interest of the vast majority of the population. The Senate frequently does precisely this.

The geographical distribution of COVID-19 cases and deaths is even less equal than the distribution of voting power in the Senate. As of July 8, 45% of the 125,000 recorded COVID-19 deaths were in just four states – New Jersey, New York, Massachusetts, and Illinois – and 70% were in ten states. There have been deaths in all states; but the combined death toll for Alaska, Hawaii, Wyoming, and Montana is only around 80. The 25 least affected states have lost a total of 8,000 people – 6.4% of the national total.

When US President Donald Trump proclaimed a national emergency on March 13, the country went into lockdown more or less uniformly. The emergency was national, and Congress responded by passing four separate measures on a non-partisan basis. But over time, the state-by-state lockdowns gradually eased – both officially and unofficially – with much less uniformity than the original freeze. In places with low rates of infections and few deaths, people started moving around more freely compared to residents of states like New York, New Jersey, and Massachusetts, where people were dying or had died in large numbers. The Senate’s appetite for more emergency spending rapidly dwindled.

On May 15, the Democratic-controlled House passed the Health and Economic Recovery Omnibus Emergency Solutions (HEROES) Act on a mostly party-line vote. But the legislation has since made no progress in the Senate. The Republican majority in that chamber is a direct consequence of the Compromise of 1787, which awards a wildly disproportionate share of seats to rural, less-populated states that lean Republican.

Hence, the stage has long been set for a tragedy. Soon enough, the virus began to spread in the south and southwest, where low death rates had encouraged widespread nonchalance. Once policymakers realized that infections and deaths were spiraling upward, they tried to reverse the reopening process. But it appears they were too late, and now infections are once again threatening eastern states by way of travelers from southern and western states.

Lacking a national plan, let alone a constitution that would allow for central control, each state follows its own instincts and perceived interests, usually myopically. With free travel between states, the virus now will bounce back and forth across the country until a vaccine becomes available or herd immunity has been attained (assuming that lasting immunity is even possible).

As the deaths continue to rise in states that previously had fewer cases, the Senate will likely take up some version of the HEROES Act. This relief will be urgently needed, considering that unemployment benefits will run out at the end of this month, and the most affected states will soon run out of money. But it would have been needed less if the Senate had shown leadership earlier on. A coordinated national strategy for the lockdown might have resulted in a slower return to work, but it would have been more sustainable than the chaos now underway.

In any case, the contagion is shifting from “blue” (Democratic) to “red” (Republican) states. As of July 8, the ratio of deaths in the 26 states with Republican governors (compared to the 24 states with Democratic governors) had risen to 29%, from 22% in late March. Republican governors arguably have been more influenced than their Democratic counterparts by the pernicious disinformation issuing from the White House and its media allies. Demonstrating open contempt for scientific advice, a recent Wall Street Journal editorial mocked Harvard University as “one of the last institutions in America that haven’t learned to be wary of making radical changes based on models from public health experts.”

That said, I suspect matters would not have been very different if Democrats had replaced Republican state legislators and governors. The problem is the lack of a central, enforceable national strategy in a country with a federal system that is ultimately controlled by local authorities responding to their own needs and perceived risks. It was always going to be difficult to ask people to sacrifice for faraway others, in order to mitigate a risk they do not see in their own communities.

The power of the states was a problem in Philadelphia in 1787, and it remains a problem today. Inequality is often cited as the cause of many social ills. As if America’s economic inequality weren’t bad enough, its institutionalized representational inequality has now severely undermined the effectiveness of its democracy.

 

Lo Stato compromesso dell’America,

di Angus Deaton

 

PRINCETON – Una ostile e incompetente Amministrazione Trump porta buona parte della responsabilità nel fallimento dell’America a controllare il Covid-19. Ma c’è una causa aggiuntiva, meno notata: il Compromesso del Connecticut del 1787, che penalizzò la democrazia americana sin dagli inizi, e da allora ha minato ha risposta del Congresso alle pandemie.

Alla Convenzione Costituzionale del 1787 gli Stati di minori dimensioni e quelli grandi non erano d’accordo sulle basi della rappresentanza, con i primi che erano a favore dell’eguaglianza degli Stati, e i secondi dell’eguaglianza delle persone. Il compromesso fu dar vita ad una legislatura bicamerale, riservando una Camera alla persone ed una agli Stati. Nella Camera dei Rappresentanti, le persone sono rappresentate in relazione ai loro numeri; nel Senato, ciascuno Stato ha due senatori, a prescindere dalla popolazione.

Di conseguenza, i quattro più grandi Stati odierni – la California, il Texas, la Florida e New York – hanno soltanto otto dei 100 seggi del Senato, anche se totalizzano un terzo della popolazione statunitense. Otto voti vanno anche agli Stati più piccoli – il Wyoming, l’Alaska, il Vermont e il Nord Dakota – che insieme realizzano l’1% della popolazione.

Si consideri adesso l’ineguaglianza di reddito, che viene spesso misurata dal coefficiente Gini, con un valore di zero che significa perfetta eguaglianza ed un valore 1 che indica perfetta ineguaglianza (come se una singola persona ricevesse tutto il reddito). Il coefficiente Gini degli Stati Uniti è 0,42 – il più alto tra i paesi ricchi. Tuttavia se si dovesse applicare lo stesso metro di misura dell’ineguaglianza alla rappresentanza nel Senato, esso sarebbe un persino più ampio 0,50. Gli elettori del Wyoming hanno dieci volte il potere elettorale degli elettori del Texas. E poiché la legislazione deve essere approvata da entrambe le Camere, le coalizioni degli Stati piccoli possono facilmente bloccare misure che sono nell’interesse della grande maggioranza della popolazione. Il Senato frequentemente fa proprio questo.

La distribuzione geografica dei casi e delle morti da Covid-19 è persino meno eguale della distribuzione del potere elettorale al Senato. Nel mese di luglio, l’8,45% dei 125.000 morti registrati da Covid-19 erano in soli quattro Stati – New Jersey, New York, Massachusetts e Illinois – e il 70% erano in dieci Stati. Ci sono stati morti in tutti gli Stati; ma il bilancio delle vittime complessivo per l’Alaska, le Hawaii, il Wyoming e il Montana è circa di soli 80 decessi. I 25 Stati meno colpiti hanno perso un totale di 8.000 persone – il 6,4% del totale nazionale.

Quando il Presidente Donad Trump proclamò l’emergenza nazionale il 13 marzo, il paese entrò nel lockdown più o meno uniformemente. L’emergenza fu nazionale e i Congresso rispose approvando quattro distinte misure con il consenso di entrambi i partiti. Ma col tempo i lockdown vennero gradualmente attenuati stato per stato – sia ufficialmente che non ufficialmente – con molta minore uniformità del blocco originario. Nei luoghi con bassi tassi di infezioni e con poche morti, le persone cominciarono a circolare più liberamente rispetto ai residenti degli Stati come New York, il New Jersey e il Massachusetts, dove le persone stavano morendo o erano morte in gran numero. Il desiderio del Senato di maggiori spese di emergenza diminuì rapidamente.

Il 15 maggio, la Camera a maggioranza democratica approvò la legge sulle Soluzioni di Emergenza per la Ripresa Economica per Tutti (HEROES) con un voto prevalentemente partitico. Ma da allora la legge non ha fatto alcun progresso al Senato. La maggioranza repubblicana in quel ramo del Congresso è una diretta conseguenza del Compromesso del 1787, che assegna una quota del tutto sproporzionata di seggi agli Stati rurali e meno popolosi che sono orientati a favore dei repubblicani.

Dunque, la scena era stata da tempo allestita per una tragedia. Abbastanza rapidamente, il virus cominciò a diffondersi nel Sud e nel Sudovest, dove i bassi tassi di mortalità avevano incoraggiato la noncuranza. Una volta che le autorità compresero che le infezioni e le morti si stavano impennando verso l’alto, cercarono di invertire il processo delle riaperture. Ma sembra che fosse troppo tardi e adesso le infezioni stanno ancora una volta minacciando gli Stati orientali per il tramite di viaggiatori provenienti dagli Stati del Sud e dell’Ovest.

In mancanza di un piano nazionale, per non dire di una Costituzione che permetterebbe un controllo centrale, ciascuno Stato segue i propri istinti ed i propri presunti inteessi, di solito in modo miope. Con i viaggi liberi tra gli Stati, adesso il virus rimbalzerà avanti e indietro in tutto il paese, finché non sarà disponibile un vaccino o non sarà ottenuta l‘immunità di gruppo (nell’ipotesi che una immunità duratura sia mai possibile).

Dato che le morti continuano a crescere negli Stati che in precedenza avevano un numero minore di casi, il Senato probabilmente farà propria una qualche versione della Legge HEROES. Questo aiuto diventerà urgentemente necessario, considerato che i sussidi di disoccupazione si esauriranno alla fine di questo mese, e che gli Stati più colpiti saranno presto senza soldi. Ma sarebbe stato meno necessario se il Senato avesse dimostrato prima una capacità di guida. Una strategia nazionale coordinata sui bocchi avrebbe comportato un ritorno al lavoro più lento, ma sarebbe stata più sostenibile del caos attualmente in corso.

In ogni caso, il contagio si sta spostando dagli Stati “blu” (democratici) a quelli “rossi” (repubblicani). L’8 di luglio, la percentuale di morti nei 26 Stati con Governatori repubblicani (a confronto dei 24 Stati con Governatori democratici) era salita al 29%, dal 22% alla fine di marzo. Probabilmente i Governatori repubblicani sono stati influenzati maggiormente dei loro colleghi democratici dalla perniciosa informazione che proviene dalla Casa Bianca e dai media che la sostengono.  Dimostrando aperto disprezzo per i consigli della scienza, un recente editoriale del Wall Street Journal ironizzava sull’Università di Harvard come “uno degli ultimi istituti in America che hanno imparato ad essere diffidenti nel fare cambiamenti radicali basandosi su modelli provenienti dagli esperti di sanità pubblica”.

Ciò detto, ho il sospetto che le cose non sarebbero state molto diverse se i democratici fossero stati al posto dei legislatori e dei Governatori repubblicani. Il problema è la mancanza di una applicabile strategia nazionale in un paese con un sistema federale che in ultima analisi è controllato da autorità locali che rispondono ai loro propri bisogni e supposti rischi. È sempre destinato ad essere difficile chiedere alla gente di sacrificarsi per altre persone lontane, al fine di attenuare un rischio che essi non vedono nelle loro comunità.

Il potere degli Stati fu un problema a Filadelfia nel 1787 e resta un problema oggi. L’ineguaglianza è spesso citata come una causa di molti mali sociali. Come se l’ineguaglianza economica in America non fosse a sufficienza negativa, la sua istituzionalizzata ineguaglianza rappresentativa ha oggi gravemente messo a repentaglio l’efficacia della sua democrazia.    

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"