Altri Economisti » Selezione della Settimana

L’empia crociata dell’America contro la Cina, di Jeffrey D. Sachs (da Project Syndicate, 4 agosto 2020)

 

 

Aug 5, 2020

America’s Unholy Crusade Against China

JEFFREY D. SACHS

zz 624

NEW YORK – Many white Christian evangelicals in the United States have long believed that America has a God-given mission to save the world. Under the influence of this crusading mentality, US foreign policy has often swerved from diplomacy to war. It is in danger of doing so again.

Last month, Secretary of State Mike Pompeo launched yet another evangelical crusade, this time against China. His speech was extremist, simplistic, and dangerous – and may well put the US on a path to conflict with China.

According to Pompeo, Chinese President Xi Jinping and the Communist Party of China (CPC) harbor a “decades-long desire for global hegemony.” This is ironic. Only one country – the US – has a defense strategy calling for it to be the “preeminent military power in the world,” with “favorable regional balances of power in the Indo-Pacific, Europe, the Middle East, and the Western Hemisphere.” China’s defense white paper, by contrast, states that “China will never follow the beaten track of big powers in seeking hegemony,” and that, “As economic globalization, the information society, and cultural diversification develop in an increasingly multi-polar world, peace, development, and win-win cooperation remain the irreversible trends of the times.”

One is reminded of Jesus’s own admonition: “Thou hypocrite, first cast out the beam out of thine own eye; and then shalt thou see clearly to cast out the mote out of thy brother’s eye” (Matthew 7:5). US military spending totaled $732 billion in 2019, nearly three times the $261 billion China spent.

The US, moreover, has around 800 overseas military bases, while China has just one (a small naval base in Djibouti). The US has many military bases close to China, which has none anywhere near the US. The US has 5,800 nuclear warheads; China has roughly 320. The US has 11 aircraft carriers; China has one. The US has launched many overseas wars in the past 40 years; China has launched none (though it has been criticized for border skirmishes, most recently with India, that stop short of war).

The US has repeatedly rejected or withdrawn from United Nations treaties and UN organizations in recent years, including UNESCO, the Paris climate agreement, and, most recently, the World Health Organization, while China supports UN processes and agencies. US President Donald Trump recently threatened the staff of the International Criminal Court with sanctions. Pompeo rails against China’s clampdown on its mainly Muslim Uighur population, but Trump’s former national security adviser, John Bolton, claims that Trump privately gave China’s actions a pass, or even encouraged them.

The world took relatively little notice of Pompeo’s speech, which offered no evidence to back up his claims of China’s hegemonic ambition. China’s rejection of US hegemony does not mean that China itself seeks hegemony. Indeed, outside of the US, there is little belief that China aims for global dominance. China’s explicitly stated national goals are to be a “moderately prosperous society” by 2021 (the centenary of the CPC), and a “fully developed country” by 2049 (the centennial of the People’s Republic).

Moreover, at an estimated $10,098 in 2019, China’s GDP per capita was less than one-sixth that of the US ($65,112) – hardly the basis for global supremacy. China still has a lot of catching up to do to achieve even its basic economic development goals.

Assuming that Trump loses in November’s presidential election, Pompeo’s speech will likely receive no further notice. The Democrats will surely criticize China, but without Pompeo’s brazen exaggerations. Yet, if Trump wins, Pompeo’s speech could be a harbinger of chaos. Pompeo’s evangelism is real, and white evangelicals are the political base of today’s Republican Party.

Pompeo’s zealous excesses have deep roots in American history. As I recounted in my recent book A New Foreign Policy, English protestant settlers believed that they were founding a New Israel in the new promised land, with God’s providential blessings. In 1845, John O’Sullivan coined the phrase “Manifest Destiny” to justify and celebrate America’s violent annexation of North America. “All this will be our future history,” he wrote in 1839, “to establish on earth the moral dignity and salvation of man – the immutable truth and beneficence of God. For this blessed mission to the nations of the world, which are shut out from the life-giving light of truth, has America been chosen…”

On the basis of such exalted views of its own beneficence, the US engaged in mass enslavement until the Civil War and mass apartheid thereafter; slaughtered Native Americans throughout the nineteenth century and subjugated them thereafter; and, with the closure of the Western frontier, extended Manifest Destiny overseas. Later, with the onset of the Cold War, anti-communist fervor led the US to fight disastrous wars in Southeast Asia (Vietnam, Laos, and Cambodia) in the 1960s and 1970s, and brutal wars in Central America in the 1980s.

After the September 11, 2001, terrorist attacks, the evangelical ardor was directed against “radical Islam” or “Islamic fascism,” with four US wars of choice – in Afghanistan, Iraq, Syria, and Libya – all of which remain debacles to this day. Suddenly, the supposed existential threat of radical Islam has been forgotten, and the new crusade targets the CPC.

Pompeo himself is a biblical literalist who believes that the end time, the apocalyptic battle between good and evil, is imminent. Pompeo described his beliefs in a 2015 speech while a Congressman from Kansas: America is a Judeo-Christian nation, the greatest in history, whose task is to fight God’s battles until the Rapture, when Christ’s born-again followers, like Pompeo, will be swept to heaven at the Last Judgment.

White evangelicals represent only around 17% of the US adult population, but comprise around 26% of voters. They vote overwhelmingly Republican (an estimated 81% in 2016), making them the party’s single most important voting bloc. That gives them powerful influence on Republican policy, and in particular on foreign policy when Republicans control the White House and Senate (with its treaty-ratifying powers). Fully 99% of Republican congressmen are Christian, of whom around 70% are Protestant, including a significant though unknown proportion of evangelicals.

Of course, the Democrats also harbor some politicians who proclaim American exceptionalism and launch crusading wars (for example, President Barack Obama’s interventions in Syria and Libya). On the whole, however, the Democratic Party is less wedded to claims of US hegemony than is the Republican Party’s evangelical base.

Pompeo’s inflammatory anti-China rhetoric could become even more apocalyptic in the coming weeks, if only to fire up the Republican base ahead of the election. If Trump is defeated, as seems likely, the risk of a US confrontation with China will recede. But if he remains in power, whether by a true electoral victory, vote fraud, or even a coup (anything is possible), Pompeo’s crusade would probably proceed, and could well bring the world to the brink of a war that he expects and perhaps even seeks.

 

L’empia crociata dell’America contro la Cina,

di Jeffrey D. Sachs

 

NEW YORK – Negli Stati Uniti molti cristiani evangelici da tempo credono che l’America abbia una missione per salvare il mondo indicata da Dio. Sotto l’influenza di questa mentalità da crociata, la politica estera degli Stati Uniti ha spesso deviato all’improvviso dalla diplomazia alla guerra. Rischia di accadere ancora.

Il mese scorso, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha lanciato ancora un’altra crociata evangelica, questa volta contro la Cina. Il suo è stato un discorso estremistico, semplicistico e pericoloso – e può ben collocare gli Stati Uniti sul sentiero di un conflitto con la Cina.

Secondo Pompeo, il Presidente cinese Xi Jinping e il Partito Comunista Cinese (CPC) nutrono “da decenni un desiderio di egemonia globale”. Questo è comico. Solo un paese – gli Stati Uniti – ha una strategia di difesa che rivendica per se stesso di essere la “preminente potenza miliare nel mondo” con “equilibri regionali di potenza favorevoli nell’Indo-Pacifico, in Europa, nel Medio-Oriente e nell’emisfero occidentale”. All’opposto, il libro bianco sulla difesa della Cina afferma che “la Cina non seguirà mai il sentiero battuto dalla grandi potenze nella ricerca dell’egemonia”, e che “mentre la globalizzazione economica, la società dell’informazione e la diversificazione culturale si sviluppano in un modo sempre di più multipolare, la pace, lo sviluppo e la cooperazione vantaggiosa per tutti restano le tendenze irreversibili di questi tempi”.

Viene in mente l’ammonimento dello stesso Gesù: “Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio, poi potrai vedere chiaramente come togliere la pagliuzza dall’occhio di tuo fratello” (Matteo 7:5). La spesa militare degli Stati Uniti assommava a circa 732 miliardi di dollari nel 2019, quasi tre volte i 261 miliardi di dollari spesi dalla Cina.

Inoltre, gli Stati Uniti hanno in giro 800 basi militari d’oltremare, mentre la Cina ne ha solo una (una piccola base navale a Gibuti). Gi Stati Uniti hanno molte basi militari vicino alla Cina, che non ne ha nessuna vicino agli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno 5.800 testate nucleari; la Cina ne ha circa 320. Gli Stati Uniti hanno 11 portaerei; la Cina ne ha una. Gli Stati Uniti hanno lanciato oltreoceano molte guerre negli ultimi 40 anni; la Cina non ne ha avviata nessuna (sebbene sia stata criticata per schermaglie ai confini, più recentemente con l’India, che non si sono trasformate in guerra).

Gli Stati Uniti negli anni recenti hanno ripetutamente respinto o si sono ritirati dai trattati delle Nazioni Unite e dalle loro istituzioni, compresa l’UNESCO, l’accordo sul clima di Parigi e, più recentemente, l’Organizzazione Mondiale del Commercio, mentre la Cina sostiene i procedimenti e le agenzie delle Nazioni Unite. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump di recente ha minacciato di sanzioni lo staff della Corte Criminale Internazionale. Pompeo inveisce contro il giro di vite della Cina nei confronti della sua popolazione principalmente musulmana degli Uiguri, ma il passato consigliere di Trump per la sicurezza nazionale, John Bolton, sostiene che Trump in privato ha dato il via libera alle iniziative della Cina, o le ha persino incoraggiate.

Il mondo non ha dato molto rilievo al discorso di Pompeo, che non offriva nessuna prova delle sue pretese sulle ambizioni egemoniche della Cina. In effetti, fuori dagli Stati Uniti, c’è poca convinzione che la Cina abbia l’obbiettivo di un dominio globale. La Cina ha formalmente stabilito che gli obbiettivi nazionali sono “una società moderatamente prospera” entro il 2021 (il centenario del Partito Comunista Cinese), e un “paese pienamente sviluppato” per il 2049 (il centenario della Repubblica Popolare).

Inoltre, il PIL pro capite della Cina, stimato nel 2019 a 10.098 dollari, era meno di un sesto di quello degli Stati Uniti – una base improbabile per la supremazia globale. La Cina deve ancora far molto per mettersi al passo al fine di realizzare i suoi obbiettivi fondamentali di sviluppo economico.

Ipotizzando che Trump perda le elezioni di novembre, il discorso di Pompeo probabilmente non riceverà ulteriori attenzioni. Di sicuro i democratici criticheranno la Cina, ma senza le esagerazioni sfrontate di Pompeo. Tuttavia, se Trump vincesse il discorso di Pompeo potrebbe essere un presagio di caos. L’evangelismo di Pompeo è reale, e i bianchi evangelici sono la base politica del Partito Repubblicano odierno.

Gli infervorati eccessi di Pompeo hanno radici profonde nella storia americana. Come ho raccontato nel mio recente libro Una nuova politica estera, i coloni protestanti inglesi credevano di aver fondato una Nuova Israele nella nuova terra promessa, con la provvidenziale benedizione di Dio. Nel 1845, John O’Sullivan coniò la frase “Destino manifesto” per giustificare e celebrare l’annessione violenta da parte dell’America della America del Nord. “Tutto questo sarà la nostra storia futura”, scrisse nel 1839, “per fondare sulla terra la dignità morale e la salvezza dell’uomo – la fede immutabile e la beneficenza del Signore. Per questa missione benedetta verso le nazioni del mondo, che sono escluse dalla luce vitale della fede, è stata scelta l’America …”.

Sulla base di tali esaltate considerazioni del loro proprio beneficio, gli Stati Uniti si impegnarono in una schiavitù di massa sino alla Guerra Civile e in un apartheid di massa successivamente; massacrarono i nativi americani per tutto il diciannovesimo secolo e li soggiogarono in seguito; e, con la chiusura della frontiera ad Occidente, estesero il Destino Manifesto Oltreoceano. Successivamente, con l’avvento della Guerra Fredda, il fervore anticomunista portò gli Stati Uniti a combattere guerre disastrose nel Sudest asiatico (Vietnam, Laos e Cambogia) negli anni ’60 e ’70 e guerre brutali nell’America Centrale negli anni ’80.

Dopo l’11 settembre del 2001, gli attacchi terroristici, l’ardore evangelico venne diretto contro “l’Islam radicale” o il “fascismo islamico”, con quattro guerre di iniziativa statunitense – in Afghanistan, in Iraq, in Siria e in Libia –  di tutte le quali restano i disastri sino ai nostri giorni. Ad un tratto, la presunta minaccia esistenziale dell’Islam radicale è stata dimenticata, e la nuova crociata ha per obbiettivo il Partito Comunista Cinese.

Lo stesso Pompeo è un evangelico sostenitore di una interpretazione letterale delle Scritture, che crede che la fine del tempo, la battaglia apocalittica tra bene e male, sia imminente. Pompeo descrisse i suoi convincimenti in un discorso del 2015 quando era congressista in rappresentanza del Kansas: l’America è una nazione giudaico-cristiana, la più grande nella storia, il cui compito è combattere le battaglie di Dio sino al Trasporto in Cielo, quando i sostenitori del Cristo rinato, come Pompeo, verranno trascinati in cielo per l’Ultimo Giudizio.

Gli evangelici bianchi rappresentano soltanto circa il 17% della popolazione adulta statunitense, ma comprendono circa il 26% degli elettori. Votano repubblicano in modo schiacciante (nel 2016 venne stimato un 81%), rendendoli il blocco elettorale singolo maggiormente importante del partito. Questo conferisce loro una influenza potente sulla politica repubblicana, e in particolare sulla politica estera, dal momento che i repubblicani controllano la Casa Bianca ed il Senato (con i suoi poteri di ratifica dei Trattati). Un 99% pieno di congressisti repubblicani sono cristiani, circa il 70% dei quali sono protestanti, inclusa una quota significativa ma non nota di evangelici.

Naturalmente, anche i democratici ospitano alcuni politici che proclamano l’eccezionalismo americano e lanciano guerre di crociata (ad esempio, gli interventi del Presidente Barack Obama in Siria e in Libia). Nel complesso, tuttavia, il Partito Democratico è meno legato alle pretese di egemonia statunitense della basa evangelica del Partito Repubblicano.

La retorica incendiaria anticinese di Pompeo potrebbe diventare anche più apocalittica nelle prossime settimane, anche soltanto per accendere la basa repubblicana verso le elezioni. Se Trump viene sconfitto, come sembra probabile, il rischio di uno scontro tra Stati Uniti e Cina si allontanerà. Ma se resta in carica, per una effettiva vittoria elettorale, per una frode o persino per un golpe (tutto è possibile), la crociata di Pompeo andrebbe avanti e potrebbe ben portare il mondo sull’orlo di una guerra che egli si aspetta e che forse sta persino cercando.

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"