Altri Economisti » Selezione della Settimana

Perché il neoliberismo può finire in una autocratica, populista e incompetente plutocrazia Di Simon Wren-Lewis (da Mainly Macro, 22 settembre 2020)

 

Tuesday, 22 September 2020

Why neoliberalism can end in autocratic, populist and incompetent plutocracy

Simon Wren-Lewis

zz-228

Is it a coincidence that the two countries that first championed neoliberalism (under Thatcher and Reagan), should end up with autocratic, populist and incompetent leaders (Johnson and Trump) in what is best described as a plutocracy? The thoughts below are, to use a phrase that Philip Mirowski once used about something I wrote, untutored, so comments via twitter (or DMs, or emails) will be gratefully received.

Before addressing that question, there will be some who will think I am exaggerating. Both countries are still democracies after all. But being a democracy did not stop both Johnson and Trump being elected. Both leaders are undoubtedly autocratic, in the sense that they or a tiny group around them wield far more power than their predecessors did, and they spend considerable resources trying to destroy the obstacles a pluralistic democracy puts in their way. Both leaders are populist in the sense that they either describe their own policy agenda as the ‘will of the people’, or suggest their opponents should be locked up. Both employ crude nationalism at any opportunity.

I suspect in most cases populism generates incompetence. Take Brexit for example. Brexit makes no sense on many grounds. Besides the economic hit, it reduces sovereignty to autarky by ignoring the gains to cooperation. One illustration of this is how it has reduced the UK’s influence on world events. Such policies repel intelligence and the open minded, and promote the mediocre and yes men (or women). Just look at the UK cabinet today, or the type of people that advise Trump.

What about plutocracy? The US has always had elements of plutocracy built in because money plays a huge role in all forms of election. That has got worse in recent years. The result is that the Republican party is now the party of wealthy donors, and it is noticeable that the first major legislation that Trump passed was to give large tax breaks to the very wealthy.

In the past money has been less influential on UK elections, largely because of strict election laws. However these laws have not kept pace with social media. The group that provides 80% of Conservative party funds is called the Leaders group, and they meet regularly with senior politicians. Recently some large coronavirus related contracts have been given to companies that donate to the Conservative party, or who have close connections to Conservative politicians. When the recent ‘rule of six’ for coronavirus mitigation came into effect, ministers called a special meeting just to ensure grouse shooting parties were exempt. Little attempt has been made to close UK tax havens. Like the US, what we are seeing today in the UK is not completely new, but it’s scale has intensified and the government’s embarrassment about it has decreased.

It is important to say that being a plutocracy does not, in these cases, imply that the government is really run by some kind of committee of all those with wealth. The impossibility of such a thing illustrates that plutocracies can be quite selective in the forms of wealth they favour.. To talk about the power of ‘capital’ or even ‘financial capital’ is misleading for this reason. In the UK those who run large hedge funds are particularly influential, and under Johnson and Trump most of those businesses involved in international trade are ignored and policies are directed against them.

There is a more basic reason for describing the UK and US as plutocracies, and that is by analysing how we got here. The place to start is neoliberalism. Neoliberalism eulogizes the market. In the past I’ve characterised the ideology as what you might believe if you did Econ 101 (a first year course) and skipped some of the lectures on market imperfections. However an ideal market for any economist involves competition, and as any student doing Econ 101 would know, any form of imperfect competition takes you away from that ideal. However neoliberalism in practice has become increasingly relaxed about monopoly power. Colin Crouch distinguishes between what he calls market-neoliberals and monopoly-neoliberals.

Why neoliberals use social conservatism as a vote winner

Neoliberalism’s success owes a great deal to it being a very attractive ideology for the wealthy, and that in turn helps explain why it has been increasingly relaxed about monopoly. Wealthy funders of think tanks that promote neoliberalism, like the IEA in the UK, will not look kindly on the think tank suggesting their monopoly should be broken up. This is an illustration of how neoliberalism has increasingly adapted as an ideology to serve the interests of wealthy individuals. It is no accident that under neoliberalism the relative incomes of the 1% and 0.1% have taken off, which greatly increases both the ability and incentive for the wealthly to meddle in politics.

The obvious problem with an ideology championed and reinterpreted by the wealthy is that it won’t be very popular with a majority of the 99%. Neoliberal ideology pretends that the huge salaries of CEOs reflect what they add to their firms and the economy, but in reality high CEO pay means that everyone else gets less of the cake. Wars on red tape are fine for businesses, but they come unstuck when a building goes up in flames or a financial system collapses. While initially Reagan and Thatcher were able to win elections (with Thatcher, in part by giving bits of the state away at bargain prices), being at the right of the economic spectrum will eventually have a cost.

The way round that problem that the political right has adopted in both the US and UK is to appeal to social conservatives. In the US the obvious way to do that was through race, while in the UK the main route has been immigration. In an important sense this appeal to social conservatives is quite false: many right wing politicians are liberal in some of their social views, and they depend on immigrants to wait on them in restaurants or clean their houses. It is an electoral tactic to win over left wing social conservatives for a right wing party, but not one most neoliberal governments would want to carry through to the extent of damaging the economy. . .

Sometimes the interaction between social conservatism and right wing goals can be positively helpful. A clear case is austerity in the UK. Whatever its initial motivation, austerity became a means of shrinking the state and thereby releasing more resources for the private sector, and in particular the wealthy. Austerity has strong negative effects on the 99%, but these can be (falsely) blamed on immigrants taking away resources from the indigenous population.

However the major party of the right in both countries knows that taken too far this social conservatism can have negative effects. Before Trump, immigration was not politicized in the US to the same extent as the UK, because immigrants are useful for sectors of US business. In the UK the Conservatives set targets for immigrants, but were never prepared to suffer major economic damage to achieve those targets. In that sense the shift to social conservatism was a partial deceit, which was in danger of being found out.

The transition to populism

How do we get from here to populism? The key I think is that modest and insincere appeals to social conservatism can be undercut by those who are more socially conservative, and these insurgencies can be backed by extremely wealthy individuals who think they can get something out of it by promoting it or aligning with it. These individuals can include media barons. In the UK this took the form of UKIP, and in the US by the tea party (financed and promoted by the Koch brothers) pushing more right wing/socially conservative candidates in primaries. For example the tea party’s anti-regulation/anti-tax stance fitted nicely with the interests of big tobacco. The tea party could take over the Republicans through primaries where their candidates could appeal to core voters, spend a lot on advertising, and even get right-wing media support.

Trump in the US was the final step in such an insurgency. He was very much an outsider in terms of the traditional Republican party, but he had his own resources to launch his campaign. He appealed to social conservative left wing voters because of his position on immigration and trade, and mobilised apathetic voters through his populist rhetoric, enhanced by his racist views. Weakened by the tea party, the Republican party was not able to stop him becoming the Republican candidate.

In the UK a populist take over of the Conservative party worked through opposition to the EU. UKIP gained popularity because the Conservatives talk on immigration did not match their rhetoric for reasons already discussed. UKIPs leader, Nigel Farage was, like Trump, a populist who had no qualms supporting the right wing fringe parties of Europe. But the absence of primaries in the UK meant he had no way to beat the FPTP system. Why did some wealthy individuals back Farage? UKIP was founded not as an anti-immigration party, but an anti-EU party, and some wealthy individuals were anti-EU. David Cameron agreed to a referendum on UK membership because of UKIP’s threat to steal Conservative votes and MPs. EU membership was hardly a major issue among voters before the referendum, but as the referendum approached voters had to make up their minds.

Probably the most crucial wealthy individuals that had an interest in Brexit were media barons. The Tory press, who had much of the daily English newspaper readership, had for some time attacked the EU. It was Johnson who first started writing largely made-up or wildly exaggerated stories about decisions made in the EU that might impact on the UK. These powerful newspaper owners essentially groomed their readers to have unfavourable opinions about the EU.

This press had a strong influence on Conservative party members, who became more Eurosceptic, and some younger neoliberal Conservative MPs began championing the Brexit cause. The motive force was similar I suspect to those who controlled newspapers: a belief the EU was preventing the UK becoming a low regulation neoliberal exemplar. When the press successfully suggested that Freedom of Movement was the reason immigration targets had not been hit a referendum victory became a possibility. (The suggestion was of course false, and after Brexit EU migrants were essentially replaced with non-EU migrants.)

The Leave campaign and Trump were similar in many ways, and one was that both lied without shame, and the media in both countries failed to attack those lies sufficiently. Once the Brexiters had their narrow referendum victory, they started talking about the ‘will of the people’ in true populist fashion. Because the Brexiters hadn’t put forward a coherent route map of how to leave, chaos followed the referendum vote and UKIP continued to attract voters. Eventually the leaders of the Leave campaign were invited to take over the Conservative party. Equally Trump gets very little opposition from Republicans in Congress.

How can those at the extreme of the social values and economic policy spectrum win an election? One pedantic answer is they didn’t: Clinton got more votes than Trump, and a much better campaign filled with lies gave Leave a one-off boost that they haven’t enjoyed since. A more substantive answer for the UK is that Labour find it difficult to occupy the centre ground on social issues, as their members tend to be at the other extreme, and the media tries to ensure social issues are dominant in the campaign. (I also have the feeling that in elections many better off socially liberal voters are unlikely ever to vote Labour.) In the US there is an ongoing debate about whether Trump won because of race or because his economic populism appealed to the working class, but when the racially prejudiced and the religious vote get you at least a third of the electorate it is not too surprising that outlandish (populist) promises promoted in the media can get someone elected for the first time.

The lessons of the 1930s were forgotten

Is this symmetrical? Could politicians who are strongly left wing and socially liberal take over the party of the left and win? Recent events suggest it is more difficult, but it is important to understand why. The overtly biased right wing media is an important factor here for the obvious reasons. However I think among the well paid political commentators in the less partisan media, and among the Democrat or Labour machine, there is a deep aversion to the left. It is often justified with ‘middle ground’ logic (used extensively for example when it looked like Sanders could win the Democrat primary), but post-war US history and events more than a generation ago in the UK may play a role.

There once was a similar aversion to the extreme right, for obvious historical reasons. In 1968 Enoch Powell gave a speech where he talked about the rivers of blood that would result from what we now call the Windrush generation. The Conservative Prime Minister Edward Heath sacked him from the cabinet after the speech. I cannot help but think that if he had been active in politics ten years ago and had given s similar speech about Muslim immigration, he would not have suffered the same fate. Indeed I suspect he would be appearing frequently on Question Time and would be a leading Brexiter, and perhaps even Prime Minister. History also shows us the danger of using racial or religious minorities as scapegoats for economic misfortune and declining national influence.

Did things have to go this way? Is neoliberalism doomed to degenerate into the populism we see today? Of course both Trump and the Leave campaign could easily have lost. Yet neoliberalism not only increases inequality, but it enables and even encourages wealthy individuals to influence politics. Once the main neoliberal right wing party starts using social conservatism as a way of distracting from their right wing policies, wealthy individuals (including those that own parts of the media) can use more hardline populist views to promote their goals, and have a strong chance of becoming successful insurgents. FPTP and the two party system is a necessary condition for the extreme right to take over a more moderate right wing party and still win an election.

Once this has happened, it is difficult to see how either right wing party returns to its former self. In both countries a radicalised party membership, well funded by wealthy individuals and maintained in part by sections of the media, can continue to outvote more moderate conservatives. I argue here that what could change things is successive electoral defeats, but only where centre-left governments change some of the conditions that allowed populist governments to win.

On the other hand populist autocrats hate media criticism, or opposition coming from the legal system. The longer these populists remain in power, the greater is the danger to the independent media and judiciary. Right now in the US we are on a knife edge: if Trump decides to declare victory before postal votes are counted, will loyal Republican judges override democracy? In the UK the Conservative party is already putting strong pressure on the BBC, and has suggested abolishing the electoral commission. They have four more years to go further.

 

Perchè il neoliberismo può finire in una autocratica, populista e incompetente plutocrazia

Di Simon Wren-Lewis

 

É una coincidenza che I due paesi che per primi avevano sostenuto il neoliberismo (con la Thatcher e Reagan), siano finiti con dirigenti autocrati, populisti e incompetenti (Johnson e Trump) in quella che non si può definire meglio che una plutocrazia? I pensieri che seguono sono, per usare una espressione che una volta Philip Mirowski utilizzò a proposito di qualcosa che scrissi, ‘non istruiti’, dunque i commenti via twitter (o sms, o email) saranno accolti con gratitudine.

Prima di affrontare quella domanda, ci sarà qualcuno che pensa che sto esagerando. Dopo tutto, entrambi i paesi sono ancora democrazie. Ma essere una democrazia non ha impedito che  Johnson e Trump fossero eletti. Entrambi i leader sono indubbiamente autocratici, nel senso che loro e i piccoli gruppi che li circondano detengono un potere di gran lunga maggiore dei loro predecessori, e spendono considerevoli risorse nel cercar di distruggere gli ostacoli che una democrazia pluralistica mette sulla loro strada. Entrambi sono populisti, sia nel senso che descrivono la loro agenda politica come la “volontà del popolo”, sia perché suggeriscono che i loro avversari dovrebbero essere rinchiusi. Entrambi utilizzano un rozzo nazionalismo in ogni occasione.

Io sospetto che nella maggioranza dei casi il populismo generi incompetenza. Si prenda ad esempio la Brexit. Da molti punti di vista la Brexit non ha senso. Oltre il danno economico, essa riduce la sovranità all’autarchia ignorando i vantaggi della cooperazione. Una illustrazione di questo è come essa ha ridotto l’influenza del Regno Unito sui fatti mondiali. Politiche del genere respingono l’intelligenza e le mentalità aperte e promuovono la mediocrità e gli uomini (o le donne) che sono sempre d’accordo. Si guardi soltanto al gabinetto britannico di questi tempi, o al genere di persone che consigliano Trump.

Che dire della plutocrazia? Gli Stati Uniti hanno sempre avuto incorporati elementi di plutocrazia, giacché il denaro gioca un grande ruolo in tutte le forme di elezioni. Tutto ciò è peggiorato negli anni recenti. Il risultato è che oggi il Partito Repubblicano è il partito dei ricchi finanziatori, ed è degno di nota il fatto che la prima importante legge approvata da Trump sia stata regalare grandi sgravi fiscali ai ricchissimi.

Nel passato il denaro è stato meno influente nelle elezioni del Regno Unito, in gran parte a causa di severe leggi elettorali. Tuttavia queste leggi non hanno retto il passo con i social media. Il gruppo che fornisce l’80% dei finanziamenti del Partito Conservatore è chiamato il “gruppo dei leader”, ed essi si incontrano regolarmente con i politici di livello più elevato. Recentemente alcuni cospicui contratti connessi col coronavirus sono stati dati a società che finanziano il Partito Conservatore, o che hanno collegamenti stretti con I politici conservatori. Quando la recente “regola dei sei” per la mitigazione del coronavirus [1]  è entrata in funzione, i ministri hanno convocato una riunione specifica solo allo scopo di garantire che venissero esentati i ricevimenti per le battute di caccia. Sono stati fatti pochi tentativi per chiudere i paradisi fiscali del Regno Unito. Come negli Stati Uniti, ciò a cui stiamo assistendo oggi nel Regno Unito non è completamente nuovo, ma la sua dimensione si è intensificata e l’imbarazzo del Governo per essa è diminuito.

É importante dire che essere una plutocrazia, in questi casi, non implica che il Governo sia effettivamente gestito da un qualche genere di comitato di tutti coloro che hanno ricchezze. L’impossibilità di una cosa del genere dimostra che le plutocrazie possono essere abbastanza selettive verso le forme di ricchezza che favoriscono. Parlare del potere del “capitale” o anche del “capitale finanziario”, per questa ragione, è inappropriato. Nel Regno Unito coloro che amministrano ampi hedge funds sono particolarmente influenti, e sotto Johnson e Trump la maggioranza di quelle imprese che sono impegnate nel commercio internazionale sono ignorate e le politiche sono dirette contro i loro interessi.

C’è una ragione più fondamentale per descrivere il Regno Unito e gli Stati Uniti come plutocrazie, e la si individua analizzando come ci siamo arrivati. Il punto di partenza è il neoliberismo. Il neoliberismo decanta il mercato. Nel passato ho caratterizzato tale ideologia come quello che si potrebbe credere se si fosse avuta una conoscenza elementare dell’economia (un primo anno di un corso universitario) e si fossero saltate alcune lezioni sulle imperfezioni del mercato. Tuttavia, per ogni economista un mercato ideale include la competizione, e come ogni studente di un corso di base di economia sa, ogni forma di competizione imperfetta vi allontana da quell’ideale. Eppure, il neoliberismo in pratica è divenuto sempre più rilassato sul potere di monopolio. Colin Crouch distingue tra quello che chiama il neoliberismo di mercato e il neoliberismo di monopolio.

Perché i neoliberisti utilizzano il conservatorismo sociale per guadagnare voti

Il successo del neoliberismo si deve in grande misura al suo essere una ideologia molto attraene per I ricchi, iI che a sua volta spiega perché esso è stato sempre più distratto sul monopolio. I ricchi finanziatori dei gruppi di ricerca che promuovono il neoliberismo, come l’IEA nel Regno Unito, non trattano benevolmente i gruppi di ricerca che suggeriscono che il monopolio dovrebbe essere interrotto. Questa è una dimostrazione di come il neoliberismo si è sempre più conformato come una ideologia al servizio degli interessi degli individui ricchi. Non è un caso che sotto il neoliberismo i redditi relativi dell’1% e dello 0,1% siano decollati, mentre la possibilità e gli incentivi per I ricchi di immischiarsi nella politica crescevano grandemente.

L’ovvio problema con una ideologia sostenuta e reinterpretata dai ricchi è che essa non sarà popolarissima con la maggioranza del 99%. L’ideologia neoliberista pretende che gli enormi compensi degli amministratori delegati riflettano quello che essi aggiungono alle loro imprese e all’economia, ma in realtà l’elevato compenso di un amministratore delegato comporta che tutti gli altri ottengono una parte della torta più piccola. Le guerre sulla burocrazia sono attraenti per le imprese, ma esse finiscono per arenarsi quando un palazzo va in fiamme o un sistema finanziario collassa. Se inizialmente Reagan e la Thatcher furono capaci di vincere le elezioni (nel caso della Thatcher, in parte liquidando pezzi dello Stato a prezzi di svendita), collocarsi sulla destra dello schieramento economico alla fine avrà un costo.

L’aggiramento di quel problema che la destra politica ha adottato sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito è attrarre i conservatori sociali. Negli Stati Uniti il modo semplice per farlo è stato il razzismo, mentre nel Regno Unito il percorso principale è stato sull’immigrazione. In un senso importante, questa attrattività verso i conservatori sociali è piuttosto falsa; molti politici della destra sono liberali per alcuni dei loro punti di vista sociali, e dipendono dagli immigrati per essere serviti a tavola nei ristoranti o per le pulizie nelle loro case. Per un partito della destra è un tattica elettorale prevalere sui conservatori sociali di sinistra, ma nessuno dei Governi maggiormente neoliberisti vorrebbe metterla in pratica sino a provocare danni all’economia …

Talvolta l’interazione tra conservatorismo sociale ed obbiettivi della destra può offrire un contributo positivo. Un caso chiaro è l’austerità nel Regno Unito. Qualsiasi fosse l’ispirazione iniziale, l’austerità divenne un mezzo per restringere lo Stato e di conseguenza assegnare più risorse al settore privato, e in particolare ai ricchi. L’austerità ha avuto forti effetti negativi sul 99% delle persone, ma per questi si è potuto dare (falsamente) la colpa agli immigrati che sottrarrebbero risorse alla popolazione indigena.

Tuttavia, la parte principale della destra in entrambi  paesi sa che spinto troppo lontano questo conservatorismo sociale può avere effetti negative. Prima di Trump, negli Stati Uniti l’immigrazione  non era politicizzata nella stessa misura del Regno Unito, perché gli immigrati erano utili per settori delle imprese americane. Nel Regno Unito i Conservatori  avevano definito limiti quantitativi per gli immigrati, ma non sono mai stati pronti a sopportare importanti danni economici per realizzare tali obbiettivi. In quel senso, lo spostamento verso il conservatorismo sociale è stato in parte un inganno, e c’era il pericolo fosse scoperto.

La transizione al populismo

Come siamo passati da lì al populismo? Penso che la chiave sia che la moderata e insincera attrazione verso il conservatorismo sociale possa essere erosa da coloro che sono socialmente più conservatori, e queste ribellioni possono essere sostenute da individui estremamente ricchi che pensano di poter trarre qualcosa da tutto ciò, promuovendolo o allineandosi ad esso. Questi individui possono includere i magnati dei media. Nel Regno Unito questo ha preso la forma dell’UKIP [2] e negli Stati Uniti del Tea Party (finanziato e promosso dai fratelli Koch), che nelle primarie sostengono i candidati conservatori sociali più di destra. Ad esempio, la posizione avversa ai regolamenti ed alle tasse del Tea Party si è adattata perfettamente agli interessi delle grandi imprese del tabacco. Il Tea Party potrebbe prendere il controllo dei repubblicani attraverso le primarie, dove i loro candidati potrebbero attrarre gli elettori di base, spendere grandi somme nella propaganda e persino avere il sostegno dai media della destra.

Negli Stati Uniti Trump è stato il passo finale di tale rivolta. Egli era davvero un estraneo rispetto alle tradizioni del Partito Repubblicano, ma aveva risorse proprie per lanciare la sua campagna. Attrasse gli elettori di sinistra social conservatori per le sue posizioni sull’immigrazione e sul commercio, e mobilitò gli elettori apatici con la sua retorica populista, esaltata dai suoi punti di vista razzisti. Indebolito dal Tea Parti, il Partito Repubblicano non era nelle condizioni di impedirgli di diventare il candidato repubblicano.

Nel Regno Unito un populista ha preso il controllo del Partito Conservatore persuaso con l’opposizione all’UE. L’UKIP ha guadagnato popolarità perchè i conservatori che parlano di immigrazione, per le ragioni già elencate, non corrispondevano alla loro retorica. Il leader dell’UKIP, Nigel Farage, era, come Trump, un populista che non aveva scrupoli nel sostenere I partiti della destra estrema dell’Europa. Ma l’assenza delle primarie nel Regno Unito comportava che egli non avesse modo di sconfiggere il sistema del “vincitore che prende tutto” [3]. Perchè alcuni individui ricchi hanno appoggiato Farage? ‘UKIP non venne fondato come un partito ostile all’immigrazione, ma come un partito ostile all’Unione Europea, e alcuni individui ricchi erano contrari all’UE. David Cameron concesse un referendum sulla partecipazione all’UE per la minaccia dell’UKIP di sottrargli voti e parlamentari conservatori. La partecipazione all’UE era un tema di scarsa importanza tra gli elettori prima del referendum, ma quando si avvicinò il referendum gli elettori dovettero aggiornare I loro punti di vista.

Probabilmente I fondamentali individui ricchi che avevano un interesse nella Brexit erano i magnati dei media. La stampa conservatrice, che deteneva buona parte dei lettori dei giornali quotidiani inglesi, dovette per un certo tempo attaccare l’UE. Fu Johnson per primo che cominciò a scrivere storie in gran parte inventate o largamente esagerate su decisioni prese nell’UE che potevano avere un impatto sul Regno Unito. Questi potenti proprietari di giornali fondamentalmente istigarono i loro lettori a nutrire opinioni sfavorevoli sull’UE.

La stampa ebbe una forte influenza sui membri del Partito Conservatore, che divennero più euroscettici e qualche più giovane parlamentare conservatore neoliberista cominciò a sostenere la causa della Brexit. La forza motrice suppongo fosse simile a coloro che controllavano i giornali: la convinzione che l’UE stesse impedendo al Regno Unito di diventare un esemplare liberista con poche regole. Quando la stampa suggerì con successo che la Libertà di Movimento era la ragione per la quale gli obbiettivi sulla immigrazione non erano stati raggiunti, una vittoria sul referendum divenne una possibilità (il suggerimento era ovviamente falso, e dopo la Brexit gli immigrati dall’UE sono stati sostanzialmente sostituiti da emigranti non dell’UE).

La campagna per l’uscita dalla UE e Trump sono state simili in molti sensi, ed uno è stato che entrambi hanno mentito senza alcuno scrupolo, e i media in entrambi I paesi hanno rinunciato ad attaccare queste bugie a sufficienza. Una volta che i sostenitori della Brexit ebbero la loro vittoria referendaria di misura, cominciarono a parlare della “volontà del popolo” in pieno stile populista. Poichè i sostenitori della Brexit non avevano proposto un coerente indirizzo su come uscire, al voto del referendum fece seguito il caos e l’UKIP continuò ad attrarre elettori. Alla fine i leader della campagna per l’uscita dall’UE vennero invitati a prendere il controllo del Partito Conservatore. Nello stesso modo Trump riceve poca opposizione dai repubblicani del Congresso.

Come possono coloro che si collocano all’estremo dello schieramento sui valori sociali e sulla politica economica, vincere una elezione? Una risposta pignola sarebbe che non l’hanno fatto: la Clinton ebbe più voti di Trump, ed una campagna assai più efficace e riempita di bugie diede al Leave un incoraggiamento irripetibile del quale non si erano avvalsi sino ad allora. Una risposta più sostanziale per il Regno Unito è che il Labour ha difficoltà ad occupare il terreno centrale sui temi sociali, mentre I suoi membri tendono a collocarsi all’altra estremità, e i media cercano di assicurare che I temi sociali siano dominanti nelle campagne elettorali (ho anch’io la sensazione molti elettori liberali socialmente benestanti è improbabile che votino mai per il Labour). Negli Stati Uniti c’è un dibattito in corso se Trump abbia vinto perché il tema razziale o il suo populismo economico abbiano attratto la classe lavoratrice, ma quando i pregiudizi razziali e il voto religioso vi consegnano almeno un terzo dell’elettorato, non è così sorprendete che promesse stravaganti (populistiche) promosse dai media possano far eleggere qualcuno per la prima volta.

Le lezioni dimenticate degli anni ’30

In questo c’è simmetria? Ovvero, potrebbero uomini politici che sono fortemente di sinistra e liberali sui temi sociali prendere il controllo del partito della sinistra e vincere? Eventi recenti indicano che questo è più difficile, ma è importante comprendere perché. Per ovvie ragioni, i media apertamente tendenti verso la destra sono un fattore importante. Tuttavia io penso che tra i commentatori ben retribuiti nei media meno faziosi, e negli ambienti dei democratici americani o del Labour, ci sia una avversione profonda alla sinistra. Spesso viene giustificata con la logica del “territorio di mezzo” (ad esempio, è stata utilizzata ampiamente quando sembrava che un personaggio come Sanders potesse vincere le primarie dei democratici), ma la storia post bellica degli Stati Uniti e gli eventi nel Regno Unito di più di una generazione fa possono avere un ruolo.

Una volta c’era una avversione simile verso l’estrema destra, per ragioni storiche evidenti. Nel 1968 Enoch Powell [4] tenne un discorso nel quale parlava dei fiumi di sangue che sarebbero derivati da quella che oggi chiamiamo la “generazione Windrush” [5].  Dopo il discorso, il Primo Ministro Edward Heath lo licenziò dal Gabinetto. Non posso far altro che pensare che se lui fosse stato attivo in politica dieci anni orsono e avesse tenuto un discorso simile sull’immigrazione musulmana, non avrebbe subito la stessa sorte.  In effetti, ho il sospetto che sarebbe apparso di frequente su Question Time e sarebbe stato un sostenitore principale della Brexit, e forse anche Primo Ministro. La storia ci insegna anche il pericolo dell’utilizzare le minoranze razziali o religiose come capri espiatori per le disgrazie economiche e la declinante influenza delle nazioni.

Era necessario che le cose andassero in questo modo? Il neoliberismo è destinato a degenerare nel populismo che osserviamo oggi? Naturalmente, sia Trump che la campagna per l’uscita dall’UE potevano facilmente essere perdenti. Tuttavia il neoliberismo non accresce soltanto l’ineguaglianza, ma consente e persino incoraggia gli individui ricchi  a influenzare la politica. Una volta che il principale partito della destra neoliberista comincia ad utilizzare il conservatorismo sociale come un modo per distrarre dalle sue politiche di destra, le persone ricche (compresi coloro che possiedono una parte dei media) possono utilizzare maggiormente i punti di vista del populismo radicale per promuovere I loro obbiettivi, ed hanno una forte possibilità di divenire dei rivoltosi di successo. Il sistema del “chi-vince-prende-tutto” e dei due partiti è una condizione necessaria per la destra estrema per prendere il controllo di un partito più moderato della destra e comunque per vincere una elezione.

Una volta che questo è accaduto, è difficile anche vedere come il partito della destra possa tornare alla sua identità precedente. In entrambi i paesi, una composizione radicalizzata del partito, ben finanziata da individui ricchi e mantenuta da parte di settori dei media, può continuare a ricevere più voti dei conservatori moderati. In questo senso io sostengo che ciò che potrebbe cambiare le cose sono ripetute sconfitte elettorali, ma solo allorché i Governi di centrosinistra cambieranno alcune delle condizioni che hanno consentito ai governi populisti di vincere.

D’altra parte gli autocrati populisti odiano le critiche dei media, o l’opposizione che proviene dal sistema legale. Più a lungo questi populisti restano al potere, più grande è il pericolo per i media indipendenti e per il potere giudiziario. In questo momento gli Stati Uniti sono sul filo del rasoio: se Trump decide di cantar vittoria prima che I voti per posta vegano scrutinati, i fedeli giudici repubblicani scavalcheranno la democrazia? Nel Regno Unito il Partito Conservatore sta già facendo forti pressioni sulla BBC, ed ha suggerito di abolire la commissione elettorale [6]. Hanno ancora quattro anni per procedere.

 

 

 

 

 

 

[1] Una norma britannica che di recente ha stabilito che gli incontri conviviali non sono possibili per un numero di persone superiore a 6 unità.

[2] Il Partito per l’Indipendenza del Regno Unito (in inglese UK Independence PartyUKIP) è un partito politico britannico euroscettico e nazionalista, fondato nel 1993 da un gruppo di scissionisti del Partito Conservatore. Ha avuto a capo un personaggio abbastanza noto in Europa, Nigel Farage, ma dopo di lui due altri segretari che si sono rapidamente dimessi, a seguito di risultati elettorali in netto declino. Il che è interessante, perché mostra che queste formazioni possono avere un ruolo ‘strumentale’ anche se non necessariamente transitorio – come il Tea Party in America (il termine Tea Party non significa ‘Partito del Tè’, ma ‘festa/intrattenimento del tè’, da un episodio che avvenne a Boston nella guerra di indipendenza americana, quando i ribelli gettarono a mare i barili di tè dei mercantili britannici).

[3] Il first-past-the-post (indicato anche con l’abbreviazione FPTP), in italiano sistema uninominale secco o semplicemente uninominale secca, è un sistema elettorale a maggioranza relativa in collegi uninominali a turno unico.

L’espressione “first-past-the-post” significa letteralmente “il primo oltre il palo” ed è stata coniata in analogia al mondo dell’ippica, nelle cui corse il vincitore è il primo cavallo che oltrepassa un particolare punto della pista, mentre tutti gli altri cavalli perdono. Il sistema è conosciuto anche come the winner takes all, ovvero “il vincitore prende tutto”.

[4] Era un membro del Parlamento inglese, che nel 1963 pronunciò un discorso ad una convenzione dei conservatori a Birmingham nel quale criticava violentemente l’immigrazione di massa, specialmente dai paesi del Commonwealth. Nel discorso fece anche un riferimento all’Eneide di Virgilio: “se guardo in avanti, ho come un presentimento. Come il Romano, mi sembra di vedere il fiume Tevere schiumeggiare di molto sangue”.

zzz 36

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[5] Lo scandalo “Windrush” esplose nel 2018 in Inghilterra, e riguardò la detenzione immotivata di persone provenienti dai paesi caraibici, che vennero arrestate, minacciate di deportazione e in 83 casi effettivamente deportate. Molti commentatori lo collegarono alla “politica dell’ambiente ostile” inaugurata da Theresa May  durante il periodo nel quale aveva tenuto la carica di Segretario agli Interni. Il dibattito su queste pratiche poliziesche provocò le dimissioni dell’allora Segretario agli Interni Amber Rudd.

[6] Nel Regno Unito la Commissione elettorale è un organismo che è stato istituito nel 2001 a seguito di un referendum. Regola i finanziamenti dei partiti e delle campagne elettorali e stabilisce come si debbano gestire le elezioni.

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"