Altri Economisti » Selezione della Settimana

Rigenerare la grandezza americana, di Joseph E. Stiglitz (da Project Syndicate, 14 settembre 2020)

 

Sep 14, 2020

Reclaiming American Greatness

JOSEPH E. STIGLITZ

z 899

NEW YORK – Julia Jackson, the mother of Jacob Blake, a young black man from Kenosha, Wisconsin, who was shot seven times in the back by police, got it right when she said, “America is great when we behave greatly.” Sadly, for the past four years, President Donald Trump has been leading America in the exact opposite direction.

The country’s entire history seems to be on the line when Trump faces the voters again on November 3. It has been 160 years since the United States tried to deal with its “original sin” of African slavery. On that occasion, President Abraham Lincoln famously warned that, “A house divided against itself cannot stand.” Yet, under Trump, all of America’s divisions have been widened.

It comes as no surprise that the rich have gotten richer under Trump, given that he tends to judge overall economic performance on the basis of the stock market, where the richest 10% of Americans own 92% of shares. While equity prices have continued to reach new heights, so, too, has US underemployment and joblessness. Some 30 million US residents currently live in households without enough food, and most of those in the bottom half of the income distribution are living paycheck to paycheck. In a country already riven with deepening inequalities, Trump’s Republicans have not only cut taxes for billionaires and corporations but also implemented policies that will lead to higher tax rates for the vast majority of those in the middle.

As Martin Luther King, Jr., pointed out over a half-century ago, racial and economic injustice are inseparable issues in America. I was there for the March on Washington 57 years ago, when King delivered his heart-rending “I Have a Dream” speech, and we sang, “We shall overcome someday.” As a naive 20-year-old, I could not conceive that someday would lie so far off, that, after a short period of progress, the pursuit of racial and economic justice would stall.

Yet it has now been more than 50 years since the Kerner Commission’s report on the 1967 race riots, and racial disparities remain little reduced. The report’s ultimate main conclusion is still relevant: “Our Nation is moving toward two societies, one black, one white – separate and unequal.” Perhaps under a Joe Biden presidency, the country could finally embark on a new path.

In the meantime, the COVID-19 pandemic will continue to expose and exacerbate existing inequities. Far from being an “equal opportunity” pathogen, the coronavirus poses the greatest threat to those who are already in poor health, of which there are many in a country that still does not recognize access to health care as a basic right. In fact, the number of uninsured Americans has increased by millions under Trump’s watch, after falling dramatically under President Barack Obama; and even before the pandemic, average life expectancy under Trump had fallen below its level in the mid-2010s.

One cannot have a healthy economy without a healthy workforce, and it should go without saying that a country whose people’s health is waning has far to go before it can be “great.” As I wrote in January, Trump’s economic record was unimpressive even before the pandemic – and predictably so. Rather than reducing the US trade deficit, Trump’s ill-advised trade war has actually increased it by more than 12% in just three years. During the same period, fewer jobs were created than in the last three years of the Obama administration. Moreover, growth was anemic and already showing signs of fading after the sugar high induced by the 2017 tax cut stimulus, which did not lead to more investment, but did drive the federal budget deficit above the $1 trillion threshold.

Trump’s reckless governance, abetted by congressional Republicans, left the country unprepared to respond to the next crisis, which turned out to be just around the corner. When Republicans’ billionaire donors and corporate allies looked for handouts in 2017, there was plenty of money available. But now that households, small businesses, and essential public services desperately need assistance, Republicans are claiming that the cupboard is bare.

Insofar as the fight against the pandemic is akin to a wartime mobilization, the US has been stuck with a commander who looks out only for himself, while endangering everyone else by rejecting science and expertise. It is no wonder that the US ranks among the worst-performing countries in terms of controlling the disease and managing the economic fallout. Americans are now dying at three times the monthly rate as in World War II.

Early on in the Trump presidency, the author Michael Lewis warned that Trump and his cronies’ war on the “administrative state” would leave the US wholly unprepared for future shocks. The country is now reeling from a (foreseeable) pandemic, and remains wholly at the mercy of a looming climate crisis, socioeconomic crises, and crises of democracy and racial justice, not to mention emerging divides between urban and rural, coastal and interior, young and old.

Trump has targeted two of the key ingredients of national greatness: social solidarity and public trust. Countries with these features have controlled the pandemic and its economic fallout far better. How can a country that trails the rest of the world in these respects lay any claim to national greatness?

America’s best hope now lies with Biden, whose greatest strength is his potential to reunify a divided populace. Although the country’s rifts have grown too large to be healed overnight, there is some truth in the cliché that “time heals all wounds.”

But healing won’t happen on its own. It will be up to Americans to embrace a project of national renewal. Fortunately, a large population of young people is eager to rise to the challenge. America can become great again only if it harnesses their enthusiasm, stands together, and applies itself anew to its longstanding principles and aspirations.

 

Rigenerare la grandezza americana,

di Joseph E. Stiglitz

 

NEW YORK – Julia Jackson, la madre di Jacob Black, un giovane di colore di Kenosha, Wisconsin, al quale la polizia ha sparato sette volte alle spalle, aveva ragione quando ha detto: “L’America è grande quando ci comportiamo in modo apprezzabile”. È triste, ma negli ultimi quattro anni il Presidene Donald Trump ha guidato l’America nella direzione esattamente opposta.

L’intera storia del paese sembra essere in discussione nel momento in cui Trump affronta nuovamente gli elettori il 3 novembre. Sono passati 160 anni dal momento in cui gli Stati Uniti cercarono di misurarsi con il loro “peccato originale” della schiavitù africana. In quella occasione, il Presidente Abraham Lincoln ammonì: “Una casa divisa in se stessa non può stare in piedi”. Eppure, con Trump, tutte le divisioni dell’America si sono allargate.

Non è una sorpresa che con Trump i ricchi siano diventati più ricchi, considerato che egli tende a giudicare l’andamento economico complessivo sulla base del mercato azionario, dove il 10% degli americani più ricchi possiedono il 92% delle azioni. Così, mentre i valori delle azioni hanno continuato a raggiungere nuovi primati, lo stesso è accaduto per la sottooccupazione e per la mancanza di posti di lavoro. Qualcosa come 30 milioni di residenti statunitensi attualmente vivono in famiglie con una alimentazione insufficiente, e la maggioranza di coloro che si collocano nella metà inferiore della distribuzione del reddito vivono con i soldi contati, da uno stipendio all’altro. In un paese già lacerato da diseguaglianze che si approfondiscono, i repubblicani di Trump non solo hanno tagliato le tasse ai miliardari e alle società, ma hanno anche messo in atto politiche che porteranno ad aliquote fiscali più elevate per la grande maggioranza di coloro che si collocano nel mezzo.

Come mise in evidenza Martin Luther King Jr. mezzo secolo fa, in America l’ingiustizia razziale ed economica sono tematiche inseparabili. Alla Marcia di Washington di 57 anni fa c’ero anch’io, quando King pronunciò il suo discorso struggente “I have a dream” e noi cantammo “Un giorno ce la faremo”. Da ingenuo ventenne, non potevo immaginare che quel giorno sarebbe stato così lontano, al punto che, dopo un breve periodo di progresso, il perseguimento della giustizia razziale ed economica si sarebbe bloccato.

Tuttavia, adesso sono passati più di 50 anni dal rapporto della Commissione Kerner [1] sulle rivolte razziali del 1967, e le disparità razziali si sono ridotte di poco. La principale finale conclusione del Rapporto è rilevante ancora oggi: “La nostra nazione si sta muovendo verso due società, una nera ed una bianca – separate e ineguali.” Forse, con una Presidenza di Joe Biden, il paese potrebbe finalmente avviarsi su un nuovo sentiero.

Nello stesso tempo, la pandemia del Covid-19 continuerà a mostrare ed a esacerbare le iniquità esistenti. Il coronavirus, lungi dall’essere un agente patogeno di “eguale opportunità”, costituisce la minaccia più grande per coloro che sono già in condizioni precarie di salute, che sono molto diffuse in un paese che ancora non riconosce l’accesso alla assistenza sanitaria come un diritto fondamentale. Di fatto, sotto la gestione di Trump il numero degli americani non assicurati è aumentato di milioni, dopo essere sceso in modo spettacolare con il presidente Barack Obama; e persino prima della pandemia, l’aspettativa media di vita sotto Trump era scesa al di sotto del suo livello della metà del primo decennio del 2000.

Non si può avere un’economia sana senza una forza lavoro sana e non dovrebbe essere il caso di osservare che un paese nel quale la salute delle persone è in diminuzione ha molta strada da fare prima di potersi definire “grande”. Come avevo scritto a gennaio, l’andamento dell’economia con Trump non era impressionante neanche prima della pandemia – ben comprensibilmente. Anziché ridurre il deficit commerciale, la insensata guerra commerciale di Trump lo ha aumentato del 12% il soli tre anni. Nello stesso periodo, sono stati creati minori posti di lavoro di quelli che erano stati creati negli ultimi tre anni di Obama. Inoltre, la crescita era anemica e stava già mostrando segni di attenuazione dopo l’euforia indotta dallo stimolo dei tagli delle tasse del 2017, che non aveva portato a maggiori investimenti, ma ha condotto il deficit del bilancio federale oltre la soglia dei mille miliardi di dollari.

La incosciente governance di Trump, con la complicità dei repubblicani del Congresso, ha lasciato il paese impreparato alla crisi successiva, che si è scoperto era proprio dietro l’angolo. Quando i finanziatori miliardari e gli alleati nelle grandi società erano alla ricerca di prebende nel 2017, c’era una gran quantità di denaro disponibile. Ma adesso che le famiglie, le piccole imprese e i servizi pubblici essenziali hanno bisogno disperatamente di assistenza, i repubblicani sostengono che la dispensa è vuota.

Per quanto la battaglia contro la pandemia sia simile ad una mobilitazione di guerra, gli Stati Uniti si sono impantanati con un comandante che si prende cura solo di se stesso, mentre mette in pericolo tutti gli altri rigettando la scienza e la competenza. Non è una sorpresa che gli Stati Uniti si collochino tra i paesi con le prestazioni peggiori in termini di controllo della malattia e di gestione della conseguenze economiche negative. Adesso gli americani stanno morendo ad un tasso mensile che è tre volte quello della Seconda Guerra Mondiale.

Agli inizi della Presidenza Trump, lo scrittore Michael Lewis metteva in guardia che la guerra di Trump e delle sue clientele sullo “Stato amministrativo” avrebbe lasciato gli Stati Uniti completamente impreparati ai traumi futuri. Il paese sta adesso vacillando per una (prevedibile) pandemia, e resta completamente alla mercè della incombente crisi climatica, delle crisi socioeconomiche e delle crisi della democrazia e della giustizia razziale, per non parlare dei divari che emergono tra le aree urbane e rurali, tra quelle delle coste ed interne, tra i giovani ed i vecchi.

Trump ha preso di mira due componenti fondamentali della grandezza della nazione: la solidarietà sociale e la fiducia pubblica. I paesi con questi requisiti hanno controllato assai meglio la pandemia e le conseguenze economiche negative. Come può un paese resta indietro rispetto al resto del mondo sotto questi aspetti avanzare qualsiasi pretesa di grandezza nazionale?

La migliore speranza dell’America ora sta con Biden, la cui forza maggiore è la sua possibilità di riunificare una popolazione divisa. Sebbene le fratture del paese si siano troppo ampliate per essere guarite da un giorno all’altro, c’è qualche verità nel luogo comune secondo il quale “il tempo guarisce tutte le ferite”.

Ma la guarigione non verrà da sola. Toccherà agli americani abbracciare un progetto di rinnovamento nazionale. Fortunatamente una larga popolazione di persone giovani è ansiosa di essere all’altezza della sfida. L’America può tornare ad essere grande soltanto se sfrutta il loro entusiasmo, se resta unità e si applica nuovamente ai suoi principi ed alle sue aspirazioni di lunga data.

 

 

 

 

 

 

[1] Il 28 luglio del 1967 il Presidente Lyndon Johnson nominò una Commissione Nazionale di Consulenza sui disordini civili che avevano devastato molte città americane (tra le altre: Los Angeles, Chicago, Porto Rico, Newark) ed erano ancora in corso (a Detroit), presieduta dal Governatore dell’Illinois Otto Kerner. La Commissione, composta da 11 membri, rilasciò il suo rapporto nel 1968, dopo sette mesi di indagini. La Commissione indicò come cause principali  delle rivolte: “la mancanza di opportunità economiche, i programmi non riusciti dei servizi sociali, la brutalità della polizia, il razzismo e l’orentamento dei media favorevole a bianchi”. Il rapporto di 426 pagine divenne un bestseller. (Wikipedia)

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"