Altri Economisti » Selezione della Settimana

L’atto di resistenza di Trump a favore dell’America dell’apertheid, di Jeffrey D. Sachs (da Project Syndicate, 26 ottobre 2020)

 

Oct 26, 2020

Trump’s Last Stand for Apartheid America

JEFFREY D. SACHS

zz 624

NEW YORK – The ferocity of the 2020 presidential election in the United States is not about Donald Trump per se, but about what he represents: the racist structures of power that have persisted in America for centuries, though sometimes in mutated form. The long history of America’s state-sponsored racism will draw to an end in the coming generation, which is why Trump is so strikingly reactionary in his attempts to prolong it. Yet the damage that Trump’s brand of white nationalism could still cause to the US and the world if he wins a second term makes the election easily the most important in modern American history.

Racism was hard-wired into the US from the founding of the American colonies, with their economies built on the enslavement of Africans and the slaughter and dispossession of Native Americans. Slavery became so deeply enmeshed in American society that only a bloody civil war ended it, in contrast to most other countries, where the African slave trade and slave holding ended peacefully.

When the US Civil War ended, a brief period of African-American emancipation during the Reconstruction era (1865-76) gave way to a renewed system of racist repression so encompassing and systematic that it was, in effect, an American apartheid system. The legal racism of Jim Crow in the US South is well known, but the repression and segregation in the North and West, including segregated housing, flagrant job discrimination, poor or no schooling, and systemic failures of justice, were similarly noxious.

In his brilliant and eloquent book The Color of Law, Richard Rothstein examines how federal, state, and local governments, in collaboration with vigilante white violence, created and perpetuated African-American ghettos across the country, while underwriting and promoting the spread of segregated, all-white suburbs. Much overtly racist legislation was eventually eliminated by Congress or overturned by the federal courts by the end of the 1960s. Yet racism continued, reflected in police brutality, the mass incarceration of black young people starting in the 1970s, ongoing suppression of black votes, and pervasive employment discrimination. And most of America’s segregated suburbs remained nearly all white.

The civil rights movement of the 1950s and 1960s produced deep and lasting changes. Yet it also fueled a political backlash among white conservatives, especially in the South and Midwest. Working-class and evangelical whites who had long been part of Franklin D. Roosevelt’s New Deal coalition switched their allegiance to the Republican Party, which promised to resist further desegregation and to support policies promoted by social conservatives. This “Southern Strategy” helped to put Richard Nixon in the White House in 1968, and then Ronald Reagan in 1980. The same white, evangelical rural and suburban base helped to elect George H.W. Bush, George W. Bush, and Trump.

Today, however, younger Americans are far more supportive of racial diversity – and are far more racially diverse themselves. They are also better educated. Because college campuses bring together Americans from a wide variety of backgrounds, they foster a lived environment of diversity, thereby nurturing greater racial tolerance.

According to a recent Pew Research Center opinion survey, young voters aged 18-29 are breaking 59% for Joe Biden to 29% for Trump, who also garners little support among college-educated voters. Voters with a Bachelor’s degree favor Biden over Trump by a margin of 57% to 37%. For voters with advanced degrees, Biden’s margin is even wider, 68% to 28%. Trump’s base is concentrated among older, white, and lesser-educated Protestants, many of whom moved to segregated suburbs decades ago precisely to avoid integration.

In 2016, the swing voters were white working-class voters in the Midwest who had lost jobs to automation and trade. Many had previously voted Democratic. Trump wooed them by promising to stop immigrants and minorities competing for their jobs and housing. He promised to restore vast numbers of manufacturing jobs by getting tough on China. That message sold.

This year, however, swing voters are likely to break for Biden. Trump’s disdain for public health has allowed COVID-19 to run amok. Together with the weak economy, the lack of jobs returning from China, the overall loss of manufacturing employment since the start of Trump’s presidency, and Biden’s convincing proposals to create millions of jobs by investing in clean and green infrastructure, Trump’s message no longer resonates with many of these voters.

With US demographics and cultural attitudes changing, older, white pro-segregation voters may recognize that this election is their last stand. Trump’s remaining stratagem is voter suppression, including dark threats of vigilante violence if he is defeated. He has repeatedly declined to commit to a peaceful transfer of power, and has ominously called on white supremacists to “stand back and stand by” pending the electoral results.

As his electoral defeat has become increasingly likely, Trump has ratcheted up his rhetoric to fever pitch. The chaos of an artificially contested vote count is Trump’s main shot at retaining power. The most heartening words from Trump during this whole campaign was his recent musing that if he loses, “Maybe I’ll have to leave the country.” More likely, after a lifetime of tax dodging and financial fraud, justice will catch up with him.

If Trump somehow holds on to power, the domestic and global consequences of an openly repressive racist US regime could be deadly. At home, unleashed and unhinged white supremacist groups could spur a descent into open violence. On the global stage, Trump’s evangelical base has a frenzied desire for a cold war with China, one that plays to these voters’ xenophobia, anti-Chinese racism, and historical ignorance.

All of this means that the coming weeks will be fraught with peril. America and the world will not be safe until Trump is gone.

 

L’atto di resistenza di Trump a favore dell’America dell’apartheid,

di Jeffrey D. Sachs

 

NEW YORK – La estrema asprezza delle elezioni presidenziali del 2020 negli Stati Uniti non riguarda Donald Trump in sé, ma quello che rappresenta: le strutture razziste di un potere che in America hanno resistito per secoli, sebbene talvolta in forma mutata. La lunga storia del razzismo d’America sponsorizzato dallo Stato giungerà a un termine nella prossima generazione, e questa è la ragione per la quale Trump è così straordinariamente retrogrado nei suoi tentativi di prolungarla. Tuttavia il danno che il marchio del nazionalismo bianco di Trump potrebbe ancora provocare agli Stati Uniti e al mondo se ottenesse un secondo mandato rende le elezioni indubbiamente le più importanti nella storia dell’America moderna.

Il razzismo venne inculcato negli Stati Uniti dalla fondazione delle colonie americane, con le loro economie costruite sulla schiavitù degli africani e il massacro e la spoliazione dei nativi americani. La schiavitù divenne così profondamente incarnata nella società americana che solo una sanguinosa guerra civile le pose termine, in contrasto con la maggioranza degli altri paesi, dove il commercio degli schiavi africani e il loro possesso si concluse pacificamente.

Quando la Guerra Civile statunitense ebbe termine, un breve periodo di emancipazione afroamericana durante l’epoca della Ricostruzione (1865-76) cedette il passo ad un sistema rinnovato di repressione razzista così universale e sistematico da essere, nei fatti, un apartheid americano. Il razzismo legale di Jim Crow nel Sud degli Stati Uniti  è ben noto, ma la repressione e la segregazione nel Nord e nell’Ovest, inclusa la segregazione degli alloggi, la flagrante discriminazione nei posti di lavoro, la nessuna o modesta scolarizzazione e le sistematiche ingiustizie, furono similmente deleterie.

Nel suo brillante ed eloquente libro Il colore della legge, Richard Rothstein esamina come il Governi federale, degli Stati e locali, in collaborazione con la violenza dei vigilanti bianchi, creò e perpetuò in tutto il paese i ghetti afroamericani, mentre forniva copertura e promuoveva la diffusione di quartieri separati di soli bianchi. Con la fine degli anni ’60 buona parte della legislazione razzista venne poi eliminata dal Congresso o rovesciata dai tribunali federali. Tuttavia il razzismo proseguì, riflesso nelle brutalità della polizia, nella incarcerazione massiccia a partire dagli anni ’70 dei giovani di colore, nel perdurante ostracismo ai diritti di voto dei neri, e nella pervasiva discriminazione nei luoghi di lavoro. E i quartieri periferici rimasero in maggioranza quasi tutti bianchi.

Il movimento dei diritti civili degli anni ’50 e ’60 produsse cambiamenti profondi e duraturi. Tuttavia innescò anche un contraccolpo politico tra i conservatori bianchi, particolarmente nel Sud e nel Midwest. La classe lavoratrice e i bianchi evangelici che erano stati a lungo parte della coalizione del New Deal di Franklin D. Roosevelt trasferirono la loro fedeltà al Partito Repubblicano, che aveva promesso di resistere ad una ulteriore desegregazione e di sostenere le politiche promosse dai conservatori sociali. Questa “strategia meridionale” contribuì a portare alla Casa Bianca Richard Nixon nel 1968, e poi Ronald Reagan nel 1980. La stessa base bianca, evangelica, rurale e suburbana contribuì ad eleggere George H.W Bush, George W. Bush e Trump.

Oggi, tuttavia, gli americani più giovani sono di gran lunga più solidali con la diversità razziale – e sono essi stessi molto più diversificati razzialmente. Sono anche meglio istruiti. Poiché i campus universitari mettono assieme americani con una vasta varietà di origini, essi incoraggiano un ambiente vissuto di diversità,  di conseguenza promuovendo una più grande tolleranza razziale.

Secondo un recente sondaggio di opinione del Pew Research Center, gli elettori giovani tra i 18 e i 29 anni si dividono in un 59% a favore di Joe Biden ed un 29% per Trump, che ottiene anche poco sostegno tra gli elettori con istruzione universitaria. Gli elettori con una laurea sono a favore di Biden rispetto a Trump con un margine del 57%, contro un 37%. Per gli elettori con titoli di studio avanzati, il margine per Biden è persino più ampio, il 68% contro il 28%. La base di Trump è concentrata tra i più anziani, i bianchi ed i protestanti meno istruiti, molti dei quali si spostarono decenni orsono nelle periferie isolate precisamente per evitare l’integrazione.

Nel 2016 gli elettori cosiddetti ‘oscillanti’ erano gli elettori della classe lavoratrice bianca del Midwest che aveva perso posti di lavoro a seguito dell’automazione e del commercio. Molti avevano in precedenza votato per i democratici. Trump li corteggiò con la promessa di fermare gli immigrati e le minoranze che erano in competizione con loro per i posti di lavoro e le abitazioni. Promise di ripristinare grandi numeri di posti di lavoro manifatturieri con una politica dura verso la Cina. Il messaggio produsse i suoi effetti.

Quest’anno, tuttavia, è probabile che gli elettori oscillanti si indirizzino su Biden. Il disprezzo di Trump per il sistema sanitario pubblico ha consentito che il Covid-19 corresse senza controllo. Assieme ad una economia debole, alla assenza di posti di lavoro di ritorno dalla Cina, alla perdita complessiva di occupazione manifatturiera dall’inizio della Presidenza Trump, e alle proposte convincenti di Biden per la creazione di milioni di posti di lavoro con gli investimenti in infrastrutture pulite e ambientaliste, il messaggio di Trump non produce più effetti in molti di questi elettori.

Con le tendenze demografiche e culturali statunitensi in cambiamento, gli elettori più anziani e i bianchi a favore della segregazione possono riconoscere che queste elezioni sono la loro ultima difesa. Lo stratagemma residuo di Trump è la limitazione dei diritti di voto, incluse oscure minacce della violenza dei vigilanti se egli venisse sconfitto. Egli ha ripetutamente rifiutato un pacifico trasferimento del potere, e si è rivolto in modo sinistro ai suprematisti bianchi per “fare un passo indietro e restare in attesa” dei risultati elettorali.

Mentre una sua sconfitta elettorale è diventata sempre più probabile, Trump ha fatto lievitare la sua retorica sino alla frenesia. Il caos di un conteggio dei voto pretestuosamente contestato è il principale tentativo di Trump per mantenere il potere. Le più rassicuranti parole da parte di Trump durante questa intera campagna elettorale sono state la sua recente riflessione sul fatto che, se perderà “Forse dovrò lasciare il paese”. Più probabilmente, dopo una esistenza di elusioni fiscali e di imbrogli finanziari, la giustizia lo raggiungerà.

Se Trump in qualche modo manterrà il potere, le conseguenze interne e globali di una regime di aperta repressione razzista negli Stati Uiti potrebbero essere letali. All’interno, i gruppi sguinzagliati e squilibrati dei suprematisti bianchi potrebbero incoraggiare la china verso una aperta violenza.  Sullo scenario globale, la base evangelica di Trump ha un desiderio esagitato di una guerra fredda con la Cina, tale da andare incontro alla xenofobia di questi elettori, al razzismo anti cinese e all’ignoranza storica.

Tutto questo significa che le settimane in arrivo saranno cariche di pericoli. L’America e il mondo non saranno sicuri finché Trump non se sarà andato.

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"