Altri Economisti » Selezione della Settimana

Sunak e la maggioranza dei parlamentari conservatori non capiscono il bilanciamento tra economia e salute, e di conseguenza moriranno in molti Di Simon Wren-Lewis (dal blog Mainly Macro, 28 settembre 2020)

 

Monday, 28 September 2020

Sunak and most Tory MPs do not understand the economics/health trade-off, and many people will die as a result

Simon Wren-Lewis

zz-228

It is well known and generally accepted that despite warnings from China, Italy and elsewhere, the UK government were late in imposing a lockdown that reversed the march of the virus . That mistake cost tens of thousands of lives, and a severe hit to national output.

You might have thought that this colossal error would have made the government fear the virus. Surely mistakes would not be repeated. But as Harvard epidemiology professor William Hanage notes, having not learnt the lessons from its neighbours its now failing to learn the lessons from itself. The Prime Minister, despite getting the virus in a life threatening way himself, is predisposed to tell good news stories, and so was too eager to relax the lockdown. Sunak egged him on, thinking only about how much money the Treasury was spending and the immediate impact on GDP.

There seems to have been no strategic thinking about stopping a second wave developing. It was as if the government can only focus on one idea at a time, and after a belated focus on saving lives they moved on to restarting the economy, with no thought to how the pandemic might develop. The crucial failure over the summer was a failure to fix the problems with the private sector (not NHS) testing and tracing system, at the same time as expanding capacity to deal with an inevitable Autumn surge.

Any thought about strategy would have signalled the return to school and then the return to university as danger points that had to be handled very carefully, and almost certainly offset by restrictions elsewhere. Yet Dido Harding, who runs the privatised test and trace operation, said with a straight face that no one could have anticipated a rise in the demand for tests in late August and September. But it wasn’t just Dido Harding. Everyone in government, from Matt Hancock to superforecaster Cummings to the Prime Minister himself must have agreed that there was no reason why all this increased mixing among schoolchildren would lead to an increase in the demand for tests.

Perhaps they had their minds on other things. For example Hancock decided that the end of August was a good time to announce the abolition of Public Health England, with a new body to be run by none other than Dido Harding. It was another U-turn, undoing part of the Lansley reforms. The Conservatives seem to like reforming parts of the health service at times of maximum stress to that service. The reforms were supposed to take a few months, in time for a second wave, but instead they are happening during a second wave..

It is difficult to understand quite what ministers thought would happen once new coronavirus case numbers began to plateau at around 700 per day in July. It was obvious at that point that there was a big danger that people would become complacent, and relax on social distancing etc, leading to cases beginning to rise, which in August they began to do. Yet rather than the government emphasising the dangers of such relaxation, they were in full ‘save the economy’ mode, with things like Eat Out to Help Out, which may have helped the virus as well as restaurants. The Prime Minister and Chancellor began a big campaign to stop people working from home and instead come back to their offices. Luckily most ignored them, which may be one reason why most of the south east (excluding London) is relatively COVID-free.

These actions give the lie to attempts by the government to suggest that the only guilty party responsible for the second wave is the public. (Of course the government should lead by example, as it famously failed to do with Cummings’ eye tests.) Blaming the public is an absurd excuse anyway. Any government that assumed there wouldn’t be a gradual forgetting or ignoring of the oft-changing coronavirus rules is incompetent. A government should plan for what they expect behaviour to be, rather than assume everyone sticks to their rules.

This month things have gone from bad to worse. With reported cases rising rapidly, and true cases rising even more rapidly because of the failure of the testing system, the Prime Minister is repeating the mistake he made in March. The lesson from the first wave of the virus is that you act fast and act hard. You do not gradually tighten restrictions in the hope that this will be enough. You may get to the same place eventually, but the difference is measured in lives lost to coronavirus. Even if the Prime Minister had wanted to go further in combating the virus, his Chancellor, cabinet and Tory MPs could have stopped him.

In a similar spirit, the Chancellor replaced what was initially a generous furlough scheme with a modest wage subsidy scheme that, in the words of the Resolution Foundation, has design flaws that limit its ability to maintain employment and help firms. If there are design flaws coming out of a Treasury scheme that probably means the flaws are intentional.

The Chancellor talks about supporting jobs that are viable in the longer term. This is doublespeak unless the Chancellor thinks no vaccine will ever work and we are not going to eliminate the virus by other means. There is a real question about whether people who temporarily cannot work because of the virus could do something that benefits themselves and society instead, but the answer to that question is not unemployment. With incompetence comes a lack of imagination.

Collectively the Tory party, reading anti-lockdown nonsense in the Telegraph and other newspapers, has collectively failed to understand the economics/health trade off. Of course there is a very short run trade off, but this trade off disappears after a few months, because a failure to keep virus numbers low will kill the economy. This is not an idiosyncratic view, but the view of most economists, who understand that during a pandemic social consumption collapses. For most this is not because they are prevented from going to pubs, restaurants, football matches, concerts and so on, but because they do not want to risk their health and the health of others by doing these things. So even if you didn’t care about the thousands of deaths that would result from an anti-lockdown policy, that policy doesn’t do the economy any good either.

Once again the Tory party is ignoring the experts, and while in previous years that has led to lower incomes for most people and poorer public services, this time it will do those things and also lead to many more deaths from the virus. Why do Tory MPs and the columnists they read live in a fantasy land where they ignore the fact that Sweden has the highest death rate by far compared to other Scandivian countries, and as Nick Cohen points out has far more generous unemployment benefits and far better help for the unemployed than the UK? Is this the point where an ideology that idealises the market finally drives its followers mad, or are jobs and businesses in the areas that would suffer from a second wave, as well as thousands of deaths, of little interest to the party’s backers?

 

 

Sunak e la maggioranza dei parlamentari conservatori non capiscono il bilanciamento tra economia e salute, e di conseguenza moriranno in molti.

Di Simon Wren-Lewis

 

É ben noto e generalmente riconosciuto che nonostante gli ammonimenti dalla Cina, dall’Italia e dappertutto, il Governo del Regno Unito è arrivato tardi ad imporre un lockdown che ha rovesciato la marcia del virus. Quell’errore è costato decine di migliaia di vite e un grave colpo alla produzione nazionale.

Si poteva pensare che questo errore colossale avrebbe reso il Governo timoroso del virus. Di certo gli errori non si sarebbero ripetuti. Ma come osserva il professore epidemiologo William Henage, non avendo imparato la lezione dai suoi paesi vicini, adesso non riesce a impararla da se stesso. Il Primo Ministro, nonostante abbia preso lui stesso il virus al punto di rischiare la vita, è incline a raccontare buone nuove notizie, e dunque era troppo ansioso di rilassare i blocchi. Sunak [1] lo ha incoraggiato, pensando soltanto a quanti soldi il Tesoro stava spendendo e all’impatto immediato sul PIL.

Sembra che non ci sia stata alcuna riflessione strategica sul fermare una seconda ondata in crescita. É successo come se il Governo potesse concentrarsi solo su un’idea per volta, e dopo una tardiva attenzione a salvare vite umane sono passati a far ripartire l’economia, senza alcun pensiero su come la pandemia potesse svilupparsi. Il principale fallimento dell’estate è stata l’incapacità a risolvere i problemi con il sistema di analisi e di tracciamento del settore privato (non del Servizio Sanitario Nazionale) e nello stesso tempo ad ampliare la capacità di misurarsi con una inevitabile crescita nell’autunno.

Ogni riflessione strategica avrebbe dovuto segnalare il ritorno a scuola e poi il ritorno nelle università come punti di pericolo che dovevano essere gestiti con molto scrupolo, e quasi certamente bilanciati con restrizioni altrove. Tuttavia Dido Harding [2], che gestisce l’operazione sui test e sui tracciamento privatizzati, ha detto con piglio sicuro che nessuno avrebbe potuto prevedere una crescita nella domanda di test alla fine di agosto e a settembre. Ma non si è trattato solo di Dido Harding. Tutti nel Governo, da Matt Hancock [3] al super chiaroveggente Cummings [4] sino al Primo Ministro stesso, erano d’accordo che non c’era alcuna ragione perché l’accresciuta promiscuità tra i bambini delle scuole portasse ad un aumento della domanda di test.

Forse avevano la testa rivolta ad altro. Ad esempio Hankock aveva deciso che la fine di agosto era il momento buono per annunciare la abolizione della Pubblic Health England [5], con un nuovo organismo gestito da nessun altro che la stessa Dido Harding. Era un’altra svolta, che disfaceva una parte delle riforme di Lansley [6]. Ai conservatori pare far piacere riformare il sistema sanitario nei momenti di massima tensione di quel servizio. Si supponeva che le riforme prendessero pochi mesi, in tempo per una seconda ondata, invece sono in corso durante la seconda ondata …

È difficile comprendere esattamente cosa i ministri pensassero sarebbe accaduto una volta che il numero dei nuovi casi di coronavirus avessero cominciato a stabilizzarsi attorno a 700 casi al giorno in luglio. Era evidente che a quel punto c’era un gran pericolo che le persone sarebbero diventate rilassate e avrebbero attenuato il distanziamento sociale e tutto il resto, facendo cominciare a crescere i casi, cosa che cominciò ad accadere ad agosto. Tuttavia, il Governo piuttosto che enfatizzare i pericoli di tale rilassamento, era in piena modalità del “salvare l’economia”, con slogan come “Mangiate fuori per dare una mano” [7], che possono aver aiutato il virus altrettanto dei ristoranti.  Il Primo Ministro e il Cancelliere hanno avviato una grande campagna perché le persone smettessero di lavorare a casa e piuttosto tornassero ai loro uffici. Fortunatamente la maggioranza l’hanno ignorata, e questa può essere una ragione per la quale gran parte del sud est (esclusa Londra) è relativamente libera dal Covid.

Queste iniziative hanno dimostrato che i tentativi del Governo di suggerire che la sola parte responsabile della seconda ondata sia il pubblico, sono falsi (ovviamente il Governo dovrebbe essere di esempio, come notoriamente non riuscì a fare con la visita oculistica di Cummings [8]). In ogni modo, dare la colpa al pubblico è una scusa assurda. Qualsiasi Governo che non considerasse la possibilità di una progressiva dimenticanza o di un non rispetto di regole in frequente cambiamento sul coronavirus, sarebbe incompetente. Un Governo dovrebbe prepararsi a ciò che si aspetta dai comportamenti delle persone, piuttosto che ipotizzare che tutti siano ligi alle sue regole.

La situazione di questo mese è passata dal male al peggio. Con i casi riferiti in rapida crescita e i casi effettivi che crescono anche più rapidamente a causa del fallimento del sistema dei tamponi, il Primo Ministro sta ripetendo l’errore di marzo. La lezione dalla prima ondata del virus è agire rapidamente e agire in modo determinato. Non si restringono gradualmente i divieti nella speranza che sia sufficiente. Alla fine si può ottenere la stessa collocazione, ma la differenza è misurata in perdita di vite umane. Anche se il Primo Ministro avesse voluto andare più oltre nel combattere il virus, il suo Cancelliere, il Gabinetto ed i parlamentari conservatori l’avrebbero fermato.

In uno spirito simile, il Cancelliere [9] ha sostituito quello che inizialmente era uno schema generoso di congedi con un modesto sussidio salariale che, nelle parole della Risoluzione di Base, ha difetti di progettazione che limitano la sua capacità di mantenere l’occupazione e di aiutare le imprese. Se i difetti di progettazione derivano dallo schema del Tesoro, questo probabilmente significa che i difetti sono intenzionali.

Il Cancelliere parla di sostegno ai posti di lavoro che possono funzionare nel più lungo termine. Si tratta di una espressione ambigua a meno che il Cancelliere non pensi che nessun vaccino mai funzionerà e che non siamo destinati ad eliminare il virus con altri mezzi. C’è una vera domanda se le persone che temporaneamente non possono lavorare a causa del virus possano piuttosto far qualcosa che sia di beneficio per loro e per la società, ma la risposta a quella domanda non è la disoccupazione. L’incompetenza si appaia ad un difetto di immaginazione.

Nel suo complesso, il Partito conservatore, leggendo le insensatezze sul lockdown su The Telegraph [10] e su altri giornali, è stato collettivamente incapace di comprendere lo scambio tra economia e salute. Naturalmente c’è uno scambio di brevissima durata, ma questo scambio scompare dopo pochi mesi, perché l’incapacità di tenere bassi i numeri del virus ammazzerà l’economia. Questo non è un punto di vista stravagante, ma il punto di vista della maggioranza degli economisti, che comprendono come i consumi sociali durante una pandemia collassino. Per la maggioranza questo non dipende dal fatto che alle persone venga probito di andare ai pub, ai ristoranti, agli incontri di calcio, ai concerti e così via, ma dal fatto che non vogliono mettere a rischio la loro salute e la salute degli altri facendo cose del genere. Dunque anche se non si volesse curarsi delle migliaia di morti che sarebbero una conseguenza di una politica anti lockdown, quella politica non provocherebbe alcun bene neppure all’economia.

Ancora una volta il Partito conservatore sta ignorando gli esperti, e mentre negli anni passati questo ha portato a redditi più bassi per molte persone e a servizi pubblici più modesti, questa volta farà lo stesso in aggiunta a molte morti in più per il virus. C’è da chiedersi perché i parlamentari conservatori e gli articolisti che leggono vivono in un mondo di fantasia nel quale si ignora il fatto che la Svezia ha il più alto tasso di mortalità a confronto degli altri paesi scandinavi, e come mette in evidenza Nick Cohen ha sussidi di disoccupazione di gran lunga più generosi e un sostegno ai disoccupati migliore del Regno Unito? Forse è questo il punto nel quale una ideologia che idealizza il mercato, alla fine fa uscire di testa i suoi seguaci? Oppure hanno scarso interesse per i sostenitori del partito i posti di lavoro e le imprese nella aree che soffrirebbero da una seconda ondata, così come le migliaia di morti?

 

 

 

 

 

 

[1] Rishi Sunak è un politico britannico, dal 13 febbraio 2020 Cancelliere dello Scacchiere nel secondo governo Johnson. Nato a Southampton da genitori indù del Punjab indiano – ovvero della parte indiana della regione al confine con il Pakistan – dal 2020 è stato nominato Cancelliere dello Scacchiere da Boris Johnson.

zzz 45

 

 

 

 

 

 

 

[2] Diana Mary “Dido” Harding, baronessa inglese, ha presieduto dal 2017 un programma di ‘miglioramento’ del Servizio Sanitario Nazionale, per poi diventare dal 2020 Presidente dell’Istituto Nazionale per la Protezione Sanitaria.

zzz 44

 

 

 

 

 

 

[3] Altro parlamentare conservatore, dal 2018 Segretario di Stato per la Salute e gli Affari Sociali.

[4] Dominic Mckenzie Cummings è un politico britannico, architetto della Brexit e dal 24 luglio consulente senior del primo ministro Boris Johnson.

[5] Ovviamente, la sigla non indica il Servizio Sanitario Nazionale: si tratta(va) di una agenzia esecutiva del Dipartimento della Salute e della Assistenza Sociale. Tuttavia è un organismo potente, con vasti compiti ed una sostanziale autonomia.

[6] Andrew David Lansley è stato un altro uomo politico conservatore, anche lui barone, che da Segretario di Stato alla sanità dal 2010 al 2012, promosse alcune discusse riforme del sistema sanitario.

[7] Una ordinanza che, per il mese di agosto, stabiliva sconti del 50% sui cibi e sulle bevande non alcoliche per coloro che avessero mangiato nei ristoranti, nei pub, sui luoghi di lavoro e nelle mense sociali.

[8] Aneddoto di vita britannica:  il primo consigliere di Johnson, Dominic Cummings, se ne andò settimane fa in macchina a fare una visita oculistica, dopo essere stato colpito  seguito del Covid da difetti nella vista. Se ho capito bene, la discussione derivò dal fatto che ci andò guidando lui la vettura, con una vista effettivamente menomata.

[9] Cancelliere dello Scacchiere (in lingua ingleseChancellor of the Exchequer) è l’antico titolo del ministro del governo britannico con responsabilità di Ministro delle Finanze o, in altri ordinamenti, di Segretario al Tesoro. Terza più antica carica statale nella storia inglese e britannica, il Cancelliere dello Scacchiere (spesso chiamato semplicemente Il Cancelliere) è il ministro del gabinetto con responsabilità su tutte le materie finanziarie. Storicamente lo Scacchiere includeva la politica monetaria insieme a quella fiscale, ma tale unione terminò quando la Banca d’Inghilterra ottenne l’indipendenza dal governo nel 1997.

[10] The Daily Telegraph è un quotidiano del Regno Unito, fondato nel 1855. È uno degli ultimi quotidiani stampati ancora secondo il formato “broadsheet” (formato largo), infatti la maggior parte dei quotidiani politici britannici si è spostata su un formato più piccolo e compatto, il tabloid. Wikipedia

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"