Altri Economisti » Selezione della Settimana

Il pericoloso interregno dell’America, di Barry Eichengreen (da Project Syndicate, 9 novembre 2020)

 

Nov 9, 2020

America’s Dangerous Interregnum

BARRY EICHENGREEN

zz 339

BERKELEY – Presidential transitions are never easy, especially when they involve an incumbent president defeated at the polls. But this time the transition occurs in the midst of an unprecedented crisis. The incumbent refuses to acknowledge the vote as a rejection of his policies and has a visceral dislike for the president-elect, who he accuses of dishonesty and dismisses as too frail to assume the duties of office. He tars his successor as a socialist, an advocate of policies that will put the country on the road to ruin.

The year was 1932, and the transition from Herbert Hoover to Franklin D. Roosevelt occurred in the midst of an unparalleled economic depression and banking crisis. The outgoing president, Hoover, had an intense aversion to his successor, whose incapacity of concern was not any lack of mental acuity, but rather Roosevelt’s partial paralysis. He called FDR a “chameleon on plaid” and accused him of dealing “from the bottom of the deck.” In his campaign and subsequently, Hoover insinuated that FDR’s socialistic tendencies would put the country on a “march to Moscow.”

Back then, the interregnum lasted four months, during which the lame-duck president and Congress did little if anything to address the ongoing crisis. Bank runs and panics were spreading contagiously, forcing one state governor after another to shut down their banking systems. But Hoover refused to declare a bank holiday unilaterally. By the time FDR was inaugurated in March 1933, the banking system and the entire economy were virtually at a standstill.

Hoover was aware of the crisis. But he was ideologically opposed to federal government intervention. And he was righteously convinced of his views.

We can now expect similar behavior from America’s lame-duck president, Donald Trump. Out of ideology and pique, he seems likely to refuse to do anything about the rampaging coronavirus. The question is how far he will go to impede President-elect Joe Biden’s efforts to address it upon taking office. Will Trump prohibit members of his coronavirus task force and other appointees from briefing the transition team? Will he withhold information about Operation Warp Speed, the government’s effort to produce a COVID-19 vaccine?

Hoover, seeing no need for new policies, did everything in his power to limit the incoming president’s options. A believer in the sanctity of the gold standard, he asked FDR to issue a statement supporting its maintenance as a way of bolstering confidence. He encouraged the president-elect to endorse, and even recommend, members of the Hoover-appointed US delegation to the international conference slated to discuss European war debts and worldwide restoration of the gold standard.

FDR recognized the danger of tying his own hands and refused to commit before taking office. When the president-elect rebuffed him, Hoover angrily released copies of their communications, inflaming public opinion.

Similarly, we can expect Biden to reject Trump’s entreaties – if there are any – and to avoid commitments that limit his room for policy maneuver. But Trump has already constrained him in other ways. In particular, Trump’s judicial appointees will challenge the new president’s effort to make policy through executive order and regulatory directive. Meanwhile, efforts to advance legislation and confirm nominees to administrative positions are likely to be frustrated by Senate Majority Leader Mitch McConnell, assuming no further electoral surprises from Georgia (a state Biden appears to have won where run-off elections for two Senate seats will be held in January).

The transition from Hoover to Roosevelt took place at a dangerous time. Spontaneous political mobilizations of all kinds were on the rise. A Bonus Army of more than 43,000 World War I veterans and their families had descended on Washington, DC, in mid-1932, demanding payment of their veteran’s service certificates. They were violently dispersed, with loss of life, by the Washington police and the US Army under General Douglas MacArthur. That episode played no small part in Hoover’s electoral defeat (an outcome that might have served as a warning to Trump, who similarly called in troops to disperse demonstrators).

In addition, there were protests, some violent, against foreclosure auctions taking place on courthouse steps around the country. There was growing popular support for extremist politicians such as Louisiana’s Huey Long. Hardship, unemployment, and economic hopelessness formed the backdrop against which Giuseppe Zangara, an unemployed bricklayer with physical and mental problems and extreme anti-system views, attempted to assassinate Roosevelt 17 days before the inauguration.

There are two lessons here. The president-elect and those around him need to take extra precautions for their personal safety, given the inflamed political climate and Trump’s ongoing efforts to fan the flames. And Biden now, like FDR then, must reiterate his message of hope and unity as an antidote to the coronavirus and political division. In 1933, it was “fear itself” that Americans had to overcome. Today, when it is fear of each other that Americans must overcome, Biden’s affirmation that there are “no red or blue states, just the United States” is a good start.

 

Il pericoloso interregno dell’America,

di Barry Eichengreen

 

BERKELEY – Le transizioni presidenziali non sono mai facili, specialmente quando riguardano un Presidente in carica sconfitto nelle urne. Ma questa volta la transizione interviene nel mezzo di una crisi senza precedenti. Chi è in carica rifiuta di riconoscere il voto come una bocciatura delle sue politiche ed ha una disistima viscerale per il Presidente eletto, che accusa di disonestà e liquida come troppo debole per caricarsi dei doveri della carica. Egli etichetta il suo successore come un socialista, un sostenitore di politiche che porteranno il paese sulla strada della rovina.

Era l’anno 1932, e la transizione tra Herbert Hoover e Franklin D. Roosevelt (FDR) intervenne nel mezzo di una depressione economica e di una crisi bancaria uniche. Il Presidente uscente, Hoover, aveva una intensa avversione verso il suo successore, i cui difetti di sollecitudine non erano conseguenza di una qualche mancanza di arguzia, ma piuttosto della paralisi parziale di Roosevelt. Hoover chiamava FDR un “camaleonte con la coperta” [1] e lo accusava di giocare “da sotto il tavolo” [2]. Nella sua campagna elettorale e successivamente, Hoover insinuò che le tendenze socialistiche di FDR avrebbero imposto al paese una “marcia verso Mosca”.

Dopo allora, l’interregno durò quattro mesi, durante i quali il Presidente “anatra zoppa” [3] e il Congresso fecero poco o niente per affrontare la crisi in corso. La corsa agli sportelli bancari e il panico si diffondevano contagiosamente, costringendo i Governatori degli Stati, uno dopo l’altro, a chiudere i loro sistemi bancari. Ma Hoover rifiuto di dichiarare in modo unilaterale una sospensione delle attività bancarie. All’epoca nella quale Roosevelt entrò in carica nel marzi del 1933, il sistema bancario e l’intera economia erano sostanzialmente alla paralisi.

Hoover era consapevole della crisi. Ma si opponeva ideologicamente ad un intervento del Governo federale. Ed era coerentemente persuaso dei suoi punti di vista.

Possiamo aspettarci un comportamento simile dal Presidente “anatra zoppa” dell’America Donald Trump. A parte l’ideologia e l’irritazione, sembra sia probabile che egli rifiuti di fare alcunché sul rampante coronavirus. La domanda è sino a che punto si spingerà per ostacolare gli sforzi del Presidente eletto Joe Biden appena entrerà in carica. Trump proibirà ai componenti della task force sul coronavirus e ad altre persone nominate di ragguagliare la ‘squadra di transizione” [4]?  Rifiuterà informazioni sulla Operation Warp Speed [5], lo sforzo del Governo per produrre un vaccino per il Covid-19?

Hoover, non riconoscendo alcun bisogno di nuove politiche, fece tutto quello che era nel suo potere per limitare le scelte del Presidente entrante. In quanto credente della santità del gold standard, chiese che Roosevelt si pronunciasse a sostegno del suo mantenimento come un modo per incoraggiare la fiducia. Esortò il Presidente eletto ad appoggiare, e persino a dare consigli, ai membri della delegazione nominata da Hoover alla conferenza internazionale in programma per discutere i debiti di guerra europei e il ripristino su scala mondiale del gold standard.

Roosevelt vi scorse il pericolo di legarsi le mani e rifiutò di impegnarsi prima di entrare in carica. Quando il Presidente eletto gli espresse il proprio diniego, Hoover pubblicò irato copie dei loro scambi, infiammando l’opinione pubblica.

In modo simile, possiamo aspettarci che Biden respinga le richieste di Trump – se ve ne fosse qualcuna –  ed eviti impegni che limitino il suo spazio di manovra politica. Ma Trump lo ha già limitato in altri modi. In particolare, gli eletti di Trump nel settore giudiziario contrasteranno lo sforzo del nuovo Presidente per fare politica attraverso i provvedimenti esecutivi e le direttive regolamentari. Nel frattempo è probabile che il progresso della legislazione e la conferma dei nominati nelle posizioni amministrative siano frustrati dal leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, nell’ipotesi che non ci siano ulteriori sorprese elettorali dalla Georgia (uno Stato che Biden sembra aver conquistato dove gli spareggi elettorali per due seggi del Senato si terranno a gennaio).

La transizione da Hoover a Roosevelt ebbe luogo in un’epoca pericolosa. Mobilitazioni politiche di tutti i generi erano in crescita. Un Esercito per gli Indennizzi di più di 43.000 veterani della Prima Guerra Mondiale e delle loro famiglie si era concentrato su Washington, Distretto di Columbia, chiedendo il pagamento dei loro certificati di servizio come veterani. Vennero violentemente dispersi, con perdite di vite umane, dalla polizia di Washington e dall’Esercito statunitense sotto il Generale Douglas McArthur. L’episodio giocò un ruolo non piccolo nella sconfitta elettorale di Hoover (un risultato che avrebbe dovuto essere di ammonimento per Trump, che in modo simile aveva invocato le truppe per disperdere i dimostranti).

In aggiunta, c’erano proteste, alcune violente, contro la messa all’asta di edifici pignorati che avevano luogo sulle scalinate dei tribunali in tutto il paese. Ci fu un crescente sostegno popolare per politici estremisti come Huey Long [6]. Gli stenti, la disoccupazione e la mancanza di fiducia nell’economia formarono lo sfondo nel quale Giuseppe Zangara [7], un muratore disoccupato con problemi fisici e mentali e opinioni estremamente eversive, cercò di asassinare Roosevelt 17 giorni dopo l’inaugurazione.

In questo ci sono due lezioni. Il Presidente eletto e coloro che gli stanno attorno hanno bisogno di prendere precauzioni particolari per la loro sicurezza personale, dato il clima politico infiammato e i perduranti sforzi di Trump di attizzare le fiamme. E Biden adesso, come allora Roosevelt, deve reiterare il suo messaggio di speranza e di unità come un antidoto al coronavirus ed alla divisione politica. Nel 1933, era la “stessa paura” che gli americani dovevano superare. Oggi, quando è la paura l’uno dell’altro che gli americani devono superare, l’affermazione di Biden che non ci sono “stati democratici o repubblicani, ma solo gli Stati Uniti” è una buona partenza.

 

 

 

 

 

 

[1] Perché, per effetto della sua paralisi parziale, agli inizi spesso si presentava su una poltrona con una coperta sulle gambe. Poi come Presidente, durante la guerra, fece il possibile per dare l’impressione di potersi reggere in piedi, o almeno di non avere un impedimento così grande.

[2] “Deal ‘from the bottom of the desk’” può significare questo – misurarsi/operare/giocare da sotto il tavolo – o anche “usare l’ultima carta del mazzo”, ovvero barare. Dove si mescolava, probabilmente, una accusa di non trasparenza ed un riferimento piuttosto crudele alla sua menomazione.

[3] Come è noto il termine “anatra zoppa” indica per gli americani un Presidente che non ha pieni poteri, di solito perché non ha la maggioranza in un ramo del Congresso (ma eccezionalmente è possibile anche in entrambi, come accadde ad Obama dopo il 2014). Ma in questo caso ci si riferisce al fatto che il Presidente uscente, Hoover, nei tre mesi dell’interregno non era evidentemente nei suoi pieni poteri, avendo perso le elezioni (peraltro con un margine assai netto: Roosevelt ebbe il 57,4% del voto popolare ed Hoover il 39,7%, pari a 472 grandi elettori per il primo e 59 per il secondo).

[4] La “squadra di transizione” è una formale istituzione transitoria che ha lo scopo principale di formare ed aiutare un nuovo Governo in formazione a entrare in contatto con la struttura dell’esecutivo.  La Legge sulla Transizione Presidenziale è del 1963, ad ha avuto vari aggiornamenti; essa prevede anche che un Amministratore dei Servizi Generali provveda a finanziare – di solito con circa 5 milioni di dollari – la “squadra di transizione”.

[5] Letteralmente “Operazione a velocità della luce”, che è probabilmente la denominazione trumpiana della politica governativa sul vaccino per il Covid-19.

[6] Huey Pierce Jr. Long (Winnfield30 agosto 1893 – Baton Rouge10 settembre 1935), soprannominato “The Kingfish”, fu un politico statunitense che ricoprì la carica di quarantesimo governatore della Louisiana dal 1928 al 1932 e di membro del senato degli Stati Uniti dal 1932 fino al suo assassinio nel 1935.[1] Democratico, fu un populista che denunciava i ricchi e banche. Promosse le azioni note come “Share the Wealth” (Condivisione della ricchezza) e, come capo politico dello stato, poté contare su di un’ampia e organizzata rete di sostenitori che gli consentì di disporre di ampi poteri decisionali in merito ai provvedimenti di sua competenza. Con lui iniziò la dinastia politica della famiglia Long. Long promosse il programma politico denominato “Share the Wealth”, creato nel 1934, con il motto “ogni uomo è re”. Propose nuove misure per la ridistribuzione di ricchezza sotto forma di tassa sul patrimonio netto delle società e degli individui, allo scopo di porre freno all’indigenza e al fenomeno dei senza tetto (homeless) endemico in tutti gli Stati Uniti durante la grande depressione. Il suo programma fiscale aveva lo scopo di stimolare l’economia, la spesa federale sui lavori pubblici, le scuole, gli istituti universitari e le pensioni di vecchiaia. Critico ardente delle politiche della Riserva Federale, fu un sostenitore di Franklin Delano Roosevelt nelle elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America del 1932, ma ruppe con Roosevelt nel giugno 1933 per progettare la propria candidatura presidenziale nel 1936 in collaborazione con l’influente prete cattolico e conduttore radiofonico Charles Coughlin. Long fu assassinato nel 1935 e il suo movimento nazionale perse forza; la sua eredità continuò in Louisiana attraverso sua moglie, la senatrice Rose McConnell Long, e suo figlio, il senatore Russell B. Long. Sotto la leadership di Long furono ampliati ospedali e istituti scolastici, fu creato un sistema di ospedali della carità per garantire l’assistenza sanitaria ai poveri, fu promossa la costruzione massiccia di autostrade e di ponti senza pedaggio allo scopo di porre fine all’isolamento rurale e furono forniti gratuitamente i libri di testo agli studenti della scuola dell’obbligo. (Wikipedia)

[7] Giuseppe Zangara nacque a Ferruzzano, in provincia di Reggio Calabria, il 7 settembre 1900. Zangara combatté negli ultimi mesi del primo conflitto mondiale e nell’immediato dopoguerra svolse svariati mestieri umili prima di emigrare negli Stati Uniti insieme con suo zio, nel 1923. Si stabilì inizialmente a Paterson, nel New Jersey, lavorando come muratore; acquisì la cittadinanza statunitense l’11 settembre 1929. Si iscrisse nel sindacato dei muratori e prese la tessera del Partito Repubblicano …  La sera del 15 febbraio 1933 Zangara fu autore di un tentativo di assassinio ai danni di Franklin Delano Roosevelt a Miami, in Florida, a seguito del quale morì invece il sindaco di Chicago, Anton J. Cermak. Roosevelt, che allora rivestiva la carica di presidente eletto, stava tenendo un discorso improvvisato sul pianale di un furgoncino nell’area di Bayfront Park, zona in cui Zangara svolgeva lavori occasionali e viveva grazie ai propri risparmi. L’uomo si unì alla folla degli spettatori portando con sé un revolver calibro. 32 della US Revolver Company[4] che aveva comprato ad un negozio di pegni, pochi giorni prima, al prezzo di 8 dollari (circa 160 dollari del 2019). Vista la bassissima statura, Zangara fu costretto a salire su una sedia pieghevole per poter avere una visione chiara del comizio e del suo bersaglio. (Wikipedia)

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"