Altri Economisti » Selezione della Settimana

L’incompetenza economica dei Presidenti repubblicani, di J. Bradford DeLong (da Project Syndicate, 29 ottobre 2020)

 

Oct 29, 2020

The Economic Incompetence of Republican Presidents

BRADFORD DELONG

zzz 24

BERKELEY – One hears many strange things nowadays, not least because “they” (a complicated term) are flooding the zone with misinformation. Without a shared set of facts upon which to base ethical and policy debates, democracy inevitably breaks down. The system’s virtue lies in its unique ability to elevate and consider a broad range of ideas emanating from society. Ideally, through a good-faith exchange of arguments and a weighing of the alternatives, a majority of voters converges on the best course of action.

But we have lost one of the most basic conditions for this process to work properly: a reality-based public sphere. While there were always deep, even intractable, disagreements in the past, people at least were talking about the same thing. One could watch the Abraham Lincoln-Stephen Douglas debates and decide which figure was more trustworthy and convincing without being buffeted by a wave of informational manipulation and distortion.

One increasingly prevalent piece of misinformation holds that the United States will face a monumental trade-off on Election Day. On one hand, electing a Democrat as president will mean that America no longer has a government that abducts children and permanently breaks up families just because it can. On the other hand, putting Democrats in power is supposedly risky for the economy, because the GOP is the party of business.

The Wall Street Journal columnist Peggy Noonan recently framed the election this way, before complaining that Joe Biden “shouldn’t be seated in a handsome chair waiting for the crown to be passed, or going out for ice cream in a mask like John Dillinger on the lam.” After seeing Democratic vice presidential candidate, Kamala Harris, dancing onstage at a campaign rally, Noonan concludes that, “It was embarrassing … If you can’t imitate gravity, could you at least try for seriousness?”

But it is a false choice. No one has been more embarrassing to the US than President Donald Trump, and the GOP has no claim on sound economic management. As economists Alan S. Blinder and Mark W. Watson showed in a 2015 paper: “The superiority of economic performance under Democrats rather than Republicans is nearly ubiquitous; it holds almost regardless of how you define success. By many measures, the performance gap is startlingly large – so large, in fact, that it strains credulity.”

In terms of annualized real (inflation-adjusted) GDP growth, for example, Blinder and Watson find that Democrats outperform Republicans by “1.8 percentage points in postwar data covering 16 complete presidential terms – from [Harry] Truman through [Barack] Obama.” Were this analysis to be extended back through the eras of Herbert Hoover and Franklin D. Roosevelt, the gap would grow to about three percentage points per year. But it is also worth noting that, prior to the COVID-19 crisis, Trump presided over unusually strong growth (that is, for a Republican administration) during his first three years, when the US economy matched the average 2.4% annual growth rate achieved during Obama’s second term.

Blinder and Watson are flummoxed as to where this performance gap comes from. They consider the roles played by stronger fixed investment, greater consumer optimism (and thus higher spending on durables), fewer unfavorable oil shocks, and faster growth abroad. But these factors explain less than half of the gap. And no, the answer is not that Democrats, unlike Republicans, tend to pursue over-inflationary policies that borrow growth from future generations.

When I first encountered Blinder and Watson’s paper, I suspected that the oil factor was the critical issue. The Republican administrations of George H.W. Bush and then George W. Bush – as well as those of Richard Nixon and Gerald Ford, with Henry Kissinger as Secretary of State – were deeply confused about whether a high or a low oil price would be better for US real income growth. By contrast, other administrations had not hesitated to keep oil prices low when they could.

In any case, US history over the past century strongly suggests that Republicans simply have no idea which economic policies are likely to work at any given time. In the 2000s, for example, it seems never to have occurred to Bush or his advisers that under-regulation could produce a catastrophic financial crisis.

Moreover, in the 1980s, it seems never to have occurred to Ronald Reagan and his advisers that creating massive federal budget deficits would lead either to a collapse in investment or a commensurate increase in external borrowing. This was when the US started importing much higher volumes of manufactured goods, thus turning the Midwest industrial base into the Rust Belt. Finally, it seems never to have occurred to Nixon and his advisers that low interest rates combined with wage and price controls could keep both inflation and unemployment low.

In light of these failures, Trump has played true to type. After calling the North American Free Trade Agreement the worst trade deal in American history and the Trans-Pacific Partnership the second-worst, his administration has merely added various TPP provisions to NAFTA, given the agreement a new name, and pronounced America “great again.” Trump has also launched a full-bore trade war against China, promising that it would be “good, and easy to win.”

What have these policies achieved? There has been no improvement in US manufacturing employment, the manufacturing trade deficit has widened, and US consumers’ real incomes have fallen now that they are bearing the costs of import tariffs. Clearly, neither Trump nor his trade advisers have any clue how to conduct a trade war.

This should surprise no one. Republican administrations have been failing at economic policymaking at least since the 1920s. The only choice this Election Day is between a return to sound economic management and a continuation of glaring incompetence.

 

L’incompetenza economica dei Presidenti repubblicani,

di J. Bradford DeLong

 

BERKELEY – Di questi tempi si sentono cose strane, non ultimo perché “loro” (termine complicato) stanno inondando il terreno con la disinformazione. Senza un complesso condiviso di fatti sul quale basare le discussioni etiche e politiche, la democrazia inevitabilmente collassa. La virtù del sistema consiste nella sua capacità unica di innalzare e di considerare un’ampia gamma di idee che promanano dalla società. In termini ideali, una maggioranza di elettori converge sulla migliore linea di condotta, attraverso uno scambio di opinioni e una valutazione delle alternative condotti in buona fede.

Ma abbiamo perso una delle condizioni principali perché questa procedura funzioni propriamente: un ambito pubblico basato sulla realtà. Mentre ci sono sempre stati disaccordi profondi, persino inconciliabili, nel passato, almeno si stava parlando delle stesse cose. Si potevano osservare il dibattiti tra Abramo Lincoln e Stephen Douglas e decidere quale personaggio fosse più meritevole di fiducia, convincendosi senza essere assaliti da un’ondata di manipolazione e distorsione delle informazioni.

Un aspetto dela disinformazione sempre più prevalente sostiene che gli Stati Uniti affronteranno una scambio monumentale nel Giorno delle Elezioni. Da una parte, eleggere un democratico come Presidente comporterà che l’America non avrà più un Governo che sequestra i bambini e sfascia in permanenza le famiglie solo perché ha il potere di farlo. D’altra parte, mettere al potere i democratici si suppone sia un rischio per l’economia, perché il Partito Repubblicano è il partito degli affari.

La giornalista del Wall Street Journal Peggy Noonan recentemente ha inquadrato in tal modo le elezioni, prima di lamentarsi che Joe Biden “non dovrebbe starsene seduto in una bellissima poltrona in attesa che gli sia passata la corona, oppure andarsene fuori per un gelato con una maschera in faccia come un John Dillinger in fuga” [1].  Dopo aver visto la candidata democratica alla Vicepresidenza Kamala Harris  ballare sul palco di una manifestazione elettorale, Noonan conclude che “è stato imbarazzante … se non si può fingere la solennità, non potreste almeno provare ad esser seri?”

Ma è una scelta che non esiste. Nessuno è stato più imbarazzante per gli Stati Uniti del Presidente Donald Trump, e il Partito Repubblicano non ha alcun titolo per vantare una gestione economica sana. Come gli economisti Alan S. Blinder e Mark W. Watson illustrarono in un saggio del 2015: “La superiorità delle prestazioni economiche sotto i democratici piuttosto che sotto i repubblicani è quasi universale; resiste quasi a prescindere da come si interpreti il successo. Secondo molti criteri, il divario nelle prestazioni è ampio in modo impressionante – così ampio, di fatto, che si fa fatica a crederci”.

In termini di PIL reale annualizzato (corretto per l’inflazione), ad esempio, Blinder a Watson scoprono che i democratici hanno prestazioni migliori dei repubblicani per “1,8 punti percentuali nei dati del dopoguerra che coprono 16 mandati presidenziali completi – da (Harry) Truman fino a Barack Obama”. Ove l’analisi fosse estesa fino alle epoche di Herbert Hoover e Franklin D. Roosevelt, il divario crescerebbe di tre punti percentuali all’anno. Ma è anche degno di nota che, prima della crisi del Covid-19, Trump governò nel contesto di una crescita inusualmente forte (vale a dire, per una Amministrazione repubblicana) durante i suoi primi tre anni, quando l’economia statunitense fece il pari con una tasso medio di crescita annuale del 2,4% realizzato nel secondo mandato di Obama.

Blinder e Watson sono sconcertati sulla provenienza di questo divario. Considerano i ruoli giocati da più forti investimenti fissi, dal maggiore ottimismo dei consumi (e quindi da una spesa più alta sui beni durevoli), da minori sfavorevoli shock petroliferi, e da una crescita più veloce all’estero. Ma questi fattori spiegano meno della metà del divario. E la risposta non può essere che i democratici, diversamente dai repubblicani, tendono a perseguire politiche super inflattive, che prendono in prestito la crescita dalle generazioni future.

Quando mi imbattei per la prima volta nel saggio di Blinder e Watson, sospettai che il fattore del petrolio fosse il tema fondamentale. Le Amministrazioni repubblicane di George H.W. Bush e poi di George W. Bush – come quelle di Richard Nixon e di Gerald Ford, con Henry Kissinger come Segretario di Stato – erano state profondamente confuse sul punto se un alto o un basso prezzo del petrolio sarebbe stato migliore per la crescita del reddito reale degli Stati Uniti. Al contrario, altre Amministrazioni non ebbero esitazioni nel tenere bassi prezzi del petrolio quando poterono.

In ogni caso, la storia degli Stati Uniti nel corso del secolo passato indica con forza che i repubblicani semplicemente non hanno idea di quali politiche economiche è probabile che funzionino in un determinato periodo.  Negli anni 2000, ad esempio, sembra che non sia mai venuto in mente a Bush ed ai suoi consiglieri che una sotto regolamentazione poteva generare una crisi finanziaria catastrofica.

Inoltre, negli anni ’80 del secolo scorso sembra che non sia mai venuto in mente a Reagan ed ai suoi consiglieri che creare massicci deficit nei bilanci federali avrebbe portato o ad un collasso degli investimenti o ad una crescita equivalente dei prestiti dall’estero. Questo avvenne quando gli Stati Uniti cominciarono ad importare volumi molto più elevati di beni manifatturieri, in tal modo trasformando la base industriale del Midwest nella Cintura della Ruggine. Infine, sembra che non sia mai venuto in mente a Nixon ed ai suoi consiglieri che bassi tassi di interesse combinati con i controlli dei salari e dei prezzi potevano tenere basse sia l’inflazione che la disoccupazione.

Alla luce di questi fallimenti, Trump si è effettivamente adeguato a quel copione. Dopo aver definito l’Accordo Nordamericano di Libero Commercio (NAFTA) il peggiore accordo commerciale della storia americana e la Cooperazione del TransPacifico (TPP) il secondo peggiore accordo, la sua Amministrazione ha semplicemente aggiunto varie previsioni del TPP al NAFTA, ha dato un nuovo nome all’accordo, ed ha dichiarato che l’America era “di nuovo Grande”. Trump ha anche lanciato una guerra commerciale contro la Cina della massima potenza, promettendo che sarebbe stata “una cosa buona e facile da vincere”.

Cosa hanno realizzato queste politiche? Non c’è stato alcun miglioramento nell’occupazione manifatturiera, il deficit commerciale manifatturiero si è allargato, e i redditi reali dei consumatori statunitensi, adesso che stanno sopportando i costi delle tariffe all’importazione, sono in calo. Chiaramente, né Trump né i suoi consiglieri hanno alcuna idea su come condurre una guerra commerciale.

Questo non dovrebbe sorprendere nessuno. È almeno dagli anni ’20 che le Amministrazioni repubblicane stanno fallendo nella gestione politica dell’economia. La scelta nell’Election Day è solo tra un ritorno ad una gestione economica sana e una prosecuzione di una lampante incompetenza.

 

 

 

 

 

[1] John Herbert Dillinger (Indianapolis22 giugno 1903 – Chicago22 luglio 1934) è stato un criminale statunitense, rapinatore di banche attivo durante il periodo della grande depressione.

Si può dunque capire quindi che fosse spesso “on the lam” (“in fuga”); si capisce un po’ peggio in che senso Biden che ha voglia di un gelato gli assomigli.

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"