Altri Economisti » Selezione della Settimana

Quello che dobbiamo a Donald Trump, di Branko Milanovic (dal blog di Milanovic, 7 novembre 2020)

 

Saturday, November 7, 2020

What we owe to Donald J Trump,

Branko Milanovic

zz 899

Now as Trump is being made ready to enter history, many publications are reviewing his presidency, as indeed they have been doing during the past four years. Many of such assessments are trivial, turgid, and tedious. He is being reviled for his callousness, racism, xenophobia, arrogance, inefficiency, ineffectiveness, ignorance. Many who will defend him will probably do so for the same reasons: but in their view xenophobia, racism and arrogance may be considered virtues not deep moral flaws.

My assessment is entirely different. First, where I think Trump was right, and second, what Trump allowed us to learn.

Trump was right in the essential principles of foreign policy: America First and mild isolationism. To see that one ought to realize that there are only two possible foreign policies  for the United States of America: American exceptionalism and America first. American exceptionalism is, as the name says, based on an ideology of American preeminence, held to be earned and deserved on account of the unique virtu of  the new republic. The preeminence for the USA clearly implies a structured hierarchical system of countries where the USA is on the top and other countries play subsidiary and inferior roles.  The ultimate unspoken objective of that policy is mastery of the world. The US is not the first country to have entertained such dreams: from Egypt, Rome, Christian Empire of Byzantium, Muslim Empire, Charlemagne, the Huns, Tamerlane, Napoleon, Hitler, the Communist Empire of the USSR, the list is long. While achieving such an empire is most unlikely, the road to that objective is paved with wars. This is why the ideology of “indispensable nation” almost by definition calls for, in Gore Vidal’s terms, “endless wars for endless peace”. It is not by some accident that America has been at practically uninterrupted war for eighty years.

America first at least formally puts all countries on the same level. It argues that America will follow its own interests but it does not expect less from others. As Trump, not a scholar of international relations, nevertheless stated in his United Nations speech, he would expect the same policy as regards their own countries from Algeria to Zimbabwe. In the America First policy, US will always, because of its size and importance, punch more than others but it will have no desire or illusion that it has to rule others or tell them how they should order  their internal affairs. It will behave transactionally which is indeed a policy that makes war much less likely. Interests can be negotiated, ideologies cannot.

Trump basically followed this policy until his obsession with China broke through after covid-19 which he seemed to have considered as some kind of China-made express ploy to evict him from the presidency. Nevertheless he began no new wars, and made, at times important, moves to end wars started almost 20 years ago for which nobody in Washington could any longer proffer any rationale. They were pure imperial wars like the ones in “The Tartar Steppe” where nobody at the seat of the empire even knows where their soldiers are fighting and even less why.

Trump made two signal contributions to our knowledge of politics and business. To the politics he brought all the skills he had practiced for almost half-a-century in business and, as I wrote, his was the ultimate triumph of neoliberalism. He considered citizens as his employees whom he could at will push around and fire. He saw presidency as Bezos sees his own position at Amazon: he can do anything, unconstrained by any rules and laws.

Trump tore off the curtain which divides citizens, the spectators of  the political game, from the rulers and displayed the wheeling-dealing, exchange of favors, the use of public power for private gain in an open, in-your-face manner, available for all who attended the show to see. While in the past administrations such illegal and semi-legal actions, as receiving money from foreign potentates, moving from one to another lucrative position, cheating on taxes were done with discretion and some decorum, with the curtain lowered so that spectators could not see and participate in the malfeasance, this was now done in the open. It was thus thanks to Trump that we could see the immense corruption lying at the heart of the political process.

But he did more. When he came with these corrupt manners to the presidency they were the manners honed in by fifty years of business dealings that too involved all sorts of semi-legal or illegal shenanigans. But this did not stop him in his business ascent. Rather they made the ascent possible, letting him enjoy a brilliant career in New York business world, become rich, and be a valued guest at many parties, including being an esteemed contributor to political campaigns like the one run by Hillary Clinton for US senate.  The very fact that his climb to business power was not seen in any way as exceptionable or unacceptable shows that everybody else around him used the same means to come to the top.

Thus from knowing more about Trump we know more  about the means used to succeed in the rich business milieu of New York,  and even of the world, as Trump and his companions, made deals in Scotland, Russia, the Middle East, China and elsewhere. His close confidantes and family members who betrayed him in  order to garner multi-million dollar contracts exhibited a behavior that Trump himself would have done (and approved of) but that showed clearly  what kind of ethical standards are prevalent in that environment.  Trump thus gave us another very valuable lesson: it showed the rot, corruption and impunity that lay at the heart of many powerful businesses.

His persona revealed the depth of corruption at the center of politics and the center of business. These are unpardonnable sins. Sins enjoyed in secret are acceptable or overlooked; sins flaunted are not. Those who replace him will do their best, not to change that because it has become a systemic feature, but to cover it up. But once you see the truth it will be difficult to go back pretending nothing has happened.

 

Quello che dobbiamo a Donald Trump,

di Branko Milanovic

 

Adesso che Trump si sta preparando ad entrare nella storia, molte pubblicazioni stanno esaminando la sua Presidenza, come in effetti avevano fatto nei quattro anni passati. Molti di tali giudizi sono banali, enfatici e noiosi. Egli viene insultato per la sua durezza, il suo razzismo, la xenofobia, l’arroganza, l’inefficienza, l’inefficacia, l’ignoranza. Molti di coloro che lo difenderanno, probabilmente lo faranno per le stesse ragioni: ma secondo i loro punti di vista la xenofobia, il razzismo e l’arroganza possono essere considerate virtù, anziché profondi difetti morali.

Il mio giudizio è del tutto di altro genere. In primo luogo verte sul tema sul quale penso che Trump avesse ragione, e in secondo, su quello che Trump ci ha permesso di apprendere.

Trump aveva ragione sui principi essenziali di politica estera: l’America First e un moderato isolazionismo. Per vedere ciò si deve osservare che ci sono soltanto due politiche estere per gli Stati Uniti d’America: l’eccezionalismo americano e l’America First. L’eccezionalismo americano è basato, come dice il termine, su una ideologia della preminenza americana, che si considera sia stata guadagnata e meritata per effetto della virtù unica della nuova repubblica. La preminenza degli Stati Uniti implica chiaramente un sistema strutturato in modo gerarchico di paesi, nel quale gli Stati Uniti sono in cima e gli altri paesi giocano ruoli sussidiari e inferiori. Il massimo obbiettivo non detto di quella politica è il dominio sul mondo. Gli Stati Uniti  non sono il primo paese ad aver accarazzato sogni del genere: dall’Egitto a Roma, all’Impero Cristiano di Bisanzio, all’Impero Musulmano, a Carlo Magno, agli Unni, a Tamerlano, a Napoleone, a Hitler, all’impero comunista dell’URSS, la lista è lunga. Mentre realizzare un tale impero è altamente improbabile, la strada per quell’obbiettivo è lastricata di guerre. Questa è la ragione per la quale la “nazione indispensabile” richiede, quasi per definizione, secondo l’espressione di Gore Vidal, “guerre interminabili per una pace senza fine”. Non è per un qualche caso che l’America sia stata praticamente senza interruzioni in guerra per ottanta anni.

L’America first, almeno formalmente, mette tutti i paesi allo stesso livello. Essa sostiene che l’America perseguirà i propri interessi, ma non si aspetta meno dagli altri. Come Trump, che non è un cultore di relazioni internazionali, ciononostante affermò nel suo discorso alle Nazioni Unite, egli si aspetterebbe la medesima politica a proposito dei loro stessi paesi, dall’Algeria sino allo Zimbabwe. Nella politica dell’America First gli Stati Uniti, a causa delle loro dimensioni ed importanza, daranno più colpi degli altri ma non avranno alcun desiderio o illusione di dover governare gli altro o dire loro come dovrebbero ordinare i loro affari interni. Si comporteranno in modo negoziale, che in effetti è una politica che rende le guerre molto meno probabili. Gli interessi possono essere negoziati, le ideologie no.

Trump fondamentalmente ha seguito questa politica finché la sua ossessione sulla Cina non è esplosa dopo il Covid-19, che egli è parso aver considerato come un qualche genere di deliberato complotto fabbricato in Cina per sfrattarlo dalla Presidenza. Ciononostante non ha avviato nuove guerre ed ha fatto mosse a volta importanti per porre fine a guerre cominciate quasi 20 anni orsono, per le quali nessuno a Washington poteva più a lungo offrire alcuna logica. Erano pure guerre imperiali come quelle nel “Deserto dei Tartari”, dove nessuno nei posti di comando dell’impero neppure sa dove i propri soldati stanno combattendo, e ancor meno per quale ragione.

Trump ha realizzato due contributi degni di nota per la nostra conoscenza della politica e degli affari. Nella politica egli ha portato tutte le competenze che aveva praticato per quasi mezzo secolo negli affari e, come ho scritto, il suo è stato il definitivo trionfo del neoliberismo. Ha considerato i cittadini come suoi impiegati, che egli può volendo togliere di circolazione e licenziare. Ha considerato la Presidenza come Bezos considera la sua posizione in Amazon: può fare ogni cosa, non limitato da regole e leggi.

Trump ha strappato via la tenda che separa i cittadini, gli spettatori del gioco politico, dai governanti ed ha messo in mostra  gli affarismi, gli scambi di favori, l’uso del potere pubblico per vantaggi personali in un modo aperto, davanti alla vostra faccia, a disposizione di tutti coloro che seguivano lo spettacolo che andava in onda. Mentre nelle passate amministrazioni tali iniziative illegali e semilegali, come il ricevere soldi da potentati stranieri, lo spostarsi dall’una all’altra collocazione lucrativa, l’ingannare sulle tasse venivano fatti con discrezione e con qualche decoro, con le tende abbassate in modo tale che gli spettatori potessero non vedere e non partecipare alle malefatte, tutto questo ora è stato fatto apertamente. È stato dunque grazie a Trump che abbiamo potuto osservare l’immensa corruzione che si trova a cuore del processo politico.

Ma egli ha fatto di più. Quando è arrivato con questi modi corrotti alla Presidenza, quelli erano i modi distillati in circa cinquant’anni di operazioni affaristiche che riguardavano anche ogni sorta di maneggi semilegali o illegali.  Ma questo non lo aveva fermato nella sua arrampicata affaristica. Piuttosto quei modi avevano reso la sua scalata possibile, consentendogli di godere una brillante carriera nel mondo delle imprese di New York, di diventare ricco, e di essere un ospite apprezzato in molti eventi, compreso l’essere un contribuente stimato di campagne elettorali come quella sostenuta da Hillary Clinton per il Senato degli Stati Uniti. Proprio il fatto che la sua scalata al potere di impresa non fosse considerata in nessun modo opinabile o inaccettabile, dimostra che tutti gli altri attorno a lui utilizzavano gli stessi metodi per arrivare in alto.

Quindi conoscendo di più su Donald Trump, sappiamo di più sui metodi utilizzati per avere successo nel ricco ambiente degli affari di New York, e persino del mondo, dato che Trump e i suoi compagni fanno affari in Scozia, in Russia, nel Medio Oriente, in Cina e altrove. I suoi stessi amici fidati e i membri della famiglia che l’hanno tradito allo scopo di acquisire contratti da molti milioni di dollari hanno esibito una condotta che Trump stesso avrebbe seguito (e approvato), ma che ha mostrato chiaramente quale genere di standard etici sono prevalenti in quell’ambiente. Trump ci ha quindi dato un’altra lezione davvero apprezzabile: ha mostrato il marcio, la corruzione e l’impunità che si colloca al cuore di molte potenti imprese.

La sua persona ha rivelato la profondità della corruzione al centro della politica e al centro delle imprese. Questi sono peccati imperdonabili. I peccati goduti in segreto sono accettabili o trascurati; i peccati sbandierati non lo sono. Coloro che lo sostituiscono faranno del loro meglio, non per cambiare tutto ciò perché è diventato una caratteristica del sistema, ma per mascherarlo. Ma una volta che si vede la verità è difficile tornare indietro fingendo che non sia successo niente.

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"