Altri Economisti » Selezione della Settimana

Una tregua di quattro anni per i democratici, di Dani Rodrik (da Project Syndicate, 9 novembre 2020)

 

Nov 9, 2020

The Democrats’ Four-Year Reprieve

DANI RODRIK

zz 142

CAMBRIDGE – As Joe Biden eked out a victory in the US presidential election after a few suspenseful days, observers of American democracy were left scratching their heads. Buoyed by polls, many expected a landslide for the Democrats, with the party capturing not only the White House but also the Senate. How did Donald Trump manage to retain the support of so many Americans – receiving an even larger number of votes than four years ago – despite his blatant lies, evident corruption, and disastrous handling of the pandemic?

The importance of this question goes beyond American politics. Center-left parties everywhere are trying to revive their electoral fortunes against right-wing populists. Even though Biden is temperamentally a centrist, the Democratic party platform has moved considerably to the left – at least by American standards. A decisive Democratic victory would have been a significant boost to the moderate left’s spirits: perhaps all it takes to win is to combine progressive economic policies with attachment to democratic values and basic human decency.

The debate is already on about how Democrats could have done better. Unfortunately, their narrow victory does not yield easy lessons. American politics revolves around two axes: culture and economics. On both sets of issues, we can find those who fault Democrats for going too far and those who fault them for not going far enough.

The culture wars pit the country’s socially conservative, predominantly white regions against metropolitan areas where so-called “woke” attitudes have risen to predominance. On one side we have family values, opposition to abortion, and gun rights. On the other, we have LGBT rights, social justice, and opposition to “systemic racism.”

Many who voted for Trump viewed Democrats’ support for this year’s street protests against police brutality as condoning violence and tarring the nation as a whole with the broad brush of racism. While Biden was careful to speak against violence, the Democrats became susceptible to charges of moral grandstanding and denigrating the values of the heartland. For others, continued support for Trump merely confirms how entrenched racism and bigotry are, and the Democratic Party’s urgent need to fight them.

In terms of economics, many observers, including some centrist Democrats, believe the party turned off conservative voters by moving too far to the left. True to form, Republicans fanned the fears of high taxes, job-killing environmental policies, and socialized medicine. In both major US political parties, the quintessential American myth of the lone entrepreneur who does best when government does the least is still alive and well.

On the other side of the argument, progressives argue that Biden campaigned on proposals that were hardly radical by the standards of other developed countries. He was, after all, determined to frame the election as a referendum on Trump, not as a test of support for an alternative agenda. Perhaps Bernie Sanders or Elizabeth Warren, with their greater emphasis on jobs, economic security, and redistribution, were more in tune with the aspirations of most Americans.

Given that the election was held in the midst of an increasingly deadly pandemic, it is also possible that voting patterns were driven by a mix of health and economic considerations, only loosely related to these debates. Some Democratic Party insiders believe that voters may have been concerned about the economic costs of the lockdowns and more aggressive COVID-19 policies advocated by Democrats. If so, the above arguments are largely moot.

In sum, it is clear that the election does not resolve the perennial debate about how the Democratic Party and other center-left parties should position themselves on cultural and economic issues to maximize their electoral appeal. But neither does it fundamentally alter the challenge these parties face. Political leaders on the left need to fashion both a less elitist identity and a more credible economic policy.

As Thomas Piketty, among others, has noted, parties of the left have increasingly become the parties of educated, metropolitan elites. As their traditional working-class base has eroded, the influence of globalized professionals, the financial industry, and corporate interests has risen. The problem is not just that these elites often favor economic policies that leave middle and lower-middle classes and lagging regions behind. It is also that their cultural, social, and spatial isolation renders them incapable of understanding and empathizing with the worldviews of the less fortunate. A telling symptom is how easily the cultural elite dismiss the 70-plus million Americans who backed Trump in this election by portraying them as benighted people who vote against their own interests.

On economics, the left still lacks a good answer to the burning question of our time: Where will good jobs come from? More progressive taxation, investments in education and infrastructure, and (in the United States) universal health insurance are critical. But they are not sufficient. Good, middle-class jobs are becoming scarce, owing to secular trends in technology and globalization. And COVID-19 has deepened the polarization of labor markets. We need a more proactive government strategy directly targeting an increase in the supply of good jobs.

Communities where good jobs disappear pay a price that goes beyond economics. Drug addiction, family breakdown, and crime rise. People become more attached to traditional values, less tolerant of outsiders, and more willing to support authoritarian strongmen. Economic insecurity triggers or aggravates cultural and racial fault lines.

It is up to the parties of the left to develop programmatic solutions to these deep-rooted economic problems. But technocratic solutions can go only so far. A lot of bridge building needs to be done to overcome the fissures for which cultural elites are largely responsible. Otherwise, the Democrats could be in for another rude awakening four years from now.

 

Una tregua di quattro anni per i democratici,

di Dani Rodrik

 

CAMBRIDGE – Quando, dopo alcuni giorni ricchi di suspense, Jow Biden ha raggiunto con difficoltà una vittoria nelle elezioni presidenziali statunitensi, gli osservatori della democrazia americana sono rimasti a grattarsi la testa. Incoraggiati dai sondaggi, molti si aspettavano una vittoria schiacciante dei democratici, con il partito che conquistava non solo la Casa Bianca ma anche il Senato. Come è potuto riuscire Donald Trump a conservare il sostegno di tanti americani – ricevendo un numero di voti persino più ampio di quattro anni fa – nonostante le sue sfacciate bugie, l’evidente corruzione e la disastrosa gestione della pandemia?

L’importanza di questa domanda va oltre la politica americana. Dappertutto i partiti di centro sinistra stanno cercando di ravvivare le loro fortune elettorali contro i populisti di centro destra. Anche se Biden è per temperamento un centrista, la piattaforma del partito democratico si è spostata considerevolmente a sinistra – almeno per gli standard americani. Una vittoria netta dei democratici sarebbe stato un significativo incoraggiamento agli umori della sinistra moderata: forse tutto quello che serviva per vincere era combinare politiche economiche progressiste con l’attaccamento ai valori democratici e ad una dignità umana di fondo.

La discussione verte già sul come i democratici potevano fare meglio. Sfortunatamente, la loro vittoria di misura non produce lezioni facili. La politica americana ruota attorno a due assi: la cultura e l’economia. Per entrambi i complessi di tematiche, possiamo trovare coloro che incolpano i democratici per essersi spinti troppo oltre e coloro che li incolpano per non essersi spinti abbastanza.

Le guerre ideologiche scavano un solco socialmente conservatore nel paese, soprattutto nelle regioni bianche contro le aree metropolitane dove le attitudini cosiddette “woke” – cioè consapevoli delle ingiustizie sociali – hanno raggiunto la prevalenza. Da una parte, abbiamo i valori della famiglia, l’opposizione all’aborto e il diritto di armarsi. Dall’altra, abbiamo i diritti degli omosessuali e dei trans gender, la giustizia sociale e l’opposizione al “razzismo di sistema”.

Molti che hanno votato Trump consideravano il sostegno dei democratici alle manifestazioni di strada di quest’anno contro la brutalità della polizia come una tolleranza verso la violenza e uno sporcare la nazione nel suo complesso con la macchia generica del razzismo. Mentre Biden è stato attento a parlare contro la violenza, i democratici sono diventati suscettibili delle accuse di ostentazione moralistica e di denigrazione dei valori della patria. Per altri, il sostegno che prosegue a Trump semplicemente conferma quanto siano radicati il razzismo e l’intolleranza, e la necessità urgente per il Partito Democratico di combatterli.

Dal punto di vista dell’economia, molti osservatori, inclusi alcuni democratici centristi, credono che il partito abbia scoraggiato gli elettori conservatori spostandosi troppo a sinistra. Come sempre, i repubblicani agitano i timori per tasse elevate, per politiche ambientali che minacciano i posti di lavoro e per la medicina socializzata. In entrambi i principali partiti politici statunitensi, è ancora vivo e vegeto il tipico mito americano dell’imprenditore solitario che dà il meglio quando il Governo fa il minimo.

Dall’altra parte della contesa, i progressisti sostengono che Biden ha fatto la campagna elettorale su proposte che non erano davvero radicali secondo gli standard degli altri paesi sviluppati. In fin dei conti, egli ha voluto inquadrare le elezioni in un referendum su Trump, non in una prova del sostegno ad un programma alternativo. Forse Bernie Sanders o Elizabeth Warren, con la loro maggiore enfasi sui posti di lavoro, sulla sicurezza economica e sulla redistribuzione, erano più in sintonia con le aspirazioni della maggioranza degli americani.

Considerato che le elezioni si sono tenute nel mezzo di una pandemia sempre più letale, è anche possibile che gli schemi di voto siano stati guidati da una combinazione di considerazioni sanitarie ed economiche, solo vagamente connesse a questi dibattiti. Alcuni affiliati del Partito Democratico credono che gli elettori possano essere stati preoccupati per i costi economici dei lockdown e delle politiche più aggressive sul Covid-19 sostenute dai democratici. Se fosse così, gli argomenti sopra esposti sarebbero largamente discutibili.

Tutto considerato, è chiaro che le elezioni non risolvono il dibattito eterno su come il Partito Democratico e altri partiti di centro sinistra dovrebbero posizionarsi su tematiche culturali ed economiche che massimizzino la loro attrattività elettorale. Ma ciò neanche modifica fondamentalmente la sfida che questi partiti hanno di fronte. I leader politici della sinistra hanno bisogno di costruire una identità meno elitaria ed una politica economica più credibile.

Come ha notato tra gli altri Thomas Piketty, i partiti della sinistra sono diventati sempre di più partiti di istruite elite metropolitane. Quando la loro tradizionale base lavoratrice si è erosa, l’influenza dei professionisti globalizzati, del settore finanziario e degli interessi delle società è cresciuta. Il problema non è soltanto che queste elite sono spesso a favore di politiche economiche che lasciano indietro le classi medie e medio-basse e le regioni arretrate. Si tratta anche del fatto che il loro isolamento culturale, sociale e territoriale li rende incapaci di comprendere e di agire in modo empatico con le visioni del mondo dei meno fortunati. Un sintomo istruttivo è la facilità con la quale le elite culturali liquidano i 70 milioni e più di americani che hanno seguito Trump in queste elezioni, descrivendoli come persone arretrate che votano contro i loro stessi interessi.

Sull’economia, alla sinistra manca ancora una risposta soddisfacente sulla domanda cruciale della nostra epoca: da dove verranno i buoni posti di lavoro? Una tassazione più progressiva, gli investimenti nell’istruzione e nelle infrastrutture e (negli Stati Uniti) una assicurazione sanitaria universalistica, sono fondamentali. Ma non sono sufficienti. I buoni posti di lavoro della classe media stanno diventando scarsi, a seguito delle tendenze secolari nella tecnologia e nella globalizzazione. E il Covid-19 ha approfondito la polarizzazione dei mercati del lavoro. Abbiamo bisogno di una strategia di governo più propositiva che miri direttamente ad un aumento dell’offerta di buoni posti di lavoro.

Le comunità nelle quali i buoni posti di lavoro scompaiono pagano un prezzo che va oltre l’economia. Crescono la dipendenza dalle droghe, la crisi nelle famiglie e il crimine. Le persone diventano più attaccate ai valori tradizionali, meno tolleranti verso i forestieri e più disponibili a sostenere uomini forti autoritari. L’insicurezza economica innesca o aggrava le linee di frattura culturali e razziali.

Spetta ai partiti della sinistra sviluppare soluzioni programmatiche a questi problemi economici profondamente sentiti. Ma le soluzioni tecnocratiche possono funzionare solo sino a un certo punto. C’è bisogno di una grande costruzione di un ponte per superare le spaccature delle quali le elite culturali sono ampiamente responsabili. Altrimenti, i democratici potrebbero essere prossimi, tra quattro anni, ad un altro brusco risveglio.

 

 

 

 

 

 

 

 

By


Commenti dei Lettori (0)


E' possibile commentare l'articolo nell'area "Commenti del Mese"